Kirghizistan, instabilità politica senza fine

Foto - Euronews

 

Lo scorso 4 ottobre nella repubblica centroasiatica si sono svolte le elezioni parlamentari. A queste hanno fatto seguito proteste e scontri, che hanno portato all'annullamento dei risultati e alla liberazione dell'ex-presidente Atambayev. La situazione è incerta e il rischio principale è quello che si crei un vuoto di potere nel Paese, già caratterizzato da una forte instabilità.

Durante le ultime elezioni parlamentari in Kirghizistan, solamente quattro partiti su 16 sono riusciti a superare la soglia di sbarramento del 7%, tutti filo-governativi ad eccezione di Butun Kirghizistan, che ha ottenuto 13 dei 120 seggi a disposizione. Appena sono stati resi noti i primi risultati, i membri dell'opposizione e i loro sostenitori sono scesi in piazza per protestare, denunciando presunte irregolarità. Anche l'Osce ha confermato il fatto che alcuni fattori hanno determinato l'andamento dei risultati, in particolare il voto di scambio. Si tratta di un fenomeno già presente all'interno del Paese, che ha assunto ancora più rilievo a causa della forte crisi economica, accentuata dalla recente pandemia.

Diverse migliaia di persone si sono riunite nella capitale e nella notte tra il 5 e il 6 ottobre alcuni manifestanti si sono introdotti all'interno della "Casa bianca", sede del Parlamento, distruggendo dei documenti. Ci sono stati diversi scontri con la polizia che ha fatto uso di granate stordenti, cannoni d'acqua, gas lacrimogeni e proiettili di gomme; ad oggi si contano oltre 1000 feriti e un morto. Martedì mattina, inoltre, alcuni dimostranti sono riusciti a liberare l'ex-presidente (ed ex-primo ministro) Almazbek Atambayev, in carcere dal 2019 con un'accusa di corruzione. Nella stessa giornata, la Commissione elettorale centrale ha dichiarato nulli i risultati delle elezioni (che hanno visto un'affluenza del 56,2%), che avevano visto trionfare Birimdik (26%) e Mekenim Kirghizistan (24%).

Il Kirghizistan, spesso definito come la nazione più democratica dell'Asia centrale, non è nuovo a questo genere di disordini. A partire dalla Rivoluzione dei tulipani, avvenuta nel 2005, è difficile parlare di una solida stabilità ai vertici del Paese. Sembrerebbe, inoltre, che le recenti proteste siano state influenzate anche dall'ostilità tra Sooronbay Jeenbekov, Presidente in carica, e Atambayev. Il primo partito a non riconoscere gli esiti delle votazioni, tra l'altro, è stato proprio quello dei Socialdemocratici, il partito di quest'ultimo. 

Il Presidente della Repubblica in carica, Sooronbay Jeenbekov, esponente del

Come molti altri Stati post-sovietici, il Kirghizistan gravita nella sfera d'influenza di Mosca, da cui è fortemente dipendente. Sebbene la base militare russa di Kant sia stata messa in uno stato di massima allerta, la Russia è consapevole del fatto che, a prescindere da come evolveranno gli eventi, il suo potere all'interno del Paese non diminuirà tanto facilmente. È pur vero che al momento è già fortemente impegnata a monitorare la situazione nel Caucaso meridionale e sul fronte bielorusso, quindi la speranza è che i disordini si plachino quanto prima. Il 6 ottobre, Sergej Lavrov, ministro degli Esteri russo, ha auspicato una risoluzione pacifica della crisi kirghisa, con un invito alle forze politiche a collaborare per riportare stabilità e sicurezza all'interno del Paese. 

Domenica 11 ottobre, inoltre, si terranno in Tagikistan le elezioni presidenziali, che vedono come favorito Rahmon, presidente in carica dal 1994. Alcuni analisti sostengono che non siano da escludere collegamenti tra repubbliche tanto vicine e hanno parlato del rischio di una «scintilla in una polveriera». Gli Stati dell'Asia centrale stanno ancora cercando di costruire una propria identità e il processo di nation-building non è terminato. È inoltre più probabile che scoppino dei disordini in Paesi più poveri, come appunto il Kirghizistan e il Tagikistan, che non in altri economicamente più stabili.

Foto - BBC

È importante che la situazione si stabilizzi quanto prima per due motivi principali: la crisi economica e la forte divisione etnica. Stando agli ultimi dati circa il 22.4% delle persone vive al di sotto della soglia di povertà e questo dato potrebbe essere cresciuto a causa del coronavirus. È anche per questo motivo che è stato così facile comprare i voti delle persone. Così come c'è bisogno di una guida che sappia limitare quanto più possibile i conflitti interetnici, in particolare quello tra kirghizi e uzbeki. Anche Melis Myrzakmatov, ex sindaco di Osh (teatro di tremendi scontri), è tornato dalla Turchia e ha dichiarato che questa situazione potrebbe sfociare in una ancora più pericolosa.

Ad oggi Adachan Madumarov, leader di Butun Kirghizistan, è a capo del Consiglio di coordinamento dell'opposizione che comprende 8 partiti: Ata-Meken, Butun, Zamandash, Socialdemocratici del Kirghizistan, Bir Bol, Ordo, Repubblica e Riforma. Il Consiglio ha nominato Omurbek Suvanaliev, ex candidato alle presidenziali del 2011, come vicesegretario del Consiglio di sicurezza del Kirghizistan. Kursan Asanov è invece stato scelto come Ministro dell'interno ad interim. In passato aveva ricoperto la carica di viceministro dell'interno, ma nel 2019 ha dovuto lasciare l'incarico dopo essere stato coinvolto in tre diverse inchieste. Giovedì 8 ottobre ha dichiarato, durante una conferenza stampa, che la situazione socio-politica nel Paese è stabile, ma c'è ancora da essere preoccupati.

I risultati delle elezioni sono stati invalidati, diverse persone che ricoprivano ruoli importanti hanno dato le dimissioni, ma la gente è ancora in strada e continua a protestare. Stando a quanto riportato dalla BBC, Jeenbekov avrebbe dichiarato che «l'obiettivo dei manifestanti non era quello di annullare i risultati delle elezioni, ma di rimuovermi dal potere». Avrebbe altresì affermato di essere pronto a lasciare la responsabilità a leader forti, quello che non è chiaro è a chi si riferisse. Non si sa dove si trovi al momento, ma, se così fosse, non sarebbe il primo presidente ad essere destituito in Kirghizistan, risultato di cicli di instabilità ormai diventati routine per la politica del Paese.

Tagikistan al voto, tra immobilismo e geopolitica
La politica nucleare di Mosca, tra energia, invest...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

settore estrattivo Turchia Lavrov Lettonia #asiacentrale S-400 Rojava Arkadij Babcenko Roma spie Politica estera Akinfeev Tagikistan Corea via della seta Elezioni Usa 2020 K-19 Occidente Nikita Chruščëv Mar Rosso Vladivostok Lukashenko Trident Juncture 2018 Minchenko Group Consulting UE criptovalute sondaggi elettorali Cina Russkij Mir governo russo INF Transnistria Kirghizistan Casa Bianca Marina russofobia Partito Comunista 1941 Montenegro Levada Franco Katyn Zelenskij Balcani Ucrainagate dazi americani Zurabishvili Anatolij Sobčak Conte Panslavismo Eltsin Eurasia jihad Markiv elezioni esercito Demografia nucleare Chiesa Ortodossa Russa Giovani Medio Oriente Pubblicazioni India #sanzioni Finlandia elezioni presidenzali ingerenze russe Guerra WC2018 Armi sviluppo 2024 Armenia corruzione internet #commercio Zakharova Partenariato orientale cooperazione Papa Francesco migrazione Moldavia società SergeJ Skripal export armi El'cin tossicodipendenza Reagan Tusk vaccino Diritti umani #cina Asia centrale rivoluzioni colorate Curdi Ucraina incidente rivoluzione di velluto TANAP LGBT Smolensk Boris Titov Afghanistan Vladimir Žirinovskij cultura imperialismo Covid-19 OPEC Bruxelles Runet opposizione politica Tokayev Chiesa ortodossa Golunov Clima Bessarabia Cernenko Eco Internazionale Jabloko religione Kiev Passaporto estrema destra Estonia Germania Soft power Aliyev SGC RussiaToday Arabia Saudita Opposizione Sudan Guerra civile siriana Politica Gibilterra doping Svezia estremismo trattato di pace Difesa Poltava Rocchelli Midterm Kazakhstan Ideologia green energy Chabarovsk Welfare Oriente proteste in Russia Ecologia Mare del Nord Svetlana Tikhanovskaja G8 climate change Baku Kaczynski Aral Italia troll Turkmenistan Macron Disarmo Transiberiana WCIOM caso Skripal Ilham Aliyev Sicurezza propaganda femminismo 1989 Beirut Turismo Paesi Baltici spese militari Russia Vaticano Theresa May russkaja ulica Helsinki ortodossia Merkel Giornalismo Michele I Putin liberalismo popolazione Kuznetsov Minsk Skripal monarchia Calcio Pashinyan politica interna ebraismo spionaggio Idlib Baltico Salman Baltici geopolitica L'Orso Polare Parigi Gennadij Zjuganov PCUS Kyrgyzstan candidati Tripoli età dei torbidi WADA autocefalia Venezuela Unione Europea Vladimir Putin Haftar Gazprom jihadismo Pavel Grudinin Giappone spesa militare Informazione OPK Cremlino interviste medicina Prigožin terrorismo SCO Lituania Aleksej Naval'nyj Estremo Oriente Caucaso Pensioni DNS Regime Change Biden Sondaggi scramble for Africa Nato gay Economia Nord Stream 2 Pamfilova #obor Asia Pietro il Grande Corea del Sud Cipro Crimea Austria summit Battaglie storiche incendio migrazioni crisi PCFR Banca centrale Usa Grande Gioco Costituzione Cherchesov Mosca oligarchi diritto PIL Russia Unita Kim Nazarbayev Vladimir Putini FIFA Diritti civili Spagna Costituzione Russa popoli Governo Donbass Nagorno-Karabakh Unione Mediterraneo Caspio Sputnik Tajikistan Rosneft ISIS Siberia migranti lingua HIV soft power Shoah finanza inchiesta Gorbačëv Unione Economica Eurasiatica Trump Democrazia Assad Sergej Baburin Storia Grande guerra patriottica Cosacchi comunismo Diplomazia Terre Rare Proteste Asia Centrale Nenets Ungheria Kerč’ scenari politici gasdotto epidemie Cittadinanza Artico muro di Berlino Libia Maxim Surajkin Iran nord stream Georgia frozen conflicts visita di Stato Riforme politiche energetiche anti-liberalismo Protocollo di Minsk Università G7 lago Bajkal #silkbeltroad opinione pubblica separatismo Astana Saakashvili Rublo tecnologia Polonia Azerbaijan Serbia Poroshenko Stati Uniti Partito del Progresso Cripto Valley LDPR militari Alessandro II MENA Unione sovietica hacker Palestina Relazioni internazionali Brest-Litovsk Krasnodar Romania Israele elezioni presidenziali Santa Sofia Vostok18 inquinamento Ksenija Sobčak Olocausto Curili Seconda Guerra Mondiale Federazione Russa boicottaggio Mare droni Gas naturale stalinismo coronavirus Ara Sorge Business Russia Bielorussia Naval'nyj sport petrolio LIbano Cronache di viaggio Dmitrij Medvedev Nagorno Karabakh Europa Rivoluzione Cantata FSB rete Krymskij most Rosatom Società Guerra fredda Ricostruzione Grigorij Javlinskij Macedonia Mondiali 2018 questioni di genere Vedemosti San Pietroburgo Stalin minoranza relazioni internazionali nazismo Sobčak Kazakistan Mar Baltico reportage Power of Siberia influenza Azerbaigian Egitto Cecenia Patriarca Kirill #economia Sanzioni Joe Biden Antisemitismo eroina Referendum Abcasia sanità Ossezia del Sud Ambiente bitcoin tradizioni Olimpiadi gas Kortezh politica estera Romanov diritti partiti Francia Idrogeopolitica Nigeria Africa ISP Peredača URSS TAP nazionalismo opposizioni Islam Flame Towers Uzbekistan energia #russia Regno Unito antiterrorismo zar Istituzioni Russiagate Sputnik V Mondiali nomadismo Siria