Con la Cina Putin deve fare buon viso a cattivo gioco

00180322Xi-Putin-Cina-Russia
Le relazioni russo-cinesi sono in ascesa e potenzialmente formidabili, specie in campo commerciale. Tuttavia cresce anche il timore di Mosca di perdere definitivamente il secondo posto nelle gerarchie mondiali, in senso politico e militare, proprio nel momento in cui stava recuperando nel modo più vistoso la sua influenza. La direttrice degli affari si sposterà pure verso est, ma il cuore della Russia resterà in Occidente.

Si è concluso, ieri, il viaggio del presidente Xi Jinping in Russia. Una visita di ben tre giorni, circostanza non molto comune nelle relazioni internazionali, che ovviamente sottolinea l'importanza storica del momento. Non sussistono infatti dubbi sulla rilevanza strategica del legame tra i due giganti eurasiatici. Né sul fatto che i trend di cooperazione siano in crescita, più o meno su tutti i fronti.

Occorre citarne alcuni. Innanzitutto quelli economici, il vero volano del dialogo russo-cinese. La principale fonte d'affari resta – e resterà a lungo – la vendita di idrocarburi al vorace consumatore cinese, un mercato in espansione che già ricopre il 65% delle esportazioni verso Pechino. In generale, il valore degli scambi commerciali tra i due Paesi ha superato la cifra record di 100 miliardi di dollari proprio l'anno scorso, confermandosi tra i più prosperi del pianeta. E, dato ancora più interessante, l'ultima crescita annua registrata ha sfiorato addirittura il 30%.

Poi ci sono gli accordi specifici. Come quello per la costruzione del terzo e del quarto reattore della centrale nucleare cinese di Xudapu, firmato dall'agenzia russa per l'energia atomica Rosatom con la China National Nuclear Corporation. Ancora più importante l'accordo per l'implementazione del 5G in Russia. Che dà respiro a Huawei, dopo alcune settimane durissime, ma soprattutto segna la scelta di campo di Mosca nell'ambito della guerra tecnologica in atto tra Pechino e la superpotenza americana.

Infine, la sponda politica su molti dei principali dossier internazionali. Frutto, a dire il vero, più di fortunate contingenze che di un reale coordinamento a tavolino. Anzi, ad essere più precisi, le convergenze sulla Siria, l'Iran e il Venezuela derivano più dalla comune contrapposizione a Washington che da una reale alleanza tra le due parti, le quali – occorre ricordarlo – continuano a giocare separatamente.

E a partire da questa considerazione, ovvero l'irriducibile autonomia che contraddistingue la politica estera di ognuno dei due attori, può svilupparsi una riflessione sui limiti della sbandierata intesa.

Per tradizione storica e obiettivi geopolitici Russia e Cina non potranno mai costituire un blocco unitario, capace di imporsi nel sistema delle relazioni internazionali o anche solo in contesti più limitati, come ad esempio quello centro-asiatico di comune pertinenza alle due potenze. Il fatto stesso di rappresentare due pesi massimi della politica internazionale impedisce a Mosca e Pechino di costituirsi in una reale alleanza, che per definizione riduce i margini di indipendenza di chi vi aderisce. Un compito molto più semplice per le piccole e medie potenze.

Ma un'ombra ancora più scura aleggia sul futuro dei rapporti russo-cinesi. La percezione, corrispondente peraltro a realtà, di un crescente squilibrio tra le due grandi potenze. Che in un futuro non troppo lontano potrebbe minare la fiducia reciproca, pur con tutta la buona volontà delle parti.

Si è molto parlato, negli ultimi anni, dello squilibrio economico e demografico. Può sempre essere utile dare un'occhiata ai numeri. Il PIL cinese oggi ammonta a 14mila miliardi di dollari, quasi dieci volte quello russo (fermo a 1700 miliardi). Non solo, ma l'attuale trend di crescita cinese ci segnala che ogni anno l'economia del Dragone aumenta di una somma equivalente a tre quarti dell'intero PIL russo. In altre parole, la Cina cresce di quasi "una Russia" ogni anno. Proporzioni simili in ambito demografico. Per ogni cittadino russo ne esistono circa dieci cinesi, asimmetria in prospettiva ancora più profonda nell'Est della Federazione già oggetto di ondate migratorie consistenti dall'altra sponda dell'Amur. Come se non bastasse, la memoria storica di Pechino non considera legittimo il possesso russo dell'estremo oriente siberiano, anche se l'argomento è ancora un tabù.

I numeri citati sono in realtà già noti da tempo, così come da tempo preoccupano il Cremlino. Più recenti, invece, le sfide provenienti dall'apparato militare cinese – che solo in campo nucleare resterà inferiore a quello russo – e soprattutto dalla sua proiezione politica. In entrambi i casi, Mosca sta soffrendo la perdita di quella centralità a cui tanto si era riavvicinata, in questi ultimi anni.

Non che si fosse mai presentata la possibilità di tornare ai fasti del bipolarismo, sogno irraggiungibile per tutti gli inquilini del Cremlino dal 1989 in avanti. Ma i colpi messi a segno negli ultimi tempi, specie in Medio Oriente, avevano forse illuso i russi di poter giocare ancora un ruolo di primissimo piano nei rapporti con Washington – e quindi, implicitamente, sul piano globale.

Oggi l'attivismo diplomatico (e forse anche militare) russo rischia di essere adombrato dall'ascesa della Cina. Non deve essere dunque semplice, per Putin, scendere a patti con la potenza che lo sta scalzando dal secondo posto dei ranghi globali. Pur nella retorica di una formale parità tra i due partner.

Anche se il dialogo spesso si rivela più facile e proficuo con Pechino che con l'Occidente (altra cosa niente affatto scontata, viste le distanze culturali), la Russia non chiuderà mai del tutto la porta a quest'ultimo. Neanche nel caso estremo in cui dovesse fingere di doverlo fare. Se mai venisse chiamata da Washington a rivoltarsi contro Pechino, magari in nome di una ritrovata unità politica e culturale con l'Occidente, la Russia non resterebbe sorda all'iniziativa. Putin o non Putin, sanzioni o non sanzioni. Gli affari con la Cina continueranno ancora a crescere, ma il cuore di Mosca continuerà a battere verso l'Europa.


Il caso Golunov è già entrato nella storia
Il mio grosso grasso matrimonio kirghiso

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

comunismo export armi Ucraina Nigeria Pensioni URSS Cripto Valley Vostok18 Sergej Baburin Africa via della seta Asia Centrale Unione Europea K-19 Calcio Cherchesov Paesi Baltici Baku green energy Pietro il Grande soft power Gennadij Zjuganov Georgia Nikita Chruščëv Power of Siberia Kim nucleare Rosneft Azerbaijan Uzbekistan Iran Occidente imperialismo Serbia Usa anti-liberalismo Kirghizistan Azerbaigian estremismo Kortezh Tajikistan Gorbačëv Chiesa ortodossa nazismo troll Guerra fredda Austria corruzione influenza Società politiche energetiche rivoluzione di velluto bitcoin Sanzioni Arabia Saudita Proteste caso Skripal Eco Internazionale Ara Arkadij Babcenko dazi americani SergeJ Skripal Rosatom russkaja ulica Riforme Poroshenko Prigožin #obor Gazprom Diritti umani Kiev Casa Bianca Unione Sorge Cremlino Francia estrema destra Venezuela elezioni presidenziali Levada San Pietroburgo Demografia candidati Flame Towers Welfare scramble for Africa sondaggi elettorali antiterrorismo Corea lingua G8 gasdotto Partito Comunista Spagna autocefalia energia Dmitrij Medvedev PCUS Israele Corea del Sud minoranza cultura Stalin Patriarca Kirill Michele I Economia Mar Baltico Panslavismo Midterm proteste in Russia G7 Vedemosti Oriente Asia Ricostruzione Battaglie storiche esercito PCFR diritti INF Salman Romanov Macedonia tradizioni internet Helsinki Islam Jabloko Cronache di viaggio spesa militare Balcani Difesa Gas naturale rivoluzioni colorate Russkij Mir Peredača Golunov Libia Ungheria Mosca Chiesa Ortodossa Russa Franco Lavrov Regime Change russofobia Olocausto Theresa May spie El'cin Gibilterra Grande Gioco Business Russia Ksenija Sobčak UE Costituzione Russa Armi Skripal partiti Akinfeev Naval'nyj #russia Astana Aleksej Naval'nyj Federazione Russa Turchia Cina HIV età dei torbidi WC2018 Idlib Smolensk Sondaggi Relazioni internazionali ISP Kerč’ Zelenskij Brest-Litovsk terrorismo Finlandia Minchenko Group Consulting Grigorij Javlinskij TAP crisi Asia centrale Giovani Protocollo di Minsk Politica Russiagate Soft power PIL politica estera eroina Sicurezza Giornalismo Trump inchiesta S-400 Armenia Democrazia Sobčak Nagorno-Karabakh Unione sovietica LDPR Boris Titov Guerra Reagan Crimea Sputnik Zurabishvili Europa Disarmo TANAP migranti DNS Pubblicazioni nord stream ISIS Siria Russia nazionalismo FIFA Donbass Kazakistan monarchia Pashinyan #asiacentrale Transnistria Merkel Kyrgyzstan OPK geopolitica Assad Stati Uniti elezioni presidenzali governo russo Putin Vladimir Putin Mondiali 2018 Kuznetsov opposizione politica Cecenia scenari politici trattato di pace Siberia liberalismo Mediterraneo Partito del Progresso Pavel Grudinin Bielorussia Passaporto Caspio rete Trident Juncture 2018 Nato FSB Anatolij Sobčak Vladimir Žirinovskij Montenegro criptovalute ingerenze russe propaganda elezioni Moldavia #economia Diplomazia Caucaso Turkmenistan 1941 tossicodipendenza ortodossia Saakashvili Krymskij most stalinismo SCO reportage Eltsin spese militari Cittadinanza opinione pubblica Mare del Nord lago Bajkal Maxim Surajkin Macron LGBT zar #sanzioni Krasnodar SGC Russia Unita Germania opposizioni Tagikistan Lettonia settore estrattivo Vladimir Putini Cernenko #commercio #silkbeltroad boicottaggio Medio Oriente Italia RussiaToday Afghanistan Ilham Aliyev Runet Mondiali Poltava WCIOM Storia società #cina Egitto gay religione Svezia gas