Aljaksandr Ryhoravič Lukašėnka, presidente a vita

602x338_cmsv2_c0419add-28fc-5542-87a5-2e11f5c09ada-4919338

Ritratto del padrone della Bielorussia, giunto al sesto mandato presidenziale quasi senza batter ciglio. Un potere fino a qualche mese fa incontrastato, gestito con spregiudicatezza in patria e accortezza all'estero.

Grande appassionato di hockey sul ghiaccio, nonché ammiratore e devoto del lavoro della terra e dei campi: questi sono i due tratti della personalità di Lukašėnka 'uomo' che si accompagnano a quella di Lukašėnka 'ultimo dittatore d'Europa'. Noto per il suo carisma, i baffi tipici, l'eccentricità, l'autopromozione di 'uomo del popolo', uniti al culto della personalità e alla sua politica fortemente autoritaria e sicuramente anacronistica negli anni Duemila, Lukašėnka ha costruito un regno che dura da poco più di un quarto di secolo. Per capire come si sia arrivati alle proteste post elettorali delle ultime settimane e alle dichiarazioni da parte delle istituzioni europee di invalidità delle elezioni stesse, cercheremo di evidenziare i principali momenti della vita politica di Lukašėnka.

Laureatosi presso l'Università Pedagogica Statale di Mogilev intitolata a A.A. Kuleshov nel 1975, e successivamente nel 1985 all'Accademia agricola bielorussa, dal 1975 al 1977 Aleksandr Lukašėnka ha insegnato Affari Politici nel distretto del confine occidentale. Nel 1977-1978 ha lavorato come segretario del comitato Komsomol del dipartimento del commercio alimentare di Mogilev.Tra il 1978 e il1990 ha ricoperto incarichi dirigenziali e di partito presso fattorie collettive e statali: è stato il segretario esecutivo dell'associazione Znaniye della città di Shklov, vice comandante per il lavoro politico in un'unità dell'esercito, vicedirettore dell'impresa agricola Udarnik, direttore dell'azienda agricola Gorodets.

Se volessimo, infatti, individuare un elemento che al meglio definisca Lukašėnka, questo sarebbe sicuramente la terra. Anche durante i mesi più acuti della pandemia globale di quest'anno, il presidente ha in più occasioni ribadito che la cura al virus è il lavoro della terra, unito a qualche goccia di sana vodka. Provocazione (unita a scarsa ironia) o meno che sia, l'atteggiamento di profondo cinismo è ciò ha sempre contraddistinto Lukašėnka fin dalla sua prima elezione.

Eletto al parlamento della Repubblica di Bielorussa nel 1990, è stato l'unico deputato ad opporsi all'accordo del dicembre 1991 che ha portato allo scioglimento dell'Unione Sovietica. Poiché ha sempre supportato un rafforzamento dei legami con la Russia, nel 1994 chiese alla Duma russa la formazione di una nuova Unione degli Stati slavi. E dopo esser stato eletto presidente (il 10 luglio 1994) con una schiacciante vittoria alle urne (l'80,3% dei voti) ha da un lato lavorato al consolidamento dei legami con Mosca per realizzare un'unione tra i due paesi, dall'altro convinto gli elettori ad approvare, nel 1996, una nuova costituzione che gli conferiva ampi poteri aggiuntivi – come il diritto di prolungare il suo mandato, di governare per decreto e di nominare un terzo della camera alta del parlamento. Con autoritarismo ed imprevedibilità, ha represso il dissenso nei media e tra la gente e ha portato la Bielorussia all'isolamento dai suoi vicini europei e dalla comunità internazionale.

Per tutti gli anni Novanta i punti di forza che gli hanno, sicuramente, garantito il successo e il perdurare del suo potere sono stati l'indipendenza di un uomo politico sganciato da qualsiasi altra forza, la lotta alla corruzione tipicamente figlia dell'URSS e l'eliminazione della privatizzazione, ovvero la vendita di industrie statali ad investitori privati. La privatizzazione sovietica aveva gravemente danneggiato il cittadino medio, consentendo, però, la nascita di una nuova classe dirigente, gli oligarchi.

Contro ogni aspettativa, Lukašėnka si è sempre ricandidato alle elezioni presidenziali. Nel 2001 è stato rieletto con il 75,6% dei voti, nel 2006 con l'83% e nel 2010 con il 79,6% dei voti. In tutti e tre i casi, non sono mancate né le accuse di brogli e irregolarità né le condanne da parte di Unione Europea ed altre organizzazioni internazionali che, tuttavia, non hanno destabilizzato il presidente. Anzi, proprio nel 2004 quest'ultimo ha ottenuto, grazie ad un emendamento approvato, la possibilità di candidarsi per un terzo mandato. A nulla sono serviti i divieti che per alcuni anni hanno imposto sia l'UE che altri Stati all'ingresso di Lukašėnka e dei suoi funzionari. Tali divieti sono durati molto meno dei suoi mandati presidenziali.

Lukašėnka si è distinto come protagonista in una delle crisi internazionali più significative degli ultimi anni, quella ucraina del 2014. Sono stati ospitati, infatti, proprio a Minsk alcuni vertici decisivi come quello in cui Putin e Poroshenko decisero per il cessate il fuoco. Ma, indipendentemente dall'evolversi degli eventi in Ucraina, c'è chi ha creduto che il ruolo giocato da Lukašėnka in qualità di mediatore regionale potesse condurre ad uno smussamento dell'autoritarismo sul piano interno. E sembrava che la liberazione di alcuni prigionieri politici e la disponibilità ad accogliere osservatori internazionali sul territorio bielorusso portassero verso quella direzione. In verità, tali decisioni politiche vanno lette nell'ottica di preparazione alle elezioni presidenziali che si sarebbero tenute nel 2015, giudicate dall'OSCE piene di profondi problemi.

Sono questi trascorsi politici che hanno fatto sì che il presidente bielorusso si presentasse alle elezioni presidenziali del 2020 con una eccessiva convinzione che non gli è stata, tuttavia, tanto utile. La quasi inesistente gestione dell'epidemia di Covid-19, l'interferenza nelle elezioni e l'incarcerazione dei candidati dell'opposizione hanno generato la più grande manifestazione di dissenso in Bielorussia dai tempi dell'URSS.

Sembrerebbe, in altre parole, che il potere presidenziale gli sia stato donato per volere divino e che nessuno abbia né il diritto né le capacità di sottrarglielo, quasi fosse un vecchio monarca assoluto. Si potrebbe dubitare che nel lontano 1975 abbia sposato la sua fidanzata del liceo, Galinka e che, invece, abbia sposato proprio la Bielorussia. D'altronde Lukašėnka ha sempre badato a tenere vita privata e vita politica profondamente separate, così separate che la moglie vive da anni in una fattoria lontana da Minsk e lontana dai flash dei paparazzi che, invece, immortalano spesso il presidente in compagnia di una bellissima ventenne. Un lato della sua vita privata che lo rende più che mai vicino ad alcuni leader occidentali…

Cristiana Ruocco


Putin salverà Lukašėnka?
Naval’nyj, dietro le quinte di una tazza di tè ner...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Partito del Progresso boicottaggio #economia Vedemosti rivoluzione di velluto Mare del Nord green energy scenari politici Cherchesov comunismo PIL Santa Sofia 2024 Sicurezza gay geopolitica Nikita Chruščëv El'cin San Pietroburgo Africa Astana Austria Relazioni internazionali Rivoluzione Cantata Guerra Difesa nazismo Lavrov Akinfeev Unione Battaglie storiche Golunov Informazione Rojava Vaticano Guerra civile siriana summit Boris Titov Ucrainagate SCO gas finanza Kerč’ #obor muro di Berlino Salman Anatolij Sobčak esercito Roma Afghanistan Clima eroina K-19 Russiagate Mediterraneo FSB Crimea caso Skripal Transnistria Caspio Kortezh Università internet religione incidente Pubblicazioni Haftar Russia Medio Oriente via della seta Michele I Smolensk #asiacentrale Pensioni Grande Gioco Politica Finlandia Seconda Guerra Mondiale Oriente Russkij Mir Kim climate change Egitto Bessarabia Iran Trident Juncture 2018 opposizioni Asia Centrale Passaporto Svetlana Tikhanovskaja Sorge Kazakistan Corea del Sud sanità Asia opposizione politica #cina diritto età dei torbidi Krymskij most Vladimir Putin oligarchi Società S-400 società popoli minoranza Vladivostok inquinamento Alessandro II candidati Gennadij Zjuganov Referendum 1989 Cripto Valley Riforme Runet Nenets migranti epidemie Minchenko Group Consulting Unione Europea Trump Proteste Maxim Surajkin Partenariato orientale FIFA Armi spesa militare Macron Sergej Baburin settore estrattivo export armi Partito Comunista Naval'nyj Chiesa ortodossa Caucaso Nigeria estremismo spese militari Uzbekistan Brest-Litovsk Olimpiadi Diplomazia Polonia Germania SGC Protocollo di Minsk Terre Rare governo russo Aral Chabarovsk TAP Balcani Covid-19 scramble for Africa Flame Towers Kaczynski Vladimir Putini Eco Internazionale partiti Disarmo coronavirus anti-liberalismo Usa inchiesta Federazione Russa LIbano Svezia Diritti umani G7 HIV Democrazia Katyn Ossezia del Sud Ungheria Curdi elezioni politica estera Patriarca Kirill trattato di pace Artico Ambiente Business Russia Estremo Oriente Dmitrij Medvedev Casa Bianca Giovani elezioni presidenzali migrazioni Israele sviluppo Armenia Mosca Transiberiana Merkel Stalin Sanzioni Demografia diritti Cittadinanza Sputnik Mondiali 2018 criptovalute Unione sovietica Georgia Pietro il Grande Costituzione Kuznetsov Tusk Papa Francesco Putin Storia Estonia politiche energetiche Regime Change Bielorussia Asia centrale tossicodipendenza Islam Cronache di viaggio dazi americani incendio Calcio OPK Economia Azerbaijan soft power Azerbaigian spie Kazakhstan Sondaggi questioni di genere Minsk Cernenko Cremlino Nato UE separatismo Prigožin Pavel Grudinin Giappone elezioni presidenziali Eltsin Welfare Helsinki reportage Occidente Baltici DNS Assad Governo jihad #silkbeltroad RussiaToday proteste in Russia Idlib Shoah Italia Abcasia Ksenija Sobčak 1941 imperialismo nomadismo Grigorij Javlinskij Mondiali Curili Tagikistan Romania femminismo opinione pubblica Turismo Romanov OPEC Aleksej Naval'nyj Opposizione Jabloko Antisemitismo G8 LDPR influenza ingerenze russe WCIOM Parigi lingua Ricostruzione zar Power of Siberia LGBT doping TANAP Poltava Poroshenko Baku nucleare cultura corruzione Rocchelli nord stream PCFR antiterrorismo Arkadij Babcenko Kiev bitcoin Vostok18 gasdotto Reagan Midterm Gibilterra #sanzioni rete INF Montenegro Theresa May Cipro Tajikistan rivoluzioni colorate Panslavismo Rosatom Baltico relazioni internazionali Siberia Olocausto Nagorno-Karabakh Donbass Marina WC2018 India troll Nazarbayev Mar Baltico Europa lago Bajkal Francia russofobia Lettonia Siria Zurabishvili Turkmenistan ISIS Serbia liberalismo Gazprom visita di Stato estrema destra Arabia Saudita Venezuela Sobčak Ucraina Lituania russkaja ulica Cecenia Conte Krasnodar Ecologia Ilham Aliyev Peredača stalinismo Ara Guerra fredda Tokayev ISP nazionalismo propaganda Giornalismo Gas naturale Soft power Macedonia Chiesa Ortodossa Russa Mare Zelenskij Franco Levada sport Tripoli Markiv SergeJ Skripal Kyrgyzstan terrorismo Istituzioni #commercio Turchia Kirghizistan Rosneft ortodossia Spagna PCUS Politica estera Paesi Baltici petrolio Corea Costituzione Russa Cina Bruxelles Diritti civili Banca centrale Eurasia tradizioni autocefalia Pashinyan URSS energia Lukashenko politica interna #russia Skripal cooperazione Russia Unita Beirut Stati Uniti Moldavia crisi Elezioni Usa 2020 Libia monarchia Saakashvili sondaggi elettorali Vladimir Žirinovskij Gorbačëv WADA