Il fermento bielorusso agli occhi del mondo

La Bielorussia che oggi si mobilita è segnata da una profonda recessione economia. A questo dato si affianca l'assenza di un vero e proprio stato di diritto e della mancanza di tutela dei diritti civili e politici. In questo scenario, il contenimento di un'opposizione organizzata è risultato sicuramente difficoltoso. Nonostante questo scenario, alle elezioni dello scorso 9 agosto Lukašėnka sbaraglia la concorrenza, portando a casa la vittoria con l'80% dei voti.

Svetlana Tikhanovskaya, alla guida dell'opposizione, si è rifugiata in Lituania, da dove ha dichiarato di aver raccolto più del 60% dei consensi (tutt'altro risultato, rispetto al 10% dei voti che avrebbe ottenuto secondo i risultati ufficiali), dando quindi il via alle proteste che da quasi un mese muovono il Paese. Amnesty International riporta i dati dei numerosi arresti avvenuti tra i manifestanti e denuncia le misure subite dai carcerati, definendole torture diffuse.

Questo scenario ha generato reazioni in tutto il mondo, ponendo in particolare Unione europea e NATO in netta opposizione a Lukašėnka, ma non manca chi si schiera al suo fianco.

UE e Bielorussia

Charles Michel, Presidente del Consiglio europeo

La Bielorussia rientra tra i Paesi facenti parte del Partenariato orientale europeo, che promuove una cooperazione di tipo rafforzato tra sei Stati extra-Ue e l'Unione stessa. Indipendentemente da questo status, fin dal 2004 sono state applicate dall'Unione europea misure restrittive nei confronti di quattro cittadini bielorussi, connessi alla sparizione irrisolta di due politici dell'opposizione.

In seguito alle elezioni dello scorso 9 agosto, il Consiglio europeo ha tenuto una videoconferenza, concludendo che l'Unione europea non riconosce i risultati delle elezioni presentati dalle autorità bielorusse. Il Consiglio ha inoltre convenuto di imporre sanzioni nei confronti delle persone ritenute responsabili di violenze e frode elettorale.

I Ministri degli esteri Ue, giunti alle stesse conclusioni, hanno partecipato ad un vertice a Berlino (Gymnich) il 27 e 28 agosto, nel quale si sono trovati concordi nello stilare una lista di funzionari bielorussi destinatari delle misure restrittive. Tutti gli Stati membri si sono trovati d'accordo all'unanimità nel non imporre, invece, misure restrittive che vadano a colpire la popolazione civile.

L'Unione europea spinge inoltre per l'indizione di nuove elezioni, trasparenti, da svolgersi sotto la supervisione dell'OSCE, in quanto composto non soltanto da membri europei, ma anche da Stati quali USA, Canada, la stessa Bielorussia e Russia. Già prima del meeting di Berlino diversi Paesi europei si sono dichiarati favorevoli all'adozione di misure restrittive nei confronti della Bielorussia: Polonia, Repubblica Ceca, Estonia, Lettonia, Lituania e Danimarca si sono trovati infatti concordi nel definire le elezioni bielorusse come né libere né giuste. Anche Germania e Svezia si sono schierati fin da subito a favore dell'applicazione di sanzioni. Ungheria, Grecia e Austria si sono invece dimostrati più cauti circa la proposta di nuove misure restrittive, ma non si sono comunque opposti alla decisione europea di muovere in quella direzione.

 NATO e Bielorussia

Lukašėnka dichiara di essere pronto a difendere l'integrità territoriale del Paese e di aver allertato le forze militari al confine con la Polonia. Ritiene infatti che il blocco NATO stia contribuendo alle proteste all'interno del Paese al fine di rovesciare le autorità. La NATO, d'altra parte, non sembra al momento intenzionata ad attuare un rafforzamento militare nella regione, mantenendo una posizione prettamente difensiva.

Lukašėnka teme soprattutto destabilizzazioni delle frontiere, in particolare, da parte di Polonia e Lituania, ma entrambi i governi smentiscono queste accuse. È comunque la Polonia che fa da protagonista in seno all'Alleanza nordatlantica: il segretario generale Jean Stoltenberg ha infatti avuto lo scorso 18 agosto un lungo dialogo telefonico con il presidente polacco Andrzej Duda. I due hanno precisato che l'intenzione non è quella di intervenire negli affari interni di Minsk, ma ha soltanto l'obiettivo di garantire la sicurezza dei Paesi membri. Stoltenberg e Duda hanno infine convenuto che la NATO deve rimanere vigile per scongiurare ogni possibile aggressione contro i Paesi membri, pensando sicuramente al riposizionamento di truppe che Lukašėnka ha dispiegato verso il confine polacco all'indomani delle insurrezioni.

Tuttavia, i fatti sembrano in controtendenza rispetto alle dichiarazioni polacche soprariportate. Lo scorso 17 agosto, infatti, Duda aveva annunciato che l'asse Polonia-Baltici sarebbe stato pronto a supportare il processo di transizione politica così come richiesto dai manifestanti bielorussi. La Camera bassa del parlamento polacco ha inoltre approvato all'unanimità una risoluzione di condanna contro Lukašėnka, chiedendo l'intervento dell'Unione europea, annunciando l'apertura delle proprie frontiere ai rifugiati bielorussi e un piano d'azione economicamente importante. 

Russia, Cina e USA sulla Bielorussia 

Fuori dalle istituzioni sopracitate, altri importanti attori rivolgono lo sguardo a Minsk.

Innanzitutto, la Russia, da cui la Bielorussia dipende economicamente e politicamente. Mosca ha riconosciuto fin da subito il risultato delle elezioni, ma ha davvero interesse in un eventuale intervento? In questo caso, infatti, non si tratta di proteste volte a ridefinire i rapporti con la Russia o con l'Occidente, quanto piuttosto di espressione di malcontento nei confronti di Lukašėnka. Inoltre, difficilmente Putin potrebbe trovare per l'affaire Bielorussia lo stesso sostegno che aveva ricevuto per la Crimea nel 2014. Potrebbe forse essere più intelligente sostenere Lukašėnka soltanto a livello diplomatico? O addirittura, guidare una transizione verso un nuovo governo bielorusso più facilmente manipolabile? Mosca mantiene infine, almeno a parole, una linea dura nei confronti dell'Europa e del suo attivismo, accusandola di essere mossa dalla volontà di interferire in Bielorussia.

In secondo luogo, la Cina, la quale ha reiterato il suo appoggio a Lukašėnka, congratulandosi con lui per la vittoria elettorale e riconoscendo quindi fin da subito il risultato del voto. Prima del 2014, la Cina aveva puntato tanto sull'Ucraina. In seguito all'annessione russa della Crimea, tuttavia, Pechino ha dovuto valutare una rotta differente, per spianare la strada verso l'Europa e per controbilanciare il potere russo nell'area. Da qui uno scambio bilaterale Cina-Bielorussia da circa 5 miliardi $ e la motivazione dell'appoggio cinese a Minsk.

Per ultimi, ma non per importanza, gli Stati Uniti. Washington ha un ritrovato interesse per la Bielorussia, concretizzatosi nel reinsediamento di un ambasciatore a Minsk e nella visita del segretario di Stato Mike Pompeo in Bielorussia nello scorso febbraio. Il progetto statunitense potrebbe essere quello di lavorare sul lungo periodo per cercare un distacco quasi indolore tra Bielorussia e Russia, cercando al contempo di limitare l'influenza cinese sul territorio. Ad ogni modo, neanche gli USA riconoscono i risultati delle elezioni dello scorso 9 agosto e sono pronti ad adottare misure restrittive nei confronti dei funzionari che si ritengono responsabili dei brogli elettorali e delle violenze contro i manifestanti. 


Nonostante si tratti di uno Stato di soli 207.000 km2 e 9 milioni e mezzo di abitanti, la Bielorussia non poteva non salire al centro delle attenzioni di tutto il mondo. Attenzioni che erano già ben presenti prima delle elezioni del mese scorso, ma che sicuramente sono state evidenziate dagli eventi che stanno attraversando il Paese. Un Paese al confine tra Oriente e Occidente, punto strategico sia per la Russia (per mantenere l'egemonia rimasta almeno in quella parte dell'area ex-Urss), sia per la Cina, (che vede nella Bielorussia una perfetta porta di ingresso per l'Europa), sia infine per Unione europea e Usa, per i quali resta sempre presente l'obiettivo di allontanare politicamente il Paese dall'Oriente.

No, la Bielorussia non è l’Ucraina
Putin salverà Lukašėnka?

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Africa Rosatom Chiesa ortodossa gay tecnologia Difesa Cipro vaccino TAP Giappone Olimpiadi Cripto Valley Trump Casa Bianca LGBT doping Power of Siberia Giornalismo Nagorno Karabakh Akinfeev Paesi Baltici Zakharova Unione sovietica Tusk #russia Cronache di viaggio Caucaso sport Mosca Opposizione Finlandia WCIOM Runet Donbass Macron Kuznetsov Terre Rare green energy Governo partiti liberalismo Nato Gazprom Sorge Federazione Russa dazi americani Italia Economia Stalin Guerra fredda elezioni presidenzali Levada Chiesa Ortodossa Russa Costituzione Minchenko Group Consulting Maxim Surajkin Rocchelli ortodossia popolazione TANAP LIbano Beirut Vedemosti Serbia Passaporto separatismo popoli Panslavismo 1989 Giovani Unione Europea Pensioni Ambiente Rojava Seconda Guerra Mondiale boicottaggio Uzbekistan Austria Caspio Tagikistan russofobia Montenegro Azerbaigian Jabloko religione russkaja ulica frozen conflicts Occidente inquinamento migrazioni Baltici lingua SCO Banca centrale Mediterraneo ingerenze russe Olocausto Regno Unito via della seta nomadismo Gas naturale politica estera politiche energetiche Siberia Kaczynski MENA opposizione politica visita di Stato Nenets Mare muro di Berlino Astana Demografia Mondiali 2018 Joe Biden caso Skripal G8 Siria società Gorbačëv tradizioni Diritti civili governo russo Assad OPK medicina Ossezia del Sud opinione pubblica Germania gas Aliyev Venezuela antiterrorismo summit Turismo Skripal soft power eroina Reagan Disarmo Politica estera Ungheria rete Europa Eco Internazionale Cherchesov Grande guerra patriottica Crimea Lettonia Elezioni Usa 2020 FIFA Eltsin Nord Stream 2 Parigi Politica Tokayev Conte Iran estremismo Santa Sofia Sondaggi Palestina autocefalia Gennadij Zjuganov diritti petrolio Islam Referendum incidente Abcasia Aral Macedonia 1941 tossicodipendenza Zurabishvili Partito Comunista scenari politici Kazakhstan elezioni presidenziali Michele I Afghanistan Asia Ideologia nucleare Stati Uniti Antisemitismo Proteste San Pietroburgo zar internet Curili #silkbeltroad Armenia DNS Diplomazia Sicurezza Nigeria PIL SergeJ Skripal Asia Centrale Informazione Peredača Tripoli Minsk Sputnik V SGC Svezia Theresa May cooperazione geopolitica Partenariato orientale Marina spionaggio Sobčak Georgia Gibilterra Ilham Aliyev Ksenija Sobčak #cina Russia troll Ricostruzione Russkij Mir Clima Regime Change Kyrgyzstan Cina Katyn Vaticano Krasnodar Mar Rosso Kerč’ Arkadij Babcenko Kiev militari Cittadinanza Grigorij Javlinskij Calcio Moldavia export armi Lituania Vladimir Putin URSS nord stream Covid-19 anti-liberalismo Business Russia Medio Oriente Sergej Baburin Oriente gasdotto Ecologia Azerbaijan Pubblicazioni migrazione Bielorussia spesa militare ISP Kirghizistan Transiberiana imperialismo Zelenskij sanità Ucrainagate Bessarabia interviste Rivoluzione Cantata propaganda inchiesta Unione Economica Eurasiatica Brest-Litovsk UE Nagorno-Karabakh nazismo Polonia Golunov Soft power Helsinki bitcoin Lukashenko G7 Romania monarchia INF sviluppo trattato di pace Turchia Poltava Poroshenko Boris Titov Mare del Nord Eurasia Aleksej Naval'nyj FSB Mondiali crisi scramble for Africa cultura migranti elezioni Pavel Grudinin Costituzione Russa K-19 Svetlana Tikhanovskaja El'cin Unione Biden Libia Salman Balcani influenza Relazioni internazionali settore estrattivo Baltico Naval'nyj Shoah Estremo Oriente Riforme Roma Ucraina Saakashvili Protocollo di Minsk HIV Patriarca Kirill Smolensk Pamfilova ISIS Mar Baltico stalinismo proteste in Russia S-400 Lavrov Cremlino Franco Turkmenistan Istituzioni Egitto corruzione candidati Bruxelles femminismo Artico spese militari Curdi Idrogeopolitica PCFR Welfare #commercio Società relazioni internazionali Papa Francesco Sudan Corea del Sud energia Rosneft India Corea LDPR Russiagate Armi Krymskij most Prigožin Università lago Bajkal Dmitrij Medvedev Sanzioni Chabarovsk Francia Midterm incendio droni Romanov climate change Markiv comunismo Usa Asia centrale Nikita Chruščëv esercito reportage coronavirus diritto Storia ebraismo #asiacentrale WC2018 #obor Guerra questioni di genere PCUS Grande Gioco Anatolij Sobčak Spagna Rublo Cecenia Battaglie storiche Idlib 2024 Kortezh Vladivostok epidemie Pietro il Grande hacker finanza Vladimir Žirinovskij Trident Juncture 2018 spie politica interna Israele sondaggi elettorali Russia Unita Transnistria Nazarbayev WADA terrorismo Merkel Kazakistan Haftar #sanzioni nazionalismo Flame Towers Cosacchi Cernenko Sputnik jihadismo Kim Arabia Saudita criptovalute rivoluzione di velluto minoranza Putin Diritti umani #economia estrema destra Pashinyan oligarchi opposizioni OPEC Ara Baku Tajikistan Estonia L'Orso Polare Partito del Progresso Alessandro II età dei torbidi rivoluzioni colorate Guerra civile siriana Democrazia Vladimir Putini Vostok18 jihad RussiaToday