Il mio grosso grasso matrimonio kirghiso

Spaccati di società attraverso un viaggio in Kyrgyzstan

Ai pochi turisti che visitano il Kyrgyzstan viene sempre consigliato di alloggiare in ostello in quanto il rapporto qualità/prezzo supera di gran lunga quello dei pochi hotel presenti. Vivere per un periodo in una camera mista d'ostello implica che ci sia un gran movimento di persone. Tra le miriadi di aspetti negativi (tra cui l'assoluta mancanza di privacy) ciò di buono estrapolabile è il contatto con moltissime persone del luogo che utilizzano l'ostello come base per poter studiare, lavorare e vivere in una città in cui gli affitti possono essere proibitivi (considerando che uno stipendio medio è di circa 300$ e il costo mensile di un appartamento si aggira intorno a quella cifra). Ed ecco perché la sera, in questi alloggi le cui dinamiche ricordano molto quelle di un dormitorio studentesco, nelle sale comuni davanti ad un tè sempre pronto si intavolano lunghe conversazioni.

Tra le tante domande che ci si rivolge a vicenda per conoscersi meglio "ma quando ti sposi?" è una costante. Domanda che per quanto simile, non viene posta con le stesse intenzioni di quando la fa tua zia al pranzo di Natale. In Kyrgyzstan essa racchiude infatti la concezione stessa di sviluppo del Paese, un Paese che non vede un futuro che non si basi sulla famiglia e sulla prole.

Ed è per questo motivo che, indipendentemente dal livello di istruzione, dall'estrazione sociale e dal lavoro che queste persone svolgono, la risposta dei giovani kirghizi (tra i 18 e i 27 anni) sembrerebbe essere uguale per tutti: "spero presto".

Il matrimonio diventa così un rito obbligatorio per poter essere considerati persone complete e realizzate. Arrivare ai trent'anni in Kyrgyzstan senza una famiglia è sufficiente per renderti un paria. Alla domanda perché vedano il matrimonio come spartiacque fondamentale tra l'essere un bambino e adulto, la risposta è quasi sempre: "perché si fa così, si è sempre fatto così". Viene da chiedersi allora se sotto questo "deve essere così" non ci sia una sottile sfumatura di disaccordo a delle regole imposte che non si comprendono del tutto, mista alla paura di ciò che potrebbe essere se così non fosse.

"Devo tornare a casa mia a Sud, perché mia madre teme che se non mi sposo quest'estate non mi sposerò più", oppure "devo tornare al mio villaggio perché dobbiamo trovare un marito a mia sorella". Queste le frasi di chi entra in salotto solo per salutare, perché per un periodo di tempo si allontanerà dalla capitale Biškek.

Se ad un primo sguardo questa rigidità nel dover per forza seguire delle determinate tempistiche per ampliare il proprio preesistente nucleo familiare si potrebbe ricollegare alla diffusa religione islamica (seguita molto rigidamente nel sud del Paese, e in maniera un po' più libera nel nord), sotto un'altra luce questa lascerebbe trapelare la difficoltà con cui il Kyrgyzstan alloca fondi e risorse per la propria popolazione.

Geograficamente parlando, il Paese è piccolo e montuoso e una discreta ricchezza mineraria viene limitata dalle poche industrie e dalle pessime infrastrutture presenti. Queste precondizioni hanno rallentato il superamento del periodo di transizione iniziato nel 1991 che sembrerebbe non essere mai finito. Grazie a fondi internazionali (World Bank, OECD per citarne alcuni), i vari governi susseguitisi negli anni sono riusciti a garantire uno sviluppo minimo di vari servizi, ben lontani però da una condizione di welfare accessibile a tutti.

Succede che quindi, seppur inconsciamente, i giovani che aspirano a sposarsi dimostrano come l'istituzione della famiglia resti un centro nevralgico, che negli anni si è adattato fino a colmare le lacune di uno Stato che non sempre è riuscito ad essere presente per il proprio popolo (molte le crisi di governo, economiche e sociali, che hanno condotto ad una rivoluzione nel 2005 e a sanguinosi scontri tra civili, di cui l'ultimo ad Osh nel 2010).

Da qui la spiegazione di una così rigida tabella di marcia nella vita di ciascuno: "se ti sposi a 20-21 anni sei in forze per costruirti una casa e per fare bambini. Hai tempo fino ai 25 anni". Questa affermazione, che viene ripetuta così di frequente da sembrare una legge non scritta, non è sintomo di un limitata istruzione, bensì consapevolezza del fatto che adeguate cure prenatali non possano essere alla portata di tutti, e quindi a rigore di logica più si è giovani più il rischio di incorrere in complicazioni mediche si dovrebbe ridurre. Le cliniche specializzate nel Paese sono poche e tutte nelle grandi città (Biškek e Osh le più grandi) così che le ultime novità in fatto di percorsi di salute e controlli siano inaccessibili ai più sia economicamente che logisticamente.

"Io sono fortunato, sono il figlio maggiore. Quando troverò moglie potrò andarmene e scegliere dove vivere. Per mia sorella deciderà suo marito. Mentre mio fratello minore, il più piccolo, dovrà costruire una casa in cui potrà vivere sia la sua famiglia che i miei genitori. Così è". La gerarchia famigliare mi viene spiegata così candidamente come se fosse scontata, ma anche in questo caso suggerisce come gli anziani non possano sperare di ottenere servizi adeguati alle proprie esigenze, così che il figlio minore rimane l'appoggio sicuro al quale affidare la responsabilità della propria vecchiaia.

Regole e dinamiche sociali che hanno reso più che in tempi sovietici la famiglia una colonna fondamentale, insostituibile e quindi, per certi versi, obbligatoria.

 La regione centroasiatica però sta vedendo in questo ultimo periodo un importante rilancio, anche grazie agli investimenti cinesi del progetto SREB, e il Kyrgyzstan non è escluso. Questa discreta nuova apertura sui mercati e sulle vie di comunicazione internazionali si traduce in una piccola scintilla di cambiamento anche nel modo di intendere le relazioni interpersonali. Nelle grandi città ragazzi e ragazze in numeri stabilmente crescenti accedono all'istruzione universitaria, a cui segue un desiderio di affermarsi nel mondo del lavoro

E' per questo che seppur tappe imprescindibili, i tempi per sposarsi e mettere su famiglia si dilatanoQualche coraggioso di nascosto bisbiglia che vorrebbe convivere prima di sposarsi per "provare come fate voi in Europa", anche se per la maggioranza rimane una cosa ancora impensabile. Ed è così che matrimonio e famiglia iniziano ad assumere una nuova forma. Frasi spezzate, azzardate, quasi come se chi le pronunciasse non ci credesse troppo, ma che comunque fanno trasparire che qualcosa si sta muovendo e forse si sta modificando: "Devo sposarmi e fare dei bambini, ma prima vorrei capire in che settore voglio lavorare", oppure "preferisco aspettare un po' prima di trovare moglie, per trovare una ragazza che mi piaccia davvero".

Muovendosi lentamente verso concezioni vicine a quelle popolari al momento in Europa, l'idea del matrimonio e della famiglia si modifica e si prepara a ciò che i giovani kirghisi auspicano per sé stessi e per la loro società: stabilità lavorativa e diritti garantiti dallo Stato.

Seppur confermate dalle statistiche, quotidiane conversazioni da salotto possono solo tradurre a parole un piccolo spaccato della società kirghisa. Ciononostante, l'istituzione del matrimonio e la sua funzione rimane versatile a più interpretazioni: economiche, socioculturali, storiche e persino politiche. Resta però un fatto la certezza che, seppur modificato, il matrimonio rimarrà ancora per molte generazioni uno degli step più importanti da ottenere nella propria vita, per sé stessi e per gli altri membri della famiglia. Questa considerazione giunge sulle note in sottofondo di una famosissima canzone kirghisa il cui titolo recita:"la vera felicità giunge solo dopo il matrimonio".
Con la Cina Putin deve fare buon viso a cattivo gi...
Ricostruzione in Siria: la Russia fa il leone ... ...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

ingerenze russe Salman Putin Sputnik inquinamento Markiv HIV estremismo Kortezh popoli energia Levada Costituzione Russa Trident Juncture 2018 lago Bajkal Gennadij Zjuganov Ricostruzione russofobia #sanzioni Rosneft Sorge liberalismo San Pietroburgo Opposizione Mosca LGBT elezioni presidenziali trattato di pace Kim opposizione politica esercito Federazione Russa Cipro Naval'nyj imperialismo Turchia Mare del Nord Politica Diplomazia influenza Peredača Pubblicazioni Soft power bitcoin Disarmo candidati Società Giornalismo URSS spesa militare proteste in Russia Cherchesov Nagorno-Karabakh Finlandia internet Kirghizistan Georgia relazioni internazionali Stati Uniti Partito del Progresso doping troll Akinfeev Mediterraneo Demografia criptovalute Olocausto Gazprom Italia Kazakistan crisi Smolensk Lavrov sport cooperazione minoranza nomadismo Battaglie storiche ISIS gay Usa FIFA Spagna Siria autocefalia dazi americani Siberia Passaporto Rocchelli Svezia Vedemosti Asia centrale LDPR elezioni 1941 stalinismo Vladimir Žirinovskij FSB PCFR Ara Nenets Transnistria Cina Theresa May Diritti umani Sanzioni Jabloko ortodossia cultura Islam Azerbaijan Sobčak Austria Corea del Sud governo russo nazismo Storia Kiev Proteste Occidente green energy zar Saakashvili Nikita Chruščëv Giappone Kerč’ Kazakhstan Sergej Baburin LIbano Mondiali Partito Comunista Asia Centrale Russia Unita antiterrorismo Franco spese militari boicottaggio elezioni presidenzali politica estera Turkmenistan WADA Aral Lettonia Egitto Poroshenko Ambiente Chiesa ortodossa Dmitrij Medvedev Ossezia del Sud TAP estrema destra Beirut Chiesa Ortodossa Russa Macron migrazioni Nato Gorbačëv rivoluzione di velluto Zelenskij Aleksej Naval'nyj gas INF età dei torbidi K-19 Welfare Mar Baltico Cronache di viaggio monarchia Assad Russia Ksenija Sobčak Maxim Surajkin Oriente Trump inchiesta #silkbeltroad Arkadij Babcenko società Cernenko TANAP Protocollo di Minsk Artico Caspio Gibilterra Parigi diritti politiche energetiche Uzbekistan Business Russia WCIOM Corea Flame Towers reportage Estonia Caucaso propaganda Russkij Mir Cripto Valley geopolitica Donbass lingua Cremlino Haftar Runet scramble for Africa opinione pubblica Patriarca Kirill Unione Calcio corruzione 1989 Casa Bianca Conte Papa Francesco Israele Boris Titov spie Macedonia #cina Democrazia Venezuela Politica estera Romanov Mondiali 2018 Michele I Krasnodar Afghanistan Economia Grigorij Javlinskij Minchenko Group Consulting Pashinyan Difesa Eltsin Medio Oriente Sicurezza Asia Vaticano Ecologia settore estrattivo PIL Baku Moldavia Ungheria Francia Vladimir Putini SCO nord stream UE rete Helsinki anti-liberalismo Africa Germania Zurabishvili Unione Europea Lituania Ucraina Europa Marina russkaja ulica Armenia Regime Change Power of Siberia Idlib Astana Tripoli Guerra #russia PCUS Balcani #obor Reagan Libia OPK Crimea Midterm opposizioni Sondaggi Nigeria Kyrgyzstan Olimpiadi via della seta Poltava Gas naturale Vladimir Putin Pensioni Giovani Azerbaigian scenari politici Università Iran G7 Roma Baltico Relazioni internazionali El'cin Montenegro nazionalismo Mare Prigožin Armi incidente tossicodipendenza Stalin SergeJ Skripal comunismo muro di Berlino WC2018 Abcasia partiti caso Skripal Clima eroina #asiacentrale migranti Pavel Grudinin Grande Gioco SGC climate change Tagikistan Rosatom rivoluzioni colorate Bielorussia Pietro il Grande Cecenia G8 Cittadinanza summit incendio Merkel visita di Stato ISP Curili gasdotto Russiagate Golunov Vostok18 Brest-Litovsk DNS Panslavismo #commercio Guerra fredda Diritti civili export armi Arabia Saudita soft power Paesi Baltici Tajikistan S-400 Ilham Aliyev Anatolij Sobčak Riforme Skripal Unione sovietica terrorismo RussiaToday Kuznetsov tradizioni nucleare sondaggi elettorali Krymskij most religione Eco Internazionale Serbia #economia