Putin salverà Lukašėnka?

9429510_0_38_2573_1428_1000x541_80_0_0_cb0021588cd9fc9c2e0f4ae7cfc67599

Da quasi un mese si rincorrono le voci di un possibile intervento russo a sostegno del regime di Lukašėnka, nonostante gli screzi passati tra questi e il suo omologo del Cremlino. Una sola certezza: la Bielorussia non è "sacrificabile".

A quasi un mese dalle elezioni del 9 agosto, la tensione resta alta in Bielorussia, con il presidente Lukašėnka che non intende cedere di un passo. Nonostante la repressione messa in atto le proteste non accennano a scemare, e scioperi e defezioni hanno coinvolto anche i tradizionalmente fedelissimi apparati di sicurezza, di cui per altro Lukašėnka si è premurato di cambiare i vertici. È stato forse questo il fattore determinante nel convincere Lukašėnka a chiamare in aiuto la Russia proprio il giorno successivo alla traumatica "deposizione degli scudi", il 15 agosto, con una telefonata nella quale Putin, seppure in tono vago, dichiarava la sua disponibilità a intervenire in aiuto dell'omologo bielorusso. Tale intervento sarebbe naturalmente decisivo sia per le sorti del Paese che per quelle di Lukašėnka, ma diversi sono gli scenari possibili, e diverse le modalità di intervento che la Russia potrebbe adottare. Ammesso che davvero voglia intervenire in favore di Lukašėnka.

Successivamente alla telefonata del 15 agosto, si è atteso quasi due settimane perché fossero visibili ulteriori sviluppi nell'atteggiamento di Mosca. Ed è accaduto giovedì 27, con un'intervista rilasciata alle 14.00 di Mosca, nella quale il presidente russo Putin veniva interrogato da Sergej Brilev su diversi "temi di attualità", fra i quali "anche" la Bielorussia.

Se la gente scende in piazza, dice Putin a Brilev, bisogna tenerne conto. Infatti, aggiunge, Lukašėnka ha acconsentito a indire nuove elezioni – parlamentari e presidenziali – da tenere successivamente a una modifica costituzionale; ma la creazione di organi non previsti dalla legge [Il "Consiglio di coordinamento" inaugurato dall'opposizione a metà agosto] – come ha stabilito la Corte bielorussaè inaccettabile. Una difesa dell'operato di Lukašėnka, dunque, che insieme con il commento sulla faccenda dei contractor Wagner ("un'operazione dei Servizi ucraini in collaborazione con gli americani") spazza via gli attriti della prima ora, quando Lukašėnka puntava il dito contro il Cremlino, agitando il complotto delle potenze straniere, in particolare la Russia.

E poi, spiega il presidente russo, Lukašėnka ha chiesto che venisse creata una riserva speciale russa, in caso di necessità di intervento, alla quale egli ha acconsentito, ma sottolineando che "sarà utilizzata solo nel caso in cui la situazione dovesse sfuggire di mano". Ovvero se "elementi estremisti" dovessero iniziare a danneggiare automobili, banche, a cercare di occupare edifici amministrativi, etc. Il CSTO e l'Unione degli Stati costituiscono la cornice di diritto entro la quale – Putin conferma – la Russia ha l'obbligo di intervenire in aiuto alla Bielorussia, qualora venissero messe a repentaglio la sovranità, l'integrità dei confini e la stabilità del Paese.

Queste dichiarazioni hanno agitato non poco le cancellerie d'Europa e l'opinione pubblica internazionale, mentre trapelano indiscrezioni riguardo alla preparazione della forza speciale in questione – che andrebbe avanti da una settimana – e da Minsk arrivano ulteriori restrizioni all'attività giornalistica. Intanto, nonostante la situazione, domenica 30 agosto sono stati inaugurati a Brest i giochi ArMI2020, competizione in occasione della quale le forze russe hanno partecipato con quelle bielorusse allo "Shturm zdanija" – assalto edifici – uno degli esercizi più complessi, che implica l'utilizzo di elicotteri e la lotta corpo a corpo. 

Se questi nuovi elementi possono far presagire una maggiore probabilità di intervento diretto da parte della Russia, non bisogna però tralasciarne altri, che potrebbero indicare diversamente. Intanto, alcuni capisaldi strutturali, la cui valenza esula dalla cronaca.

Il CSTO e l'Unione degli Stati costituiscono la cornice di diritto entro la quale – Putin conferma – la Russia ha l'obbligo di intervenire in aiuto alla Bielorussia, qualora venissero messe a repentaglio la sovranità, l'integrità dei confini e la stabilità del Paese.

1. Lukašėnka, che conosciamo ormai da ventisei anni. E in ventisei anni, non solo abbiamo visto come il suo rapporto personale con Putin non sia affatto roseo, ma anche come la sua politica estera abbia vieppiù osato in termini di multivettorialità, creando grossi fastidi al Cremlino. Non solo, dunque, il grande rifiuto dell'integrazione con la Russia, che nei sogni di Mosca sarebbe dovuta avvenire sulla base di quel trattato dell'Unione degli Stati mantenuto asfittico dal leader bielorusso finché ha potuto. E che adesso, invece, è tornato alla ribalta – dimostrando come Lukašėnka sia ben più interessato alla propria sorte, che all'indipendenza bielorussa come valore in sé.

Inoltre, benché lo spazio di manovra a disposizione della Bielorussia sia oggettivamente limitato, al di là dei numerosi ma poco incisivi flirt con l'Unione Europea, è a febbraio che possiamo collocare il maggiore incidente con Mosca, la visita del segretario di Stato Usa Mike Pompeo a Minsk. Una missione che non si limitava alla sostanziale ripresa dei rapporti diplomatici ma, pragmaticamente, andava oltre con il tentativo di giocare la partita energetica – Mosca dal 2018 ha ridotto le agevolazioni nelle forniture a Minsk – con la promessa statunitense di fornire il 100% del gas e del petrolio necessario alla Bielorussia. Insomma, sostituirsi a Mosca nel singolo settore tradizionalmente più prezioso nei rapporti fra la Russia e gli Stati ex sovietici. Molti hanno considerato l'ipotesi improbabile, perché Minsk non avrebbe potuto pagare. Ma l'idea che qualche prestito valga una politica estera efficace non è certo aliena a Washington. Un leader imprevedibile e non acquiescente Lukašėnka, dunque, nei confronti di Mosca, e per di più poco simpatico al sanguigno Putin.

2. Lo stile di Mosca, e la situazione interna alla Russia. Andiamo in Oriente, dove a Khabarovsk le proteste iniziate in seguito all'arresto del governatore Furgal, continuano a tutt'oggi, esacerbate dal caso dell'avvelenamento del blogger anti-corruzione Naval'nyj. Qualora le proteste nella vicina Bielorussia dovessero aver successo nell'intento di rovesciare Lukašėnka, ciò costituirebbe un esempio e rafforzerebbe il morale dei manifestanti nell'Oriente russo. D'altro canto, le manifestazioni bielorusse non propongono alcun posizionamento geopolitico differente da quello attuale, e non sono, da nessun punto di vista, anti-russe.

Un intervento diretto di Mosca per farle tacere, dunque, sarebbe controproducente per troppi motivi: la Russia si alienerebbe la neutralità d'animo dei bielorussi nei suoi confronti e Putin andrebbe incontro a ulteriore dissenso a livello domestico. D'altra parte, una "rivoluzione colorata" con esito positivo in Bielorussia sarebbe vista con orrore da un governo già in difficoltà a causa della crisi economica, della pandemia e del dissenso sempre più spesso manifesto della popolazione.

3. La geopolitica della Bielorussia, il suo posizionamento geografico fra la Russia, l'Ucraina e l'Unione Europea, e la sua porta su Kaliningrad costituita dal breve, quanto strategico corridoio di Suwalki, che in caso di occupazione strozzerebbe l'unico accesso di terra alle Repubbliche Baltiche da parte degli altri membri NATO.

Considerando gli ultimi due fattori, risulta naturale la postura possibilista ma attendista assunta pubblicamente dal Cremlino in seguito alla telefonata del 15 agosto. Mentre, come comincia a venir fuori, probabilmente qualcosa è stato fatto in meno pubblicizzati ambiti – l'essenziale, come sappiamo, è invisibile agli occhi –, la Russia ha avuto modo di osservare cosa sarebbe stata disposta a fare l'Unione Europea e come avrebbe potuto reagire la NATO, inoltre ha potuto studiare il comportamento dei manifestanti e dell'opposizione. E ciò che ha visto sono state, rispettivamente: sanzioni; cauto riserbo; nessun accenno a desistere; rassicurazioni di circa le intenzioni nei rapporti con la Russia – perché nessuno vuole dire o fare ciò che potrebbe poi essere definito come una provocazione tale da sollecitare l'intervento di Mosca.

Ma se un rapporto stretto con la Bielorussia è imprescindibile per la Russia, Lukašėnka non è affatto insostituibile, e fra gli altri leader dell'opposizione – quelli originari – per ora congelati in un silenzioso esilio, ci sono elementi che potrebbero risultare molto più graditi a Mosca dell'ormai bruciato Lukašėnka.


Claudia Palazzo


Il fermento bielorusso agli occhi del mondo
Aljaksandr Ryhoravič Lukašėnka, presidente a vita

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

UE Putin Terre Rare Macron Welfare rivoluzione di velluto Pietro il Grande scramble for Africa Aral Ecologia elezioni presidenziali Gibilterra Vaticano Corea Business Russia Libia partiti geopolitica Poltava età dei torbidi Flame Towers Azerbaijan opinione pubblica #sanzioni #silkbeltroad Mare Tokayev PCFR Asia Relazioni internazionali elezioni nord stream Nikita Chruščëv proteste in Russia Transnistria minoranza 2024 summit Russia Unita Merkel Nazarbayev Bruxelles INF questioni di genere Partito del Progresso Storia Svezia gasdotto Disarmo Egitto Macedonia Unione Europea Caspio estrema destra Nenets migranti Marina settore estrattivo Diritti civili tradizioni visita di Stato Venezuela Rivoluzione Cantata rete Università LDPR Israele climate change Seconda Guerra Mondiale opposizioni FIFA Tagikistan Federazione Russa Giovani Cremlino Saakashvili India Soft power energia caso Skripal #economia liberalismo #commercio Partito Comunista Politica estera DNS Germania Haftar Markiv Pashinyan politica estera Grigorij Javlinskij Costituzione Russa WC2018 Ilham Aliyev Protocollo di Minsk Caucaso Zelenskij gas doping Ossezia del Sud Assad export armi Cernenko Mosca criptovalute Franco Armenia lingua Diplomazia Salman Economia boicottaggio nomadismo OPEC Rojava Società Cipro 1941 OPK imperialismo inquinamento governo russo sport soft power antiterrorismo Anatolij Sobčak Occidente Kazakistan Lavrov Casa Bianca Francia Democrazia LIbano Sobčak Power of Siberia Nato Golunov Siria Ara Katyn Kaczynski Abcasia Elezioni Usa 2020 dazi americani Theresa May Michele I Eco Internazionale comunismo Bessarabia migrazioni Trident Juncture 2018 Kyrgyzstan Governo Eltsin Vladimir Putini ISP Oriente Cronache di viaggio Ksenija Sobčak sondaggi elettorali Chiesa Ortodossa Russa Islam Antisemitismo spese militari Asia centrale popoli Dmitrij Medvedev Unione sovietica Kiev S-400 Pubblicazioni Tusk Mondiali 2018 Kortezh Paesi Baltici elezioni presidenzali Moldavia ISIS green energy Lettonia Patriarca Kirill Uzbekistan HIV Donbass incidente San Pietroburgo influenza esercito nazismo jihad Chabarovsk Midterm opposizione politica Gorbačëv inchiesta Kim Sondaggi Partenariato orientale internet terrorismo diritto ortodossia Minchenko Group Consulting Idlib Naval'nyj Shoah Giappone Mediterraneo autocefalia cooperazione Nigeria via della seta Tripoli Akinfeev petrolio crisi oligarchi troll Politica TAP Diritti umani Helsinki Stalin #obor Medio Oriente Costituzione Cherchesov Romania Conte Curili Turchia rivoluzioni colorate Kazakhstan Crimea Ambiente tossicodipendenza Passaporto russkaja ulica Rocchelli Montenegro Gazprom Zurabishvili Astana Svetlana Tikhanovskaja Transiberiana muro di Berlino Rosneft Finlandia Austria Arabia Saudita Baltico Gas naturale Informazione SGC Cina spie Referendum diritti trattato di pace FSB Mar Baltico spesa militare separatismo politiche energetiche Calcio Santa Sofia Siberia Smolensk Baltici G8 Artico Estonia Banca centrale PCUS ingerenze russe SCO Bielorussia Prigožin Estremo Oriente K-19 Russkij Mir bitcoin Giornalismo URSS Spagna nazionalismo Ricostruzione incendio El'cin nucleare 1989 monarchia WADA Vladimir Žirinovskij #russia Armi Guerra civile siriana Cecenia Turkmenistan lago Bajkal reportage estremismo Azerbaigian Riforme Vladivostok zar Ungheria Nagorno-Karabakh Regime Change corruzione Trump scenari politici stalinismo Pavel Grudinin G7 Gennadij Zjuganov Baku coronavirus Curdi Istituzioni Battaglie storiche Kerč’ Arkadij Babcenko Maxim Surajkin Asia Centrale Brest-Litovsk Clima TANAP Sergej Baburin Parigi epidemie Skripal Lukashenko Usa Russiagate Cittadinanza Krasnodar Poroshenko Sanzioni Panslavismo Aleksej Naval'nyj RussiaToday Boris Titov russofobia Sicurezza Peredača Reagan Opposizione Difesa Olimpiadi Eurasia Rosatom Alessandro II Ucrainagate Lituania femminismo propaganda Sputnik Afghanistan WCIOM #asiacentrale sanità Vladimir Putin LGBT Runet Iran Romanov religione Kuznetsov Africa Serbia Tajikistan Corea del Sud Chiesa ortodossa Grande Gioco Papa Francesco Georgia Ucraina sviluppo cultura Turismo società Polonia Pensioni Vedemosti Italia Guerra fredda Mare del Nord candidati Jabloko Beirut SergeJ Skripal Mondiali Unione anti-liberalismo Sorge Covid-19 Proteste eroina Olocausto Minsk PIL gay Europa Levada Russia relazioni internazionali Guerra Demografia Vostok18 politica interna Kirghizistan finanza Krymskij most Balcani Roma Stati Uniti #cina Cripto Valley