La guerra per la storia: l’Albania caucasica e l’appropriazione della cultura armena

Tweet del ministro della cultura dell’Azerbaigian che rivendica come Albanese Caucasico il complesso monastico di Dadivank/Khudavang [1].

In un precedente articolo avevamo anticipato la questione relativa alla "Albania Caucasica", e le conseguenze che questo dibattito può avere sul processo di riconciliazione tra armeni e azerbaigiani. Con questa nuova analisi affronteremo in maniera più approfondita le origini della disputa storica e il modo in cui si lega alle questioni di rivendicazione territoriale dei due contendenti. Vedremo anche come le versioni revisioniste più estreme, appoggiate ufficialmente dal governo azerbaigiano, implichino quello che, senza usare eufemismi, è una vera e propria appropriazione indebita della cultura armena.

Innanzitutto, è bene raccontare brevemente la storia dell'Albania Caucasica. Come mostra la ricostruzione grafica sottostante, almeno a partire dal I secolo a.C. l'Albania Caucasica si collocava in quello che è circa il territorio dell'odierno Azerbaigian. Gli albanesi caucasici parlavano una lingua della sottofamiglia Nakh-Daghestana (Caucasica del Nord-Est), imparentata quindi con alcune delle lingue parlate tutt'oggi in Daghestan. La piccola comunità Udi presente in Azerbaigian oggigiorno costituisce probabilmente l'ultimo gruppo etnico a parlare una lingua discendente da quella albanese caucasica. In ogni caso, l'antica Albania Caucasica subì diversi cambiamenti territoriali nel corso della sua esistenza, con la parte ad ovest del fiume Kura che finì a più riprese sotto il controllo dell'Armenia.

Nel IV secolo d.C. il cristianesimo penetrò il Caucaso e gli albanesi caucasici adottarono il cristianesimo, divenendo poi subordinati alla chiesa monofisita dell'Armenia. Successivamente, a causa dei processi di armenizzazione, georgianizzazione e turchificazione subiti negli anni, nel XI secolo gli albanesi caucasici erano quasi scomparsi come gruppo etnico a sé stante. Il nome "Albania", tuttavia, sopravvisse in varie versioni come toponimo geografico. In Karabakh, per esempio, nel XIII secolo il patriarca armeno del monastero di Gandzasar si fregiò del titolo di "Catholicos Albanese" quasi sicuramente per il fatto che il territorio su cui sorgeva il monastero era ancora ancora a quei tempi chiamato Albania/Arran[2].

L'Albania Caucasica non è quindi un "mito", ma è esistita davvero come entità culturale e/o politica per diversi secoli. L'utilizzo della sua storia per fini politici da parte dell'Azerbaigian, però, porta spesso a mischiare lo storico con il mitologico. 

I confini mutevoli dell’Albania Caucasica fra il IV-VI secolo dopo cristo [4].

Il tema è recentemente tornato ad essere discusso da qualche media internazionale quando Anar Karimov, ministro della Cultura dell'Azerbaigian, ha twittato che il monastero di Dadivank/Khudavang situato in Karabakh era una "testimonianza della antica Albania Caucasica". Un secondo tweet ha poi accusato l'Armenia di aver falsificato e alterato il complesso monastico, sottintendendo che la pretesa di considerare armeno il complesso monastico è il risultato di una manipolazione volontaria della storia da parte di Erevan (si vedano i tweet in copertina).

In questa disputa, chi ha ragione? Il consenso degli storici fuori dall'Azerbaigian è che Dadivank/Khudavang è un monastero armeno costruito tra il IX-XIII secolo d.C. Ne sono evidente testimonianza lo stile architettonico chiaramente armeno e le originali iscrizioni in armeno ivi contenute [4][5][6]. Non vi sono, quindi, molti elementi per attribuire il monastero agli albanesi caucasici.

Il dibattito non si ferma solo al monastero di Dadivank. Il Ministero della Cultura dell'Azerbaigian, infatti, continua a pubblicare sia sul proprio sito sia sui social dei post che reclamano monumenti culturali armeni come albanesi caucasici. Un esempio tratto da Facebook è il caso della chiesa armena di Varazgom, che il Ministro della Cultura dell'Azerbaigian indica come albanese caucasico e centro fondante della cultura azerbaigiana. Il post invita anche il lettore a non credere alle versioni alternative dell'Armenia. Per una visione più completa del fenomeno revisionista, si può consultare il sito del Ministero.
Post su Facebook del Ministero della Cultura dell’Azerbaigian che reclama come albanese caucasico un monumento armeno [7]

Questo processo di revisionismo storico non è peraltro nuovo, ma inizia negli anni Sessanta. Fu Ziya Bunyadov nel 1965 a pubblicare un libro in cui sosteneva che personaggi storici armeni, come l'erudita Movses Kagankatvatsi, erano in realtà albanesi caucasici e avevano scritto le loro opere in albanese caucasico. Gli armeni avrebbero poi intenzionalmente distrutto le versioni originarie, per poi tradurle in armeno e appropriarsene. Il Nagorno-Karabakh, sempre secondo l'autore, sarebbe stato armenizzato solamente a partire dal XII secolo d.C.[8].

Molti storici ed intellettuali azerbaigiani appoggiarono poi queste tesi, e iniziarono a svilupparne di proprie partendo da quelle di Bunyadov. Lo storico Igrar Aliev, per esempio, identificò nell'Albania Caucasica il cuore etnico degli azerbaigiani, i quali avrebbero mantenuto una continuità di sangue quasi ininterrotta con gli albanesi caucasici. Gli armeni, per contro, non sarebbero autoctoni nel Caucaso Meridionale, ma sarebbero violenti conquistatori arrivati solo in un secondo momento. Il monastero armeno di Gandzasar, secondo Aliev, sarebbe in realtà un monastero albanese caucasico costruito dal principe albanese caucasico Hasan Jalal nel XII secolo d.C.. Un momento cruciale per il dibattito, in fine, fu la tesi di dottorato in storia di Farida D. Mammadova nel 1986. La storica identificò la quasi totalità dei monumenti in Karabakh come albanesi caucasici - incluse i famosi steli di pietra armeni chiamati khachkars – e sostenne che gli abitanti del Karabakh si identificarono come albanesi caucasici sino al XIX secolo d.C.. Di conseguenza, gli armeni sarebbero immigrati in Karabakh solo nel tardo XVIII secolo [9].

Come alcuni lettori potrebbero aver già intuito, questi revisionismi da parte di storici azerbaigiani non avevano come unico fino lo stimolare un dibattito interno all'accademia, ma avevano chiare connotazioni politiche su più piani. In primo luogo, l'associare etnicamente gli azerbaigiani odierni con gli antichi albanesi caucasici permetteva ai primi di guadagnarsi uno status di "autoctoni" nel Caucaso. Questa connessione permetteva, quindi, di aggirare la critica di essere un popolo turchico giunto nel Caucaso solamente a partire dal XI secolo dopo cristo. In secondo luogo, il rendere albanesi caucasici la quasi totalità dei monumenti in Karabakh permetteva di delegittimare la pretesa armena di essere antichi abitanti del territorio. Questa mossa era particolarmente importante per contrastare le richieste secessioniste degli armeni del Karabakh, che basavano parte della loro rivendicazione sul fatto di aver vissuto su quella terra per più di un millennio - e i monumenti storici ne erano la testimonianza. 

La variante revisionista “turchica”, invece, prevede che molti monumenti armeni siano di origine turchica, come Khor Virap in Armenia (indicata, tra l'altro, come Azerbaigian occidentale). [10]

In sostanza, la revisione della storia dell'Albania Caucasica serviva ad "autoctonizzare" gli azerbaigiani e rendere invece gli armeni un elemento estraneo al Caucaso e giunto solo in tempi successivi. Per rafforzare questo discorso, vennero gradualmente generate risposte per contrastare le repliche sconcertate degli storici armeni. Le iscrizioni armene nei monasteri, per esempio, furono considerate manipolazioni successive degli armeni, i quali agivano così per appropriarsi della cultura e della terra azerbaigiana. Il fatto che ci fossero pochissimi testi in lingua albanese caucasica venne, invece, spiegato col fatto che gli armeni avessero distrutto tutti quei testi in maniere barbarica per cancellare la storia degli albanesi caucasici. Il problema dell'assenza di solide evidenze storiche e archeologiche per la propria tesi revisionista veniva risolto, quindi, additando il plurisecolare complotto armeno che aveva distrutto queste evidenze. 

In conclusione, l'appropriazione della cultura armena da parte dell'Azerbaigian, tramite una revisione della storia dell'Albania Caucasica, non è un fenomeno del 2020 ma affonda le sue radici negli anni Sessanta. Il presidente Ilham Aliyev e il ministro della Cultura Anar Karimov sembrano, purtroppo, voler proseguire su questa strada, anche ora che l'Azerbaigian ha riconquistato il Karabakh. L'impatto che questa decisione politica avrà sulla riconciliazione fra armeni e azerbaigiani non sarà sicuramente positivo, ma può essere che la riconciliazione non sia una priorità in questo momento per il governo azerbaigiano.


Yesil Bey

Il rublo digitale può ridurre la dipendenza di Mos...
Di hackers e spy stories: le elezioni USA 2020 e l...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

WC2018 Germania Flame Towers Giornalismo Maxim Surajkin lago Bajkal Chabarovsk Chiesa Ortodossa Russa Nenets imperialismo religione caso Skripal #russia tossicodipendenza El'cin petrolio Giappone Usa Opposizione Grande Gioco elezioni presidenzali Helsinki Nord Stream 2 Giovani INF Relazioni internazionali gay Gibilterra Cernenko Ricostruzione Krasnodar Costituzione SCO SGC Proteste Crimea Ungheria Storia Katyn Boris Titov Elezioni Usa 2020 Turkmenistan Gas naturale militari Protocollo di Minsk Grigorij Javlinskij diritto Krymskij most Romanov URSS Politica estera Partito del Progresso Macron spie Partenariato orientale Università Kirghizistan Diritti umani Baku Kyrgyzstan Sobčak Cripto Valley proteste in Russia Gennadij Zjuganov Joe Biden PCUS Egitto Smolensk Cittadinanza Diplomazia HIV coronavirus Eco Internazionale Ideologia Business Russia propaganda inchiesta Cecenia Estremo Oriente Afghanistan Cosacchi Sudan L'Orso Polare Polonia interviste 1941 #cina Olimpiadi Vostok18 Sergej Baburin Casa Bianca Guerra fredda anti-liberalismo Parigi FSB Serbia Iran Santa Sofia PCFR Conte Theresa May Vladivostok Montenegro Ucrainagate Sanzioni Economia Golunov Biden Mar Baltico Putin TAP rivoluzioni colorate bitcoin Welfare Siria Corea inquinamento Jabloko Minchenko Group Consulting Informazione Partito Comunista influenza Lukashenko Russiagate LGBT Medio Oriente muro di Berlino Russkij Mir Turchia Kiev Romania Asia nazismo Gazprom criptovalute Uzbekistan stalinismo Peredača Europa OPEC Ilham Aliyev export armi TANAP Russia 2024 Balcani Kazakistan Arkadij Babcenko migrazione Kerč’ Turismo Ksenija Sobčak Curili Italia ISIS estremismo Tusk ebraismo Azerbaijan finanza Finlandia Austria diritti Vladimir Žirinovskij Curdi Levada Politica Michele I Pamfilova Georgia separatismo #commercio Seconda Guerra Mondiale settore estrattivo Brest-Litovsk liberalismo tecnologia Macedonia Anatolij Sobčak Markiv estrema destra Azerbaigian corruzione minoranza crisi Caspio Sondaggi tradizioni nazionalismo Svezia sanità Baltici politica interna Nato PIL Sicurezza Poroshenko Patriarca Kirill Runet Idlib Demografia Panslavismo nord stream Zurabishvili Disarmo India Diritti civili SergeJ Skripal Venezuela governo russo Siberia scramble for Africa Vladimir Putin sport oligarchi questioni di genere Costituzione Russa Mondiali 2018 Armi Ucraina Nagorno Karabakh Akinfeev Pensioni #obor Vladimir Putini Unione sovietica rete Rocchelli Dmitrij Medvedev Transnistria Regime Change Rojava gas Covid-19 Paesi Baltici elezioni partiti Oriente spese militari Eurasia UE Democrazia candidati #silkbeltroad Cremlino Armenia Aral frozen conflicts popolazione Francia Beirut terrorismo Svetlana Tikhanovskaja Kaczynski Tokayev Eltsin età dei torbidi Rivoluzione Cantata Mare del Nord Terre Rare Occidente Marina G7 FIFA Roma #sanzioni Ambiente elezioni presidenziali lingua internet Chiesa ortodossa Franco Donbass epidemie Assad Estonia esercito Zakharova reportage San Pietroburgo Russia Unita Aleksej Naval'nyj Power of Siberia doping G8 Cipro via della seta gasdotto Trident Juncture 2018 S-400 Bruxelles Tripoli Mare Transiberiana Trump WCIOM 1989 Mar Rosso Guerra Unione migranti green energy Vaticano russkaja ulica sviluppo autocefalia Islam Pubblicazioni spesa militare Bessarabia incidente Minsk Rublo troll Cherchesov Prigožin #economia Pietro il Grande RussiaToday comunismo Spagna Mondiali Nagorno-Karabakh Papa Francesco rivoluzione di velluto cooperazione geopolitica Aliyev antiterrorismo dazi americani Cina Sorge Sputnik Guerra civile siriana K-19 Difesa LDPR Kazakhstan opinione pubblica Merkel Salman politica estera relazioni internazionali Midterm visita di Stato Rosneft eroina Cronache di viaggio Nazarbayev Calcio droni Vedemosti Africa Governo Palestina Saakashvili Alessandro II Israele Riforme nucleare popoli climate change Tajikistan ingerenze russe WADA soft power Olocausto Lavrov politiche energetiche Nigeria Naval'nyj scenari politici Abcasia Artico Pashinyan Baltico femminismo Unione Europea Battaglie storiche Arabia Saudita incendio Gorbačëv Regno Unito Shoah zar Tagikistan Ara Corea del Sud società Astana Soft power cultura Skripal Kuznetsov russofobia nomadismo Asia Centrale Ecologia Kortezh Banca centrale Istituzioni spionaggio Lettonia hacker Clima boicottaggio Reagan monarchia Asia centrale ISP OPK Kim Lituania jihad Ossezia del Sud Moldavia energia Haftar Stati Uniti #asiacentrale Antisemitismo ortodossia LIbano Società Poltava Referendum Zelenskij Mosca Libia Pavel Grudinin Mediterraneo opposizione politica trattato di pace Rosatom summit Nikita Chruščëv Bielorussia DNS Federazione Russa Caucaso sondaggi elettorali opposizioni Stalin Passaporto migrazioni