No, la Bielorussia non è l’Ucraina

Foto - Natalia Fedosenko / TASS

Gli avvenimenti dell'ultimo mese in Bielorussia hanno sollecitato tanti, e semplicistici, accostamenti tra il fermento della situazione a Minsk e l'evoluzione degli eventi ucraini di 6 anni fa. Ma il paragone è a dir poco azzardato, se non inconsistente, dati i numerosi fattori e caratteri che distinguono nettamente il movimento bielorusso e quello di Euromaidan.

Nonostante la vicinanza geografica, il passato sovietico comune e legami e dipendenze economico-politiche simili, risulta assai difficile trovare un legame tra gli eventi che hanno interessato l'Ucraina a partire dal 2013 e quelli oggi in corso in Bielorussia. Sono molti i fattori che delineano nette differenze tra i due contesti e i rispettivi avvenimenti, nonché nei rapporti e nelle reazioni dell'attore geopolitico interessato più prossimo, la Russia.

I tempi, la piazza e i simboli

I Bielorussi, espressione del crocevia di popoli baltici e slavi che hanno attraversato l'area compresa tra Polonia e Russia, hanno un fortissimo legame storico, culturale e linguistico con quest'ultima. La lingua russa, coufficiale, rappresenta l'idioma parlato correntemente dal 70% della popolazione, mentre il bielorusso si ferma al 23%. Solo l'8% della popolazione è formata da cittadini russi (in Ucraina nel 2001 erano il 17%), ma l'uso comune della lingua, l'enorme soft power culturale e la non polarizzazione geografica della minoranza russa (che in Ucraina è maggioritaria solo nell'Est del Paese) non accentuano alcun sentimento o rivendicazione nazionalista o separatista.

Considerando anche la riproposizione di simboli, idee e figure storiche più estremiste di cui si è vestita la guerra civile in Ucraina, storicamente in Bielorussia il fenomeno del collaborazionismo durante la Seconda Guerra Mondiale è stato più marginale. La bandiera bianco-rossa simbolo delle manifestazioni è stata quella del primo tentativo di costruire uno Stato bielorusso, la Repubblica del 1918-19, e della Bielorussia post-sovietica dal 1991 al 1995, cambiata dopo un referendum indetto da Lukasenka e rappresentante in primis le istanze indipendentiste del popolo bielorusso. Il suo uso durante l'occupazione nazista è irrilevante nel suo attuale impiego simbolico. A Kiev, invece, la riscoperta di quell'eredità, allora in funzione antisovietica, poi in funzione antirussa, ha giocato un ruolo molto più importante, principalmente a livello propagandistico e ideologico.

La storia post-sovietica dei due Paesi spiega anche la distanza tra gli eventi ucraini e quelli odierni in Bielorussia. Dal 1990 l'Ucraina ha, seppur con tutti i limiti e carenze del caso, tentato vari processi di riforma, modernizzazione e democratizzazione, conoscendo quantomeno l'alternanza democratica al potere (per quanto influenzato dalla radicata presenza degli oligarchi) e sperimentando già una rivoluzione, quella "arancione", o "colorata" che dir si voglia, del 2005. A loro volta, i simboli di quel cambiamento furono bocciati dalla volontà popolare nella successiva tornata elettorale. In Bielorussia, nessuno dei processi politici sopra elencati si è mai realizzato concretamente. Se si escludono quelle del 1994, nessuna delle elezioni successive è stata riconosciuta legittima dagli osservatori internazionali, mentre le istituzioni dello Stato e l'esercizio del potere possono essere considerati la prosecuzione materiale dell'epoca sovietica, continuum che indubbiamente si riflette nella mentalità e nelle percezioni dei cittadini. Come ebbe a dire il primo presidente della Bielorussia post-sovietica, Stanislaŭ Šuškevič, l'homo sovieticus è ancora ben radicato nella testa dei bielorussi. Da qui un percorso di cambiamento diverso da quello ucraino, certamente caparbio, ma dalle tempistiche diverse, più lunghe.

Se si considera anche il Trattato sull'Unione tra Bielorussia e Russia, mai osteggiato dalla popolazione quanto piuttosto dalle ambigue istituzioni di Minsk, le proteste nel Paese non hanno alcun carattere antirusso. Il Cremlino non è preso di mira dai manifestanti, né per i legami (altalenanti) tra Putin e Lukasenka, né per gli stringenti vincoli economici ed energetici, che vedono la Bielorussia sottostare ad eventuali aperture o embarghi da parte di Mosca. A questo si associa lo svolgimento di manifestazioni essenzialmente pacifiche, che non prendono di mira il vicino orientale e i suoi rappresentanti, ma che nemmeno inneggiano all'Occidente o all'Unione europea, quando le bandiere blu stellate erano una presenza costante nel caso ucraino. Da questo punto di vista, quindi, le priorità delle piazze bielorusse e di quelle che furono le proteste ucraine sono molto diverse. Il desiderio dei manifestanti è un cambiamento nello Stato e l'obiettivo ha un nome ben definito, Aleksandr Lukasenka. Di filoeuropeismo poco o niente e di russofobia nemmeno l'ombra, notevole differenza con il trascorso ucraino.

Diplomazia, dipendenza e importanza strategica

La tattica russa, per adesso, si dimostra particolarmente attendista. Pur avendo riconosciuto la validità delle elezioni presidenziali del 9 agosto e garantito pieno supporto al presidente Lukasenka, pare piuttosto evidente che non sia nell'interesse del Cremlino uno scenario simile a quello ucraino di 6 anni prima e le ipotesi di intervento restano piuttosto deboli. Innanzitutto, il caos globale generato dalla pandemia di COVID-19, la crisi economica e le difficoltà gestionali dell'emergenza sanitaria hanno compromesso i piani di sviluppo di tutti i Paesi, Russia inclusa. Quarta al mondo per numero di casi, gestione dell'epidemia molto discussa, perdite notevoli dalla guerra lampo del petrolio con i Sauditi, malcontento serpeggiante e proteste nel suo Estremo Oriente (Chabarovsk); insomma, la situazione è ben diversa e Vladimir Putin oggi non gode sicuramente del consenso necessario per sostenere un'azione di forza (59-66% di approvazione nell'ultimo semestre secondo il Levada Centr, il punto più basso dal 2000, mentre quello avuto tra il 2014 e il 2015 era al 86-89% dopo l'annessione della Crimea e l'intervento armato in Siria al fianco di Assad). A maggior ragione, risulta ancora più improbabile un intervento laddove la popolazione bielorussa non esprime sentimenti antirussi, la minoranza russa non è minacciata da alcuna misura o evento (casus belli di molti interventi russi passati) e nessuna manifestazione mette in discussione i forti legami tra Mosca e Minsk, economici e non solo.

Per quanto quello del Cremlino sia un approccio misurato, diplomatico, finora limitatosi a posizioni ufficiali espresse dai propri portavoce, ciò non significa che Mosca sia un attore disinteressato dall'evoluzione degli eventi. La Bielorussia è sempre stata strategica per il transito delle risorse energetiche russe verso l'Europa. Attraversata dall'oleodotto Družba e dal gasdotto Jamal-Europa, che qui si diramano verso la Germania e verso l'Europa centrale, Minsk vede il suo destino intrinsecamente legato ai flussi di risorse provenienti da Mosca, al punto da plasmarne la struttura economico-industriale. Il Paese, infatti, è un hub fondamentale per la lavorazione della materia prima, con le raffinerie di Novopolock e Mozyr' trattano oltre 40 milioni di tonnellate di greggio all'anno, i cui prodotti derivati rappresentano il 34% dell'export bielorusso.

Inoltre, in Bielorussia si trovano due basi militari d'importanza strategica primaria (così come in Ucraina lo era Sebastopoli, quartier generale della Flotta del Mar Nero) per Mosca: il 43° Centro di Comunicazione per le forze navali a Vilejka, cruciale per le trasmissioni a bassissima frequenza ai sottomarini nucleari russi, e la Stazione Radar classe "Volga" di Ganceviči, progettato per identificare i lanci di missili balistici dall'Europa occidentale e per tracciare satelliti artificiali. Un notevole avamposto per la potenza militare del Cremlino, imprescindibile in funzione anti-NATO e la cui centralità per le strategie russe non è negoziabile.

Tenendo in considerazioni questi rilevanti fattori economico-militari, Mosca non cederà comunque la sua presa sulla Bielorussia. Piuttosto, visti i recenti rapporti altalenanti, l'attrazione per il petrolio USA e gli arresti dei contractors di Wagner a Minsk solo per citare gli avvenimenti più recenti, quello che potrebbe non essere indispensabile per il Cremlino è proprio Lukasenka. Sono effettivamente molti gli episodi che caratterizzano 25 anni di alti e bassi tra i due Paesi, pur restando solide le loro relazioni, ma gli ultimi ammiccamenti ad Ovest, gli eterni indugi sul Trattato dell'Unione e le diatribe su petrolio e infiltrazioni politiche potrebbero portare Mosca a valutare una nuova leadership, sempre favorevole ai suoi interessi e misurata nei rapporti con Bruxelles e Washington. Il sostegno dell'Occidente e dell'UE per l'opposizione oggi è senza dubbio importante, ma a sua volta Svetlana Tikhanovskaja, principale sfidante di Lukasenka e portavoce delle proteste, si è detta pronta a considerare la mediazione di Mosca pur di centrare il cambiamento. Figura più vicino al Cremlino sembra essere quella di Viktor Babariko, ex-presidente della banca commerciale bielorussa Belgazprombank (il cui principale azionista è Mosca), e candidato estromesso dalla corsa presidenziale, il cui arresto già fu aspramente criticato in Russia. Mentre in Ucraina la fuga di Janukovič eliminò ogni possibilità di endorsement russo a Kiev, oggi in Bielorussia sembra che il Cremlino possa puntare su diversi cavalli, sia vecchi che nuovi.


In conclusione, quello di Mosca sugli eventi bielorussi si può definire un monitoraggio passivo, assimilabile più che al semplicistico paragone ucraino, ad un altro caso recente dell'area post-sovietica, quello armeno. La 'rivoluzione di velluto', che nel 2018 ha posto fine al dominio pluridecennale del Partito Repubblicano a Erevan, ha visto la Russia osservare con cautela l'evolversi degli avvenimenti, auspicando una generica risoluzione pacifica della crisi politica. Che il cavallo su cui puntare fosse l'uscente Sargsyan o il nuovo Pashinyan, Mosca ha atteso lo sviluppo degli eventi per poi poter supportare il vincitore della transizione, dal momento in cui nessun sentimento o istanza antirussa si è manifestata. 

Così facendo, nessun legame è stato bruscamente interrotto, nessuna sterzata ad Occidente è avvenuta, e il Cremlino continua ad esercitare la sua solita, fortissima influenza sulla piccola repubblica caucasica, che con la Bielorussia condivide anche la schiacciante dipendenza economica da Mosca, un sostanziale isolamento diplomatico (almeno regionale) e una notevole strategicità (Minsk come avamposto della "sfera d'interesse privilegiata" russa ai confini con UE e NATO, Erevan come spinosa leva geopolitica e con un frozen conflict tra Caucaso e Medio Oriente).

Gazprom in affanno, Mosca in allerta?
Il fermento bielorusso agli occhi del mondo

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

lago Bajkal Relazioni internazionali India tradizioni Regno Unito scenari politici muro di Berlino geopolitica Calcio #russia droni Unione Europea Tagikistan Storia Vedemosti popolazione Vaticano Joe Biden Tokayev Disarmo sondaggi elettorali WC2018 Runet Ksenija Sobčak monarchia #sanzioni Cremlino tecnologia Banca centrale interviste Cipro El'cin minoranza antiterrorismo HIV Costituzione corruzione Chiesa ortodossa Mare del Nord Cronache di viaggio Ucrainagate Russia Unita politiche energetiche Guerra Boris Titov Cittadinanza Flame Towers Shoah Kazakhstan Russia Giornalismo Moldavia SCO Zurabishvili Olocausto OPEC Siberia troll Idlib Putin 1941 Helsinki influenza candidati Protocollo di Minsk Azerbaijan doping Nato diritti epidemie Unione TAP Serbia Mare Sergej Baburin frozen conflicts Informazione russofobia Vostok18 questioni di genere Economia Vladimir Žirinovskij Salman Business Russia Antisemitismo Abcasia Eltsin incidente Krasnodar Siria Vladimir Putin Governo Conte Diritti umani Nigeria hacker Sobčak Lukashenko nazionalismo Africa UE Prigožin Arabia Saudita Asia Ossezia del Sud LIbano DNS Asia Centrale Golunov liberalismo Caspio sport Nord Stream 2 migrazioni spese militari Kaczynski jihadismo Franco Papa Francesco G8 finanza opposizione politica Eurasia dazi americani Casa Bianca Politica estera spie bitcoin SGC Minchenko Group Consulting Maxim Surajkin Peredača FIFA imperialismo Curdi Iran Trump Levada Oriente spesa militare Soft power visita di Stato Patriarca Kirill 2024 anti-liberalismo 1989 #commercio incendio Grande Gioco Kyrgyzstan lingua Referendum tossicodipendenza S-400 Estonia Donbass Zelenskij Democrazia Dmitrij Medvedev Germania zar Ucraina Grande guerra patriottica Vladimir Putini boicottaggio Saakashvili esercito gasdotto Santa Sofia Polonia via della seta Partito del Progresso Paesi Baltici Kim Asia centrale Bessarabia Nazarbayev Arkadij Babcenko Panslavismo Krymskij most Corea Katyn Poltava Pamfilova Usa #cina Chiesa Ortodossa Russa Turkmenistan partiti Beirut Romanov Baltico LGBT nord stream Smolensk Caucaso ortodossia Skripal Macedonia Egitto Turchia caso Skripal Italia Covid-19 Rublo Aliyev Medio Oriente settore estrattivo Ecologia nomadismo Francia Terre Rare Welfare Ricostruzione Cecenia Guerra fredda Minsk Naval'nyj Gorbačëv terrorismo petrolio elezioni presidenziali Kirghizistan elezioni presidenzali Russiagate Tusk migranti Russkij Mir Rivoluzione Cantata Astana #asiacentrale Venezuela Crimea Nikita Chruščëv Passaporto oligarchi inchiesta Finlandia nazismo Rosneft Vladivostok Sicurezza elezioni Armi Sorge Macron Transiberiana religione Guerra civile siriana Estremo Oriente Georgia Olimpiadi Uzbekistan società stalinismo MENA Islam ingerenze russe vaccino Gazprom scramble for Africa Tripoli Mondiali 2018 jihad Svezia Jabloko SergeJ Skripal Aleksej Naval'nyj Mediterraneo WADA #silkbeltroad popoli Israele G7 #obor Mondiali Markiv Demografia estrema destra Midterm Rojava Sondaggi trattato di pace Kiev Akinfeev Pensioni Cernenko Difesa #economia Nenets Spagna Reagan FSB Battaglie storiche Austria Ara politica interna Ambiente rete Libia Riforme Haftar Balcani ISP San Pietroburgo opinione pubblica Partito Comunista Stati Uniti Svetlana Tikhanovskaja green energy Stalin gas Armenia Marina età dei torbidi Kazakistan spionaggio coronavirus TANAP OPK internet Ungheria Kuznetsov ebraismo Costituzione Russa proteste in Russia Romania PCUS Gibilterra Giappone Artico inquinamento propaganda Ilham Aliyev Theresa May Pavel Grudinin medicina Gennadij Zjuganov RussiaToday Sanzioni Partenariato orientale Sputnik PIL Zakharova Mosca rivoluzione di velluto Giovani Sputnik V Lituania Merkel Sudan rivoluzioni colorate Gas naturale Nagorno Karabakh Brest-Litovsk comunismo Clima opposizioni migrazione Parigi Aral Istituzioni Baltici Proteste Università Società cultura Bielorussia Tajikistan Regime Change Diplomazia Eco Internazionale Pashinyan Kerč’ Rocchelli LDPR Power of Siberia Cherchesov PCFR gay URSS sanità eroina governo russo Chabarovsk femminismo Bruxelles Europa crisi Montenegro russkaja ulica Ideologia Anatolij Sobčak Elezioni Usa 2020 Palestina Mar Rosso Assad Pubblicazioni Rosatom Turismo sviluppo Cina cooperazione autocefalia Occidente Biden Baku Grigorij Javlinskij Lettonia Opposizione Michele I Azerbaigian Cosacchi Nagorno-Karabakh summit Roma Unione Economica Eurasiatica Poroshenko reportage Unione sovietica diritto Afghanistan Corea del Sud relazioni internazionali Politica WCIOM INF nucleare Transnistria Lavrov Seconda Guerra Mondiale estremismo Alessandro II Pietro il Grande ISIS separatismo soft power Cripto Valley L'Orso Polare energia Idrogeopolitica Mar Baltico Diritti civili militari climate change Kortezh Federazione Russa criptovalute politica estera Trident Juncture 2018 K-19 Curili export armi