L’Uzbekistan di Mirziyoyev tra istituzioni, riforme e crescita economica

L'incedere globale della pandemia da Covid-19 ha duramente colpito l'economia mondiale, in particolare quella del "primo mondo", costretto per via di una maggiore incidenza del virus in una popolazione demograficamente in età avanzata a intraprendere controversi lockdown. Mentre le principali potenze stanno mettendo in atto ambiziose iniziative per tamponare le conseguenze depressive, altri Paesi hanno risentito in maniera minore dei risvolti economici dell'epidemia. 

L'Uzbekistan, in particolare, pur riscontrando un'ovvia frenata del PIL, un calo delle esportazioni e dell'occupazione, è uno dei due soli Paesi in Europa e in Asia centrale a registrare una crescita economica positiva quest'anno, secondo quanto riporta una pubblicazione della Banca mondiale. Un dato doppiamente interessante se si prende in considerazione l'eremitico passato dell'ex Repubblica sovietica e il turbolento contesto geopolitico dell'area. Quali sono motivi di tale resilienza e quali cambiamenti sono in atto in un Paese che dispone delle caratteristiche per poter assurgere a un ruolo di leader regionale?
La transizione
Monumento al leader uzbeko Islam Karimov nella città turkmena di Turkmenabat. L’eredità dell’ex presidente è ancora ampiamente dibattuta nel Paese e in tutta l’Asia Centrale.

L'inizio di un processo di liberalizzazioni, riforme e conseguimento di maggiori libertà civili in quella che fino a pochi anni fa si considerava come una delle più atroci dittature al mondo è coinciso con l'ascesa al potere di Shavkat Mirziyoyev, già delfino di Islom Karimov, l'autocrate presidente che ha retto le sorti del Paese dall'indipendenza successiva al crollo dell'URSS. Il venticinquennio di governo dell'ex funzionario sovietico ha intrappolato Tashkent in una morsa repressiva e un isolamento che, pur non risultando avulso a un contesto come l'Asia Centrale fertile ecosistema di dittature personalistiche, si è contraddistinto per particolare ferocia, immobilismo e inefficienza. La transizione economica da un economia di stampo collettivista al libero mercato non è avvenuta, anche per via di una personale ritrosia nei confronti di eventuali influenze esterne.

La coltura del cotone, tradizionale prodotto di esportazione e retaggio del sistema sovietico, che destinava intere regioni a monocolture agricole e industriali, ha deviato notevoli investimenti e manodopera, costringendo una discreta percentuale di uzbeki a vere e proprie "corvée", depauperando l'ambiente. La morte di Karimov ha dato il via a libera a un processo di rimpasto che ha permesso il consolidamento al potere di Mirziyoyev. Nel dicembre del 2016, da li a tre mesi dalla morte di Karimov, l'ex primo ministro alla guida del Partito Liberale Democratico ha ottenuto l'agognata legittimazione conseguendo un'ampia vittoria in un processo elettorale condannato dall'OSCE. Riuscendo a superare lo scetticismo generale, Mirziyoyev ha da allora avviato riforme nel campo economico, giudiziario e sociale e ha rafforzato le relazioni esistenti con le vicine Repubbliche centroasiatiche.

Riforme e liberalizzazioni
Shavkat Mirziyoyev in compagnia dell’omologo russo Vladimir Putin nel 2018. Il politico uzbeko ha fatto del recupero delle relazioni con la Russia un urgente direttiva politica.

Dal 2017 il governo è intervenuto apportando cambiamenti sostanziali secondo tre direttive: da un'economia statalista a un'economia basata sul mercato; da un'economia dominata dal settore pubblico a un'economia governata dal settore privato e da un isolazionismo a una progressiva permeabilità ai mercati esteri. Il Paese ha avviato, dunque, riforme che stanno ponendo le basi per dar vita, e progressivamente consolidare, a un'economia di mercato. L'amministrazione ha rafforzato la moneta nazionale, avviato le riforme del sistema fiscale, liberalizzato settori in cui vigevano restrizioni commerciali avviando al contempo una politica di apertura commerciale verso le Repubbliche adiacenti. Le misure di liberalizzazione stanno contribuendo ad allentare vincoli per le imprese, come la mancanza di valuta estera, elevati dazi verso le importazioni e aliquote fiscali.

A partire da settembre 2017, il governo ha unificato il tasso di cambio, avviato la liberalizzazione dei prezzi e degli scambi e apportato tagli significativi alle aliquote fiscali, sia per le imprese che per i privati. Il Paese ha eliminato visti di ingresso per promuovere il turismo e gli investimenti e ha rinnovato il suo impegno ad aderire all'Organizzazione mondiale del commercio (WTO). A seguito di tali riforme, è raddoppiato l'arrivo dei turisti cosi come gli investimenti diretti esteri sono quadruplicati nella prima metà del 2019 rispetto all'anno precedente. Il governo ha ampliato la copertura della rete di sicurezza sociale e ha sostanzialmente migliorato la disponibilità di puntuali statistiche economiche. Fra i maggiori fattori d'attrattiva per gli investitori internazionali la creazione di Zone Economiche Speciali (SEZs) che facilitano gli investimenti diretti esteri in diversi comparti attraverso un mix di agevolazioni fiscali e semplificazioni normative.

La crescita economica
Complesso sciistico turistico Chimgan. L’Uzbekistan ha recentemente conosciuto una discreta crescita del settore turistico per via delle mete storiche (Samarcanda e la via della Seta) e dei paesaggi naturali. Il paese ha visto il numero di turisti italiani raggiungere le 17.000 unità nel 2019, una crescita del 20% circa rispetto all’anno precedente.

Il varo della presidenza Mirziyoyev ha permesso una serie di visite all'estero consolidando le relazioni con i leader regionali e delle principali potenze. Le riforme descritte precedentemente e la rinnovata assertività di Tashkent hanno iniziato a produrre dei risultati tangibili. Il prodotto interno lordo vive una fase di forte crescita: + 5,5% annuo in media tra il 2016 e il 2020, mentre si prevede che la crescita raggiungerà il 6% nel 2021. Nel 2019 il volume degli investimenti esteri diretti è stato di 4,2 miliardi $ ed è quindi aumentato di 3,7 volte rispetto al 2018. La quota degli investimenti sul PIL ha raggiunto il 37%, la produzione industriale è cresciuta del 6,6%, le esportazioni del 28%, le riserve in oro e in valuta estera sono aumentate di 2,2 miliardi $, raggiungendo i 28,6 miliardi $.

Tra il 2017 e il 2018, le importazioni uzbeke dal Kazakistan sono aumentate di 569 milioni $, più del 53%. Il fatturato del commercio con il Kirghizistan è salito da 242 milioni a 462 milioni $ nello stesso anno, con il Turkmenistan da 159 milioni a 274 milioni e, infine, con il Tagikistan da 124 a 287 milioni $. Tra gli investimenti spicca la costruzione di un colossale cementificio nel distretto di Sherabad, un progetto dal costo di 212,8 milioni $. Un altro settore in cui il paese intende apportare cospicui investimenti è quello automobilistico. La prima metà del 2019 ha visto il volume della produzione crescere del 154% su base annua, con esportazioni per quasi 73 milioni $ e l'incremento della produzione da 220.000 unità a 350.000 unità entro il 2023.

Il ruolo della Cina e la Via della Seta
Fonte: Xinhua

La posizione strategica e la crescente stabilità politica, economica e sociale si sono rivelati fattori fondamentali per far sì che il Paese si trovasse in un posizione privilegiata all'interno del progetto della "Nuova Via della Seta" avviato da Pechino nel 2013, che mira a connettere il continente euroasiatico attraverso una rotta terrestre e una marittima. Partendo dallo sviluppo delle infrastrutture di trasporto e logistica, la strategia cinese mira a promuoverne il suo ruolo nelle relazioni commerciali globali, favorendo i flussi di investimenti internazionali e gli sbocchi commerciali per le produzioni cinesi. Negli ultimi due anni, la cooperazione uzbeko-cinese nel commercio e negli investimenti ha prodotto risultati qualitativi. La Cina è diventata il primo partner commerciale dell'Uzbekistan con uno scambio commerciale pari a 6,4 miliardi $ nel 2018 e un incremento del 35% annuo.

Alla fine del 2018, il commercio bilaterale ha raggiunto 6,4 miliardi $, un aumento notevole su base annua, e il numero di società cinesi che operano in vari settori del mercato uzbeko è salito oltre quota 1000. Inoltre, gli investimenti diretti delle società cinesi in Uzbekistan hanno superato i 500 milioni $. L'Uzbekistan sta costruendo un centro finanziario e commerciale da 1,7 miliardi $ a Tashkent parzialmente finanziato da Pechino. Il progetto comprende un parco industriale, otto centri commerciali e un centro culturale, nonché appartamenti. 

A dicembre, l'Uzbekistan si è assicurato investimenti per 2,3 miliardi $ da Cina, Corea, Giappone e Russia per costruire un impianto di produzione di prodotti chimici e sintetici nella regione del Kashkadarya, nella parte sud-orientale del paese. Nel 2018 durante il Summit SCO di Qingdao, Pechino e Tashkent hanno firmato accordi per progetti di investimento pari a 6,86 miliardi $, di cui 3,11 miliardi di investimenti diretti.

Potenzialità
Cartina politica dell'Uzbekistan. Oltre all’eccentrica conformazione dei confini si può constatare il potenziale insito nella posizione geografica del Paese

L'Uzbekistan è un paese ricco di risorse con una popolazione relativamente giovane e in crescita. È anche un perno geografico per via della peculiare collocazione incuneata tra gli altri paesi dell'Asia centrale; un potenziale mercato di oltre 300 milioni di persone. L'Uzbekistan gode di una assoluta indipendenza energetica in quanto detiene circa 594 milioni di barili di riserve di idrocarburi e dispone già di una discreta struttura industriale in continuo ammodernamento tecnologico. Per via di questi fattori il Paese è potenzialmente candidato a divenire il più grande mercato dell'Asia centrale e, data la sua considerevole forza lavoro e la notevole capacità agricola e manifatturiera, un importante esportatore. A leggere i dati, pare che il futuro si prospetti roseo per Tashkent, ma nel dettaglio si manifestano perplessità che potrebbero ostacolare o rallentare lo sviluppo e conoscere le iniziative future del presidente uzbeko potrà farci comprendere se effettivamente il Paese sarà in grado di trasformarsi in una media potenza di rilievo nello scacchiere geopolitico.

Per far si che il Paese rimanga sulla giusta inclinazione il governo deve spingere sull'implementazione di ulteriori riforme nel settore amministrativo, agrario, industriale e privatizzazione delle imprese statali già in atto ma rallentate dall'incedere della pandemia oltre ad affrontare le criticità sistemiche come l'ancora scarsa specializzazione del capitale umano, l'insufficiente trasparenza, corruzione e l'implementazione di riforme nel campo dei diritti e rappresentatività politica. Se queste riforme verranno attuate con successo, c'è speranza per la formazione di istituzioni efficaci, la creazione di condizioni per uno sviluppo economico sostenibile e la creazione di una classe media. La comunità internazionale dovrà posare il suo sguardo sul potenziale uzbeko incentivando le riforme, seguendone lo sviluppo e inquadrando il Paese all'interno delle dinamiche di cooperazione a livello globale.

Biden e la Russia: un legame scritto nel destino
Il rublo digitale può ridurre la dipendenza di Mos...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Occidente Terre Rare #silkbeltroad esercito tradizioni Prigožin Ungheria bitcoin Shoah Curili Theresa May relazioni internazionali Armi Jabloko propaganda Sanzioni Parigi LDPR scramble for Africa Panslavismo Ossezia del Sud Lukashenko lago Bajkal #commercio Costituzione Russa Ilham Aliyev nord stream Stalin crisi Diritti civili internet RussiaToday Libia Armenia Georgia Regime Change Ara Tagikistan Referendum trattato di pace Ucraina Chiesa ortodossa Nord Stream 2 Vaticano Protocollo di Minsk Roma Poltava opinione pubblica Power of Siberia G7 Vladimir Putini SergeJ Skripal ebraismo Turkmenistan femminismo imperialismo ISIS troll nomadismo Russiagate Demografia Cipro coronavirus russkaja ulica Cronache di viaggio Proteste Oriente Sudan autocefalia Skripal Aral Nagorno Karabakh Eco Internazionale Akinfeev Giovani Vladimir Žirinovskij Kazakhstan Pashinyan Francia eroina Rosatom Flame Towers #asiacentrale Palestina PIL ortodossia spese militari gas Peredača liberalismo Svezia Islam Ambiente Mare del Nord rete Cernenko Levada droni Austria gay Cittadinanza Ucrainagate climate change Europa Nazarbayev Reagan Disarmo Corea del Sud SCO Golunov tossicodipendenza INF diritto Svetlana Tikhanovskaja Merkel Olimpiadi Costituzione Rublo Santa Sofia Welfare hacker Sobčak cooperazione Minchenko Group Consulting nucleare 1989 nazionalismo Zelenskij Krasnodar Baltico Biden Israele Calcio OPEC Transiberiana Partito Comunista Putin Conte Paesi Baltici 2024 visita di Stato Lettonia India Battaglie storiche Afghanistan caso Skripal Turismo Kyrgyzstan Franco Diritti umani Gennadij Zjuganov spie elezioni presidenziali Azerbaijan Eltsin Poroshenko FIFA 1941 Rojava Clima Stati Uniti Runet Mondiali Alessandro II Boris Titov Governo ingerenze russe Diplomazia WCIOM Guerra fredda rivoluzione di velluto El'cin Romanov incidente elezioni PCFR Cina Politica Polonia Medio Oriente energia petrolio Trump Serbia gasdotto Baltici estrema destra Kim Zurabishvili candidati diritti oligarchi Kortezh Moldavia Kazakistan spionaggio Artico Gorbačëv Ecologia Balcani Business Russia G8 Iran criptovalute Haftar migrazioni Turchia export armi Lavrov Transnistria Chiesa Ortodossa Russa Astana sport Usa tecnologia Università terrorismo inchiesta Sergej Baburin Cripto Valley #cina via della seta finanza Tajikistan politica estera Trident Juncture 2018 Sorge Sondaggi Katyn Idlib militari Patriarca Kirill Rosneft Riforme Corea governo russo inquinamento Caspio Nenets Vladivostok Arabia Saudita Vladimir Putin russofobia Finlandia #russia Siberia UE Mare Giappone Caucaso anti-liberalismo Eurasia Vostok18 Beirut Elezioni Usa 2020 Donbass Seconda Guerra Mondiale età dei torbidi Salman Lituania Aleksej Naval'nyj Arkadij Babcenko Uzbekistan #economia Kaczynski Passaporto lingua Nigeria Italia migranti DNS Politica estera settore estrattivo Economia popoli Michele I Smolensk Abcasia Venezuela Macedonia stalinismo elezioni presidenzali questioni di genere Mondiali 2018 Kuznetsov Dmitrij Medvedev Anatolij Sobčak Cecenia Asia Relazioni internazionali Azerbaigian San Pietroburgo Spagna Guerra civile siriana Kiev epidemie Romania Ricostruzione Crimea politica interna OPK #obor Rocchelli jihad Olocausto TANAP Antisemitismo Chabarovsk partiti Tripoli Sicurezza Naval'nyj Democrazia muro di Berlino HIV incendio WC2018 Macron Mosca Soft power FSB opposizioni Baku zar Gibilterra monarchia Giornalismo cultura Mediterraneo Curdi LGBT Markiv #sanzioni soft power migrazione Vedemosti Unione Banca centrale Helsinki Siria Pamfilova Kerč’ reportage sanità scenari politici K-19 sondaggi elettorali politiche energetiche Aliyev L'Orso Polare Mar Rosso Cosacchi interviste Ideologia Tusk Krymskij most rivoluzioni colorate Kirghizistan Tokayev società Russia Estonia doping Pubblicazioni Unione sovietica Mar Baltico frozen conflicts Nato Maxim Surajkin comunismo Egitto Informazione Montenegro Bessarabia Rivoluzione Cantata Africa Opposizione summit Zakharova Sputnik estremismo Difesa Bielorussia Pensioni Gas naturale ISP religione nazismo Casa Bianca Istituzioni SGC TAP Pietro il Grande sviluppo Grande Gioco Gazprom geopolitica Marina S-400 Brest-Litovsk Asia Centrale minoranza Minsk Nagorno-Karabakh Papa Francesco Covid-19 Pavel Grudinin spesa militare Saakashvili Regno Unito Ksenija Sobčak separatismo Partenariato orientale green energy dazi americani Società antiterrorismo Unione Europea Bruxelles popolazione Grigorij Javlinskij Germania WADA Cherchesov Russkij Mir Estremo Oriente Joe Biden Midterm URSS LIbano Guerra corruzione Asia centrale influenza Federazione Russa Storia Russia Unita PCUS Assad opposizione politica proteste in Russia boicottaggio Partito del Progresso Nikita Chruščëv Cremlino