Bessarabia e Bucovina settentrionale, un destino tra Romania e (ex)URSS

Ottanta anni fa, il 26 giugno 1940, il governo romeno riceve un ultimatum dall'Unione Sovietica: deve ritirarsi al più presto dalla Bessarabia e dalla Bucovina del Nord. In seguito a un tentativo di negoziazione, la Romania è costretta ad accettare. L'occupazione avrà luogo tra il 28 giugno e il 4 luglio 1940.

Contesto storico e antefatti

Il 23 agosto 1939, pochi giorni prima dello scoppio della Seconda guerra mondiale, viene firmato a Mosca il patto di non aggressione tra la Germania nazista e l'Unione Sovietica. È il patto Molotov-Ribbentrop, comprendente un protocollo segreto aggiuntivo che definisce le aree d'interesse delle due potenze. L'articolo III di tale protocollo sancisce che la Germania non ha alcun interesse verso la Bessarabia e lascia quindi ai sovietici la libertà di rivendicare il territorio. Cosa che non tardano a fare.

Si tratta di aree dell'Europa orientale, storicamente e culturalmente legate alla Romania, già d'interesse russo a partire dal XVIII secolo. Per lunghi periodi queste realtà avevano fatto parte dell'impero zarista e c'era già stato nella regione un lungo processo di russificazione, specialmente dal punto di vista ecclesiastico. È solo in seguito alla Rivoluzione russa del 1905 che inizia a prendere forma un'idea di coscienza nazionale tra i bessarebeni, che si svilupperà ulteriormente in seguito al crollo dell'Impero nel 1917.

A quel punto sia la Russia che l'Ucraina esprimono la loro intenzione di voler annettere la Bessarabia, ma questo non avviene. Il 24 gennaio 1917 viene infatti istituita la Repubblica democratica moldava, che il 27 marzo dell'anno successivo entrerà a far parte della Grande Romania. La decisione avviene in Parlamento, dove i favorevoli all'unione sono 86 su 125; i contrari sono i rappresentanti delle minoranze.

Tale unione, riconosciuta formalmente il 28 ottobre 1920 col Trattato di Parigi, non è mai stata accettata dall'Unione Sovietica. Viene arrestato l'ambasciatore romeno e vengono confiscate le riserve auree romene che per motivi di sicurezza erano state trasferite a Mosca durante la Prima guerra mondiale (la questione resta irrisolta ancora oggi). In quel periodo, Bucarest deve far fronte a una situazione interna articolata e complessa; i sovietici provano a inserirsi in questo contesto in diversi modi, utilizzando vari strumenti di propaganda, con l'intento di provocare disordini.

Fondamentale all'interno del progetto propagandistico sovietico è la creazione nel 1924 della Repubblica Autonoma Socialista Sovietica Moldava a sinistra del fiume Dniestr, comprendente la Transnistria e alcuni territori ucraini. L'uso del toponimo Moldavia è significativo, perché questi territori non avevano mai fatto parte dell'antico Principato di Moldavia e vuole dunque marcare un legame tra queste terre e la Bessarabia.

Così come sostanziale è la creazione ex novo della lingua moldava. L'intenzione è quella di creare un'identità che sia distaccata da quella romena e per farlo i sovietici realizzano un preciso progetto di pianificazione linguistica. Ricordiamo inoltre, che nonostante le varie controversie, ad oggi la comunità scientifica non riconosce il glottonimo "lingua moldava", che dal 2008 è stato privato del suo codice identificativo; viene infatti riconosciuta come una variante della lingua romena. 

Immagine tratta da “A Concise History of Romania”, di Keith Hitchins

L'occupazione sovietica e gli anni successivi

In seguito allo scoppio della Seconda guerra mondiale, Mosca rivendica i territori della Bessarabia e della Bucovina del Nord perché ritiene che la Romania glieli abbia sottratti illegalmente; sostiene altresì che questi territori siano abitati prevalentemente da ucraini. In realtà la rivendicazione sovietica non ha alcun fondamento giuridico; la maggior parte degli abitanti, inoltre, sono in realtà romeni.

La Romania è sola. L'ultimatum, infatti, arriva poco dopo la sconfitta dei francesi, garanti dei confini romeni, e solo la Turchia si rende disponibile ad intervenire militarmente. Bucarest tenta di negoziare, ma una nota arrivata meno di 24 ore dopo l'ultimatum, stabilisce il 28 giugno come data dell'ingresso sovietico in Bessarabia; le truppe romene hanno quattro giorni per l'evacuazione. È un grave colpo per il regime romeno e tra la popolazione si diffonde un sentimento di malcontento e frustrazione.

Durante l'avanzata, inoltre, l'Armata rossa occupa anche il distretto di Herța, mai appartenuto all'impero russo e abitato quasi totalmente da romeni. Questo è dovuto alla sua posizione di zona cuscinetto tra i due territori d'interesse sovietico. La Romania perde quasi quattro milioni di cittadini. Decine di migliaia di persone sono costrette ad abbandonare tutto in tempi strettissimi; molti ufficiali romeni vengono inoltre arrestati dalle truppe sovietiche che non rispettano le tappe di evacuazione stabilite. Numerosi funzionari pubblici e membri del clero non riescono a lasciare i territori nei tempi statuiti.

Una volta acquisiti i nuovi possedimenti, bisogna deciderne gli assetti. L'Ucraina ottiene i distretti di Hotin, Cetatea Albă e Ismail, più due terzi della R.A.S.S. Moldova; in questo modo circa 300 mila romeni diventano abitanti dell'Ucraina. Le restanti aree vanno a costituire la Repubblica Socialista Sovietica Moldava, in cui riprende un intenso processo di russificazione e sovietizzazione.

Successivamente, sono in molti a tentare di ricongiungersi con le proprie famiglie in Romania, varcando i confini. I sovietici reagiscono duramente e in vari modi. Tra gli episodi più gravi c'è quello che passerà alla storia come il Massacro di Fântâna Albă (fontana bianca), avvenuto il 1° aprile 1941.Circa 3000 persone si dirigono verso la frontiera romeno-sovietica in maniera pacifica e portando con sé una bandiera bianca e insegne religiose. Le truppe al confine aprono il fuoco uccidendo e ferendo molti civili; parecchi vengono torturati. Ancora oggi non si conosce il numero esatto delle vittime. In seguito a questo episodio molti romeni vengono deportati in Siberia e in Kazakhstan e inizia una forte repressione nei loro confronti.

Il 27 giugno 1941, in alleanza con la Germania nazista, la Romania riesce a recuperare i territori che aveva perso; nelle settimane successive le truppe romene riescono ad entrare anche in Transnistria. Quando entra in Bessarabia, l'esercito romeno è accolto con gioia dalla maggior parte della popolazione, che lo vede come l'esercito liberatore. Chi non gioisce sono gli appartenenti alle minoranze, e non a torto. Tra il 1941 e il 1943 si verifica un vero e proprio genocidio, a danno principalmente di ebrei e zingari.

A partire dal 1944 vengono ristabiliti i precedenti confini romeno-sovietici del 1940; la cessazione verrà poi formalizzata con i Trattati di Parigi nel 1947. La Bucovina del nord e tre distretti della Bessarabia meridionale entrano a far parte della Repubblica socialista sovietica ucraina. Da quel momento i confini rimangono pressoché immutati e nel 1991 la R.S.S. Moldava dichiara la propria indipendenza, chiamandosi, a partire da quel momento, Repubblica di Moldavia.

Memoriale in ricordo delle vittime della repressione sovietica, Chisinau, Moldavia

Interpretazioni storiografiche

Conoscere la storia moldava è importante per comprendere la situazione attuale all'interno della Repubblica, dove non regna sicuramente l'unità.

Ancora oggi continuano ad esserci varie interpretazioni dei passati avvenimenti. Se la maggior parte degli storici tende a confermare il fatto che quella sovietica è stata una vera e propria occupazione, altri parlano invece di liberazione sovietica dal giogo romeno. Quello che sappiamo con certezza è che in Moldavia, dal 2010, il 28 giugno è la giornata scelta per commemorare le vittime dell'occupazione sovietica e del regime totalitario comunista (l'azione è stata condannata da Mosca). In Transnistria, intanto, sventolano ancora le bandiere sovietiche.


Jessica Venturini

Baltici, la questione energetica all’ombra della d...
La vera lotta per la successione di Putin comincia...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Caucaso scramble for Africa Salman Helsinki opposizione politica doping Terre Rare Vaticano ISP #cina Baltico Costituzione Russa Prigožin Partito del Progresso Serbia Lituania Curili Italia inchiesta Giornalismo Kerč’ Merkel Corea del Sud politica interna Shoah Pubblicazioni candidati Gennadij Zjuganov Azerbaigian PCUS diritti Guerra Anatolij Sobčak Krasnodar Pensioni Romania Francia Ilham Aliyev Sorge Turkmenistan K-19 Clima finanza tossicodipendenza export armi Poroshenko Artico partiti Società Unione Sputnik comunismo caso Skripal Asia centrale ortodossia 1989 Jabloko rivoluzione di velluto Theresa May PCFR Curdi Informazione Turchia green energy Finlandia Mondiali Santa Sofia Levada TANAP #asiacentrale Zelenskij Arkadij Babcenko Vostok18 internet Guerra fredda Uzbekistan HIV SCO Tokayev femminismo Beirut rivoluzioni colorate Passaporto #silkbeltroad Protocollo di Minsk autocefalia Putin Russkij Mir Nikita Chruščëv Vladimir Putin Economia Aleksej Naval'nyj nazismo Kim Macedonia Pavel Grudinin Idlib Peredača Sergej Baburin Estonia opposizioni petrolio stalinismo Proteste Golunov Guerra civile siriana Lettonia Giappone Egitto Georgia Armenia Conte spese militari Kazakistan Medio Oriente cooperazione Chabarovsk Olocausto Vedemosti Sobčak Kiev nucleare Flame Towers Kazakhstan migrazioni Banca centrale elezioni presidenzali Caspio sanità Kuznetsov Rojava Cecenia elezioni presidenziali Ungheria estrema destra energia sport elezioni settore estrattivo Relazioni internazionali relazioni internazionali Nazarbayev Cremlino LGBT liberalismo Romanov Baku Montenegro Arabia Saudita Poltava muro di Berlino climate change Asia Centrale società G7 Partenariato orientale Aral #sanzioni monarchia FIFA Covid-19 Alessandro II Michele I Difesa migranti Diritti umani Russiagate Welfare Ricostruzione Russia reportage Skripal Cherchesov Donbass Lavrov via della seta ISIS Cittadinanza Partito Comunista 1941 eroina Krymskij most Mare del Nord trattato di pace Nato criptovalute Ucrainagate Diritti civili Baltici El'cin bitcoin russkaja ulica Eurasia Stati Uniti Antisemitismo dazi americani Gibilterra Politica estera propaganda Unione sovietica Panslavismo diritto Tusk gay Papa Francesco WADA Ecologia San Pietroburgo Mare Balcani jihad Zurabishvili RussiaToday questioni di genere Paesi Baltici Dmitrij Medvedev Calcio Smolensk proteste in Russia Tajikistan Patriarca Kirill Business Russia coronavirus Roma Chiesa Ortodossa Russa tradizioni popoli summit #russia Governo Runet Nenets URSS lingua Turismo Grande Gioco rete Costituzione Bielorussia Kyrgyzstan lago Bajkal inquinamento Gazprom boicottaggio età dei torbidi Crimea Europa oligarchi gas Haftar Asia Vladivostok TAP SergeJ Skripal Gorbačëv Reagan nomadismo Germania SGC Brest-Litovsk russofobia epidemie Bruxelles Siria #economia Mosca Cripto Valley #obor Politica Eco Internazionale Islam Moldavia Transnistria Polonia sviluppo Tagikistan sondaggi elettorali OPK ingerenze russe Ara Riforme troll corruzione Transiberiana Marina Assad DNS Unione Europea S-400 Cipro Boris Titov Akinfeev scenari politici esercito Macron anti-liberalismo Russia Unita nazionalismo Trump Mar Baltico Sicurezza estremismo antiterrorismo Grigorij Javlinskij cultura 2024 politiche energetiche Oriente Diplomazia Pietro il Grande Mondiali 2018 Demografia Rocchelli Università Markiv PIL Ksenija Sobčak spie Bessarabia Democrazia Kaczynski incidente OPEC Mediterraneo Ucraina spesa militare Spagna Sondaggi religione Naval'nyj nord stream Olimpiadi Federazione Russa Soft power Minchenko Group Consulting Iran Nagorno-Karabakh Referendum influenza minoranza Midterm WCIOM gasdotto terrorismo Usa Azerbaijan Cernenko LDPR WC2018 Kortezh Tripoli Astana opinione pubblica Ossezia del Sud Austria Estremo Oriente UE Libia Opposizione Gas naturale Sanzioni Katyn Vladimir Putini Casa Bianca Regime Change Stalin Trident Juncture 2018 Rosatom Cronache di viaggio Storia separatismo Disarmo Pashinyan Franco Nigeria FSB Battaglie storiche Parigi Occidente LIbano Eltsin soft power incendio Svezia visita di Stato Venezuela Siberia Maxim Surajkin Cina Israele Ambiente Giovani zar Abcasia Corea Istituzioni Vladimir Žirinovskij Africa G8 Rosneft Saakashvili Kirghizistan politica estera Power of Siberia crisi Seconda Guerra Mondiale imperialismo Elezioni Usa 2020 Afghanistan #commercio INF Chiesa ortodossa Armi governo russo geopolitica