Moldavia, la crisi-lampo

Che la situazione fosse complessa era ben chiaro a tutti. Come abbiamo già avuto modo di commentare a ridosso delle ultime elezioni parlamentari [24 febbraio 2019], il risultato uscito dalle urne consegnava il Paese allo stallo più totale. Le particolari attenzioni e le grandi attese per la tornata elettorale di Chisinau, tesa tra Mosca e Bruxelles, si sono rapidamente sgonfiate quando l'esito degli scrutini è stato quello di una sostanziale incertezza: non sfondano i filorussi, né tanto meno i pro-UE. Il blocco politico si è aggiunto, così, ai numerosi problemi del Paese più povero d'Europa.

I FATTI 

Dopo oltre 3 mesi di trattative e avvicinamenti, l'8 giugno sembra profilarsi un accordo inatteso, ma potenzialmente funzionale: i due partiti che hanno raccolto più voti, ovvero i Socialisti del presidente Igor Dodon (31,2%) e il movimento anticorruzione ACUM (26,8%) raggiungono l'intesa per formare il nuovo governo moldavo. Il ruolo guida era stato affidato a Maia Sandu, esponente di ACUM, ex dirigente della Banca Mondiale e Ministro dell'Istruzione. La Sandu ha subito dichiarato "la fine del regime oligarchico", riferendosi al Partito Democratico e al suo patron Plahotniuc, la cui estromissione è parsa subito come il principale obiettivo di questa inconsueta alleanza. Il presidente Igor Dodon, che ha raccolto il giuramento del nuovo governo, ha chiesto agli schieramenti "equilibro e maturità politica". Da sottolineare come il nuovo sodalizio abbia ricevuto il sostegno congiunto di Bruxelles e Mosca. L'attenzione degli attori internazionali sugli sviluppi politici in Moldavia è stata ben evidente. In questi mesi post-elettorali, rappresentanti UE, OSCE e russi hanno visitato ripetutamente il Paese o dialogato con i suoi delegati. Il 29 maggio, il presidente moldavo Igor Dodon ha intavolato un lungo colloquio con Vladimir Putin, incontrato a Nur-Sultan (Kazakhstan) in occasione del summit dell'Unione Economica Eurasiatica. Pur non essendoci un report ufficiale, è facilmente intuibile quali siano stati i temi in gioco: governo, Europa, Transnistria, energia. Il 3 giugno era nella Capitale moldaba il Commissario UE per le politiche di vicinato, Johannes Hahn, mentre congiuntamente erano in visita anche Dmitri Kozak, rappresentante del Cremlino e promotore di una federalizzazione della Moldova, e Bradley Freden, responsabile dell'Ufficio Europa orientale presso il Dipartimento di Stato americano. Insomma, una notevole spinta per accelerare le negoziazioni.

Tuttavia, nemmeno 24 ore dopo, la Corte Costituzionale di Chisinau ha deciso lo scioglimento del Parlamento e la sospensione del presidente Dodon. Secondo la Corte, il nuovo governo sarebbe stato "illegale", in quanto il giuramento è avvenuto il giorno dopo la scadenza dei termini, ovvero il 7 giugno. Al suo posto, la Corte ha nominato ad interim Pavel Filip, precedente Primo Ministro, appartenente al Partito Democratico al governo finora, il quale ha indetto nuove elezioni per il prossimo 6 settembre.

Il presidente Igor Dodon

LA TENSIONE 

Una decisione di tale portata non era mai stata presa prima nella storia del Paese, forse anche per la sua discussa legittimità politica. Infatti, pur sancito dall'Art. 135 sez. F della Costituzione moldava [La Corte Costituzionale verifica le circostanze che giustificano lo scioglimento del Parlamento, la destituzione del Presidente della Repubblica di Moldova o l'ufficio provvisorio del Presidente, nonché l'impossibilità per il Presidente della Repubblica di Moldova di esercitare pienamente la sua funzione doveri per più di 60 giorni], l'interpretazione della Corte è strettamente riconducibile alla sua composizione. Sui 6 giudici che costituiscono l'organo, graverebbe infatti la forte influenza dell'oligarca Plahotniuc. Anche il Segretario generale del Consiglio d'Europa, Thorbjorn Jagland, ha espresso la sua perplessità per una mossa che sembra essere molto "arbitraria, alla luce del testo della costituzione, delle leggi del Paese e delle leggi internazionali", chiedendo quindi il parere della Commissione di Venezia [Commissione europea per la democrazia tramite la legge, 21-22 giugno] sugli sviluppi in Moldavia.

Di fatto, nella settimana successiva alla decisione della Corte (9-14 giugno), nella piccola Repubblica sono coesistiti due governi, vicendevolmente limitanti nelle loro manovre. Il Partito Democratico ed il suo premier ad interim Filip hanno visto migliaia di sostenitori scendere nelle piazze di Chisinau, mentre centinaia di attivisti hanno bloccato l'accesso nella sede del governo e altre istituzioni dello Stato ai membri della coalizione PS-ACUM. Inoltre, Filip avrebbe fatto approvare il trasferimento dell'ambasciata della Repubblica di Moldova in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme, mossa volta a raccogliere il consenso internazionale.

Parallelamente, Maia Sandu e la sua squadra hanno svolto le proprie attività presso la sede del Parlamento, approvando subito la creazione di una commissione per indagare sulle frodi nel sistema bancario. La forte vocazione anticorruzione di ACUM è indice dell'obiettivo condiviso di "deoligarchizzare" la Moldavia. Come affermato dalla premier, "l'obiettivo comune è quello di liberarsi dal regime [...] noi abbiamo un orientamento europeista, mentre il PS ne ha uno diverso. Ma abbiamo trovato dei punti in comune per definire il lavoro del nuovo governo. [...] vale la pena correre il rischio, se riusciremo a sbarazzarci del regime". Quanto, in realtà, i socialisti condividano questo obiettivo è piuttosto opinabile. Come sostengono molti analisti, infatti, la bizzarra coalizione sarebbe frutto del mancato accordo tra PS e PDM, con in testa Plahotniuc e Dodon. Proprio quest'ultimo, come mostrato in un video dalla tv controllata dall'oligarca, avrebbe accettato ingenti finanziamenti dal Cremlino e da Gazprom (circa 1 milione di $) a patto di sancire un accordo con il PDM e proporre la federalizzazione della Moldavia (e qui si spiega la presenza di Kozak a Chisinau). Il tutto è stato prontamente smentito e bollato come la solita "macchina del fango".

L'oligarca Vladimir Plahotniuc

QUALI PROSPETTIVE 

La minaccia della federalizzazione coinvolge tutti gli attori in campo: i democratici, che usano il tema per screditare la controparte filorussa; la Russia, che potrebbe così porre le basi legali per congelare definitivamente la propria presenza in Transnistria; la vicina Romania, che sulla crisi istituzionale non si è esposta ma che, ad ogni instabilità, sente crescente la pressione migratoria del Paese più povero d'Europa, i cui abitanti hanno spesso la cittadinanza moldava, ma anche quella romena e, quindi, europea.

Sembra che, tuttavia, la situazione si stia molto lentamente placando. Il 15 giugno, il Partito Democratico ha accettato di defilarsi e cedere il potere al nuovo governo PS-ACUM, pur continuando a chiedere nuove elezioni e a riconoscere il nuovo esecutivo come "illegittimo". Esulta Maia Sandu, Primo Ministro a tutti gli effetti, dichiarando che "la Moldavia ora è finalmente libera", mentre l'Unione Europea, Mosca e Washington confermano il loro supporto al governo di coalizione, democraticamente eletto.

Il nuovo Premier moldavo Maia Sandu e il Presidente del Consiglio europeo Donald Tusk
Nesting Orthodoxism: il mosaico balcanico tra soli...
Il Forum Economico Internazionale di San Pietrobur...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

politiche energetiche Gas naturale Diritti umani politica estera Papa Francesco Israele Ucraina Asia centrale Usa Brest-Litovsk elezioni presidenziali Kortezh Markiv opinione pubblica Germania Cronache di viaggio Kyrgyzstan Oriente Paesi Baltici FSB migrazioni Donbass antiterrorismo Azerbaigian nord stream Welfare nucleare Pavel Grudinin Conte Olocausto Sputnik Flame Towers Crimea Vladimir Putini Unione Europea Gorbačëv Boris Titov Mondiali 2018 Akinfeev #asiacentrale Uzbekistan Putin climate change Serbia incidente Poltava Ossezia del Sud Reagan Ilham Aliyev SergeJ Skripal spese militari Russia Società tradizioni migranti bitcoin Runet Kazakistan Ksenija Sobčak Azerbaijan Unione Kuznetsov LIbano rete crisi Università Riforme Libia LGBT Turkmenistan Gibilterra TAP Sobčak Franco Ungheria scramble for Africa Cecenia Afghanistan Mar Baltico Romanov TANAP Cernenko Salman settore estrattivo Italia Trident Juncture 2018 Difesa Power of Siberia estremismo Estonia Mediterraneo minoranza Medio Oriente lago Bajkal Grigorij Javlinskij Nikita Chruščëv PIL Economia Levada Krymskij most Armi Nato criptovalute Stati Uniti Macedonia Pensioni Business Russia Russkij Mir Astana Africa Theresa May Demografia Caspio Soft power trattato di pace Storia Guerra Nagorno-Karabakh Rosatom #obor Occidente Cittadinanza San Pietroburgo partiti Lituania WCIOM Clima Regime Change inquinamento Francia autocefalia nazionalismo Caucaso governo russo Rosneft Baku PCFR Golunov Stalin elezioni Politica Giovani #commercio esercito boicottaggio Zurabishvili troll corruzione Europa SGC Moldavia Grande Gioco Bielorussia Cherchesov Pietro il Grande rivoluzione di velluto estrema destra G8 propaganda società Abcasia Michele I stalinismo Rocchelli gasdotto #economia religione Anatolij Sobčak Lavrov RussiaToday soft power Prigožin Cina Asia Centrale ortodossia Russiagate opposizione politica Ecologia Kirghizistan Mare del Nord Federazione Russa SCO caso Skripal Midterm Krasnodar Marina Transnistria Sondaggi Disarmo HIV Eltsin Roma Sergej Baburin incendio S-400 Balcani energia Egitto Eco Internazionale Arabia Saudita INF tossicodipendenza Iran anti-liberalismo Gennadij Zjuganov Passaporto via della seta Mondiali Mare Zelenskij ISP Spagna rivoluzioni colorate 1941 età dei torbidi Assad #sanzioni Kerč’ Vladimir Putin Austria Gazprom Kim terrorismo russkaja ulica eroina Protocollo di Minsk Skripal Peredača spesa militare Diplomazia PCUS Battaglie storiche Siria ingerenze russe Casa Bianca Proteste Relazioni internazionali Corea Smolensk Naval'nyj geopolitica gas Pubblicazioni candidati Ambiente russofobia influenza imperialismo Siberia Kiev Nigeria Russia Unita Giappone Montenegro opposizioni spie Baltico elezioni presidenzali Sorge nazismo Aleksej Naval'nyj Sicurezza internet G7 Helsinki cultura Chiesa ortodossa Unione sovietica Ricostruzione Vladimir Žirinovskij Parigi Macron Cremlino Pashinyan reportage Asia Georgia El'cin Beirut proteste in Russia Merkel Partito del Progresso Maxim Surajkin diritti Corea del Sud Partito Comunista Patriarca Kirill Guerra fredda Curili Svezia Jabloko cooperazione Chiesa Ortodossa Russa zar Vostok18 Poroshenko sondaggi elettorali Tagikistan K-19 FIFA Finlandia Cripto Valley scenari politici Saakashvili export armi Vedemosti Lettonia Minchenko Group Consulting LDPR Venezuela inchiesta Calcio dazi americani Arkadij Babcenko DNS liberalismo Mosca Tajikistan Aral Panslavismo UE Idlib Giornalismo OPK green energy Islam #cina comunismo Vaticano Sanzioni Cipro WC2018 ISIS Dmitrij Medvedev gay monarchia lingua Democrazia Artico Turchia #silkbeltroad Costituzione Russa #russia URSS Ara Trump Armenia