Turchia, Russia e il sistema di difesa S-400. Un’iniziativa politica o militare?

Negli ultimi mesi si è parlato a lungo del meccanismo di riallineamento della politica internazionale, ovvero della capacità degli Stati di riconsiderare le proprie posizioni a seconda o del proprio interesse nazionale o dell'agenda politica del proprio governo oppure di entrambi tali elementi congiunti. Tanti, tantissimi eventi, incontri o più semplici contingenze degli ultimi mesi hanno messo in discussione l'assetto dell'ordine internazionale. Il quinquennio 2015-2020 è stato e sarà sicuramente molto complicato per tutti quegli analisti intenti a scovare, immaginare e progettare il chess-game della politica internazionale. L'ultimo fatto rilevante in questo senso è stata la vendita del sistema di difesa S-400 della Russia alla Turchia.

Partiamo dagli Stati Uniti di Donald Trump. Ad oggi, Washington ha seguito la linea di politica estera America First di cui si sente parlare fin dalla campagna elettorale trumpiana del 2016. L'America ha intrapreso molteplici iniziative "restrittive" nei confronti dei suoi avversari, la più recente delle quali è la guerra dei dazi tra Washington e Pechino. L'incrinarsi dei rapporti con la Cina è stata la prima conseguenza di tali azioni. Invece, con la Russia di Vladimir Putin, l'America ha inizialmente condotto una serie di dialoghi costruttivi, basati prevalentemente sugli obiettivi comuni ai due leaders. Comunque costruiti su due nozioni molto diverse, quasi opposte, delle rispettive "proiezioni" dell'immagine dello Stato in politica estera, ovvero le modalità con cui il Capo di Stato concepisce il proprio Stato in politica estera.

Con questa chiave di lettura si può estrapolare un dato essenziale: sebbene in un primo momento le iniziative di dialogo tra Russia e Stati Uniti abbiano lasciato immaginare un riallineamento delle relazioni tra Mosca e Washington verso un percorso di cooperazione, le rispettive politiche estere dei due big players hanno indotto gli analisti a riconsiderare, al contrario, i due Stati come in antinomia. Tale contrasto si è accentuato in seguito ai fatti più recenti che hanno caratterizzato l'industria bellica russa.

Nell'ultimo quinquennio, Mosca ha sviluppato il programma di difesa contraerea S-400, un sistema di difesa all'avanguardia che unisce progresso tecnologico e precisione chirurgica nel lancio dei missili. Si tratta di un sistema contraereo con un raggio d'azione di circa 250 km: piuttosto pericoloso, considerato che la Russia confina a nord-ovest con Finlandia, Estonia e Lettonia (e tramite l'exclave di Kaliningrad con la Lituania e la Polonia) – tutti Stati membri della NATO.

Dopo aver sviluppato il sistema S-400, il Cremlino lo ha venduto a tre diversi Paesi: nel 2014 Mosca ha siglato la vendita del sistema alla Cina, nel 2017 l'S-400 è stato il turno dell'Arabia Saudita e nel 2019, appena pochi giorni fa, l'S-400 è stato acquisito dalla Turchia, membro chiave della NATO. Il problema dell'S400 riguarda quindi soltanto la vendita del sistema ad Ankara.

Quest'ultima iniziativa ha difatti generato nuove tensioni tra il Cremlino e la Casa Bianca. La Turchia è attualmente la quarta forza militare della NATO[1], nonché una delle maggiori potenze militari al mondo, diplomaticamente vicina agli Stati Uniti. Segue un'ulteriore considerazione: dal punto di vista dello sviluppo dell'industria militare turca, la firma dell'accordo sull'S-400 con la Russia potrebbe sembrare un progresso tecnologico in questo settore. Tuttavia, se si pensa all'Alleanza Atlantica e alla sua opposizione all'espansionismo della Russia, questo accordo pare alquanto controverso.

Diventa legittimo chiedersi se dietro ad esso vi sia un riallineamento della Turchia con la Russia, come suggerirebbe la vicinanza geografica dei due Paesi (anche se non condividono confini territoriali, essendo separati dal Mar Nero, dove è situata la flotta russa).

La geopolitica induce a considerare questo accordo come un pretesto della Turchia per rivolgersi al gigante euroasiatico in chiave di cooperante, piuttosto che di concorrente. Con una prima chiave di lettura si potrebbe considerare la mossa di Ankara soggetta al meccanismo di riallineamento della politica internazionale. In quest'ottica, la Turchia avrebbe acquisito l'S-400 principalmente in vista dell'obiettivo di un consolidamento delle sue forze armate. Ulteriore prova di quest'ipotesi sarebbe la trattativa tra Ankara e Washington avente per oggetto l'acquisto degli aerei da guerra F-35, che Washington non consegnerà ad Ankara per rivalsa. In questo senso, la mossa di Erdoğan rappresenterebbe l'inizio di una nuova strategia militare, dovuta alla vicinanza geografica di Turchia e Russia, per la quale Ankara entrerebbe nel cerchio di relazioni diplomatiche del Cremlino, ignorando le conseguenze di quest'iniziativa per le relazioni bilaterali con Washington.

La mossa di Ankara di acquisire l'S-400 potrebbe essere altrimenti interpretata secondo l'agenda politica del presidente Erdoğan, rieletto di recente dal popolo turco. In quest'ipotesi, Ankara ambirebbe al riallineamento della Turchia nel sistema internazionale in funzione della propria politica estera. La Turchia, infatti, vorrebbe accaparrarsi un posto di mediatore al tavolo "dei grandi", conducendo azioni diplomatiche di riavvicinamento verso il continente asiatico, di cui il territorio turco è sia porta d'ingresso sia parte integrante. L'acquisizione dell'S-400 rappresenterebbe una parte di un piano più esteso di riallineamento tramite accordi commerciali con i Paesi asiatici.

In sintesi, l'acquisizione dell'S-400 da parte della Turchia può essere interpretata secondo due ottiche: o come una strategia militare di modernizzazione dell'arsenale di Ankara, oppure come un'iniziativa di politica estera volta al riallineamento della Turchia verso il continente asiatico. Quest'ultima pare l'ipotesi più attendibile, sebbene solo gli ulteriori sviluppi delle prossime settimane ne potranno dimostrare la veridicità.


Manfredi Morello


[1]Secondo l'indice di forza militare del sito "Global Firepower"

Essere gay in Armenia
Afrika Mojà. La penetrazione russa in terra africa...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Costituzione Russa San Pietroburgo internet nazionalismo Poroshenko nord stream Kerč’ Grande Gioco dazi americani #sanzioni #obor Krasnodar K-19 Azerbaigian geopolitica Vedemosti propaganda Storia Conte Helsinki Battaglie storiche Russkij Mir Arkadij Babcenko Poltava russkaja ulica #economia Boris Titov RussiaToday PCUS lago Bajkal Pubblicazioni LGBT Cherchesov Stati Uniti Siria Flame Towers Reagan Marina Business Russia Zelenskij Gennadij Zjuganov Turchia Artico Occidente Ecologia Cipro Caspio Idlib Africa Kazakistan #commercio Giornalismo corruzione troll Lettonia Giovani Ricostruzione Macron boicottaggio Guerra Salman gay Asia Europa Naval'nyj SGC Franco Turkmenistan Venezuela Riforme El'cin società politica estera Sicurezza Crimea INF stalinismo estremismo età dei torbidi Estonia Michele I Olocausto Eco Internazionale Tagikistan proteste in Russia Astana Baku spesa militare Italia Jabloko Gazprom gasdotto tossicodipendenza Baltico Regime Change Oriente Giappone Israele Dmitrij Medvedev SergeJ Skripal elezioni presidenziali Ara Siberia opposizione politica Sondaggi Azerbaijan Nigeria nucleare G8 migranti energia Università Uzbekistan Demografia eroina green energy governo russo Stalin Kiev LDPR WCIOM gas rivoluzioni colorate PCFR TANAP Caucaso Kuznetsov Moldavia Ambiente FIFA Democrazia Arabia Saudita Papa Francesco Brest-Litovsk Corea Kirghizistan Vostok18 Lavrov terrorismo Patriarca Kirill reportage Mar Baltico Chiesa Ortodossa Russa Smolensk Finlandia #asiacentrale #russia imperialismo crisi Krymskij most esercito Diplomazia URSS Medio Oriente soft power Sputnik Federazione Russa Protocollo di Minsk Pietro il Grande Cina Rocchelli Runet Pavel Grudinin WC2018 monarchia comunismo Economia autocefalia spie Ilham Aliyev Putin minoranza Politica ortodossia Gibilterra Sergej Baburin scenari politici Islam Ungheria Trident Juncture 2018 ISP Corea del Sud Donbass Russiagate rivoluzione di velluto Zurabishvili SCO Unione Nagorno-Karabakh Sorge Spagna Relazioni internazionali Tajikistan caso Skripal Russia Unita Welfare Merkel Saakashvili Cronache di viaggio Theresa May anti-liberalismo elezioni presidenzali Disarmo Sanzioni #cina Grigorij Javlinskij Diritti umani Egitto Cernenko Cecenia Calcio Roma Mare Austria Germania Nato Peredača Assad Skripal Nikita Chruščëv export armi spese militari Pashinyan UE Libia estrema destra Cittadinanza Partito del Progresso Soft power partiti trattato di pace Afghanistan bitcoin Paesi Baltici Unione sovietica Golunov diritti TAP Francia Akinfeev Vladimir Putini Minchenko Group Consulting candidati cultura religione Eltsin Romanov Mediterraneo opinione pubblica politiche energetiche Trump Mare del Nord Transnistria Lituania Difesa Società Vladimir Putin rete Armi 1941 Pensioni Prigožin FSB Panslavismo OPK elezioni PIL ingerenze russe Sobčak Casa Bianca Proteste Kyrgyzstan #silkbeltroad Usa Vladimir Žirinovskij scramble for Africa Rosneft Serbia Iran Mondiali Anatolij Sobčak Georgia Guerra fredda S-400 Levada Chiesa ortodossa Partito Comunista Gas naturale Mosca via della seta Vaticano sondaggi elettorali influenza Gorbačëv lingua nazismo Unione Europea Asia Centrale Ossezia del Sud Power of Siberia Bielorussia Ucraina zar ISIS criptovalute Cripto Valley Passaporto inchiesta antiterrorismo Maxim Surajkin Svezia G7 Balcani Montenegro tradizioni Ksenija Sobčak DNS Aleksej Naval'nyj Asia centrale Markiv opposizioni Armenia Russia Kim Mondiali 2018 Midterm Curili Abcasia Macedonia Rosatom Kortezh liberalismo Cremlino HIV settore estrattivo russofobia