L’Ucraina tra riforme, oligarchi ed etnonazionalismo

Ad un anno dall'insediamento, il Presidente ucraino Zelensky gode ancora di altissimi consensi tra la popolazione, nonostante le turbolenze scaturenti dai suoi legami fuligginosi con l'oligarca Ihor Kolomojskij e le rinnovate pressioni dei nazionalisti ad Est, che ostacolano il raggiungimento di un accordo per lo status delle regioni separatiste.

Ihor Kolomojskij, il terzo uomo più ricco del Paese ed ex co-proprietario della PrivatBank prima dell'avvenuta nazionalizzazione nel 2016, fu accusato dall'allora presidente Poroshenko di speculazione contro la Banca Nazionale Ucraina e per questo costretto all'esilio. La figura del potente businessman è tornata alla ribalta con l'ascesa di Zelensky. Kolomojskij infatti, oltre ad aver appoggiato finanziariamente le forze ucraine nelle repubbliche separatiste, rimane una figura chiave nell'entourage presidenziale. Non sembrerebbe un caso che Kolomojskij sia proprietario di quella TV in cui veniva trasmessa la serie che ha reso celebre l'attuale presidente ucraino. Nonostante egli stesso abbia fatto della politica anticorruzione contro l'arricchimento illecito degli oligarchi ucraini il cavallo di battaglia della sua campagna elettorale, si ha l'impressione che Zelensky non possa rinunciare alla presenza del potente oligarca. 

Tuttavia, non mancano scontri per quanto riguarda la politica estera: Kolomojskij, nei suoi discorsi in pubblico, alimenta l'avversione verso un Occidente che egli definisce 'impassibile e indifferente' verso la questione Ucraina, se non quando si tratta di utilizzare la stessa come pedina in una guerra per procura contro la Russia. Egli ha infatti più volte incoraggiato pubblicamente la presidenza a cercare l'appoggio russo invece che degli Stati Uniti e dei leader europei. Dichiarazioni da cui Zelensky si è trovato costretto a prendere pubblicamente le distanze, per mantenere in piedi il fragile castello di carta che ha costruito nelle trattative con Mosca e con l'Europa.
L'incontro multilaterale tra il Presidente russo Putin, il Presidente francese Macron, la Cancelliera tedesca Merkel e il Presidente ucraino Zelensky, 12 ottobre 2019

​Nonostante qualche incidente di percorso, la popolarità di Zelensky rimane alta, soprattutto per il suo approccio nei confronti della questione del Donbass, che gli permette di godere anche delle simpatie delle democrazie occidentali. La formula Steinmeier – un procedimento per il raggiungimento di uno status quo semplificato nel Donbass rispetto al contenuto del protocollo di Minsk – è un format che si è rivelato efficace per aprire un dialogo con la Russia. Francia e Germania fanno pressione su Kiev, intravedendo nell'applicazione della formula la speranza per una stabilizzazione ed una ripresa dei rapporti economici tra Russia e Ucraina, cruciali per il passaggio del gas in Europa

Nel vìs-a-vìs con Mosca, Zelensky ha dimostrato di essere aperto al dialogo piuttosto che arroccarsi in posizioni nazionaliste e toni provocatori. Ha persino inaugurato un nuovo tipo di negoziati, ovvero lo svolgimento di incontri bilaterali con Putin al fianco del tradizionale vertice multilaterale tra Berlino, Parigi, Kiev e Mosca. Il secondo aspetto innovativo della strategia Zelensky riguarda l'attenzione alle dinamiche bottom-up. Differentemente dal predecessore Poroshenko, il metodo del neopresidente consiste nel voler 'riconquistare' gli abitanti del Donbass, concentrando gli sforzi verso la costruzione di opere e infrastrutture che permettano di connettere le periferie delle Repubbliche di Donesk e Lugansk con Kiev. 

Strategia a cui fa eco l'uso della lingua russa al pari di quella ucraina nei discorsi pubblici di Zelensky. Un elemento da non sottovalutare, considerando la centralità che aveva la nazionalizzazione della lingua ucraina nell'agenda di Poroshenko. In altre parole, quella di Zelensky è una pace costruita dal basso, in contrapposizione ad una pace contrattata dai vertici. Una strategia che potrebbe porre le basi per una reintegrazione stabile del Donbass, la possibilità di maggior potere negoziale con la Russia e la contrattazione per una legge elettorale che determini l'applicazione della formula Steinmeier

Ad opporsi sono gli etnonazionalisti, che non vogliono cedere a quanto previsto dalla formula, che ai loro occhi significherebbe una 'capitolazione'. Lo scorso ottobre, sia Kiev che la città di frontiera Zolote sono state attraversate da venti di protesta. Sono tuttavia un gruppo minoritario rispetto alla maggior parte degli Ucraini che ha allentato il sentimento antirusso negli ultimi mesi. Secondo i dati del 2020, l'opinione positiva degli Ucraini nei confronti dei Russi è del 54%. Un dato positivo se paragonato agli anni dal 2014 al 2018, in cui non superava il 48%. 

La centrale termoelettrica di Lugansk, polo industriale nel Donbass

La guerra con la Russia, fomentata dalla retorica aggressiva e nazionalista di Poroshenko, non ha fatto altro che ledere le finanze dei cittadini ucraini negli ultimi anni. L'isolamento dell'Ucraina dall'economia europea e da quella russa non porta benefici nel lungo periodo e si è conclusa solo con un nulla di fatto sul piano internazionale. Dopo una riduzione drastica del PIL a partire dal 2013 e con una disoccupazione tutt'oggi intorno al 10%, l'economia ucraina rimane instabile. Solo il ripristino di un equilibrio politico ed economico con il vicino russo, da cui Kiev è sempre stata molto dipendente, può garantire una ripresa delle finanze. 

Le parti orientali, in particolare la zona industriale del Donbass, sono rimaste devastate dal conflitto. Non c'è quindi possibilità di ripresa se non si avvia una ristrutturazione decisa delle periferie. Essendo per questo necessaria prima una stabilizzazione politica, la questione economica e della disoccupazione hanno preso il sopravvento sulla questione nazionalista e sul braccio di ferro con Mosca. In sostanza, i cittadini ucraini non hanno più voglia di fare la guerra.

Gli equivoci legami con la sfera degli oligarchi e il limitato impegno europeo non rappresentano elementi di novità relativamente alla questione sullo status delle Repubbliche separatiste. Ciò che invece rappresenta un punto di svolta – per lo meno nei negoziati, a prescindere quindi dal risultato effettivo – è il cambio di strategia nei confronti di un Donbass sempre meno ucraino. Lavorare per intensificare gli scambi alla frontiera, non solo di beni ma anche di persone, aumenterebbe sì il benessere economico, ma anche la cooperazione e il dialogo interetnico, dunque la fiducia reciproca

Quest'ultima è un elemento cruciale, spesso la chiave di volta per il rispetto del cessate il fuoco e il raggiungimento di una pace stabile e duratura nel tempo. Tuttavia, soprattutto nell'area post-sovietica, l'attenzione alle dinamiche della periferia passano in secondo piano, a privilegio invece delle trattative formali e in una gestione del conflitto top-down. Riconsegnare alla periferia un posto centrale significa adottare un quadro d'insieme più ampio ed una visione di lungo periodo e meno miope, che racchiude la molteplicità delle dinamiche del conflitto e dunque che coglie una pluralità di soluzioni

Nonostante l'attesa risposta di Mosca, che si concretizzerà molto probabilmente nell'intensificarsi della campagna anti-ucraina e anti-occidentale, il tentativo di coinvolgere le comunità di periferia nella ricostruzione sociale ed economica presenta del potenziale. A prescindere dal risultato, ciò che conta è che, nella sua inesperienza, l'ex comico Zelensky ha colto un punto importante della questione, che rimarrà probabilmente centrale nell'agenda di politica estera di Kiev: la ricostruzione della società. Ricucire il tessuto proprio lì dove si era strappato. Se un tale approccio dovesse portare ad uno sblocco nei negoziati con la Russia, si andrebbe a creare un precedente da applicare per 'scongelare' tutti quegli scambi che rimangono bloccati nelle periferie, in una regione che va dal Mar Nero al Mar Caspio e che conosciamo come la terra dei conflitti congelati.

Ucraina, il cessate il fuoco del gas
La Bielorussia e l'alternativa cinese
 

Comments (1)

This comment was minimized by the moderator on the site

Si direbbe, a leggere questo articolo, che l'Ucraina si sia posta da sola in una situazione di isolamento internazionale, con "la retorica aggressiva e nazionalista di Poroshenko" che sembra nata dal nulla, così, per una bizza.
Ora, a parte che...

Si direbbe, a leggere questo articolo, che l'Ucraina si sia posta da sola in una situazione di isolamento internazionale, con "la retorica aggressiva e nazionalista di Poroshenko" che sembra nata dal nulla, così, per una bizza.
Ora, a parte che non c'è nessuna "guerra con la Russia", bisognerebbe ricordare che l'Ucraina ha un Accordo di Associazione con l'Europa per cui, se c'è "L'isolamento dell'Ucraina dall'economia europea" bisogna chiedere all'Europa che sta facendo e perché tale accordo, tanto caldeggiato e controverso, non ha prodotto gli sperati benefici.
Insomma, articolo ben documentato, ma viziato da una lettura quantomeno parziale e amnesiatica degli eventi.

Read More
There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Bielorussia Corea del Sud Smolensk Informazione Estremo Oriente Vostok18 Paesi Baltici SergeJ Skripal Montenegro lingua incidente Pietro il Grande Società Alessandro II Kerč’ Grande Gioco PIL Sicurezza green energy Vedemosti età dei torbidi troll Minchenko Group Consulting Cherchesov Kortezh Power of Siberia Ara FIFA Mediterraneo Battaglie storiche crisi Venezuela LDPR RussiaToday G7 Cipro Russia Azerbaigian settore estrattivo Federazione Russa Serbia elezioni presidenziali Krymskij most minoranza Romanov SGC opinione pubblica LGBT Demografia Diritti civili Abcasia Cina Cittadinanza Mar Baltico Grigorij Javlinskij #cina Rocchelli Sputnik soft power Tagikistan PCUS Arabia Saudita ortodossia eroina #asiacentrale Nenets Sergej Baburin Eco Internazionale reportage Stalin Calcio sanità Rojava Tokayev jihad Brest-Litovsk WADA Naval'nyj Baku Asia Marina Kuznetsov Clima Helsinki zar Vladimir Putini Egitto Golunov Unione Europea Finlandia Nagorno-Karabakh società Eurasia Antisemitismo coronavirus Mosca Stati Uniti Papa Francesco Libia Russia Unita summit Disarmo Unione sovietica Dmitrij Medvedev Italia Giappone Vladivostok Diplomazia Lettonia scramble for Africa tradizioni Armi Corea 2024 Bessarabia sondaggi elettorali internet tossicodipendenza migranti Eltsin Chiesa Ortodossa Russa sviluppo rivoluzioni colorate geopolitica governo russo Idlib Romania Turismo inchiesta Tajikistan Proteste gas Occidente Vaticano stalinismo Russiagate Giornalismo Gazprom Kazakhstan opposizione politica Baltico cultura Protocollo di Minsk Lituania Vladimir Žirinovskij Azerbaijan Ucrainagate rete Sorge Islam Germania Reagan Pashinyan via della seta Rosneft Democrazia Nazarbayev #silkbeltroad estremismo S-400 #economia Flame Towers Tripoli DNS Trident Juncture 2018 Asia centrale diritto Panslavismo Crimea Armenia Ungheria Curili gasdotto Seconda Guerra Mondiale Uzbekistan FSB Gennadij Zjuganov dazi americani Cronache di viaggio TAP Chiesa ortodossa URSS Europa Partenariato orientale Olimpiadi Polonia politiche energetiche K-19 visita di Stato candidati questioni di genere Covid-19 imperialismo politica interna popoli Assad Ksenija Sobčak nazionalismo Riforme Peredača opposizioni Partito Comunista Aleksej Naval'nyj Macedonia Parigi Passaporto Bruxelles 1941 Turchia Nigeria oligarchi Casa Bianca Politica influenza Patriarca Kirill incendio Cremlino Mare boicottaggio OPK liberalismo Shoah anti-liberalismo Tusk partiti Skripal russkaja ulica Olocausto criptovalute Nato Austria energia Francia Beirut scenari politici russofobia ISP Georgia ISIS Krasnodar Turkmenistan diritti Mondiali Gorbačëv Estonia Cripto Valley Chabarovsk femminismo Theresa May Pensioni bitcoin inquinamento Cecenia TANAP Mare del Nord Governo Sanzioni Guerra fredda propaganda relazioni internazionali Difesa LIbano Istituzioni muro di Berlino sport doping Israele Katyn Conte rivoluzione di velluto nazismo Rosatom Santa Sofia finanza elezioni Mondiali 2018 SCO Sondaggi esercito Trump Salman San Pietroburgo Welfare Afghanistan HIV Moldavia Maxim Surajkin Diritti umani Kim Vladimir Putin Ilham Aliyev Soft power Elezioni Usa 2020 Oriente epidemie antiterrorismo Arkadij Babcenko UE caso Skripal Referendum Siria Pubblicazioni Business Russia Ecologia Guerra INF Curdi Runet Zurabishvili Medio Oriente Pavel Grudinin Università Akinfeev elezioni presidenzali Astana Cernenko #commercio Costituzione religione Balcani Iran Levada Ricostruzione nomadismo Sobčak cooperazione Saakashvili autocefalia estrema destra Opposizione G8 Kiev Ossezia del Sud #russia Baltici Gas naturale lago Bajkal terrorismo Artico Putin Markiv WCIOM Africa WC2018 Terre Rare Ambiente Donbass corruzione ingerenze russe Midterm Poltava monarchia nord stream Spagna Guerra civile siriana Poroshenko Relazioni internazionali Roma spese militari Banca centrale #sanzioni climate change #obor Jabloko Costituzione Russa Kyrgyzstan OPEC Regime Change export armi Haftar Caspio Gibilterra spie comunismo Giovani separatismo Prigožin Nikita Chruščëv Partito del Progresso Merkel Franco petrolio Ucraina Boris Titov Politica estera Aral Kirghizistan Asia Centrale Unione Transnistria Macron migrazioni spesa militare Siberia proteste in Russia politica estera 1989 Usa gay Kazakistan nucleare Svezia Caucaso Lavrov Kaczynski Zelenskij Anatolij Sobčak Storia Transiberiana trattato di pace PCFR Michele I Russkij Mir El'cin Economia