Di statue e di città - I Paesi Baltici e le minoranze russe

Il Soldato di Bronzo vandalizzato nel 2005. Fonte: Radio Free Europe

Come un'onda che dagli Stati Uniti ha raggiunto l'Europa, oggi stiamo affrontando una fase di revisionismo su statue, monumenti e memoriali, discutendo la possibilità che la loro presenza ormai sia più consona in un museo che ne permetta la giusta contestualizzazione, piuttosto che in un parco od una piazza. Il motivo? Ciò che per alcuni non suscita alcun ricordo spiacevole, per altri potrebbe risultare offensivo e doloroso.

Paradossalmente, un Paese tra i più "silenziosi" in Europa – l'Estonia – sperimenta questo dibattito sui lasciti tangibili della memoria storica da ben più tempo. E anzi, se volessimo datare precisamente questa presa di posizione contro lo storico oppressore – l'Unione Sovietica – si potrebbe pensare al 2007, anno in cui il governo estone decise di rimuovere e ricollocare il memoriale per i caduti sovietici della Seconda guerra mondiale, più comunemente noto come il Soldato di Bronzo. 

Quando nel 1993 i russi divennero eredi a tutti gli effetti dell'Unione Sovietica, pochi immaginavano che l'eredità includesse anche lo stigma di oppressori ed usurpatori. Questo fenomeno ebbe un'eco variabile nelle diverse ex repubbliche, ma indubbiamente raggiunse lo zenit nei Paesi Baltici.

Nonostante la presenza di russi nelle repubbliche Baltiche sia gradualmente diminuita negli anni, la loro esistenza e la memoria di un passato troppo recente creano una tensione costante, che si evolve in maniera diversa tra i tre Paesi ma che, curiosamente, non è direttamente proporzionale al numero di russi effettivamente presenti nel territorio.

Infatti, al momento, la Lettonia vede un numero di russi stabilmente residenti più elevato rispetto all'Estonia o alla Lituania (25,2% rispetto al 24,8% estone e al 5,8% lituano), ma è anche il Paese tra tutti meno soggetto a rivolte ed escalation di tensione. Un'altra questione invece è l'utilizzo della lingua russa: il 33,8% della popolazione lettone è in grado di utilizzare il russo, contro il 29,6% della popolazione estone e appena l'8% dei lituani[1].

L'apprensione dei Baltici però è ricca di sfaccettature che esulano dalle mere percentuali. Per provare a raccontare cosa sia davvero la paura russa nei Baltici è necessario capire come mai, anche in Lituania (dove la sterile percentuale è inadatta a definire una presenza russa ancora rilevante) la Russia continua a mantenere saldi i rapporti con la propria comunità nel territorio.

Infatti, l'idea russa – assolutamente originale – del proprio soft power non guarda ad una scarsa percentuale come un deterrente, anzi: l'approccio di Mosca non è quello di sedurre ed ottenere consensi in nuovi gruppi, bensì di mantenere ed enfatizzare i legami con fazioni già esistenti, sfociando spesso in un atteggiamento definito "neo imperialista".

Le modalità sono variabili: le enormi riserve di carburante naturale che esercitano un forte appeal per le élite filorusse residenti nei diversi Paesi (che godono così di importanti benefici a livello economico); la fede ortodossa; l'utilizzo e lo studio della lingua russa; e ultimo ma non meno importante il ricordo della vittoria dei popoli dell'Urss nella Seconda guerra mondiale. In seguito alle rivoluzioni colorate poi la Russia persiste nella sua causa con una maggiore verve, creando e finanziando ONG ed organizzazioni giovanili (come la fondazione Russkij Mir e il Molodoe Slovo), l'agenzia federale dei compatrioti (Rossotrudnichestvo) e istituti di cultura russa.

Questo, assieme al ricordo recente dell'occupazione sovietica, spiega come quelle percentuali siano riuscite e riescano tuttora a suscitare un gran clamore quando si tratta di una statua o di una città situata troppo vicina al confine. L'ironia della sorte – ma non troppo – vuole infatti che l'Estonia, il Paese che più pedissequamente ha tentato di disfarsi in maniera totale del ricordo dell'occupazione sovietica, sia sede delle più accese diatribe in campo culturale e storico con la Russia: il Soldato di Bronzo e la città di Narva.

La statua del Soldato di Bronzo si trovava nel centro della capitale Tallinn, quando nel 2007 il governo decise di rimuoverla. A detta di molti politici estoni il monumento, costruito ai tempi dell'occupazione sovietica in Estonia nel 1947, ormai rappresentava solo lo sfregio compiuto verso la popolazione estone. Non erano della stessa idea Putin e Lavrov, che arrivarono al punto di minacciare sanzioni contro l'Estonia se il caso non si fosse risolto. La diatriba sul memoriale al momento non è ancora del tutto sanata.

La città di Narva invece, a stragrande maggioranza russa, racchiude in sé tutte le dispute riguardo i confini tra Estonia e Russia. Se in precedenza questa condizione era passata in sordina nella comunità NATO, dopo l'occupazione della Crimea nel 2014 la Russia ha mostrato come l'annessione di questa cittadina potrebbe divenire realtà. Lettonia e Lituania hanno visto di recente casi simili ma con diverso clamore mediatico.

Fondamentalmente tutti e tre i Paesi tentano a loro modo di far valere – più o meno con successo – i nativi sui russi. Questo avviene anche tramite pratiche giuridiche e cavilli legati alla spinosa questione sul rapporto "nazionalità – lingua – gruppo etnico": i russi vengono riconosciuti come apolidi e non come persone con una nazionalità diversa che comunque appartengono a questi Paesi a tutti gli effetti.

I popoli baltici hanno sperimentato sulla propria pelle le discriminazioni e per un determinato periodo hanno addirittura temuto di poter essere cancellati per sempre come gruppo etnico. Ma adesso, seguitando a ignorare o a reprimere l'integrazione con la minoranza russa, lasciano forse trapelare più un desiderio di vendetta che una conclamata dimostrazione di superiorità.

Certo è che il caso della Crimea ha ridestato con maggior vigore nei Baltici la certezza che quando si tratta di Russia anche nel XXI secolo annessioni e "conquiste" territoriali sono ancora possibili.E quindi, pur rischiando di sprofondare nella paranoia, le tre repubbliche non sembrano avere la minima intenzione di cedere di un passo nel riconoscere la minoranza russa nei loro territori come un'eredità viva e pulsante. E che, impossibile da rimuovere o spostare, se fosse invece valorizzata potrebbe creare enormi possibilità di crescita e arricchimento per la comunità tutta.

[1] I dati di Estonia e Lituania si riferiscono al censimento avvenuto nel 2011, mentre per la Lettonia si fa riferimento all'ultimo aggiornamento delle statistiche nazionali nel 2017.


La politica estera tormenta i Baltici: una storia ...
L’economia russa nella tempesta perfetta
 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

minoranza Poroshenko Moldavia Caspio Giappone Mare del Nord sviluppo rivoluzione di velluto Ucrainagate #silkbeltroad Stalin criptovalute nomadismo reportage El'cin Curdi Olimpiadi Maxim Surajkin Iran Peredača Partito del Progresso Saakashvili Armi Armenia Lukashenko WC2018 Alessandro II Franco jihad Sputnik #commercio finanza Dmitrij Medvedev Shoah Midterm Reagan Helsinki Katyn incendio Sicurezza Patriarca Kirill Gazprom età dei torbidi Romanov influenza TAP Gibilterra Astana Casa Bianca 1941 Vladimir Putin PCUS Stati Uniti Pensioni femminismo Welfare Diritti umani Gas naturale Turchia FIFA summit elezioni Business Russia export armi petrolio lago Bajkal Usa estrema destra Medio Oriente geopolitica Difesa Mediterraneo Minchenko Group Consulting Pashinyan Grigorij Javlinskij Tripoli Michele I Mosca Grande Gioco diritto Flame Towers crisi Idlib Unione Kazakhstan Terre Rare LGBT sport Referendum soft power Paesi Baltici Tusk LDPR Azerbaigian propaganda #economia Opposizione migranti Università rivoluzioni colorate Svetlana Tikhanovskaja imperialismo dazi americani relazioni internazionali Transnistria Guerra Ecologia Mar Baltico Sorge Rivoluzione Cantata Protocollo di Minsk WADA Macron Politica nord stream Merkel Eco Internazionale Covid-19 Società Seconda Guerra Mondiale Cecenia anti-liberalismo Caucaso Chiesa Ortodossa Russa Aleksej Naval'nyj Turkmenistan DNS Ara Politica estera elezioni presidenzali bitcoin comunismo Demografia Ucraina Russia Balcani Oriente eroina società Roma Kiev 1989 Marina Ilham Aliyev troll corruzione Uzbekistan Sanzioni Corea del Sud Guerra fredda Unione sovietica elezioni presidenziali diritti Pavel Grudinin Panslavismo Chiesa ortodossa Trump Europa doping Clima SGC internet via della seta terrorismo Vladivostok ISP Haftar Ambiente Diritti civili Baku Mondiali governo russo Ungheria Regime Change Transiberiana Markiv Bruxelles Santa Sofia ortodossia PCFR Nagorno-Karabakh Crimea Nato Nikita Chruščëv Svezia SergeJ Skripal 2024 Minsk questioni di genere #sanzioni Vaticano nazismo russkaja ulica stalinismo Azerbaijan Bielorussia Prigožin Chabarovsk Golunov Naval'nyj visita di Stato energia Donbass Sergej Baburin Partenariato orientale Romania Jabloko Macedonia Anatolij Sobčak Elezioni Usa 2020 Kortezh ISIS cooperazione Nigeria Informazione Mare climate change proteste in Russia Africa Polonia Putin epidemie Krymskij most incidente Eltsin Parigi Cherchesov Istituzioni Kim oligarchi Cripto Valley popoli Conte autocefalia Skripal politica interna scramble for Africa boicottaggio PIL tradizioni Gennadij Zjuganov G8 Artico Islam Giovani K-19 sondaggi elettorali Governo Lituania politiche energetiche OPEC Salman muro di Berlino nucleare Tagikistan WCIOM Ricostruzione TANAP inquinamento FSB Estonia Cina partiti monarchia Gorbačëv Passaporto Antisemitismo zar Poltava Runet Russkij Mir INF Vladimir Žirinovskij Afghanistan Francia G7 separatismo Montenegro Relazioni internazionali Economia Abcasia Rosneft opposizioni Riforme LIbano Kaczynski gas Smolensk Brest-Litovsk migrazioni Rocchelli trattato di pace Calcio Arabia Saudita religione RussiaToday spese militari San Pietroburgo Beirut Disarmo UE Occidente Estremo Oriente Asia Centrale Cipro Sobčak Olocausto Turismo Akinfeev Austria russofobia Germania spesa militare Pietro il Grande coronavirus Finlandia opinione pubblica #cina Costituzione Russa Baltico antiterrorismo SCO Cronache di viaggio Zurabishvili Libia candidati liberalismo Cernenko Venezuela Cittadinanza Partito Comunista Italia Ossezia del Sud #obor gasdotto Levada Baltici Unione Europea Lettonia spie Krasnodar esercito #russia Battaglie storiche Egitto Corea Federazione Russa Russiagate Zelenskij opposizione politica gay Trident Juncture 2018 Spagna Kuznetsov Banca centrale Power of Siberia Kazakistan Vedemosti Tokayev HIV Asia scenari politici sanità nazionalismo Proteste Georgia Storia Papa Francesco Rosatom Curili inchiesta Ksenija Sobčak Siberia Serbia caso Skripal #asiacentrale green energy Sondaggi Theresa May Siria politica estera settore estrattivo S-400 Kirghizistan Bessarabia Nazarbayev Eurasia Israele Cremlino Giornalismo Asia centrale Rojava tossicodipendenza rete Mondiali 2018 Guerra civile siriana ingerenze russe Soft power Nenets Lavrov Diplomazia Russia Unita Tajikistan cultura estremismo Vladimir Putini Aral Arkadij Babcenko lingua Kerč’ Pubblicazioni OPK Kyrgyzstan Boris Titov Vostok18 Costituzione URSS Democrazia Assad