Asia Centrale - Prove tecniche di cooperazione

Si è svolto sotto la guida uzbeka la Seconda Riunione Consultiva dei Capi di Stato dell'Asia centrale il 29 novembre scorso a Tashkent, in Uzbekistan.

Il summit rappresenta una novità nel panorama multilaterale della regione. Nel 2018 il primo appuntamento si era tenuto nella capitale del Kazakhstan, l'allora Astana, oggi Nur-Sultan e i leader dei Paesi avevano deciso di incontrarsi annualmente in concomitanza con la festività di Nawruz (una festa religiosa islamica) intorno alla terza settimana di marzo. Nel frattempo, il cambio di governo occorso in Kazakhstan, con l'arrivo del nuovo Presidente Kassym-Jomart Tokayev ha ritardato l'edizione del 2019.

Oltre al padrone di casa uzbeko, presenti i leader di Kazakhstan, Tajikistan, Kirghizistan e Turkmenistan, rappresentato dal Presidente Gurbanguly Berdimuhamedov per la prima volta dopo aver essere stato assente al vertice precedente.

Un investimento per l'Uzbekistan

Shavkat Mirziyoyev, Presidente dell'Uzbekistan

Per l'Uzbekistan il summit ha avuto un bilancio positivo. Dal momento della sua elezione, in seguito alla morte del predecessore Karimov, l'attuale presidente Shavkat Mirziyoyev ha intrapreso una linea politica votata maggiormente all'apertura e alla cooperazione con i Paesi dell'area. Tale approccio risponde alla necessità del Paese di far fronte ad alcune questioni complesse – sviluppo economico, il recupero del Lago d'Aral – che non potrebbero essere risolte a livello nazionale per mancanza di risorse economiche e delle competenze.

Il summit è dunque la piattaforma ideale per il confronto. In un primo momento, in seguito all'annuncio di Tashkent di voler partecipare all'Unione Economica Eurasiatica e il cambio al vertice presidenziale in Kazakhstan, sembrava che la prospettiva di una seconda edizione della piattaforma centro-asiatica fosse in dubbio. Nella dichiarazione finale i leader hanno adottato un testo comune che rilancia la cooperazione regionale sulle tematiche di interesse comune quali: sviluppo economico, sicurezza e della gestione delle frontiere, oltre che altri riferimenti alle prospettive di collaborazione negli investimenti in infrastrutture e telecomunicazioni.

D'altra parte, però, il documento non manca di sottolineare come la collaborazione tra i Paesi non prevede l'istituzione di alcuna organizzazione stabile e che le iniziative devono essere prese in accordo con parti terze – leggasi Russia, Cina e in parte Stati Uniti.

Di rilievo anche il suggerimento avanzato dal Presidente del Tajikistan di creare un fondo di Investimento dell'Asia centrale tramite il quale finanziare progetti di interesse comune nella regione. Inoltre, assieme al Kirghizistan, Emomali Rahmon ha voluto porre l'attenzione sulla sostenibilità e la gestione delle risorse idriche della regione, alla base di molti interessi economici condivisi e potenziale fattore di instabilità tra i Paesi.

Le eccezioni di Turkmenistan e Kazakhstan 

Foto: AstanaTimes

La partecipazione del presidente del Turkmenistan Gurbanguly Berdimuhamedov al secondo meeting consultivo è stata interpretata come un segnale di successo della diplomazia inclusiva dell'Uzbekistan. Al di là di quelli che saranno le iniziative sviluppate a partire da questo summit, il leader turkmeno ha voluto lanciare un messaggio di apertura e di disponibilità a intavolare un dialogo, anche limitato, e rompere l'isolazionismo politico che caratterizza il Paese. Il suo intervento alla riunione si è concentrato sul garantire la sicurezza dei confini con l'Afghanistan e proponendo di stabilire un Consiglio Economico tra i cinque Paesi al fine di favorire la cooperazione in ambito economico.

Per il Kazakhstan ha partecipato l'ex presidente Nazarbayev, attualmente a capo del Consiglio di Sicurezza del Paese. In vista del termine del suo mandato il presidente ha attuato una serie di riforme volto a creare un sistema di contrappesi ai poteri della carica presidenziale. Il periodo di transizione termina con l'elezione del candidato da lui designato come suo successore, Kassym-Jomart Tokayev. Quest'ultimo da parte sua ha confermato con decreto presidenziale i poteri del Capo del Consiglio di Sicurezza, tra cui quello di rappresentare il Paese in occasione dei consessi internazionali, contribuendo così a perpetuare la centralità della figura di Nazarbayev, anche senza ricoprire la carica presidenziale.

Un bilancio dell'incontro

La seconda riunione dei Capi di Stato a Tashkent può essere considerata un passo in avanti nello scenario della cooperazione regionale in Asia Centrale. Resta tuttavia un singolo passo, mentre le regioni circostanti e il resto del Mondo sembra correre in avanti.

I leader hanno mostrato di preferire un format tradizionale, fatto di incontri bilaterali e pochi momenti di scambio, se non per photo opportunity e una dichiarazione finale, che subito il Presidente dell'Uzbekistan si è apprestato a circoscrivere escludendo la possibilità di realizzare un formato stabile.

I Paesi dell'Asia Centrale hanno voluto mostrare di essere disposti a sedersi attorno a un tavolo per discutere dei problemi comuni, offrire soluzioni e collaborare in modo da rassicurare i Paesi investitori nell'area, in particolare Pechino e Mosca. Restano dei dossier importanti legati alla sicurezza, alla gestione delle risorse idriche e allo sviluppo di modelli di crescita sostenibili, verso i quali tuttavia i singoli governi non hanno le risorse e le capacità necessarie per risolverli, preferendo concentrarsi sul perseguimento di obiettivi interni limitati al mantenimento dello status quo.

“Vicini in Europa – Russia-UE: 30 anni di relazion...
Dal caos al multipolarismo: 20 anni di Putin nella...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

HIV Israele Asia spese militari 1989 Cecenia Passaporto Theresa May FIFA Gennadij Zjuganov Finlandia Romanov Power of Siberia Egitto LIbano Kyrgyzstan Mare del Nord Estonia stalinismo Storia Pavel Grudinin Regime Change Sputnik URSS Azerbaigian Baku Prigožin Ucrainagate relazioni internazionali Giovani #economia climate change Russia Unita tradizioni rivoluzione di velluto spesa militare #cina Turkmenistan PCFR Bruxelles Vladimir Putin gas Golunov Politica candidati Clima FSB Midterm Lituania Putin Corea soft power Tajikistan Federazione Russa Ara Pensioni Abcasia Dmitrij Medvedev Astana Levada Riforme inchiesta Curdi Mare SGC Lavrov Lettonia green energy Rocchelli esercito Serbia Casa Bianca Corea del Sud Kortezh Business Russia Sicurezza Montenegro Azerbaijan DNS visita di Stato antiterrorismo Europa Sobčak Giappone jihad Africa Ossezia del Sud russofobia Maxim Surajkin Tagikistan Krasnodar Pubblicazioni Papa Francesco liberalismo gay zar K-19 Diplomazia 2024 LGBT El'cin Russiagate Zelenskij summit Balcani Guerra fredda Kirghizistan Economia opinione pubblica Costituzione Russa nomadismo Mondiali 2018 Panslavismo nucleare Krymskij most comunismo russkaja ulica scramble for Africa Protocollo di Minsk G8 Crimea Demografia Mar Baltico Governo Baltico Boris Titov criptovalute Curili ingerenze russe elezioni Soft power settore estrattivo Arkadij Babcenko oligarchi Caucaso Siria Italia Ksenija Sobčak Rosneft Russkij Mir Cremlino Peredača Grande Gioco Mondiali S-400 Idlib gasdotto Uzbekistan Trump Eltsin Stati Uniti Vladimir Putini Calcio Spagna Gibilterra troll Kim #asiacentrale Pietro il Grande Nikita Chruščëv Kuznetsov Cittadinanza Arabia Saudita Francia Kiev Partito del Progresso Stalin Rosatom Medio Oriente reportage estremismo Georgia Macron Gazprom ISIS Salman Parigi Nenets Unione Europea Flame Towers Olimpiadi San Pietroburgo internet Università Markiv minoranza autocefalia età dei torbidi Politica estera Aral anti-liberalismo Nigeria Tripoli tossicodipendenza Grigorij Javlinskij Diritti umani ISP Saakashvili Armenia Islam #russia muro di Berlino WC2018 Beirut incendio Reagan doping Naval'nyj Vostok18 Macedonia monarchia Cipro Shoah UE Mediterraneo incidente Anatolij Sobčak Nagorno-Karabakh Bielorussia Mosca Chiesa Ortodossa Russa popoli energia Kazakistan partiti Sondaggi Guerra civile siriana Gorbačëv OPK Occidente Russia Proteste TAP Libia boicottaggio Ilham Aliyev Ecologia Jabloko rete cultura Unione Partito Comunista Democrazia Cernenko migranti WADA Chiesa ortodossa #obor Turchia SCO governo russo Paesi Baltici Antisemitismo Assad Michele I Cripto Valley Asia centrale Cina Minchenko Group Consulting TANAP Skripal Unione sovietica SergeJ Skripal lingua Caspio caso Skripal Roma influenza imperialismo Cherchesov Conte Istituzioni Svezia terrorismo Opposizione trattato di pace rivoluzioni colorate migrazioni sondaggi elettorali Pashinyan Siberia politica estera Difesa #sanzioni Vladimir Žirinovskij Ucraina Olocausto Cronache di viaggio Ricostruzione diritti Relazioni internazionali #commercio Kazakhstan ortodossia via della seta nazismo cooperazione Guerra Austria Ambiente sport Artico elezioni presidenzali Venezuela società export armi Haftar crisi Transnistria Aleksej Naval'nyj Iran Oriente geopolitica Zurabishvili nord stream Smolensk Brest-Litovsk Diritti civili Runet eroina lago Bajkal nazionalismo inquinamento #silkbeltroad Helsinki Sanzioni elezioni presidenziali Eco Internazionale Akinfeev PIL Merkel INF proteste in Russia Gas naturale G7 Disarmo Welfare Poltava bitcoin Sergej Baburin propaganda opposizione politica Marina Trident Juncture 2018 dazi americani scenari politici Nato RussiaToday Vaticano LDPR Germania Patriarca Kirill corruzione spie Afghanistan Battaglie storiche opposizioni Costituzione politiche energetiche Asia Centrale Moldavia Sorge PCUS Ungheria Armi WCIOM religione Usa Rojava Società 1941 Giornalismo estrema destra Franco Poroshenko Donbass Vedemosti Kerč’