In morte di uno zar riformatore: l'assassinio di Alessandro II

alessandro

La storia della dinastia regnante dei Romanov è intrisa di sangue; dall'ascesa della casa regnante all'epoca dei torbidi, fino al tragico epilogo sotto i colpi dei rivoluzionari bolscevichi. Dei venti monarchi succedutisi, cinque hanno incontrato una morte violenta (Ivan VI, Pietro III, Paolo I, Alessandro II e Nicola II). Alessandro II fu assassinato da una bomba il 13 marzo 1881 a San Pietroburgo. Due dei suoi figli subirono morti violente: il granduca Sergej fu assassinato da una bomba al Cremlino di Mosca nel 1905, e il Granduca Paolo fu fucilato dai bolscevichi nella Fortezza di Pietro e Paolo nel 1919.

Nato nel 1818, Alessandro era il figlio maggiore dell'imperatore di tutte le Russie Nicola I e della principessa Alexandra Feodorovna, già Carlotta di Prussia. Nel 1855 Alessandro divenne zar dopo la morte di suo padre (una polmonite nel bel mezzo della guerra di Crimea). Alessandro, a scapito di una dinastia distintasi per i tratti reazionari, avrà la fama di essere lo zar più riformatore dai tempi di Pietro il Grande. Il suo principale risultato fu l'emancipazione dei servi nel 1861, ma furono tanti i suoi meriti. Alessandro riorganizzò il sistema giudiziario, istituì un sistema di autogoverni locali chiamato Zemstvo e un servizio militare universale equo; colpì duramente alcuni dei privilegi della nobiltà e promosse l'istruzione superiore nelle università; abolì infine la pena capitale e i diritti ereditari del clero. Sotto il suo regno la stampa e l'opinione pubblica si svilupparono in una misura precedentemente sconosciuta in Russia.

Nonostante una drastica riduzione del personale militare, durante il suo regno la Russia vide una certa espansione territoriale. La sconfitta nella guerra di Crimea aveva minato l'autorità internazionale della Russia, provocando un notevole danno alla sua influenza nei Balcani e in Europa. La neutralizzazione della flotta del Mar Nero rese necessaria una ricalibrazione delle alleanze in cui l'amministrazione di Alessandro si distinse particolarmente. Con l'obiettivo di contenere l'assertività dell'Impero britannico (il nemico più pericoloso della Russia a causa degli attriti in Transcaucasia e in Asia centrale), le velleità balcaniche dell'Austria imperiale e i tentativi degli ottomani di relazionarsi con le grandi potenze europee, il monarca tentò e ottenne un riavvicinamento alla Francia. In quegli anni i confini russi si estesero fino al Caucaso settentrionale e all'Iran. Alessandro approvò lo scambio delle Isole Curili con il Giappone in cambio di Sakhalin, e vendette l'Alaska agli Stati Uniti in quanto il territorio era considerato remoto e difficile da difendere per via della mancante contiguità territoriale. Con i trattati russo-cinesi di Aigun e Tientsin del 1858 e quello di Pechino del 1860, la Russia ottenne sia la sponda settentrionale del fiume Amur, sia il territorio compreso fra il fiume Ussuri e il Mar del Giappone. Lo Zar acquisì un territorio enorme benché scarsamente popolato. In queste regioni nel 1858 fu fondata la città di Chabarovsk e nel 1860 Vladivostok.


Alessandro, a scapito di una dinastia distintasi per i tratti reazionari, avrà la fama di essere lo zar più riformatore dai tempi di Pietro il Grande.

Alessandro fu soggetto a numerosi tentativi di omicidio nel 1879 e nel 1880 da parte di Narodnaja Volja, un gruppo rivoluzionario radicale il cui obiettivo era una scatenare una rivoluzione di stampo para socialista. Dopo i tentativi rivoluzionari falliti, un comitato dei membri dell'organizzazione iniziò a pianificare un attacco contro lo zar. Il gruppo era guidato da Andrej Zheljabov e dalla sua amante Sophia Perovskaja. Il 13 marzo 1881, Alessandro II firmò un ordine che creava diverse commissioni, composte da funzionari governativi e importanti personalità al di fuori della classe dirigente per preparare riforme in vari rami del governo. Successivamente ha partecipato, come costantemente di domenica, alla messa con la famiglia imperiale. Alessandro lasciò il Palazzo d'Inverno e partecipò a una sfilata presso la Scuola di equitazione della capitale. Mentre viaggiava su una carrozza a prova di bomba (dono di Napoleone III di Francia) sull'argine del canale di Caterina questa fu colpita da una bomba. La carrozza fu danneggiata e diversi astanti rimasero feriti, mentre l'imperatore risultò illeso. In seguito lo zar, ignaro della presenza di un altro cospiratore (Ignatij Grinevickij) appoggiato a una ringhiera a pochi metri di distanza, lasciò la carrozza per ispezionare il danno e controllare i feriti finendo per essere colpito da una bomba lanciata direttamente tra le sue gambe. Quando il fumo si diradò, Alessandro II giaceva ferito a morte.L'attentato provocò altri tre morti e una ventina di feriti.

La notizia della morte del sovrano provocò profondo shock all'interno dell'opinione pubblica russa. Sull'onda lunga di notizie e teorie del complotto che inquadravano in una cospirazione ebraica l'attentato (diversi membri dell'organizzazione eversiva erano di nazionalità ebraica), pogrom e persecuzioni esplosero sullo sfondo di una situazione politica instabile di per sé già instabile. La disuguaglianza all'interno del tessuto sociale russo, l'antisemitismo di lunga data e l'insoddisfazione della popolazione urbana ortodossa per via della concorrenza economica degli ebrei hanno contribuito in questa situazione a diffuse voci secondo cui lo zar era stato ucciso in un complotto ebraico e che, in relazione a ciò, le autorità avevano emesso un ordine non detto per organizzare pogrom. La passività dell'amministrazione locale, dell'esercito e della polizia durante i pogrom ha convinto la popolazione della veridicità di queste voci. Il pogrom di Kiev del 1881, tra i più violenti nella storia delle persecuzioni antiebraiche in Est Europa durò tre giorni. Iniziò il 26 aprile 1881 nell'odierna capitale ucraina e si diffuse nei villaggi della regione circostante. La violenza sporadica è continuata fino all'inverno. I pogrom proseguirono per tutta l'estate, diffondendosi nel territorio dell'attuale Ucraina.

L'imperatore Alessandro II è stato sepolto nella Cattedrale di Pietro e Paolo all'interno della Fortezza di Pietro e Paolo a San Pietroburgo accanto alla sua prima moglie.Nel 1883 fu avviata la costruzione della Chiesa sul Sangue Versato. La chiesa fu costruita sul luogo dell'assassinio di Alessandro ed è dedicata alla sua memoria.La chiesa è stata progettata dall'architetto Alfred Parland e i lavori sono stati conclusi sotto al regno di Nicola II, nel 1907, e i fondi necessari sono stati attinti dalle casse della famiglia imperiale oltre che da diverse donazioni private.L'architettura di San Pietroburgo è prevalentemente barocca e neoclassica ma la Chiesa si distingue in quanto si rifà all'architettura russa medievale nello spirito del nazionalismo romantico. Ricorda intenzionalmente le chiese di Jaroslavl del XVII secolo e la celebre Cattedrale di San Basilio a Mosca.


Mosca punta sul suo Estremo Oriente. La periferia ...
Coronavirus, il pugno di ferro (e le paure) della ...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Roma minoranza Europa Cipro Democrazia Putin diritti Asia centrale Asia Centrale Marina LDPR nucleare SergeJ Skripal Oriente Spagna Aleksej Naval'nyj Guerra Università Asia G7 TANAP Economia Proteste Islam Storia PCFR via della seta visita di Stato Bielorussia Azerbaigian Giappone Power of Siberia Macedonia Trump Cronache di viaggio Haftar Astana Michele I Battaglie storiche Difesa Cina Francia Libia Shoah summit ISIS Sanzioni Mar Baltico nazionalismo Arkadij Babcenko petrolio comunismo Partito Comunista Stalin Kuznetsov Curili Corea PCUS doping Beirut gay Nazarbayev Conte Pashinyan Passaporto Israele spese militari nomadismo candidati anti-liberalismo Midterm tossicodipendenza Ossezia del Sud Abcasia Kiev Soft power Cernenko dazi americani energia Trident Juncture 2018 Costituzione 1941 LIbano eroina geopolitica Pubblicazioni ISP Sorge monarchia Naval'nyj Nato Tajikistan Partito del Progresso Tagikistan Corea del Sud Helsinki Moldavia spesa militare Parigi Giornalismo #asiacentrale Smolensk El'cin incidente stalinismo Stati Uniti Eltsin Antisemitismo Nigeria elezioni presidenzali Sondaggi società Turchia 1989 corruzione Austria Regime Change Lavrov sondaggi elettorali Diritti umani Balcani Saakashvili Rosneft tradizioni Kim PIL Krymskij most Skripal Vostok18 Merkel Informazione Flame Towers Curdi RussiaToday Siberia Guerra civile siriana boicottaggio Usa Mosca Iran Vladimir Putin SGC Vladivostok Mare esercito Eco Internazionale zar Mondiali Ricostruzione WCIOM Nagorno-Karabakh Zelenskij Baltico lingua Unione Europea Ara russofobia Ucrainagate relazioni internazionali bitcoin Kazakistan Ecologia oligarchi Business Russia Golunov cooperazione Casa Bianca Salman Opposizione Venezuela Gazprom inquinamento Rosatom Relazioni internazionali coronavirus Ilham Aliyev Poltava Estremo Oriente Tripoli Diplomazia Cecenia migranti Cherchesov Dmitrij Medvedev Reagan G8 soft power Pietro il Grande Demografia Aral età dei torbidi Governo Armenia trattato di pace Jabloko Chiesa Ortodossa Russa Italia Transnistria Ksenija Sobčak Ambiente Montenegro Levada Società Vladimir Putini gasdotto Paesi Baltici Istituzioni WADA lago Bajkal Lituania settore estrattivo Alessandro II WC2018 Russiagate influenza Calcio FSB Unione sovietica Kerč’ Elezioni Usa 2020 partiti propaganda Occidente imperialismo Prigožin estremismo Artico green energy Kortezh terrorismo Nenets TAP FIFA climate change #silkbeltroad Krasnodar 2024 Runet Georgia Maxim Surajkin Crimea Cittadinanza Baku S-400 Akinfeev Mediterraneo #commercio Zurabishvili Guerra fredda incendio Ucraina jihad Romanov #obor internet ortodossia Peredača Olocausto Vedemosti K-19 Africa Federazione Russa Vaticano Minchenko Group Consulting politiche energetiche nord stream Pavel Grudinin autocefalia governo russo Macron elezioni presidenziali sviluppo criptovalute Unione Brest-Litovsk HIV Riforme popoli Gas naturale caso Skripal Armi Azerbaijan Donbass rivoluzioni colorate Protocollo di Minsk reportage Transiberiana Sobčak opposizioni Mondiali 2018 Germania scramble for Africa Afghanistan Poroshenko Kazakhstan politica estera Medio Oriente Welfare Anatolij Sobčak rivoluzione di velluto #russia Finlandia Chiesa ortodossa Sicurezza export armi Russia Diritti civili ingerenze russe Papa Francesco Cripto Valley troll Caucaso muro di Berlino Arabia Saudita Gibilterra Vladimir Žirinovskij Nikita Chruščëv nazismo Siria Assad Serbia Olimpiadi URSS spie opinione pubblica proteste in Russia Panslavismo Politica estera diritto Disarmo opposizione politica UE Bruxelles Clima Cremlino sport San Pietroburgo Politica antiterrorismo Pensioni liberalismo Uzbekistan Franco elezioni estrema destra religione russkaja ulica migrazioni LGBT Mare del Nord #cina gas Patriarca Kirill inchiesta Gennadij Zjuganov rete Svezia Sergej Baburin Tokayev OPEC Lettonia Ungheria Grigorij Javlinskij Rocchelli Kirghizistan Kyrgyzstan crisi sanità Markiv Caspio OPK Russia Unita Theresa May INF cultura Grande Gioco Costituzione Russa Gorbačëv DNS Boris Titov #sanzioni Sputnik Giovani scenari politici Idlib Russkij Mir #economia Turkmenistan Rojava Estonia Egitto SCO