Kirghizistan e il terrorismo: cause, proiezione internazionale e rimedi

Kirghizistan e il terrorismo: cause, proiezione internazionale e rimedi
L'attentato nella metro di San Pietroburgo

Comprendere il fenomeno del terrorismo in Asia Centrale non può prescindere dall'analizzare i contesti di insurrezione jihadista nello scacchiere internazionale. Svariate centinaia sono i foreign fighter kirghisi che combattono al fianco del califfato o in milizie qaediste in tutti i teatri delle insurrezioni jihadiste. Il territorio russo stesso e San Pietroburgo in particolare. Quest'ultima infatti ha tristemente sperimentato il 3 aprile scorso la pericolosità del fenomeno di gran lunga sottovalutato. Quattordici compreso l'attentatore (Akbarzhon Jalilov, kirghiso di Osh nella Valle del Fergana) le vittime del brutale attacco alla metropolitana della ex capitale imperiale. Gli arresti e le operazioni di antiterrorismo dei servizi del Cremlino hanno permesso di stroncare diverse cellule operative nella periferia russe dove l'esclusione sociale, la povertà e lo sradicamento di moltissimi immigrati centroasiatici crea un retroterra fertile per la propaganda di reclutatori (principalmente ceceni e caucasici) e imam convertiti alla lotta armata.

Varcando il confine russo è la sopracitata Valle del Fergana, montagnosa regione fra Kirghizistan e Uzbekistan, il "paradiso" nonché base operazionale di lupi solitari o gruppuscoli organizzati in costante conflitto con le autorità locali. L'apparente vivacità democratica non ha impedito la creazione di partitocrazie plutocratiche che puntualmente escludono un vasto settore della popolazione dalla distribuzione della ricchezza alimentando frustrazione, alienazione e risentimento che troppo spesso si tramuta in radicalismo. La condizione di precarietà economica non è ovviamente l'unica spiegazione all'insorgenza del fenomeno: il vuoto ideologico causato da decenni di dominio sovietico e la politica di un Governo centrale che si dimostra incapace di distinguere fra radicalismo e riappropriazione di una secolare identità islamica reprimendo ogni forma di religiosità manifesta che si distacchi dall'islam irreggimentato e dottrinario propagandato dalle élites al potere.

La continua e ossessiva promozione del nazionalismo etnico ha contribuito alla crescita parallela di una religiosità vista con sospetto e puntualmente sanzionata. Moschee, centri religiosi e scuole coraniche sovvenzionate da attori esterni (si noti la nociva politica di promozione del wahabismo dell'Arabia Saudita) sono spuntate a decine in provincie depresse del Paese, sostituendosi a istituti scolatici mal gestiti e finanziati quando presenti. Le guerre in Siria, in Afghanistan e Iraq, attirando svariate centinaia di combattenti locali, hanno precocemente distratto un apparato antiterroristico ancora impreparato e embrionale. Al termine delle schermaglie in Medio Oriente i foreign fighters torneranno a casa importando capacità militari e logistiche. 

Il Kirghizistan sarà in grado di contenere, gestire e controllare questo flusso o rischia di subire un'impennata di attacchi come quello che ha colpito l'ambasciata di Pechino a Bishkek nell'agosto del 2016? Sono da sottolineare importanti sforzi al fine di contribuire e incrementare la cooperazione internazionale in un contesto di confini porosi e incerti. La più importante istituzione contro il terrorismo è la Regional Antiterrorism Structure (RATS) della Shanghai Cooperation Organization (SCO), che unisce le intelligence di Cina, Russia, Kirghizistan, Kazakhstan ma rivalità regionali, influenza delle grandi potenze e diversità di visioni ne pregiudicano il successo. La strumentalizzazione perseguita dal Governo kirghiso che puntualmente utilizza veri o presunti attentati per screditare la fragile opposizione confonde le idee all'interno della disattenta comunità internazionale e alimenta il risentimento domestico. Cooperazione internazionale, miglioramento della situazione economica e lavorativa, contrasto effettivo alle reti di imam e cellule radicali oltre che a un deciso incremento delle libertà civili possono essere un antidoto a un inquietante futuro ma pochi o nulli sono i segnali di progresso da annotare.

​Il Kirghizistan con la sua ricchezza culturale e etnica, il suo potenziale turistico e la fortunata posizione geografica possiede le potenzialità adatte per attirare importanti investimenti esteri che ne migliorino le condizioni economiche e sociali, ma la mancanza di una capace classe dirigente nonché la diffusa apatia e rassegnazione ne pregiudicano la stabilità, rischiando la disintegrazione della compagine statale e altrimenti evitabili manifestazioni di violenza armata e separatismo.

Il Grande Gioco in Centro Asia, un concetto ormai ...
La via che metterà in comunicazione la Cina e l’Eu...
 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Maxim Surajkin climate change spie PCUS opinione pubblica Vaticano Nigeria K-19 Pashinyan influenza spesa militare RussiaToday Riforme lago Bajkal Reagan migranti Runet Clima Asia Centrale Boris Titov Sorge spese militari Russia Armi Africa stalinismo zar Kirghizistan Business Russia Kazakistan incidente Corea Transnistria #cina Venezuela HIV monarchia internet Oriente politiche energetiche S-400 URSS Azerbaigian Opposizione Russkij Mir PCFR Nagorno-Karabakh esercito opposizione politica inquinamento green energy elezioni Russiagate scenari politici Francia Giornalismo estremismo Afghanistan nord stream Bielorussia Passaporto Michele I Pavel Grudinin via della seta Power of Siberia sondaggi elettorali Kortezh Donbass Spagna Calcio Unione sovietica Poroshenko ingerenze russe Iran Mosca Naval'nyj Nenets 1941 #sanzioni Disarmo Olimpiadi #silkbeltroad rivoluzione di velluto Roma Kiev Jabloko LDPR rivoluzioni colorate Kerč’ #obor Macedonia Corea del Sud Svezia Brest-Litovsk Partito del Progresso muro di Berlino Assad Azerbaijan Poltava PIL Economia Eco Internazionale Rocchelli Difesa Franco LGBT Putin Tajikistan Baku Unione Europea OPK Levada propaganda WC2018 antiterrorismo Zelenskij tradizioni Mediterraneo Egitto religione Georgia Protocollo di Minsk Moldavia Sanzioni Arkadij Babcenko #russia Markiv Gibilterra Flame Towers Tagikistan Parigi comunismo Haftar Diritti umani Romanov Turchia Siberia #economia Zurabishvili ortodossia Trump FSB Aleksej Naval'nyj Pensioni criptovalute Asia centrale Siria Peredača Mondiali 1989 Golunov G7 minoranza inchiesta Idlib Cripto Valley Kuznetsov SCO Vladimir Žirinovskij Artico Guerra età dei torbidi Sicurezza Austria Vladimir Putin autocefalia Welfare Lavrov Cecenia geopolitica candidati Cherchesov russofobia Saakashvili nazismo FIFA opposizioni Olocausto Anatolij Sobčak Unione Estonia Demografia summit Lituania Lettonia lingua Ara WADA Università scramble for Africa Pietro il Grande Germania Eltsin WCIOM energia bitcoin Nato Ricostruzione Ungheria Cremlino Ilham Aliyev russkaja ulica Salman Conte Prigožin Cittadinanza Medio Oriente Midterm Serbia Mondiali 2018 Rosatom Kazakhstan soft power Mare del Nord Ambiente Patriarca Kirill Stalin Relazioni internazionali Theresa May elezioni presidenzali Paesi Baltici Grigorij Javlinskij Uzbekistan Kim Vostok18 Rosneft Finlandia caso Skripal reportage #commercio proteste in Russia rete Abcasia INF Baltico corruzione Ossezia del Sud San Pietroburgo nazionalismo Sergej Baburin Astana Minchenko Group Consulting Skripal Ucraina società Kyrgyzstan Helsinki Caspio Krasnodar Islam Balcani doping cooperazione elezioni presidenziali tossicodipendenza Vladimir Putini Armenia Mar Baltico Giappone Sobčak anti-liberalismo Diritti civili terrorismo governo russo troll Trident Juncture 2018 TAP Mare Partito Comunista Federazione Russa Akinfeev Smolensk Dmitrij Medvedev Marina Gorbačëv Soft power Merkel gay migrazioni cultura visita di Stato Guerra fredda TANAP partiti G8 Pubblicazioni Gennadij Zjuganov Politica liberalismo dazi americani Storia Ksenija Sobčak sport Gazprom Casa Bianca diritti LIbano Cronache di viaggio Cernenko Gas naturale gas Caucaso Nikita Chruščëv SergeJ Skripal Vedemosti boicottaggio Europa DNS Libia #asiacentrale trattato di pace Macron Krymskij most settore estrattivo Stati Uniti Società export armi Proteste relazioni internazionali Grande Gioco politica estera Tripoli Occidente Russia Unita Regime Change Aral El'cin Sputnik Cipro Diplomazia Ecologia Beirut gasdotto Arabia Saudita Chiesa ortodossa Montenegro Sondaggi popoli estrema destra Giovani Asia incendio UE Curili Italia nucleare crisi Costituzione Russa eroina Battaglie storiche Papa Francesco Politica estera Israele Chiesa Ortodossa Russa Turkmenistan Cina SGC ISP Usa ISIS Democrazia Panslavismo nomadismo Crimea imperialismo