I Balcani tra Ue, Russia e Cina

La regione balcanica è diventata oggetto d'interesse per diversi attori geopolitici. Come un gioiello prezioso, viene conteso dall'Unione europea, in linea con la sua politica di allargamento, dalla Russia, speranzosa di trovare nuovi (o vecchi) alleati, e dalla Cina, che di certo non si lascia scappare le buone occasioni. Chi ha dato il via alla contesa? O meglio, è l'Unione europea che, spaventata dai suoi avversari, ha ripreso la corsa all'allargamento? O viceversa, sono la Russia e la Cina a voler guadagnare terreno?  

La situazione attuale dei Paesi balcanici rispetto all'adesione all'Ue.

 

Partiamo dallo stato dell'arte. Al momento, Albania, Macedonia del Nord, Serbia e Montenegro hanno acquisito lo status di candidati all'ingresso nell'Ue, mentre Bosnia-Erzegovina e Kosovo quello di potenziali candidati. Fotografia deducibile da quanto annunciato dalla Commissione europea nel 2018 nella Comunicazione rivolta al Parlamento europeo, al Consiglio, al Comitato europeo economico e sociale e al Comitato delle regioni: "A credible enlargement perspective for and enhanced EU engagement with the Western Balkans", in seguito a quanto riportato da Jean-Claude Juncker nel discorso dello State of the Union 2017. Ne riproponiamo un estratto: "If we want more stability in our neighbourhood, then we must also maintain a credible enlargement perspective for the Western Balkans. It is clear that there will be no further enlargement during the mandate of this Commission and this Parliament. No candidate is ready. But thereafter the European Union will be greater than 27 in number. Accession candidates must give the rule of law, justice and fundamental rights utmost priority in the negotiations.".

Jean-Claude Juncker

Quello che emerge dalla Comunicazione sopra citata è senza dubbio la volontà di crescere numericamente. I Paesi balcanici avrebbero in comune con gli Stati già membri dell'Unione europea una serie di valori, tra cui la promozione della democrazia, lo Stato di diritto ed il rispetto dei diritti fondamentali. Sicuramente, questi Paesi per poter entrare a far parte dell'Unione dovranno rispettare i criteri di cui all'articolo 49 TUE, inclusi i Criteri di Copenaghen. In breve: il rispetto dei valori di cui all'articolo 2 TUE, avere istituzioni stabili che garantiscano la democrazia, lo Stato di diritto, i diritti umani e il rispetto delle minoranze, un'economia di mercato in grado di affrontare la competizione interna, l'applicazione efficace degli obblighi derivanti dall'adesione.

Entrando più nel dettaglio, qual è quindi la situazione attuale dei Paesi balcanici circa l'adesione all'Ue?

  • Albania: l'Albania ha presentato domanda di adesione nel 2009. A giugno del 2014 le è stato riconosciuto lo status di candidato. Dopo gli ultimi rinvii nel 2018 e nel 2019, c'è possibilità di un'apertura dei negoziati per l'adesione nel 2020.
  • Bosnia-Erzegovina: Il Paese ha presentato domanda di adesione nel 2016. Al momento, la Commissione sta elaborando un parere sulla base delle risposte del Paese ad un questionario approfondito.
  • Repubblica di Macedonia del Nord: il Paese ha presentato domanda di adesione nel 2004 e ha ricevuto lo status di candidato l'anno successivo. Il procedimento di adesione è rimasto congelato soprattutto per la controversia con la Grecia circa l'utilizzo del nome "Macedonia", conflitto che si è risolto nel febbraio del 2019 (Accordo di Prespa). Anche per la Macedonia del Nord si spera di procedere nel 2020.
  • Kosovo: La futura adesione del Kosovo all'Ue rimane legata alla conclusione di un accordo vincolante con la Serbia sulla normalizzazione delle loro relazioni.
  • Montenegro: Il Paese ha presentato domanda di adesione all'Ue nel 2008, gli è stato riconosciuto lo status di candidato nel 2010 e nel 2012 sono iniziati i negoziati per l'adesione. Al momento l'ambizione è quella di integrare questo Paese nell'Unione entro il 2025.
  • Serbia: Ha presentato domanda di adesione nel 2009 e nel 2012 le è stato riconosciuto lo status di candidato. Con i negoziati già avviati, anche la Serbia rientra nell'obiettivo del 2025, nonostante i suoi legami con la Russia potrebbero  rivelarsi d'impaccio. 
Xi Jinping e Vladimir Putin

Influenze reciproche

Lo scorso 18 ottobre il Consiglio europeo ha discusso l'avvio dei negoziati per l'adesione all'Ue di Albania e Repubblica di Macedonia del Nord: se ne riparlerà nel vertice Ue-Balcani occidentali di maggio 2020 a Zagabria. Il veto sull'apertura dei negoziati con i due Paesi proviene dalla Francia. Il presidente Emmanuel Macron, infatti, ha messo il Consiglio nella condizione di perdere credibilità circa l'impegno dell'Ue nella regione.

Inoltre, la recente firma di un accordo commerciale tra Serbia e Unione economica euroasiatica ha destato altre preoccupazioni in Europa. Nonostante il governo serbo ritenga tale accordo complementare e non di impedimento all'adesione all'Unione europea, i timori sono quelli circa un aumento dell'influenza russa (e anche cinese) nell'area. In particolare, sembra che sia stata proprio l'impasse europea, confermata dal rinvio dei negoziati al 2020, ad aver causato l'intervento di altri attori nella scena balcanica, col compito di risolvere i problemi della regione.

La minaccia di una considerevole e crescente presenza di altre potenze (Cina e Russa) nel territorio balcanico, come vedremo, potrebbe spingere l'Unione europea a premere l'acceleratore per quanto riguarda l'allargamento sul territorio.

L'idea di un'Europa potenzialmente a 33 Paesi fa riemergere la questione del cosiddetto "deepening vs widening". In altre parole, all'idea di un'Unione europea "elitaria" che procede senza intoppi nel processo di integrazione progressiva, si contrappone quella di un'Unione che invece si estenda fino ai confini naturali del continente europeo, così da formare un blocco territoriale unitario e coeso. A quindici anni dal primo allargamento ad est dell'Unione, non si può non ricordare che tale questione è stata il fulcro del dibattito circa l'adesione nel 2004 e nel 2007 di una serie di Paesi appartenenti principalmente al blocco ex-sovietico.

A cosa è dovuto l'interesse dei diversi attori in gioco per questi Paesi? Sicuramente, per quanto riguarda l'Unione europea, il fatto che i Balcani costituiscano uno spazio politico centrale per la definizione degli equilibri tra oriente e occidente. Per quanto riguarda la Russia, invece, i legami storici con l'area l'hanno spinta ad esercitare una politica estera aggressiva, assertiva contro l'Occidente. Inoltre, la nuova via della seta vedrebbe nei Balcani un territorio fondamentale sia come corridoio centrale di passaggio sia come sbocco sul mare. Oltre alla Russia, quindi, che sicuramente sta cercando di rendere difficoltosa la presenza dell'Ue nella regione, anche la Cina è entrata nei giochi. L'intervento cinese è certamente poco auspicabile, in quanto il rischio di un aumento incontrollato della corruzione, di un abbassamento dello standard delle norme ambientali e del lavoro renderebbe molto più difficoltosa l'eventuale adesione dei Paesi balcanici all'Ue.

Ed è proprio questa minaccia proveniente dalla Cina e dalla Russia la spinta principale, per l'Unione europea, a riprendere la propria politica di allargamento in maniera incisiva. Rispetto al 2004 e al 2007, quindi, avremmo in questo caso non una politica attiva e propositiva dell'Unione, ma piuttosto una sorta di atteggiamento difensivo dalle minacce esterne.

Quel che è certo è che l'instabilità nei Balcani non giova all'Europa. Per questo, quindi, l'Unione punta molto all'integrazione di questi Paesi. Sicuramente, oltre alla volontà geopolitica dell'Ue, conterà molto anche la volontà dei singoli Stati di uniformarsi ai principi comunitari e di intraprendere serie riforme democratiche. L'Ue è sempre stata impegnata nei Balcani sotto diversi aspetti: come investitore, come partner commerciale e anche come donatore. Il 2018, tuttavia, si è rivelato un anno difficile per l'enlargement europeo, dal momento che l'attenzione si è spostata su temi quali la Brexit e l'immigrazione. Si spera in un fine 2019 più proficuo, anche perché altrimenti gli Stati balcanici , alla ricerca di un partner, potrebbero facilmente rivolgersi altrove. Un calo di fiducia nei confronti dell'Unione, infatti, non potrebbe fare altro che agevolare i suoi concorrenti a radicarsi nel territorio e di fatto alle porte dell'Ue. 

La cavalcata wagneriana della Russia in Libia
Pashinyan in Italia: politica, commercio e non sol...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Elezioni Usa 2020 Naval'nyj Grande Gioco minoranza #asiacentrale Sobčak WCIOM Cittadinanza via della seta Afghanistan Italia rivoluzione di velluto Sergej Baburin Arabia Saudita S-400 rivoluzioni colorate Israele Ecologia migrazioni Crimea Stati Uniti Battaglie storiche Haftar Finlandia Brest-Litovsk epidemie LIbano cultura settore estrattivo Caspio HIV Covid-19 Cronache di viaggio #silkbeltroad Turchia FSB diritto Mare del Nord climate change Golunov scenari politici LGBT muro di Berlino Gas naturale Cina soft power opposizione politica Tripoli Panslavismo Kortezh Gibilterra Politica Turkmenistan propaganda Giappone sport Guerra civile siriana Ucrainagate Nenets Sorge PCUS Kyrgyzstan inquinamento PIL età dei torbidi autocefalia monarchia Guerra fredda stalinismo Università PCFR Franco Disarmo Sanzioni Welfare Krasnodar Dmitrij Medvedev Proteste TAP Antisemitismo green energy WADA Mondiali 2018 Seconda Guerra Mondiale Parigi DNS #economia Tokayev Chiesa Ortodossa Russa Arkadij Babcenko Stalin nazionalismo Boris Titov Svezia Vostok18 Flame Towers ingerenze russe Reagan Cecenia Sicurezza Storia Giovani export armi zar UE gas Akinfeev Spagna Transnistria Germania Giornalismo relazioni internazionali gay Merkel Vladimir Putin finanza migranti LDPR Ksenija Sobčak Mar Baltico Cripto Valley Mondiali Alessandro II Bruxelles Pubblicazioni Ungheria Lituania Oriente Gennadij Zjuganov Estremo Oriente Siberia Lettonia Referendum Tusk Gazprom Clima Corea Marina #cina internet Società Balcani Democrazia Aral Vladimir Žirinovskij Politica estera religione Passaporto 1941 Tajikistan Michele I Pensioni Paesi Baltici Francia Ossezia del Sud Asia Soft power Curili Baltico Demografia lago Bajkal Olocausto Venezuela elezioni presidenziali El'cin Midterm Kirghizistan influenza gasdotto Cremlino Governo Zurabishvili energia trattato di pace incidente Polonia spie Serbia corruzione Curdi incendio Abcasia Unione sovietica Theresa May Chiesa ortodossa Russia Unita Saakashvili Beirut lingua Mosca K-19 Sondaggi Nagorno-Karabakh Romanov Estonia Donbass Krymskij most Eco Internazionale Libia Skripal Pietro il Grande eroina Corea del Sud Trident Juncture 2018 Siria Vaticano crisi #sanzioni Guerra Cherchesov tossicodipendenza jihad Sputnik SGC separatismo Vladimir Putini Difesa Olimpiadi antiterrorismo #obor Partenariato orientale cooperazione INF Kerč’ Gorbačëv Europa Lavrov Nigeria Usa Armenia elezioni presidenzali troll criptovalute TANAP visita di Stato Diritti civili SergeJ Skripal Bielorussia nazismo Minchenko Group Consulting terrorismo candidati #russia OPK Medio Oriente elezioni Anatolij Sobčak Economia Ricostruzione Riforme bitcoin Occidente Casa Bianca G7 Informazione politica estera Katyn petrolio SCO Rosatom G8 opposizioni Nikita Chruščëv dazi americani opinione pubblica Baltici URSS Maxim Surajkin Smolensk geopolitica 2024 Transiberiana Costituzione rete Russkij Mir Cernenko Diplomazia Trump Federazione Russa Costituzione Russa proteste in Russia Islam Azerbaigian Runet spese militari Opposizione tradizioni inchiesta Georgia Artico Egitto Protocollo di Minsk Turismo Patriarca Kirill Tagikistan Cipro Kazakistan comunismo Mare summit ortodossia nucleare estrema destra Peredača Uzbekistan Istituzioni Grigorij Javlinskij Eltsin estremismo Poroshenko coronavirus anti-liberalismo Macedonia Pashinyan Nazarbayev Helsinki Romania Kuznetsov Armi Power of Siberia imperialismo Roma Bessarabia Caucaso Putin 1989 popoli Kiev Kim ISP sanità Africa Calcio femminismo partiti Regime Change Kaczynski Asia Centrale governo russo russkaja ulica Salman nomadismo Iran #commercio Papa Francesco Astana Moldavia Ambiente doping scramble for Africa Shoah Ilham Aliyev liberalismo Zelenskij OPEC Assad Asia centrale spesa militare San Pietroburgo Austria Markiv Rojava Unione diritti russofobia Ucraina RussiaToday Poltava esercito Vladivostok Partito del Progresso Rocchelli Relazioni internazionali Mediterraneo Vedemosti FIFA nord stream Aleksej Naval'nyj Idlib politiche energetiche Kazakhstan sondaggi elettorali Conte Nato questioni di genere Partito Comunista Macron Azerbaijan Pavel Grudinin Business Russia oligarchi WC2018 Prigožin Rosneft Ara caso Skripal Montenegro Diritti umani società reportage Levada Unione Europea sviluppo politica interna Eurasia Jabloko boicottaggio Banca centrale Russia Baku ISIS Russiagate