Dialogo e intese: Putin in Arabia Saudita

La visita del presidente Putin in Arabia Saudita cade all'indomani dell'attacco agli impianti di produzione sauditi e sullo sfondo dell'acuirsi della crisi siriana. I due leader hanno discusso di tematiche energetiche e del posizionamento dei rispettivi Paesi sul mercato petrolifero. I punti di forza e i limiti dell'azione russa nel teatro mediorientale.​


Il 14 ottobre scorso, Vladimir Putin si è recato in visita in Arabia Saudita, accolto dal principe ereditario dei Saud, Mohammed Bin Salman. La scorsa estate in due si erano incontrati in occasione della partita di esordio dei mondiali di Russia 2018, conclusasi 5 a 0 per i padroni di casa. Questa volta si può dire che l'incontro tra i due leader sia finito con un pareggio confermando la convergenza di interessi dei due Paesi limitata ad alcune aree, senza spingersi oltre.

La visita di Putin sottolinea ancora ancora una volta il pragmatismo dell'azione del Capo di Stato russo in un contesto magmatico e in apparenza così distante per il Cremlino come quello mediorientale. Come sottolineato in una precedente analisi di Osservatorio Russia, Mosca si conferma un attore stabilizzatore in questa regione, dato anche il suo interesse a dialogare con tutti gli attori statuali e non statuali, cercando di volta in volta un accordo proficuo per entrambe le parti.  

 

Il settore petrolifero è il perno degli interessi dei due Paesi

 

Putin è giunto a Riyad a poche settimane dall'attacco missilistico agli impianti di produzione sauditi e nel corso di un'offensiva da parte delle forze turche nel nord della Siria. Al centro dei dialoghi tra i due leader si staglia però la questione energetica.

Arabia Saudita e Russia rappresentano un punto di riferimento rispettivamente per i paesi OPEC e non–OPEC. I paesi sono riuniti all'interno dell'organizzazione OPEC+ che produce complessivamente il 71% del petrolio mondiale. Un accordo tra i due paesi produttori è in grado dunque di influenzare in modo incisivo sul prezzo del petrolio. Da qui l'annuncio del rinnovo dell'intesa sulla produzione di petrolio, puntato oggi a 1,2 milioni di barili al giorno fino a marzo 2020, mantenendo dunque un livello di prezzo che soddisfa entrambi i paesi nel contesto.

La stabilità dei prezzi è un elemento fondamentale per Riyad. La privatizzazione di Saudi Aramco è un punto fondamentale della strategia Vision 2030, un piano per rendere l'Arabia Saudita più resiliente alle fluttuazioni del prezzo del greggio e puntare alla differenziazione del suo sistema produttivo modernizzando il Paese. Tra qualche mese dovrebbe essere formalizzata la prima offerta pubblica del 5% di Aramco, nel frattempo il Fondo sovrano russo ha aperto la sua prima sede all'estero a Riyad: in tale contesto, un mercato petrolifero stabile e affidabile dal punto di vista dei prezzi è un obiettivo comune a entrambi i Paesi.

Oltre che le intese in termini di produzione petrolifera, Riyad e Mosca hanno concluso una serie di accordi che toccano gli altri aspetti del settore energetico, secondo quanto già riportato anche da Osservatorio Russia in un precedente commento:

  • Il Fondo statale d'investimento russo (RDIF) assieme al Fondo sovrano saudita e all'Aramco si impegnano ad acquisire il 30,76% di Novomet, azienda leader nella produzione di macchinari da estrazione. 
  • Sempre i sauditi entreranno nel servizio ferroviario Neftransservice con un investimento di circa 300 milioni $ e ...
  • assieme a russi e a un gruppo finanziario tedesco si impegneranno nella creazione della compagnia aerea ROAL, specializzata nel noleggio di aerei passeggeri in Russia. 
  • Infine, i sauditi sosterranno l'ulteriore sviluppo dell'impianto della Novatek, Artic 2 LNG

I limiti dell'azione russa in Medio Oriente

La posizione della Russia in Medio Oriente, aperta al dialogo con partner di diversi schieramenti, ha permesso a Putin di approfittare del temporaneo disimpegno statunitense andando a riempire un vuoto politico e fisico – basti pensare alle pubblicizzate discussioni sui missili S400 e all'occupazione da parte delle truppe russe al suolo di alcune basi avanzate delle forze speciali USA sul suolo siriano –lasciato da Washington.

L'apparato diplomatico russo è al centro di una fitta rete di interessi formata dai suoi interlocutori statali e non nella regione; questa rete è fatta di posizioni talvolta contrastanti tra loro. Ecco la necessità di cercare un dialogo bilaterale con l'Arabia Saudita: chiarire le posizioni rispettive sia sul fronte siriano, sia verso gli alleati rispettivi non presenti al tavolo, ma la cui presenza aleggiava durante il meeting (Stati Uniti e Iran).

Al netto delle concessioni sul fronte energetico e finanziario, la Russia ha saputo capitalizzare questo momento politico andando a incassare parte degli ingenti investimenti in termini di risorse e uomini speso sul suolo siriano.

Tuttavia, gli accordi siglati e le dichiarazioni dei due leader confermano che l'intesa tra i due Paesi è imperniata su interessi energetici e di breve periodo. In questo momento nessuno dei due paesi ha le risorse, o l'interesse, a impegnarsi più di quanto non stia già facendo nel teatro mediorientale.

Gli arresti dei civili a Baku: quello che ancora n...
La Cecenia oggi: fede e politica alla corte di Kad...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Diplomazia Pensioni femminismo Beirut Estremo Oriente Democrazia El'cin influenza Poltava Armi Occidente Olimpiadi ortodossia Polonia Naval'nyj Tajikistan Welfare LDPR Rojava Cremlino Relazioni internazionali #cina Minchenko Group Consulting sondaggi elettorali Olocausto summit Abcasia San Pietroburgo rivoluzione di velluto comunismo Asia Centrale climate change nucleare UE Chiesa Ortodossa Russa Crimea Clima nazionalismo Cronache di viaggio #sanzioni ISIS Baltici antiterrorismo cooperazione Mondiali minoranza SergeJ Skripal Calcio elezioni presidenziali diritti Eco Internazionale Mare Mare del Nord Sputnik Iran incidente liberalismo Cina Ara Kyrgyzstan Gas naturale energia Società Gennadij Zjuganov Romania corruzione Unione Europea Vladimir Putin Protocollo di Minsk Cecenia Ucraina Battaglie storiche Nazarbayev boicottaggio TANAP Riforme migranti esercito Turkmenistan Russiagate Mondiali 2018 Katyn PCUS FSB Gazprom Tusk opposizioni petrolio tradizioni 2024 Pietro il Grande Lettonia Gorbačëv Spagna crisi ISP reportage Ossezia del Sud Banca centrale Vladivostok Pavel Grudinin Saakashvili Putin Peredača Elezioni Usa 2020 Poroshenko #russia Runet Conte Sobčak estrema destra internet caso Skripal Astana Giornalismo Zelenskij nazismo OPK Disarmo K-19 Informazione gay OPEC Rosneft Franco Vostok18 Casa Bianca Partito Comunista Turchia Panslavismo S-400 jihad partiti Estonia Marina Salman Istituzioni RussiaToday politica interna WCIOM governo russo Ricostruzione Montenegro Giappone Università Cipro PCFR politiche energetiche Theresa May Roma Macron separatismo proteste in Russia Shoah Kiev Italia elezioni Maxim Surajkin Krymskij most Bruxelles Proteste Azerbaijan trattato di pace anti-liberalismo Eltsin Nagorno-Karabakh Armenia Africa imperialismo politica estera via della seta Transnistria Paesi Baltici Israele Europa LGBT Islam Stati Uniti Cherchesov rete Grigorij Javlinskij settore estrattivo Vladimir Žirinovskij Vedemosti Soft power Finlandia Levada sanità criptovalute Kerč’ lingua Egitto Demografia Grande Gioco russkaja ulica HIV Unione sovietica finanza Bessarabia Sergej Baburin WC2018 Business Russia epidemie Referendum nord stream Kazakhstan Parigi relazioni internazionali spese militari Georgia Ungheria opposizione politica TAP Kirghizistan Akinfeev Smolensk Difesa Ecologia Midterm Anatolij Sobčak diritto Governo Mar Baltico Guerra Francia Brest-Litovsk Curili Papa Francesco Storia Donbass Diritti umani candidati propaganda SCO Aleksej Naval'nyj Kazakistan Reagan incendio scenari politici Guerra civile siriana coronavirus estremismo opinione pubblica Transiberiana #obor Markiv Power of Siberia visita di Stato Nenets Costituzione Russa oligarchi Merkel Federazione Russa Chiesa ortodossa Boris Titov Asia gas monarchia Politica Trident Juncture 2018 società Krasnodar Stalin soft power Arabia Saudita Flame Towers Siria Giovani Rosatom Turismo SGC #economia nomadismo PIL sviluppo Usa Sondaggi Politica estera URSS WADA Austria inquinamento stalinismo Sorge DNS Guerra fredda Golunov LIbano Assad popoli Idlib Afghanistan inchiesta Lituania Bielorussia Svezia autocefalia Jabloko Curdi Eurasia Siberia terrorismo Moldavia eroina Macedonia età dei torbidi Partito del Progresso Economia Prigožin Pashinyan Trump lago Bajkal Gibilterra troll G7 Zurabishvili Kortezh spesa militare Russia #asiacentrale #silkbeltroad Passaporto Uzbekistan Cripto Valley scramble for Africa Venezuela Antisemitismo 1941 Arkadij Babcenko Vladimir Putini Helsinki doping Covid-19 Serbia Artico Unione Azerbaigian Rocchelli Dmitrij Medvedev Sicurezza Caucaso Oriente geopolitica Kim Baltico Tokayev Kuznetsov religione Kaczynski Opposizione Nigeria Corea Ambiente Balcani Cernenko Tripoli Nikita Chruščëv Baku Seconda Guerra Mondiale Ksenija Sobčak gasdotto russofobia Cittadinanza export armi Partenariato orientale Asia centrale Mediterraneo FIFA zar Caspio Russkij Mir elezioni presidenzali Russia Unita tossicodipendenza questioni di genere Ilham Aliyev Vaticano Libia Medio Oriente Alessandro II Pubblicazioni Tagikistan 1989 G8 green energy Ucrainagate Mosca Sanzioni sport Michele I Lavrov Costituzione Skripal Germania bitcoin #commercio Regime Change Corea del Sud spie muro di Berlino Diritti civili Patriarca Kirill cultura Aral ingerenze russe Romanov dazi americani migrazioni Haftar rivoluzioni colorate INF Nato