Covid-19 in Asia centrale - Anche la verità è contagiosa?

Infografica a cura di Mattia Baldoni - Osservatorio Russia

L'Asia Centrale è sempre stata una terra variegata e ognuna delle cinque repubbliche che la compongono ha una storia unica e a sé. Ma c'è qualcosa che durante la pandemia da coronavirus le accomuna tutte: la tendenza dei rispettivi governi a voler far credere che la realtà sia quella che loro raccontano.

Ad oggi, i casi di coronavirus accertati sono pochi rispetto alla popolazione e in alcuni posti sembrano essere nulli. Tutti gli Stati hanno adottato delle misure restrittive per evitare il diffondersi della pandemia, seppur di diversa entità, mentre la popolazione teme le ripercussioni economiche; si può già assistere alla presenza di scaffali vuoti, un aumento dei prezzi e persone che hanno perso il proprio lavoro. Questo è dovuto anche alla chiusura delle frontiere e a una forte limitazione degli spostamenti di merci e lavoratori, con la produzione interna che spesso non è sufficiente per soddisfare le richieste dei cittadini. Ma la risposta all'emergenza non è stata univoca. Vediamo la situazione nel dettaglio in ognuna delle cinque repubbliche. 

Kazakhstan 

Personale militare disinfetta le strade di Nur-Sultan, 26 marzo 2020.

È stato il primo Paese a confermare casi ufficiali di coronavirus lo scorso 13 marzo; si tratta di due cittadini kazaki di rientro dall'Europa. Misure preventive erano già state prese il giorno prima, a seguito della dichiarazione di pandemia da parte dell'OMS, e a partire dal 16 marzo è stato dichiarato lo stato d'emergenza.

Ci sono diverse questioni poco chiare sulla trasparenza del governo. Considerando il fatto che il confine sino-kazako è lungo 1,782.75 km e visti i costanti e intensi scambi tra le due nazioni, è difficile credere che il virus sia arrivato così tardi all'interno del Paese, per di più dall'Europa. È importante tenere conto che in passato la sinofobia era molto presente in Kazakhstan e ancora oggi non è stata del tutto eliminata e le recenti tensioni etniche ce ne danno la prova. In un contesto del genere, affermare che il virus è arrivato dalla Germania anziché dalla Cina, sembra più una decisione politica presa a tavolino.

Un dettaglio di non poco conto è stata la decisione di annullare subito la parata militare del 9 maggio, il Giorno della Vittoria. Si tratta infatti di una delle feste nazionali più sentite ed è stata annullata verso metà marzo, questo nonostante il fatto che, all'epoca, lo stato di emergenza fosse stato dichiarato soltanto fino al 15 aprile. Ci sono varie opzioni al riguardo. La prima è che la situazione sia ben più grave di quella che viene effettivamente raccontata, la seconda è che il governo ne abbia approfittato per evitare un'importante occasione d'aggregazione. Negli ultimi anni le proteste sono in continua crescita all'interno del Paese e la censura è ancora molto forte e proprio lo scorso 9 maggio la rete è stata bloccata e chiusa per diverse ore. Forse un'opzione non esclude l'altra, o magari si è trattato semplicemente di lungimiranza e prevenzione da parte delle istituzioni. Sicuramente, visti i precedenti, quest'ultima alternativa sembra la meno probabile. 

 Uzbekistan

Homepage della sezione dedicata al Covid-19 del sito del Ministero della Salute uzbeko.

È stato inserito tra i Paesi "ritardatari" nell'adozione di misure di prevenzione efficaci; dal momento in cui sono state attuate, però, i controlli sono stati molto serrati. Fin dall'inizio, l'emergenza ha rappresentato una sfida per quel che riguarda le libertà civili. La presenza delle forze armate è stata incrementata e c'è un intenso controllo su quello che viene detto e pubblicato; chi diffonde informazioni che possono essere definite false dal governo rischia di essere multato e/o imprigionato. Sempre per prevenire la diffusione di fake-news, alle persone risultate positive al test e a quelle che rischiano di averlo contratto vengono sequestrati telefoni, carte bancarie e qualsiasi altro mezzo di comunicazione in loro possesso.

Da quando è stato eletto presidente nel 2016, Mirziyoyev si è differenziato molto dal suo predecessore Islom Karimov, famoso per i suoi metodi repressivi. Anche in una situazione d'emergenza come questa, che ricorda i tempi non molto lontani del vecchio regime, ci sono state delle piccole aperture. È stato creato un canale Telegram ufficiale dedicato al coronavirus, che viene costantemente aggiornato e che ha già oltre un milione d'iscritti. Verrà inoltre garantito il libero accesso a Internet per due mesi anche a chi non sarà in grado di pagare gli abbonamenti.

Va sottolineato il fatto che Mirziyoyev è in prima linea nel fornire una risposta unitaria a livello regionale e si sta impegnando anche nel fornire aiuti al vicino Afghanistan, avendo sempre come obiettivo primario la stabilità dell'area. 

 Kyrgyzstan

Il governo kirghiso ha vietato i grandi assembramenti e l'accesso alle moschee per la preghiera del Venerdi'.

Sebbene anche il Kyrgyzstan abbia tardato nell'adottare misure di sicurezza, è sicuramente l'unico Paese che ha ammesso in maniera chiara i propri limiti. Già segnato da molti scontri politici e una forte insoddisfazione interna, Biškek ha dichiarato in maniera esplicita di non essere in grado di far fronte economicamente all'emergenza. Per questo motivo sono in corso diverse trattative sugli aiuti da ricevere; la nazione è anche stata la prima a ricevere il sostegno del Fondo Monetario Internazionale per motivi connessi al Covid-19. Tra i vari aiuti, ricordiamo anche quelli richiesti alla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (EBRD) e all'Asian Development Bank.

Anche in questo caso sono previste pesanti sanzioni per chi non rispetta le regole e il coronavirus viene usato come scusa per limitare attivismo politico e sociale. 

Tajikistan e Turkmenistan 

Tajikistan - Ad oggi nessun caso di coronavirus è stato riportato all'interno del Paese. A partire dal 20 marzo i voli internazionali sono stati sospesi; solo le persone provenienti da Paesi a rischio vengono messe in quarantena. Gli eventi, anche se in maniera limitata, si svolgono ancora; si è altresì giocata la Supercoppa di calcio, in attesa dell'avvio del campionato. Non solo, le istituzioni stanno cogliendo l'occasione per evidenziare il fatto che gli standard sanitari e di pulizia sono molto alti in Tajikistan, motivo per cui il virus non sarebbe ancora arrivato. La popolazione sembra invece pensarla diversamente e da diverse settimane acquista grandi quantitativi di beni di prima necessità; anche la presenza di mascherine sembra essere presente ovunque, aree rurali comprese.

Gli effetti economici della pandemia cominciano a farsi sentire. Ricordiamo che nonostante una presenza importante di risorse e una posizione strategica, il Paese risulta essere quello dall'economia più fragile e oltre metà della popolazione vive sotto la soglia di povertà. Una forte dipendenza dagli altri Paesi si accompagna alla chiusura dei confini e di molte attività produttive, influendo in maniera molto negativa. Una larga parte dei cittadini, inoltre, lavora all'estero per mandare denaro a casa, e anche questa fonte di entrate è al momento limitata.

Tuttavia, ci sarebbero alcuni casi sospetti e l'assenza di voci indipendenti costringe a misurare attentamente la veridicità delle dichiarazioni ufficiali.


Turkmenistan - Se non nomini un problema, il problema è reale? Secondo le autorità turkmene, a quanto sembra no. Qualche tempo fa si era diffusa la notizia che all'interno del Paese fosse stato vietato di pronunciare la parola "coronavirus". Questa notizia è stata successivamente smentita dalla stessa fonte da cui aveva avuto origine. In molti l'avevano reputata attendibile per via dell'alto tasso di repressione presente in Turkmenistan e perché è comunque vero che l'argomento viene fortemente limitato da parte delle autorità. Esse stesse lo nominano solo in rare occasioni e per smentirne la presenza.

Ad oggi non ci sono casi accertati (nonostante la vicinanza con l'Iran, uno dei Paesi più colpiti), ma alcuni media riferiscono della presenza di casi già da inizio marzo. E mentre i prezzi salgono alle stelle, lo scorso 7 aprile è stata celebrata ad Ashgabat, la capitale turkmena, una gara ciclistica in occasione della Giornata mondiale della salute.


​Mentre il tema delle conseguenze economiche sembra essere prioritario, l'Asia Centrale, con le sue mille contraddizioni, dovrà far fronte anche a un altro tipo d'emergenza: quella sanitaria. Oscurato dai rallentamenti lungo la nuova Via della Seta, la crisi del petrolio e di altre risorse, il sistema sanitario in Asia Centrale non è ancora adeguato a far fronte a un'emergenza del genere. Per di più i mezzi a disposizione sono limitati e spesso inadeguati, come il caso dei tamponi in Kyrgyzstan, attendibili solo fino al 70%. E questa ostinazione nel voler far credere che vada tutto bene e che la situazione sia sotto controllo, limiterà notevolmente gli aiuti. Anche questa volta l'assenza di verità avrà un peso molto forte in Asia Centrale.


Jessica Venturini

Russia, Arabia Saudita e Stati Uniti - La pace del...
Covid-19: il quadro del Caucaso meridionale
 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

G7 Islam Serbia Ilham Aliyev Ucrainagate Sobčak stalinismo Peredača Kortezh muro di Berlino Business Russia Trident Juncture 2018 anti-liberalismo settore estrattivo HIV Sicurezza Conte Diritti umani migranti Pietro il Grande Montenegro Mondiali Skripal Relazioni internazionali Sanzioni Asia centrale gay zar Antisemitismo Paesi Baltici Economia Helsinki WADA Papa Francesco Moldavia TANAP Russiagate #asiacentrale Giovani Nagorno-Karabakh Francia popoli nazionalismo antiterrorismo Egitto Partito Comunista Corea Shoah #commercio INF Polonia Grande Gioco tossicodipendenza Turkmenistan Uzbekistan nazismo reportage SGC Bielorussia via della seta Estremo Oriente incendio Cipro geopolitica summit liberalismo Krasnodar sviluppo Haftar sondaggi elettorali UE Golunov Calcio Cecenia Anatolij Sobčak Mondiali 2018 Bruxelles monarchia URSS cultura Ambiente export armi Dmitrij Medvedev Artico Vladimir Žirinovskij Ungheria Ecologia autocefalia Corea del Sud Trump Passaporto Nato Eurasia relazioni internazionali lago Bajkal Giornalismo Jabloko Opposizione Unione sovietica Parigi migrazioni Democrazia Mare Flame Towers Grigorij Javlinskij jihad criptovalute Vaticano Gennadij Zjuganov Caspio Governo Brest-Litovsk Guerra fredda Sergej Baburin petrolio opposizioni sanità 1941 2024 russkaja ulica influenza rivoluzione di velluto Caucaso Nazarbayev Crimea Siberia Pensioni questioni di genere dazi americani Cernenko FIFA Soft power boicottaggio Istituzioni Curdi elezioni presidenziali ISP minoranza Vladivostok Usa Rosneft Sondaggi Sputnik #economia Ricostruzione Politica WCIOM Aleksej Naval'nyj Kaczynski Cherchesov Politica estera Azerbaigian elezioni presidenzali Disarmo DNS Italia Informazione oligarchi Midterm LGBT Kiev estrema destra soft power Protocollo di Minsk Russkij Mir Chiesa ortodossa K-19 Assad Società Lavrov caso Skripal Africa Cina Marina OPEC gasdotto Ossezia del Sud Prigožin Ara Kyrgyzstan Baltico Poroshenko Baku #obor trattato di pace RussiaToday lingua Gazprom Tripoli Kazakhstan incidente sport Olimpiadi Spagna Covid-19 LDPR Gibilterra Diritti civili Idlib Katyn Macron PIL Costituzione Boris Titov Abcasia Venezuela Pashinyan energia Aral Smolensk Unione Olocausto Theresa May FSB Balcani Regime Change Medio Oriente Georgia Federazione Russa Libia Sorge Partito del Progresso El'cin Astana Eltsin San Pietroburgo Asia Centrale spie inquinamento crisi Azerbaijan Germania Israele Vladimir Putini Tagikistan Kazakistan Università nomadismo femminismo Stati Uniti gas nucleare separatismo Russia Unita Reagan Chiesa Ortodossa Russa spese militari Ksenija Sobčak Pavel Grudinin scenari politici Merkel #sanzioni Rosatom coronavirus Akinfeev Casa Bianca eroina Nigeria Alessandro II proteste in Russia corruzione Runet Cremlino Transiberiana Giappone propaganda diritti Finlandia Occidente Costituzione Russa 1989 Rocchelli Panslavismo russofobia Donbass Patriarca Kirill Mare del Nord Ucraina #silkbeltroad Putin Power of Siberia PCFR Afghanistan OPK spesa militare Guerra Nikita Chruščëv Proteste Cripto Valley elezioni inchiesta Gorbačëv Beirut Levada estremismo Vladimir Putin Tokayev Armenia Eco Internazionale cooperazione Arabia Saudita società Welfare opposizione politica Elezioni Usa 2020 Poltava Rojava climate change Unione Europea ortodossia Guerra civile siriana Austria #cina Markiv Curili Kerč’ Estonia governo russo nord stream ISIS politica estera Macedonia Siria visita di Stato LIbano Battaglie storiche politiche energetiche Minchenko Group Consulting Romanov comunismo epidemie religione esercito Mar Baltico Russia SCO Svezia diritto green energy tradizioni rete Cronache di viaggio rivoluzioni colorate Stalin Lituania Michele I doping Vedemosti candidati Roma Kim Cittadinanza Tajikistan Tusk Turchia Krymskij most Clima Mediterraneo Iran S-400 bitcoin Storia TAP Transnistria Diplomazia Naval'nyj Vostok18 Nenets Arkadij Babcenko ingerenze russe Lettonia PCUS Gas naturale Pubblicazioni scramble for Africa Zelenskij Saakashvili età dei torbidi Asia internet Armi Demografia Zurabishvili Kuznetsov SergeJ Skripal troll Europa Kirghizistan Oriente opinione pubblica Mosca #russia Difesa Salman G8 imperialismo Maxim Surajkin terrorismo Riforme partiti WC2018 Franco