Nesting Orthodoxism: il mosaico balcanico tra solidarietà e discordia

Lo stare decisis del Patriarca Bartolomeo

La concessione dell'autocefalia alla Chiesa Ortodossa ucraina lo scorso dicembre ha rappresentato una delle ultime vittorie portate a casa dall'ex Presidente Poroshenko prima di passare le redini al successore ZelenskyMentre sia gli Stati Uniti che tutti gli Stati europei occidentali hanno espresso il loro compiacimento in merito al nuovo status della Chiesa Ucraina, dai Balcani sono giunte reazioni contrastanti, tra l'entusiasmo di Macedonia e Montenegro e la dura opposizione della Serbia. Nei Balcani la partita si gioca tra la Chiesa Serba, storica alleata di Mosca, e le autonomie religiose in Macedonia e Montenegro, con la prima che cerca di limitare le aspirazioni centrifughe delle altre due comunità ortodosse. Per questo motivo la Serbia si è opposta duramente alla posizione del Patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo. Già prima della concessione definitiva dell'autocefalia alla Chiesa Ucraina, nello scorso agosto il Patriarca della Chiesa serba, Irinej, aveva esortato, tramite una lettera, il Patriarca Ecumenico a non intervenire nelle questioni ecclesiastiche in merito a Kiev. Nella stessa occasione, aveva anche paragonato la Chiesa di Montenegro, auto dichiaratasi indipendente già tempo prima, ad una setta registrata come semplice ONG.

La paura è che la decisione di Bartolomeo possa costituirsi come precedente vincolante - come lo stare decisis nel sistema di Common Law – e che possa avallare future secessioni nel mondo ortodosso. È questa possibilità che ha fatto emergere la posizione estremamente contraria della Serbia.

Il Patriarca serbo Irinej

Le forze centrifughe nella comunità ortodossa Balcanica

Per l'appunto, è da decenni che vanno avanti le negoziazioni tra Chiesa serba e Chiesa Macedone, in merito alla concessione dell'indipendenza amministrativa a quest'ultima. La maggior parte dei macedoni, tutt'oggi, di fatto fanno capo all'arcivescovato di Ohrid, la cittadina dove sorge il monastero di San Naum, sull'omonimo lago, di cui le acque sono condivise con l'Albania. Il monastero, costruito nel 905 sotto l'Impero Bulgaro, è stato per decenni il faro della cristianità non solo della Macedonia, ma di tutti i Balcani. Secondo gran parte dei Macedoni ortodossi, la portata spirituale e storica del piccolo ma suggestivo luogo di culto ne legittima la centralità rispetto a Belgrado. Il sentimento di autonomia ha radici profonde, che risalgono a prima della dissoluzione. Nel 1967, la Chiesa Macedone ha dichiarato la secessione unilaterale dalla Chiesa Serba. Nel 2002, gli accordi di Nis, basati sul principio dell'unità della Chiesa Ortodossa, hanno concesso solo una maggiore autonomia alla Chiesa Macedone, ma non l'indipendenza. La comunità ortodossa macedone tutt'ora non si rassegna e ha sempre cercato di rinforzare i legami con il Patriarca di Costantinopoli.

Il Montenegro è il secondo punto dolente. Il 30% dei Montenegrini Ortodossi aderisce alla Chiesa Montenegrina, mentre il restante riconosce l'autorità serba. I sostenitori dell'autocefalia sostengono che la Chiesa del Montenegro esista già da prima dell'unificazione con la Serbia nel 1918. Con tali argomentazioni, l'auto-dichiarazione dell'indipendenza dalla Chiesa di Belgrado è avvenuta nel 1993La politica estera della Chiesa Ortodossa serba fa eco a quella del Patriarcato di Kirill. Entrambe abbracciano esplicitamente la linea politica dei rispettivi Stati ed entrambe si ritrovano ad affrontare la pesante eredità - non solo politica - della dissoluzione di una Federazione. Questa emerge in un conflitto ideologico tra il sentimento nazionalista e l'appartenenza alla fede ortodossa di un popolo che da un giorno all'altro si è svegliato in un nuovo ordine politico. Nuovi confini che hanno dovuto convivere con i vecchi della comunità ortodossa. Inevitabile dunque che i nazionalismi, che hanno determinato la spaccatura politica, primo o poi andassero a contagiare anche la sfera religiosa e determinare delle fratture ulteriori tra le varie chiese facenti capo a Belgrado, considerando tra le altre cose quanto il fattore religioso sia determinante nella creazione dell'immaginario collettivo di una realtà che decide di definirsi popolo. 

Il Patriarca russo Kirill

La Chiesa e il Cremlino: un binomio indissolubile

Come si inserisce la Chiesa ortodossa russa in questo mosaico di nazionalismi? C'è da precisare che la politica estera della Russia sotto Putin ha tra i suoi obiettivi principali quello di patrocinare la comunità dei russi all'estero. Con questo fine, il Cremlino si serve della Chiesa Ortodossa russa come principale strumento di soft power. Il ruolo dell'istituzione ecclesiastica è tornato di rilievo con l'attuale Presidente, con la dottrina Putin di proteggere la comunità ortodossa oltre i confini di un impero che da secoli non esiste più. In questo senso, si può dire che c'è un ritorno all'epoca zarista, in cui le due istituzioni si spalleggiavano a vicenda nella politica estera.

Già dall'epoca imperiale, i Balcani hanno rappresentato un luogo di interesse strategico, nel quale limitare sì l'influenza della Chiesa cattolica, ma soprattutto l'inglobamento delle popolazioni nell'umma dell'Impero Ottomano. Per questo motivo – tra altri, come gli interessi legati al controllo di un importante crocevia sul mare - la politica estera della Chiesa russa è sempre stata piuttosto attiva e attenta alle questioni balcaniche, pur non senza contraddizioni. È stato così che nel 1878 l'Impero russo è intervenuto in Bulgaria – che allora comprendeva anche la Macedonia e la Rumelia Orientale – in sostegno delle rivolte dei popoli slavi sotto il controllo Ottomano. In quel caso l'indipendenza della Bulgaria anche da un punto di vista religioso era funzionale a scongiurare l'influenza ottomana.

La Russia ha appoggiato anche altre nuove realtà ortodosse derivanti da movimenti nazionalisti con l'obiettivo di strapparli alla morsa ottomana. La Chiesa russa ha supportato i movimenti di liberazione nazionale di Filiki Eteria e VMRO, rispettivamente di Grecia e Macedonia, i cui inscindibili legami con la Chiese nazionali erano innegabili. Quando si tratta dell'indipendenza della Macedonia e del Montenegro oggi, tuttavia, Mosca non ha adottato lo stesso approccio. Ad oggi infatti gli equilibri geopolitici sono cambiati e sono divenuti più complessi. Il confronto non si gioca più su solo un asse Cristianità – Islam (la competizione nei Balcani tra istituzioni europee e la crescente influenza turca è più che mai evidente) ma all'interno della stessa sfera cristiana, in un antagonismo crescente tra il Patriarca russo Kirill e il Patriarca Bartolomeo di Costantinopoli.

Il Patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo I
In aggiunta, la Serbia costituisce un alleato strategico irrinunciabile per Mosca, in quanto quinta colonna per la diffusione del soft power nei Balcani. Pertanto, di questa Mosca difenderà sempre la supremazia a discapito delle autonomie religiose. Dall'analisi sul recente dibattito che interessa la comunità ortodossa dell'Europa orientale, si possono riconfermare alcuni sviluppi. Primo fra tutti, il binomio politica estera del Cremlino e quella della Chiesa ortodossa russa. La seconda strumento fondamentale di soft power sia all'interno - revival dei valori tradizionali religiosi – sia all'esterno come legittimazione alla dottrina Putin. Il primo funzionale alla sopravvivenza degli interessi che ruotano intorno all'istituzione ecclesiastica, che con Putin ha ritrovato il potere perduto con la soppressione durante gli anni dell'ateismo di Stato.

In secondo luogo, e come conseguenza del primo, l'alleanza tra la Chiesa russa e quella serba, di cui ultima testimonianza è il pellegrinaggio del Vescovo di Nis presso luoghi di culto nel territorio russo, tra cui il Monastero di Danilov a Mosca. Lo scorso 10 giugno, il vescovo è stato ricevuto dal Metropolita Hilarion con il quale si è discusso un rafforzamento della cooperazione religiosa serbo – russa

Il terzo sviluppo riguarda le spinte religiose secessioniste nell'area Balcanica, retaggio dopo quasi 30 anni dalla dissoluzione politica, che confermano come la narrativa nazionalista nelle Repubbliche dell'ex Jugoslavia continua a crescere tutt'oggi. L'episodio dell'Ucraina ha sicuramente contribuito a dare nuova linfa vitale ai movimenti indipendentisti religiosi e la decisione di Bartolomeo ha forse aperto le porte verso un processo irreversibile.
Un ritratto del Cristianesimo in Asia Centrale
Moldavia, la crisi-lampo

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

caso Skripal Europa Mar Baltico lago Bajkal proteste in Russia Kaczynski green energy Corea Svetlana Tikhanovskaja #obor Vladivostok Opposizione Nigeria estremismo Vladimir Žirinovskij Haftar RussiaToday Tajikistan Maxim Surajkin Naval'nyj Eco Internazionale Putin Serbia Kiev Spagna monarchia nord stream Dmitrij Medvedev diritti energia Poltava Armi Azerbaigian Seconda Guerra Mondiale Gas naturale WADA russkaja ulica Turchia Biden Baku coronavirus elezioni presidenzali Disarmo opposizione politica Uzbekistan petrolio Reagan Saakashvili Alessandro II troll stalinismo Shoah Akinfeev autocefalia Cittadinanza Guerra Costituzione Protocollo di Minsk società eroina Runet climate change dazi americani Politica estera Regime Change jihadismo sondaggi elettorali Vostok18 Welfare religione partiti Turkmenistan Cherchesov Turismo K-19 ISIS Oriente Crimea Pavel Grudinin Casa Bianca incidente Caucaso Minsk Santa Sofia Governo Pashinyan Polonia 1941 Palestina Tripoli hacker Chabarovsk Clima Nagorno-Karabakh Macedonia Flame Towers zar Società Riforme SergeJ Skripal Krymskij most Sondaggi Beirut LGBT Battaglie storiche Tokayev Passaporto Stati Uniti relazioni internazionali #asiacentrale PIL Moldavia Giornalismo Cremlino Venezuela scramble for Africa Armenia Pensioni vaccino Mediterraneo Mare del Nord Siria criptovalute Estremo Oriente Azerbaijan Cripto Valley Relazioni internazionali ortodossia Anatolij Sobčak #silkbeltroad cultura sport Theresa May Guerra civile siriana Economia esercito Calcio antiterrorismo Partenariato orientale tossicodipendenza Università Ucrainagate gasdotto SGC Krasnodar Russiagate politica interna Covid-19 Russia ISP geopolitica doping opposizioni terrorismo LIbano Patriarca Kirill frozen conflicts Zakharova inchiesta PCFR Aliyev Unione Economica Eurasiatica Eltsin G7 Usa governo russo spionaggio Rojava Difesa G8 liberalismo Partito Comunista Asia Centrale PCUS Medio Oriente Ucraina russofobia muro di Berlino Kyrgyzstan Aleksej Naval'nyj Gazprom Sicurezza Elezioni Usa 2020 Zurabishvili Diritti civili Referendum Germania #russia Giappone Austria Cosacchi Egitto nomadismo Ilham Aliyev Islam propaganda Sorge Stalin Panslavismo Russia Unita Occidente Arkadij Babcenko Business Russia Boris Titov Nato elezioni Cecenia Cronache di viaggio Rivoluzione Cantata DNS nazionalismo Kim Kirghizistan droni minoranza Prigožin #cina OPK rivoluzioni colorate militari FSB Olimpiadi Vaticano Grigorij Javlinskij migrazioni Poroshenko ebraismo interviste femminismo Brest-Litovsk Arabia Saudita HIV settore estrattivo reportage Gorbačëv Mar Rosso Marina Idrogeopolitica politica estera Ksenija Sobčak #sanzioni migranti inquinamento Estonia Golunov Ecologia Rublo Transnistria Lituania Papa Francesco MENA Siberia Asia internet estrema destra Baltico Federazione Russa Olocausto Giovani Democrazia Vedemosti Proteste Nenets ingerenze russe Unione sovietica Cina diritto Eurasia Mondiali 2018 Soft power candidati Kerč’ 2024 scenari politici #economia sanità Tusk FIFA San Pietroburgo Gennadij Zjuganov spese militari Nord Stream 2 Informazione Lavrov Levada Peredača politiche energetiche gas Mare spie cooperazione Mondiali Georgia soft power Montenegro nazismo Vladimir Putin URSS spesa militare Costituzione Russa Romania Rocchelli corruzione separatismo età dei torbidi Caspio Kazakistan boicottaggio Bruxelles rivoluzione di velluto OPEC Conte popoli LDPR Lettonia Partito del Progresso summit export armi Curdi Astana tecnologia Libia Cipro Asia centrale visita di Stato Sobčak Assad imperialismo Baltici Sputnik Israele Minchenko Group Consulting Franco Pietro il Grande Bessarabia Jabloko Sputnik V Donbass Skripal Smolensk Cernenko trattato di pace Regno Unito Rosatom bitcoin TAP crisi Sergej Baburin Grande Gioco Ambiente Sanzioni Nazarbayev Midterm influenza Africa Paesi Baltici anti-liberalismo Storia Kuznetsov Katyn Sudan Antisemitismo Kazakhstan Roma Ideologia El'cin Rosneft Balcani Nagorno Karabakh epidemie Pubblicazioni Corea del Sud Francia via della seta Chiesa Ortodossa Russa WC2018 Abcasia Zelenskij Diritti umani TANAP Ricostruzione Merkel Gibilterra Finlandia sviluppo Idlib tradizioni rete Ara Unione Europea Nikita Chruščëv gay Demografia Pamfilova nucleare Grande guerra patriottica Romanov SCO elezioni presidenziali Terre Rare migrazione Ossezia del Sud comunismo incendio Trident Juncture 2018 medicina Istituzioni Unione Chiesa ortodossa lingua Power of Siberia Afghanistan 1989 Vladimir Putini India UE INF Macron Joe Biden oligarchi Mosca WCIOM Guerra fredda Tagikistan Michele I Svezia Aral Ungheria Lukashenko Iran Curili Italia jihad Transiberiana Banca centrale Russkij Mir Diplomazia Markiv Artico Trump Politica Helsinki Parigi Salman Kortezh questioni di genere popolazione finanza S-400 Bielorussia #commercio opinione pubblica L'Orso Polare