In Kazakhstan l'era di Nazarbayev non è mai finita

Nur-Tokayev-1

Ad un anno dalle dimissioni del presidente Nazarbayev è in atto all'interno del Paese una transizione che affonda le sue radici nel passato. Nonostante la presenza di un crescente movimento civico, la stabilità sembra rimanere l'obiettivo primario da perseguire. Si attendono anche nuovi risvolti legati alla pandemia.

---

Esattamente un anno fa Nursultan Nazarbayev, unica guida del Kazakhstan per quasi trent'anni, annunciava le sue dimissioni in un discorso televisivo rivolto alla nazione. Alla base della sua politica c'è sempre stata la volontà di garantire stabilità all'interno del Paese, da sempre crocevia di popoli e religioni.

All'ex presidente è succeduto Kassym-Jomart Tokayev, suo fedele alleato e già conosciuto per aver ricoperto importanti ruoli politici e diplomatici sia in patria che all'estero. Dopo aver assunto la carica ad interim in un primo momento, è stato poi riconfermato alle elezioni del 9 giugno 2019 con oltre il 70% dei voti; consultazioni che si sono svolte non senza proteste e che hanno portato all'arresto di molti partecipanti alle manifestazioni. L'OSCE, l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, che aveva inviato oltre trecento osservatori per monitorare la situazione, ha inoltre affermato che le elezioni non si sono svolte in maniera democratica e ha registrato violazioni delle libertà fondamentali. Sebbene ad un primo sguardo ciò possa apparire difficile da comprendere, queste percentuali mostrano in realtà un piccolo grande cambiamento. Basti pensare che in tutte le votazioni passate le percentuali a sostegno del vincitore si aggiravano intorno al 97% dei voti. Si tratta sicuramente, come detto in precedenza, di elezioni controllate dall'alto, ma questi numeri devono portarci a pensare che qualcosa sta iniziando a muoversi all'interno del Paese.

Nazarbayev continua a ricoprire cariche di fondamentale importanza, così come molti membri della sua famiglia. In particolare, mantiene lo status di Elbasy, cioè di leader della nazione, a partire dal 2010; è inoltre a capo del Consiglio di Sicurezza e del partito Nur Otan (che egli stesso ha fondato e che detiene la quasi totalità dei seggi in parlamento) ed è membro del Consiglio Costituzionale. Come se non bastasse, ad ottobre dello scorso anno il nuovo presidente ha firmato un decreto per incrementare ulteriormente le sue funzioni, concedendogli potere di veto nella scelta dei ministri e di altre importanti cariche.

Il calco della mano di Nazarbayev, nella capitale Nursultan che ha preso il suo nome (ex Astana)

Siamo di fronte ad una transizione controllata all'insegna della continuità che si manifesta anche a livello di politica estera, dove l'ex capo di Stato continua a rappresentare la nazione in molti incontri di fondamentale importanza. Uno degli esempi più recenti è rappresentato dall'incontro del 10 marzo con Putin a Mosca. Il Kazakhstan ha sempre avuto un ruolo chiave in Eurasia per via della sua posizione strategica e continua anche oggi ad avere una funzione di congiunzione tra Oriente e Occidente, specialmente grazie ai progetti legati alla Nuova via della Seta. La politica multi-vettoriale kazaka è costantemente incentrata sulla ricerca di stabilità nei rapporti con i principali attori internazionali, anche quelli spesso in contrasto tra loro. A distanza di un anno dal cambio di potere la situazione su tale fronte è rimasta invariata.

Di pari passo con l'accesso a internet, cresce anche il livello di censura.

Un equilibrio più precario da mantenere è quello interno al Paese, dove le masse stanno iniziando a muoversi come mai prima d'ora e a far sentire sempre di più la propria voce. Circa metà della popolazione ha meno di 29 anni, è quindi nata durante l'epoca della presidenza di Nazarbayev e non ha mai conosciuto un'altra guida al di fuori di lui fino allo scorso anno. I social media stanno dando l'opportunità di entrare in possesso di una vasta quantità di informazioni, soprattutto alle generazioni più giovani. Ma di pari passo con l'accesso a internet, cresce anche il livello di censura. Sebbene il Kazakhstan non possa essere definito un Paese libero, sono ancora in molti a pensare di essere cresciuti in un ambiente che lo sia [1]. La vera novità consiste nella nuova consapevolezza di molti giovani di vivere in un regime autoritario. Questo è possibile anche grazie al crescente numero di scambi con altri Stati e alle nuove opportunità d'internazionalizzazione che non coinvolgono più solamente i Paesi ex sovietici o i vicini cinesi.

Oggi lo scenario mondiale è cambiato inaspettatamente e repentinamente a causa del coronavirus. È durante situazioni di emergenza come queste che i governi devono provare di essere all'altezza delle aspettative dei propri cittadini. In una nazione che ha sempre anteposto il bisogno di stabilità a tutto, persino alla libertà, una situazione come questa può fare la differenza. Se il governo riuscirà ad essere degno di fiducia ne uscirà estremamente rafforzato, altrimenti il virus decreterà la sua fine.

Sarà interessante vedere nel corso di questa emergenza chi sarà il punto di riferimento della popolazione. Il culto della personalità nei confronti dell'Elbasy è ancora molto forte ed egli è già intervenuto per tranquillizzare la popolazione con uno stanziamento di fondi per far fronte alla pandemia. Vedremo se altri sapranno sfruttare a loro vantaggio questa crisi; sicuramente è una buona opportunità per Tokayev per dimostrare le sue doti di leader.


Jessica Venturini



[1] Laruelle M., The Nazarbayev Generation: Youth in Kazakhstan (Contemporary Central Asia: Societies, Politics, and Cultures), Washington, Lexington Books, 2019

La riforma costituzionale russa e l’ammiraglio Put...
Mosca punta sul suo Estremo Oriente. La periferia ...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Vladivostok Asia centrale rete TANAP Nato RussiaToday criptovalute rivoluzione di velluto Spagna Mosca terrorismo Partito del Progresso 2024 UE #cina scramble for Africa Vladimir Putini elezioni presidenzali Russia Clima #obor Mare del Nord Balcani WC2018 Unione Calcio Bielorussia migrazioni Reagan Arkadij Babcenko WCIOM Islam Storia Macron incidente Curdi Siberia Russia Unita Corea del Sud Partito Comunista Caspio Baltico Ksenija Sobčak PIL Africa Runet Casa Bianca Mar Baltico G7 Gas naturale OPEC Lettonia Afghanistan sport esercito Vostok18 Istituzioni Kiev incendio sviluppo Pubblicazioni soft power S-400 green energy Michele I Rosneft Aral opposizione politica popoli Smolensk Montenegro Haftar Armenia Boris Titov Mondiali Politica Ossezia del Sud HIV Ilham Aliyev Romanov 1989 Cremlino Stalin Pietro il Grande politica estera Macedonia Opposizione Minchenko Group Consulting lago Bajkal Caucaso Zurabishvili Battaglie storiche Economia San Pietroburgo spesa militare Rojava Oriente Sanzioni Abcasia Krasnodar Antisemitismo Giovani età dei torbidi Finlandia Guerra fredda Governo minoranza #asiacentrale opinione pubblica Cittadinanza doping Costituzione Società Stati Uniti sanità internet Arabia Saudita Trident Juncture 2018 Kirghizistan Roma Kazakhstan ortodossia Francia #commercio FIFA Azerbaigian Transiberiana Cherchesov Gorbačëv crisi Europa Midterm Iran Mondiali 2018 Unione sovietica Russkij Mir russkaja ulica anti-liberalismo URSS Corea Poroshenko russofobia Saakashvili Venezuela Federazione Russa Salman gas nomadismo Diritti umani Turchia Germania monarchia bitcoin Difesa Azerbaijan via della seta Relazioni internazionali LGBT Turkmenistan Vaticano SergeJ Skripal comunismo PCUS export armi Ungheria OPK Tripoli Paesi Baltici Italia Skripal nazismo reportage inquinamento Russiagate Ara Astana Pensioni caso Skripal Proteste Putin Sorge Beirut Aleksej Naval'nyj Alessandro II Nagorno-Karabakh Usa Markiv Panslavismo Riforme Kerč’ Transnistria Uzbekistan Cecenia Conte Golunov diritti Informazione G8 Eltsin WADA FSB #sanzioni Gennadij Zjuganov Olimpiadi Sondaggi Mediterraneo Vladimir Žirinovskij Kazakistan settore estrattivo Nigeria SGC coronavirus Estonia Ucrainagate Politica estera climate change Cipro LIbano Università Lavrov Costituzione Russa ingerenze russe DNS Naval'nyj Theresa May Sergej Baburin Power of Siberia Guerra El'cin TAP Egitto Cina Pashinyan tradizioni Tokayev politiche energetiche elezioni presidenziali Asia #russia zar Flame Towers Chiesa Ortodossa Russa Nikita Chruščëv nord stream Trump Krymskij most Ricostruzione sondaggi elettorali Artico Sputnik Dmitrij Medvedev Marina INF ISIS Kuznetsov imperialismo Prigožin gasdotto liberalismo Levada Akinfeev Patriarca Kirill inchiesta Giornalismo #economia Idlib Occidente Kortezh Curili Sicurezza Israele nazionalismo Disarmo antiterrorismo cooperazione influenza opposizioni Donbass Rocchelli governo russo estremismo Helsinki oligarchi Estremo Oriente Anatolij Sobčak Diplomazia Diritti civili Crimea muro di Berlino Gibilterra Kyrgyzstan Eco Internazionale Poltava Sobčak #silkbeltroad Protocollo di Minsk Regime Change Georgia Ucraina Peredača Medio Oriente Merkel Pavel Grudinin Shoah 1941 Armi Mare elezioni Franco eroina Bruxelles Kim spie Austria lingua estrema destra Cripto Valley Tajikistan jihad Elezioni Usa 2020 Vladimir Putin LDPR dazi americani Papa Francesco rivoluzioni colorate SCO Jabloko Brest-Litovsk petrolio Passaporto Guerra civile siriana Maxim Surajkin migranti spese militari Grigorij Javlinskij troll ISP Moldavia Zelenskij Rosatom boicottaggio Cronache di viaggio Siria Cernenko tossicodipendenza Welfare gay autocefalia partiti Svezia società energia Asia Centrale Business Russia K-19 Libia Demografia Grande Gioco visita di Stato summit candidati stalinismo cultura relazioni internazionali Vedemosti Baku Nenets Tagikistan Chiesa ortodossa Assad Soft power trattato di pace nucleare Giappone proteste in Russia Parigi Olocausto Ecologia corruzione Serbia Ambiente geopolitica PCFR Gazprom religione Unione Europea Nazarbayev Democrazia scenari politici diritto propaganda Lituania