In Lettonia ha vinto la frammentazione, non i filorussi e gli euroscettici

In Lettonia ha vinto la frammentazione, non i filorussi e gli euroscettici

La semplificazione manichea della realtà è sempre sbagliata. E lo è tanto più a Est, laddove le nostre griglie interpretative degli eventi non possono funzionare.

Accade così che i risultati di ieri in Lettonia, che hanno visto il partito Saskaņa ("Armonia") al primo posto, sono stati letti in modo superficiale e fuorviante da gran parte dei media nostrani. A giudicare dai titoli, infatti, sembrerebbe che i filorussi, populisti ed euroscettici rappresentino la nuova maggioranza in Lettonia.

Non è esattamente così. Almeno se si vuole far intendere che filorussi, populisti ed euroscettici combacino nello stesso partito o coalizione. I filorussi di Armonia sono sì il primo partito, ma ci sono diversi "ma":

1) hanno ottenuto meno del 20%, in un quadro elettorale assai frammentato in cui le prime sei forze politiche hanno preso dal 10 al 20% dei voti;

2) è la terza volta consecutiva che arrivano primi, ma finora sono sempre stati esclusi dal governo;

3) ad esser precisi, nonostante le ingenti somme spese, sono pure in flessione rispetto al 2014, quando avevano ottenuto il 23% e 40mila voti in più;

4) sono "filorussi" in quanto sostenuti dalla forte minoranza russofona del Paese, ma ciò non significa necessariamente che siano anche populisti ed euroscettici, anzi. Basti vedere che sono socialdemocratici e appartengono al gruppo europeo del PSE, e che si siano premurati (sia prima che dopo il voto) a fare delle dichiarazioni pro UE.

Armonia, se vorrà governare (e sembra proprio che voglia farlo: ultimamente ha reciso i suoi legami formali con Russia Unita per non subire veti in tal senso) dovrà necessariamente trovare delle forze con cui coalizzarsi, e qui entrano in gioco tante possibili combinazioni con gli altri partiti che hanno ottenuto un buon risultato.


"Armonia", se vorrà governare, dovrà necessariamente trovare delle forze con cui coalizzarsi

I secondi arrivati, gli anti-sistema (ma non anti-UE) del KPV ("Chi controlla lo Stato?"), hanno ottenuto il 14%, ben al di sopra di quanto prospettato dai sondaggi. Benché spesso vengano associati ad Armonia, non sarà facile (e comunque non sufficiente) una loro coalizione.

Ancor meno lo sarà per i terzi, i "nuovi conservatori" del JKP, avversari dichiarati dei primi due partiti. Il loro risultato (13%), come per il KPV, è frutto di una richiesta di trasparenza da parte degli elettori, dopo gli ultimi scandali legati alla corruzione e all'erogazione di fondi pubblici.

A seguire la coalizione liberale ed europeista PAR, ed infine i partiti (Alleanza Nazionale, Unione di Verdi e Contadini, Unità) che hanno retto l'ultimo governo: i veri sconfitti di questa tornata.

Risultati, dunque, che premiano il rinnovamento (i secondi, i terzi e i quarti arrivati entrano per la prima volta in parlamento) nel contesto di una profonda e generale frammentazione politica. Sembrerebbe che la politica europea (e a maggior ragione la politica internazionale) abbia contato relativamente poco in una campagna incentrata piuttosto su problemi interni.

Appare comunque evidente che le rivendicazioni filorusse di Armonia (ammesso che non si ripresenti la solita conventio ad excludendum ai suoi danni) dovranno raggiungere un compromesso con le posizioni degli altri partiti, e quindi con ogni probabilità verranno annacquate.

Rivendicazioni che, ad ogni modo, non prevedevano un'invasione russa della Lettonia, né un'uscita del Paese dalla NATO o dalla UE. Molto più semplicemente, si tratta del rispetto della minoranza russofona sistematicamente esclusa da ogni parificazione coi lettoni fin dall'indipendenza del 1991; dell'abrogazione della contestata riforma dell'istruzione (che limita l'uso della lingua russa), definita dal leader del partito e sindaco di Riga Nils Ušakovs un gravissimo errore; non da ultimo, una normalizzazione dei rapporti diplomatici e commerciali con Mosca che potrebbe solo giovare alla Lettonia tutta, a prescindere dall'appartenenza etnica o linguistica dei suoi abitanti.

Sono gli stessi obiettivi di Putin? Sicuramente sì, ma ciò non rappresenta automaticamente la prova di ingerenze russe nel Paese, né soprattutto sminuisce le legittime esigenze o aspirazioni di una parte consistente della popolazione lettone. Una popolazione che, al di là della narrazione corrente, ha dimostrato di voler restare legata all'Europa e ai suoi indubbi vantaggi economici e politici.

Con quali sfumature, potremo vederlo solo con l'evolversi dei negoziati per il nuovo governo. Che non si preannunciano facili.


Tensioni religiose fra Costantinopoli e Mosca. Un ...
Mamma li russi! Perché la russofobia non ha mai re...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

nord stream Mondiali Chiesa ortodossa religione Islam Disarmo PIL autocefalia Cecenia dazi americani muro di Berlino Golunov Prigožin Cina russkaja ulica Panslavismo Guerra Diritti civili Gas naturale opposizione politica estrema destra opinione pubblica Israele Asia centrale Ossezia del Sud Ksenija Sobčak Georgia Ucraina Zurabishvili Ambiente WCIOM Tripoli Peredača Crimea cultura criptovalute Gazprom Unione Europea Proteste energia Iran Turkmenistan Tajikistan scenari politici lingua Baku diritti Cernenko Business Russia Chiesa Ortodossa Russa Curili Power of Siberia Difesa boicottaggio Europa Sanzioni Zelenskij G8 Diplomazia Nikita Chruščëv ingerenze russe Siria rivoluzione di velluto migranti Lettonia DNS Libia Caucaso Pashinyan Stati Uniti Mar Baltico Brest-Litovsk Passaporto Gorbačëv SergeJ Skripal settore estrattivo Pensioni incidente Russia russofobia comunismo Regime Change climate change Politica stalinismo Kiev Vladimir Putin Franco Patriarca Kirill 1989 Kazakistan spesa militare Skripal Svezia Naval'nyj Medio Oriente reportage G7 Arkadij Babcenko Theresa May Università Ungheria partiti S-400 Sondaggi inchiesta Gibilterra Lavrov Clima LIbano Cremlino internet Unione tradizioni Unione sovietica Merkel SGC San Pietroburgo Gennadij Zjuganov Akinfeev #cina Guerra fredda Società elezioni presidenzali Russia Unita migrazioni FSB troll tossicodipendenza Rosneft export armi Opposizione Demografia Putin Kirghizistan Artico Marina ISIS Sputnik PCUS Storia Pavel Grudinin Sergej Baburin Battaglie storiche FIFA Asia Centrale Democrazia Costituzione Russa Ecologia cooperazione Papa Francesco Kuznetsov Paesi Baltici Italia Mare del Nord Flame Towers Eltsin minoranza Vaticano RussiaToday INF sondaggi elettorali Nagorno-Karabakh green energy Baltico Sorge rivoluzioni colorate WC2018 TAP Azerbaijan Occidente spese militari Cittadinanza Mondiali 2018 liberalismo Partito del Progresso sport Estonia WADA PCFR Boris Titov proteste in Russia Poltava imperialismo antiterrorismo zar Runet rete Economia Cronache di viaggio El'cin #silkbeltroad #sanzioni Trump Vladimir Žirinovskij monarchia influenza nomadismo Kortezh spie Siberia Donbass Vedemosti TANAP Rocchelli Venezuela Pietro il Grande gas estremismo governo russo Corea K-19 popoli Bielorussia Olocausto scramble for Africa Germania doping Salman Ilham Aliyev Finlandia crisi ortodossia Sobčak politica estera Abcasia gay Saakashvili Ara Cipro Macron Markiv via della seta Afghanistan lago Bajkal Mare Kim società Turchia Ricostruzione visita di Stato soft power URSS Calcio Aleksej Naval'nyj Maxim Surajkin Smolensk Protocollo di Minsk Africa Stalin Reagan Moldavia Idlib #asiacentrale LDPR Partito Comunista #economia Macedonia Soft power Assad Parigi Russiagate HIV trattato di pace Conte gasdotto Azerbaigian Egitto LGBT Transnistria Minchenko Group Consulting Tagikistan SCO #commercio Casa Bianca politiche energetiche Giovani Vostok18 Mediterraneo eroina inquinamento Eco Internazionale candidati Balcani Pubblicazioni geopolitica 1941 corruzione #russia età dei torbidi esercito Arabia Saudita Riforme Michele I Spagna #obor Roma Usa Austria Kerč’ Diritti umani elezioni Giappone Giornalismo Krymskij most Jabloko Federazione Russa nazionalismo Grande Gioco UE opposizioni nucleare terrorismo Haftar caso Skripal Nato Oriente Cripto Valley OPK Levada Astana Olimpiadi Francia Asia Midterm Cherchesov anti-liberalismo Nenets Aral Grigorij Javlinskij Krasnodar Serbia Poroshenko Romanov ISP Anatolij Sobčak incendio propaganda elezioni presidenziali Nigeria Montenegro Trident Juncture 2018 Beirut Armi Caspio Rosatom Politica estera Armenia Mosca Corea del Sud Russkij Mir bitcoin nazismo Welfare Kyrgyzstan Vladimir Putini Lituania Sicurezza Relazioni internazionali Uzbekistan Dmitrij Medvedev Helsinki