Elezioni europee: un asse pro-Russia in Francia

Con le elezioni del Parlamento europeo ormai alle porte è interessante porsi una domanda: come queste potrebbero influenzare le relazioni tra la Federazione russa e la Francia? Il tema è sicuramente spinoso e per trattarlo occorre partire da un breve accenno ai rapporti attuali tra i due Paesi. Parleremo poi dei partiti francesi filorussi, per terminare con una proiezione nel post elezioni: che cosa succederà?

I rapporti tra i due Paesi sono attualmente caratterizzati da una netta differenza tra le azioni governative, da un lato, e le mosse delle aziende francesi, dall'altro. Come spiego approfonditamente nel secondo capitolo dell'ebook firmato Osservatorio Russia – L'influenza russa in Europa, tra realtà e percezione, il presidente francese Emmanuel Macron tiene molto al rispetto delle sanzioni imposte da Bruxelles a Mosca e alle proprie relazioni con la Germania. Berlino, d'altro canto, ha incrinato i propri rapporti con il Cremlino proprio a seguito dell'invasione russa in territorio ucraino del 2014, azione che ha dato il via alla risposta europea. D'altra parte, le aziende francesi sono molto inclini a incentivare il commercio e gli investimenti in territorio russo, in quanto questo rappresenta per loro un'ottima opportunità a livello economico. Due posizioni, queste, che appaiono inconciliabili.

Vladimir Putin insieme ad Emmanuel Macron

Questa dualità di intenti e di azioni ha fatto sì che diversi partiti politici si dichiarassero più o meno apertamente filorussi. Quali sono? E in che modo sostengono delle relazioni sempre più strette tra Parigi e Mosca? La questione, soprattutto negli ultimi anni, è stata trattata partendo da due presupposti distinti. Il primo è sicuramente l'importanza del denaro: le rappresentanze o le personalità politiche che vengono finanziate sostengono necessariamente la posizione russa, e soprattutto quella del presidente Vladimir Putin e di Russia Unita. Il secondo presupposto riposa invece su un altro dato: quello secondo il quale i legami finanziari che la Russia ha costruito avrebbero come obiettivo quello di sviluppare un'azione di ingerenza negli affari interni della Francia. 

L'aspetto su cui però, a mio avviso, bisogna soffermarsi maggiormente è quello secondo il quale il Cremlino, dovendosi confrontare con il sistema politico francese, ovvero di democrazia liberale e parlamentare, nel quale l'alternanza alla guida del Paese è frequente, così come la coabitazione nell'esecutivo della sinistra e della destra, ha dovuto diversificare i suoi legami, allargandoli a tutto lo spettro politico francese, partendo dalla sinistra radicale (la France insoumise), passando per i social-democratici (le Parti Socialiste) e le organizzazioni politiche di destra (les républicains e l'UDI), fino ad arrivare a Front National.  

I partiti politici francesi filo russi 

Quello che è sorprendente è che si è creato un asse pro Russia che collega i partiti francesi di sinistra a quelli di destra. L'ambizione comune sarebbe infatti quella di avvicinarsi a Mosca e di allontanarsi invece dalle istituzioni politiche e securitarie che sono andate a strutturare le spazio europeo a partire dalla seconda guerra mondiale, ovvero l'Unione europea e la Nato.

Partendo dal Front National, l'uscita dalla Nato e la creazione di una nuova alleanza rafforzata con la Russia rientrano in maniera esplicita nel suo programma. Il Front National risulta inoltre essere l'unico partito francese di cui vi sono prove di sovvenzioni russe. Infatti, nel 2014 il partito ha ricevuto da una banca russa un finanziamento di ben 9 milioni di euro.

Esattamente sul fronte opposto, anche la France insoumise ha una posizione simile. Infatti, la concezione di questo partito sarebbe quella di sciogliere la Nato e di integrarsi in un gruppo politico costituito dai BRICs. Addirittura, secondo Jean-Luc Mélenchon, personalità di spicco del movimento, la Russia è un vero e proprio alleato francese, la sola che può portare alla pace e alla risoluzione dei conflitti soprattutto in Siria.

Anche in seno ai républicains ci sono delle prese di posizione pro Mosca. In particolare, viene presa in considerazione la figura di Putin come di un vero e grande dirigente rispetto alla classe politica attuale e vedendo una certa similitudine tra i valori francesi e quelli russi. 

Condivisibili o meno queste posizioni, in che modo le elezioni europee del prossimo 26 maggio potrebbero influenzare i rapporti tra Francia e Russia?

François Fillon, politico dei républicains, insieme a Vladimir Putin

Elezioni europee e relazioni Francia –Russia: cosa succederà? 

Innanzitutto, bisogna chiedersi: la Russia cercherà di influenzare le elezioni europee? Preoccupazioni, queste, che sono reali nel territorio francese, dove è ancora fresco il ricordo dell'affare "Macron Leaks" durante le presidenziali del 2017. Un rapporto sulle manipolazioni delle informazioni redatto dagli analisti di Quai d'Orsay e del ministero delle Forze armate pone proprio l'accento sulla disinformazione come arma scelta dal Cremlino per influenzare la politica francese e dell'intera Europa.

Difficile dare una risposta a questa domanda, ma sicuramente è un tassello da tenere in considerazione per ricostruire il mosaico delle relazioni tra Francia e Russia.

L'esito del voto al Parlamento europeo potrebbe incentivare le relazioni tra i due partner. In particolare, come dichiarato da Marine Le Pen lo scorso 5 maggio, se la Francia (e anche l'Italia – ma questa è un'altra storia) volesse creare una cooperazione rafforzata con la Russia, non dovrebbe essere l'Europa a fermarla. Come viene esplicitamente affermato da Le Pen, infatti, a livello diplomatico ogni Stato Membro dovrebbe essere libero di tessere relazioni con attori diversi senza essere intralciato dall'Unione.

Anche una vittoria dell'Europe insoumise (partito di diretta derivazione da France insoumise) porterebbe ad un maggiore avvicinamento di Parigi a Mosca. L'idea del partito di rompere le catene e uscire dai trattati monetari europei lascia intendere che un distaccamento dagli obblighi europei potrebbe comportare un rafforzamento della cooperazione con il Cremlino.

Non resta altro da fare se non attendere l'esito delle elezioni per tirare le dovute conclusioni.


Se siete interessati dall'ingerenza (presunta o meno) russa in Europa, non potete perdervi l'ebook firmato dall'Osservatorio Russia "L'influenza russa in Europa. Tra realtà e percezione", in vendita su Amazon. 

Tajikistan: il terrorismo jihadista, tra repressio...
La guerra delle cittadinanze

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Grande Gioco Vedemosti PCUS Siberia Mosca minoranza Giovani antiterrorismo cultura Conte Georgia Vladimir Putini 1941 Azerbaijan Zurabishvili Uzbekistan Unione via della seta Partito del Progresso Vaticano Soft power Donbass Crimea Putin terrorismo Israele Marina Estonia Nikita Chruščëv Turchia Russia Unita Islam tossicodipendenza Kerč’ Kortezh Naval'nyj Lituania LGBT Papa Francesco partiti Africa Politica Rosatom Mar Baltico Sputnik green energy SergeJ Skripal Caspio governo russo Proteste Runet Corea del Sud eroina Università Giappone soft power Cittadinanza Lettonia Giornalismo Gazprom trattato di pace Russia lago Bajkal Minchenko Group Consulting rete Macedonia Anatolij Sobčak Usa Costituzione Russa Azerbaigian lingua WC2018 religione Ecologia Abcasia Nigeria Trump troll Cecenia ingerenze russe DNS Regime Change Battaglie storiche URSS Mare rivoluzioni colorate Gennadij Zjuganov liberalismo nord stream Libia Protocollo di Minsk Stati Uniti Power of Siberia Diritti umani INF crisi Asia centrale Curili Poltava Romanov russkaja ulica Bielorussia Cherchesov Egitto Salman Gibilterra Calcio #sanzioni scramble for Africa G8 Armi elezioni presidenziali boicottaggio #russia Sicurezza opinione pubblica Arkadij Babcenko Kim spesa militare Michele I caso Skripal nazionalismo Kirghizistan Business Russia Assad Venezuela Unione sovietica K-19 FSB Nato Pensioni export armi Democrazia Ricostruzione anti-liberalismo El'cin TAP elezioni presidenzali Spagna Helsinki Olocausto Boris Titov Relazioni internazionali Sorge Caucaso Afghanistan influenza Rosneft politica estera Mondiali HIV Balcani San Pietroburgo UE Pubblicazioni Siria #obor Pietro il Grande Roma SCO spese militari gay gasdotto comunismo Pashinyan Vladimir Žirinovskij Krasnodar inchiesta Kuznetsov Moldavia nazismo Difesa Sobčak Gas naturale spie Finlandia corruzione sondaggi elettorali Austria ISP Sanzioni Arabia Saudita nucleare società monarchia Ossezia del Sud Vostok18 Iran tradizioni Rocchelli candidati Skripal Mediterraneo Eco Internazionale Tagikistan Corea settore estrattivo Diplomazia Ara Ambiente Akinfeev Artico Cina Disarmo gas Cernenko estrema destra opposizione politica PIL scenari politici opposizioni Sergej Baburin Asia proteste in Russia Markiv geopolitica internet Poroshenko #commercio Jabloko energia Nagorno-Karabakh WCIOM Guerra Midterm Cipro Lavrov Svezia Eltsin politiche energetiche PCFR FIFA Merkel Gorbačëv Stalin Cripto Valley Kiev #asiacentrale dazi americani Armenia Russkij Mir Economia bitcoin Krymskij most Levada rivoluzione di velluto Tajikistan Baltico Federazione Russa Guerra fredda Golunov Franco Saakashvili Trident Juncture 2018 Passaporto SGC esercito Oriente Aleksej Naval'nyj RussiaToday Idlib Germania S-400 Unione Europea Riforme Italia Welfare Turkmenistan Società Demografia Serbia stalinismo diritti criptovalute Storia elezioni Mondiali 2018 zar Peredača Flame Towers russofobia Theresa May Patriarca Kirill Zelenskij Montenegro LDPR Kazakistan ortodossia Pavel Grudinin G7 Dmitrij Medvedev Chiesa Ortodossa Russa Francia Ucraina Russiagate Astana Vladimir Putin Casa Bianca TANAP Paesi Baltici Asia Centrale ISIS #silkbeltroad Occidente migranti Kyrgyzstan Prigožin Mare del Nord Baku autocefalia reportage Cremlino Chiesa ortodossa Macron propaganda Transnistria Sondaggi #economia Panslavismo Europa età dei torbidi Ungheria imperialismo #cina Smolensk Brest-Litovsk Grigorij Javlinskij OPK Cronache di viaggio estremismo Reagan Maxim Surajkin Ilham Aliyev Partito Comunista Medio Oriente Ksenija Sobčak