L'Islam e la realpolitik russa in Medio Oriente

Yousef Al-Othaimeen, Segretario generale dell'Organizzazione della cooperazione islamica, con il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov. (Foto - ArabNews/SPA)

Benché gli interessi geopolitici ed economici siano pragmaticamente prioritari nella politica russa in Medio Oriente, anche la carta dell'Islam trova una sua collocazione accanto alla pura Realpolitik. La presenza in numeri significativi di popolazione musulmana sul proprio territorio ha reso l'Unione Sovietica prima, e la Federazione russa poi, interessati alle sorti dell'Islam sia in chiave domestica che al di là dei propri confini, specialmente nel Medio Oriente culla della religione coranica.

In epoca sovietica, la politica del Cremlino nei confronti dell'Islam ha assunto toni ambigui. Da una parte, la repressione generalizzata del fenomeno religioso a casa propria a suon di ateismo di Stato. Dall'altra, la promozione dell'Unione all'estero come entità multinazionale amica dell'Islam; un'immagine che – unita a un'agenda anti-imperialista – guadagnò a Mosca solide amicizie con Libia, Egitto, Siria, Iraq e altri paesi ancora. I limiti di questa lettura vennero al pettine con la campagna sovietica in Afghanistan, quando il supporto ai comunisti afghani ebbe la meglio su quello all'Islam, pur talebano.

Se gli anni Novanta rappresentarono un decennio di ripiegamento sulle crisi interne conseguenti al collasso dell'Urss, l'ascesa al potere di Vladimir Putin corrisponde a un graduale ritorno di Mosca sul proscenio mondiale, ivi incluso l'orbita arabo-islamica. Primo atto significativo in direzione della riabilitazione del ruolo di amico dell'Islam da parte della Russia è stato l'ottenimento dello status di osservatore in seno all'Organizzazione della conferenza islamica (OIC) nel 2005. Un riconoscimento ottenuto grazie ai buoni uffici sauditi. Proprio tale elemento è sintomatico del multipolarismo diplomatico russo nella penetrazione del blocco musulmano. Per togliersi di dosso la nomea di potenza islamofoba, causata dalla spedizione afghana e dai conflitti ceceni, nonché di membro a tutti gli effetti dell'asse sciita alla luce dell'alleanza con Teheran sul fronte siriano, il Cremlino si erge a nume tutelare di un Islam moderato che dall'interno dei propri confini si propone di diffondere in tutta la umma musulmana. Un quadro di moderatismo in cui è arduo riconoscere il wahhabismo di regime in vigore a Riyad e dintorni. La commistione tra la promozione di un Islam moderato e una non ingerenza dai toni intrinsecamente conservatori spinge Mosca a perseguitare gli estremismi non solo nel cordone sanitario dell'"Islamistan" fu sovietico (Azerbaigian, Kazakistan, Kirghizistan, Tagikistan, Turkmenistan e Uzbekistan), ma anche sulla scena mediorientale.

Vladimir Putin con Magomed-Khadzhi Albogachiyev, Mufti dell'Inguscezia e Segretario del Centro di coordinamento musulmano del Caucaso del Nord (centro), e il Mufti Talgat Tadzhuddin, capo del Consiglio islamico della Russia e dei Paesi CSI, 9 maggio 2002

Con toni più soffusi nel supporto al generale Kahlifa Haftar – promossosi come paladino contro il salafismo in terra di Libia – la propaganda che vede Mosca ritratta come difensore del moderatismo musulmano trova in Siria la propria massima espressione attuale. Qui la Russia descrive il regime di Bashar al Assad sia come unico baluardo contro il dilagare del fondamentalismo jihadista incarnato dallo Stato islamico, che come protettore delle minoranze (elemento questo che permette al Cremlino di non dismettere i panni di patrona del cristianesimo di terra d'Oriente).

Appunto in Siria, Putin ha fatto ricorso all'uomo forte della comunità musulmana nel Caucaso settentrionale - il presidente della Repubblica cecena Ramzan Kadyrov -e al suo entourage. A questi e all'associazione intitolata al padre di Kadyrov, Akhmat, sono riconducibili le ripetute distribuzioni di cibo e aiuti umanitari nelle aree controllate da Damasco, specialmente durante il Ramadan. Altre iniziative di matrice cecena includono l'impiego di uomini provenienti dalla Repubblica caucasica per svolgere servizio di polizia ad Aleppo e la ricostruzione della grande moschea ommayade nella medesima città. Grazie all'azione cecena, la Russia può rafforzare la propria presenza sul terreno (in particolar modo nell'area di Aleppo, dove le forze iraniane hanno giocato un ruolo preponderante) e la Cecenia stessa tenta di liberarsi della fama di estremismo che la circonda visti i conflitti avvenuti sul suo territorio.

Potente ambasciatore dell'Islam russo, Kadyrov non tralascia neppure l'Arabia Saudita, dove ha recentemente accompagnato Vladimir Putin in una visita in cui sono stati discussi dossier energetici e securitari (con un focus particolare su Yemen e Siria). Evidentemente, pur di corteggiare Riyad a scapito delle relazioni di quest'ultima con Washington, il discorso dell'Islam moderato russo è disposto a chiudere un occhio sull'intransigenza wahhabita.

Islamofobia e Caucasofobia in Russia: due facce de...
Un ritratto dell'Islam in Russia

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Eurasia Nigeria Eltsin Montenegro Relazioni internazionali Peredača comunismo Pietro il Grande Mar Baltico Salman Macedonia Mondiali PCFR Vaticano Sobčak Partito Comunista influenza Passaporto Reagan Aral oligarchi Vedemosti Nagorno-Karabakh liberalismo INF Brest-Litovsk Società Armenia Politica Jabloko governo russo Bruxelles Curili femminismo incendio Runet Flame Towers Gas naturale Storia Poroshenko jihad candidati Bessarabia finanza Riforme Polonia Cipro caso Skripal FIFA Istituzioni G7 Ungheria Soft power Kiev Cherchesov Cecenia Olocausto Svezia epidemie gasdotto Calcio doping opposizioni Ucrainagate Tusk religione sport Rojava Balcani Tagikistan RussiaToday visita di Stato Theresa May Banca centrale Chiesa Ortodossa Russa Assad Federazione Russa export armi Sputnik San Pietroburgo zar Cripto Valley eroina Disarmo PIL esercito Seconda Guerra Mondiale Ara Grande Gioco Helsinki Ossezia del Sud Tajikistan lingua Gennadij Zjuganov soft power Baku Azerbaigian Diritti civili reportage Proteste nomadismo relazioni internazionali società Guerra civile siriana #asiacentrale #russia #cina Occidente lago Bajkal Diplomazia Rocchelli Marina Cina Sanzioni ortodossia tossicodipendenza età dei torbidi Moldavia Tripoli Minchenko Group Consulting Business Russia Ucraina summit Siberia Regime Change WADA Francia Elezioni Usa 2020 Chiesa ortodossa inchiesta proteste in Russia dazi americani Partito del Progresso Venezuela rivoluzione di velluto Zurabishvili propaganda DNS coronavirus 1989 politica estera monarchia Ecologia rivoluzioni colorate Merkel elezioni presidenziali Arkadij Babcenko Diritti umani Egitto Krymskij most anti-liberalismo Franco Russiagate Pavel Grudinin Costituzione Russa Gibilterra Baltico Kazakhstan Beirut Kuznetsov Spagna Università Cronache di viaggio Democrazia elezioni Kirghizistan 2024 incidente Transiberiana Unione Europea Trident Juncture 2018 Maxim Surajkin Estonia Aleksej Naval'nyj scramble for Africa boicottaggio stalinismo russofobia diritto PCUS opposizione politica politiche energetiche LGBT Guerra via della seta Panslavismo Mediterraneo WC2018 Alessandro II Baltici Politica estera Estremo Oriente Oriente Vladimir Putin corruzione Medio Oriente spie Nikita Chruščëv Saakashvili gas Sorge Katyn scenari politici Romanov Russia Unita Turchia Anatolij Sobčak Haftar Caucaso OPK green energy Giappone Krasnodar Michele I FSB Stati Uniti Russia minoranza Gazprom ISP Informazione Giornalismo Guerra fredda Turismo Covid-19 Partenariato orientale Uzbekistan ISIS #obor Rosneft nord stream Africa Roma Vladimir Žirinovskij Austria Bielorussia Idlib sviluppo Serbia opinione pubblica Markiv tradizioni Welfare spesa militare Mondiali 2018 petrolio Governo Opposizione Nenets Ambiente Costituzione Armi antiterrorismo energia Conte Gorbačëv Kortezh estrema destra Casa Bianca Corea del Sud Mosca migrazioni Artico crisi Naval'nyj Tokayev Kaczynski Usa criptovalute Dmitrij Medvedev 1941 Eco Internazionale muro di Berlino Europa SCO Donbass Boris Titov Papa Francesco Power of Siberia diritti sanità Golunov Iran separatismo Antisemitismo Turkmenistan Trump Germania TAP Olimpiadi Battaglie storiche questioni di genere Patriarca Kirill Kim #sanzioni Astana Lituania SergeJ Skripal internet Kazakistan URSS elezioni presidenzali settore estrattivo russkaja ulica migranti nazionalismo Russkij Mir Ricostruzione Pashinyan Asia Centrale Kerč’ Romania Grigorij Javlinskij Macron Difesa Pubblicazioni #commercio Kyrgyzstan nazismo G8 Nato Clima K-19 Islam troll LIbano Skripal S-400 El'cin Curdi Lavrov Sicurezza geopolitica Caspio bitcoin Asia centrale Nazarbayev Asia UE Libia Giovani Shoah Referendum Putin Transnistria Akinfeev inquinamento Corea OPEC Italia Arabia Saudita gay Vladivostok Israele trattato di pace Cernenko Cremlino Smolensk #economia Zelenskij climate change Ilham Aliyev Stalin autocefalia politica interna Demografia estremismo Abcasia Georgia spese militari Mare Unione Vladimir Putini Levada terrorismo Crimea Rosatom Parigi WCIOM sondaggi elettorali rete Lettonia Protocollo di Minsk TANAP imperialismo SGC Sondaggi Midterm nucleare Poltava cooperazione Vostok18 ingerenze russe partiti Mare del Nord Pensioni Prigožin Ksenija Sobčak Economia Afghanistan popoli Sergej Baburin cultura Azerbaijan Siria HIV Unione sovietica LDPR #silkbeltroad Paesi Baltici Cittadinanza Finlandia