Washington e Kiev, cosa ci si aspetta nel 2021

La politica statunitense verso l'Ucraina è rimasta imperniata sulle stesse priorità dal 1991. La presidenza Obama ha comportato un salto di qualità nel solco di questo approccio, mentre quella Trump ha segnato la politicizzazione mediatica del rapporto con il Paese. La presidenza Biden potrebbe rendere più efficace l'impegno statunitense, all'interno degli obiettivi e dei binari tradizionali.

Nell'estate del 2014 il doppio effetto delle sanzioni europee e del crollo del prezzo del petrolio comportava la drastica svalutazione del rublo russo, che da valori vicini ai 50 rubli/€ si sarebbe attestato nella forbice tra i 65 e i 92 rubli che conosciamo oggi. Questo crollo secco del valore nominale dell'economia russa nell'estate del 2014 significò due cose: da un lato, maggiori costi economici e politici per proseguire un'eventuale annessione dell'Ucraina orientale; dall'altro il segnale forte e chiaro ai leader della riva sinistra del Dnepr che i Paesi occidentali erano in grado di impegnarsi in modo sostanziale contro l'avanzata russa.

All'indomani della cacciata di Janukovych, dell'annessione russa della Crimea e mentre cortei opposti ancora scuotevano e insanguinavano il Paese, alcuni leader chiave dell'Ucraina orientale russofona si trovarono a dover fare una scelta: agevolare l'azione delle forze che da entrambi i lati del confine spingevano per l'annessione alla Russia, oppure combatterle, schierandosi con Kiev. Mentre si intensificavano gli scontri che nel Donbass avrebbero portato alla guerra aperta, uomini come Hennadiy Kernes, oligarca del centro nevralgico di Kharkiv, oppure Ihor Kolomoyjskyj, uomo forte di Dnipropetrovsk, ebbero più di un'esitazione prima di schierarsi definitivamente contro l'intervento russo.

Se la scelta di questi uomini fu decisiva per contenere l'intervento russo al solo Donbass è perché l'amministrazione Obama, in collaborazione con Bruxelles, alzò in modo decisivo i costi dell'azione di Mosca, dimostrando alle élite locali che l'Ovest era pronto a fare passi sostanziali a difesa di Kiev.

Gli eventi del 2014 hanno rappresentato un salto di qualità nel contesto di una politica americana verso l'Ucraina che è rimasta sostanzialmente invariata dal 1991 ad oggi, fondata sul supporto alle riforme, sull'istituzionalizzazione della governance democratica e della rule of law e sulla progressiva integrazione nelle strutture promosse dall'asse euroatlantico.

Cosa è cambiato con Trump?

Foto: Jonathan Ernst / Reuters

A livello di politica concreta molto poco, è cambiata invece molto la politicizzazione mediatica dell'Ucraina nel dibattito americano.

In termini di policy l'approccio americano rimane infatti legato alle priorità tradizionali, che dopo il 2014 hanno visto un incremento in termini di opportunità e risorse. Il cardine dell'influenza americana - e più in generale occidentale - resta il supporto alle riforme verso un'economia di mercato e istituzioni di tipo democratico. Questo sforzo, imperniato sul ruolo del Fondo Monetario Internazionale, ha determinato l'espansione negli anni recenti di questa istituzione, che presta somme di denaro vitali per il bilancio pubblico ucraino. I finanziamenti del FMI seguono un principio di condizionalità, e sono vincolati agli effettivi progressi compiuti dal Paese nella liberalizzazione del mercato interno e nell'adattamento alle istituzioni economiche e politiche occidentali.

L'influenza del FMI è inoltre rafforzata dal fatto che negli ultimi anni questa istituzione sia diventata anche il punto di riferimento tanto per i donatori che gli investitori occidentali sia pubblici che privati. La ragione per cui il rinnovo o l'ottenimento dei prestiti del Fondo Monetario sia diventato un argomento ricorrente nel dibattito ucraino non si limita infatti all'importanza che questi prestiti hanno in sé, ma che dall'erogazione o meno di questi dipende il flusso delle donazioni e degli investimenti occidentali nel suo complesso.

Attorno al cardine delle riforme istituzionali, che sono inoltre profondamente legate all'implementazione dell'Accordo di associazione con l'Unione Europea, gli Stati Uniti incoraggiano la cooperazione in diversi settori economici, a cominciare per esempio da quello dell'energia, promuovendo lo scambio di informazioni e un processo di armonizzazione delle regolamentazioni volto ad agevolare gli investimenti occidentali.

La terza priorità, cioè la progressiva integrazione in strutture come la NATO o l'UE, dipende invece sostanzialmente dal processo di riforma istituzionale e dalla risoluzione del conflitto con la Russia. A questo si collega una quarta priorità, emersa nel 2014, che è la salvaguardia dell'unità territoriale ucraina e che si traduce nei fatti nel supporto logistico e militare alle forze di Kiev.

Se questa politica è continuata tanto durante l'amministrazione Obama quanto durante quella Trump, quello che è cambiato dopo l'elezione di quest'ultimo è invece l'esposizione mediatica del Paese, per due ragioni. La prima sono le accuse di illegittimità mosse a Trump, la cui elezione sarebbe stata favorita dall'attività sui social network di alcune aziende che non sono estranee agli ambienti del potere russo. Il rapporto con la Russia è diventato così una questione centrale per la politica interna americana, e con esso il rapporto con quei Paesi che si oppongono all'influenza del Cremlino.

Il secondo fattore che ha cambiato il significato del rapporto con l'Ucraina per l'opinione pubblica americana è il forte coinvolgimento dello sfidante democratico Biden nei rapporti con Kiev durante la presidenza Obama, unito agli affari che qui ha condotto il figlio. Questo collegamento ha fatto dell'Ucraina una specie di campo di battaglia per la campagna elettorale americana, con il presidente uscente impegnato a trovare prove compromettenti di malversazione dell'avversario, finendo per essere accusato di avere esercitato pressioni indebite ai danni di un governo di un Paese alleato.

Cosa può cambiare con Biden?

Foto: Valentin Ogirenko / Reuters

È improbabile che le priorità decennali della politica americana verso l'Ucraina cambino con l'amministrazione Biden, così come è difficile che le scelte di politica estera cessino di essere influenzate dal particolare significato che l'opposizione alla Russia ha preso ad avere per la politica interna americana.

Ciò che potrebbe cambiare con il nuovo presidente è invece la qualità dell'impegno americano in Ucraina. Il nuovo presidente ha un'esperienza diretta del Paese, del quale si è occupato durante l'amministrazione Obama. A differenza di Trump, che prima di diventare presidente aveva avuto a che fare con l'area post-sovietica solo per turismo, Joe Biden si occupa di quest'area del mondo da molti decenni: all'indomani dell'elezione, nei social network russofoni hanno avuto grande diffusione le foto del neopresidente in compagnia dei leader sovietici, che incontrò più volte durante le proprie missioni diplomatiche a Mosca negli anni '80.

Sul lungo periodo, la cosa cruciale per il posizionamento dell'Ucraina è il tipo di istituzioni politiche ed economiche di cui si doterà: questa scelta dipende dall'andamento delle riforme, promesse da Kiev ma continuamente ostacolate sia da fattori di contesto come l'attuale organizzazione dello Stato e una cultura molto permeabile all'informalità, sia da attori politici contrari alle riforme, tra i quali spiccano gli oligarchi.

Se per Trump l'Ucraina era terra di conquista, un'area cuscinetto nella quale cercare prove compromettenti contro i propri avversari interni, Biden ha invece quella conoscenza delle leve del potere ucraino che potrebbe rendere più forte l'influenza statunitense sulle riforme interne del Paese.

Se da un lato, infatti, Biden conosce bene gli attori chiave della politica ucraina, è anche improbabile che non si sia accorto che non sono pochi gli oligarchi che hanno interessi economici, anche rilevanti, negli Stati Uniti stessi. Uno di questi è lo stesso Kolomojskyj, al centro di quel caso Privatbank attorno al quale si sono giocati in questi anni gli equilibri istituzionali del Paese. 


Giulio Benedetti

Gli Stati Uniti e il nodo bielorusso
La saga dell'Orso e del Dragone

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Soft power ortodossia Svetlana Tikhanovskaja Israele Spagna Austria imperialismo Federazione Russa Trident Juncture 2018 Brest-Litovsk Germania Serbia Politica estera climate change Costituzione Vaticano Lukashenko Shoah Sondaggi anti-liberalismo nazismo Lettonia Beirut Corea del Sud Eurasia INF Clima Economia Anatolij Sobčak FSB Corea candidati Kazakhstan Bruxelles Pamfilova scramble for Africa Africa Putin Zakharova Mondiali Trump #cina separatismo Gas naturale Kiev #commercio TAP SergeJ Skripal Egitto diritto Rublo Guerra Pashinyan Costituzione Russa politiche energetiche ISP Giappone sport 1941 Università Runet Dmitrij Medvedev minoranza Ara Reagan S-400 Sudan Afghanistan Ricostruzione Welfare Terre Rare Gibilterra Roma green energy Parigi Kaczynski inquinamento Islam politica interna Flame Towers Marina età dei torbidi Caucaso tradizioni Kirghizistan Nigeria #obor femminismo Sergej Baburin L'Orso Polare Donbass Patriarca Kirill SGC Romania caso Skripal UE russofobia Mare Mar Rosso sondaggi elettorali Cripto Valley diritti Grigorij Javlinskij Russiagate Kuznetsov Asia Centrale Ilham Aliyev Medio Oriente Lituania Rojava Aleksej Naval'nyj società Romanov Diritti civili Skripal Business Russia scenari politici LIbano Stalin Moldavia Russia lingua Cecenia Rocchelli Ideologia Unione PCFR opinione pubblica Vostok18 migranti Jabloko RussiaToday Montenegro Battaglie storiche Turkmenistan Kortezh Theresa May Crimea Giornalismo Cina Macron Uzbekistan Democrazia gasdotto Ambiente PIL frozen conflicts Diritti umani Artico religione TANAP Mar Baltico Stati Uniti migrazione Usa Europa Estonia Zurabishvili spesa militare droni Papa Francesco Storia governo russo Asia centrale export armi Nazarbayev Assad Transnistria Eco Internazionale migrazioni San Pietroburgo Francia elezioni presidenziali Baltici Vladimir Putin Pavel Grudinin Unione sovietica Covid-19 Informazione Politica Asia Kyrgyzstan dazi americani muro di Berlino popoli Elezioni Usa 2020 Bessarabia sviluppo opposizione politica internet Poltava Panslavismo Azerbaigian Partito Comunista nord stream interviste Rivoluzione Cantata doping nomadismo OPK settore estrattivo G7 Difesa Cipro Helsinki rete Golunov Demografia Vladimir Putini Calcio India Nagorno Karabakh Cherchesov #economia DNS popolazione Rosatom SCO Cosacchi WC2018 Georgia Kim Libia Aral sanità elezioni presidenzali criptovalute Baku Svezia politica estera Cremlino Pietro il Grande Katyn estrema destra partiti Markiv Smolensk Kazakistan Russia Unita Regno Unito Istituzioni comunismo Ucraina soft power Sputnik Balcani terrorismo Vladivostok Arabia Saudita ebraismo eroina Italia Conte nazionalismo Occidente Franco Mediterraneo Ungheria Macedonia trattato di pace Cittadinanza Minsk Lavrov Grande Gioco spie Minchenko Group Consulting Eltsin El'cin elezioni inchiesta Ecologia Referendum HIV Protocollo di Minsk Curdi Ucrainagate opposizioni liberalismo Guerra civile siriana Partenariato orientale Sanzioni troll Riforme rivoluzione di velluto Tusk LGBT Peredača URSS finanza crisi Azerbaijan Haftar Rosneft Poroshenko Iran Joe Biden Regime Change Venezuela #silkbeltroad Oriente Abcasia Diplomazia Mondiali 2018 Casa Bianca Astana Proteste Maxim Surajkin spese militari Armi Estremo Oriente Curili esercito russkaja ulica Aliyev Gazprom Armenia reportage Vedemosti Nenets Boris Titov WADA Ossezia del Sud Turismo relazioni internazionali Passaporto 1989 Antisemitismo incendio corruzione Zelenskij #asiacentrale Guerra fredda petrolio Midterm Polonia Gennadij Zjuganov Caspio Nato hacker Mare del Nord Siria Paesi Baltici Cronache di viaggio #sanzioni Giovani Vladimir Žirinovskij WCIOM Cernenko spionaggio Transiberiana Disarmo OPEC Saakashvili gas zar Arkadij Babcenko Alessandro II Russkij Mir bitcoin K-19 antiterrorismo Santa Sofia Biden Banca centrale Bielorussia Nagorno-Karabakh G8 Partito del Progresso gay 2024 Tripoli boicottaggio #russia Krasnodar Siberia Naval'nyj tecnologia Unione Europea epidemie lago Bajkal incidente Palestina militari Krymskij most propaganda ISIS Pubblicazioni Power of Siberia Società Tajikistan Pensioni Olocausto Levada Relazioni internazionali cooperazione Olimpiadi via della seta Opposizione monarchia Kerč’ Salman Chabarovsk Ksenija Sobčak geopolitica Idlib jihad Sobčak rivoluzioni colorate Merkel energia Seconda Guerra Mondiale summit Nikita Chruščëv Nord Stream 2 Akinfeev nucleare Mosca estremismo influenza ingerenze russe Michele I questioni di genere oligarchi Sorge LDPR autocefalia stalinismo visita di Stato tossicodipendenza Chiesa ortodossa PCUS Tokayev Chiesa Ortodossa Russa cultura Governo FIFA Turchia coronavirus Sicurezza Baltico proteste in Russia Finlandia Prigožin Gorbačëv Tagikistan