Dal caos al multipolarismo: 20 anni di Putin nella politica estera russa - Parte II

Parte II – La Russia protagonista globale

"...from the Syrian Palmyra to New York. A new world's order is growing up..." - Grisha Bruskin, "Cambio scena" - Russia, Biennale d'Arte di Venezia 2017, Foto di Mattia Baldoni

La breve parentesi da Primo ministro (2008-2012) si caratterizza per alcuni eventi di notevole impatto, sia per i progressi raggiunti sullo scenario internazionale della Russia, sia per gli sviluppi futuri: la crisi economico-finanziaria globale, i cui effetti fanno scricchiolare notevolmente il modello russo di sviluppo impostato nel decennio precedente; il peggioramento dei rapporti con il vicinato post-sovietico (guerra in Georgia, crisi del gas con l'Ucraina); lo scoppio delle cosiddette Primavere arabe e i conseguenti mutamenti degli equilibri geopolitici in Medio Oriente e Nord Africa, che apriranno a Mosca possibilità forse inattese.

 2012-oggi: tra protagonismo, espansione e difesa degli interessi strategici

  • Multipolarismo – Una realtà sempre più complessa richiede un approccio ancor più elaborato ed attento. Questo Putin lo sa bene e perciò in quest'ultimo decennio Mosca ha perseguito una politica multivettoriale, rifiutando una strategia dogmatica e monolitica. Lo ha fatto attraverso il coinvolgimento di tutte le potenze emergenti avverse al sistema unipolare: nel conflitto siriano, ad esempio, possiamo trovare numerosi colloqui e relazioni con attori regionali e non, con Damasco in primis, ma anche con la Cina, l'Iran, gli altri BRICS, senza escludere gli USA, la Turchia, l'Arabia Saudita ed Israele. Seguendo la via tracciata a Monaco nel 2007, la visione di Putin unisce il realismo storico della diplomazia russa con i rapidi mutamenti dello scenario attuale. Il vecchio adagio di Gorčakov "non ci sono nemici costanti, ma ci sono interessi nazionali costanti" trova evidente applicazione nella proiezione internazionale del Cremlino, che mira a difendere i propri spazi privilegiati dalle minacce esterne, mentre delinea le future prospettive di ampliamento politico. La delimitazione delle rispettive "sfere d'influenza" e il bilanciamento reciproco tra potenze nel mondo multipolare restano i cardini di questa concezione, con la sovranità statale ed il diritto internazionale che si confermano i parametri supremi e neutrali di qualsiasi contesa.

  • Interventismo – L'intervento militare diretto è sempre stato un extrema ratio nelle crisi in cui Mosca è stata coinvolta. Massicce esercitazioni o manovre ai propri confini hanno sempre avuto un ruolo deterrente, generalmente sufficiente nel ridimensionare le provocazioni esterne, ma anche a spingere i vicini baltici nelle braccia della NATO. A partire dal 1992, le forze armate russe sono state essenzialmente impiegate alle proprie frontiere (Cecenia – 1994-96 e 1999-2009) o nel proprio vicinato occidentale (guerra in Georgia - 2008), laddove il Cremlino ha sempre preteso di esercitare la sua influenza nella propria "sfera d'interesse privilegiata e legittima". L'uso della forza rimane centellinato, ma nell'ultimo decennio una somma di instabilità e minacce esterne (espansione della NATO ad Est, rivoluzioni "colorate" e "primavere arabe", lentissima ripresa dalla crisi economica...) hanno reso la Russia ancora più determinata a difendere i propri interessi strategici. Questo è avvenuto in Crimea nel 2014, occupata ed in seguito annessa via referendum, e nel Donbass russofono dopo le manifestazioni di Euromaidan, che hanno coinvolto l'Ucraina, vicino strategico per il transito del gas russo verso l'Europa. Ancora più decisivo nel 2015 l'ingresso determinante nel conflitto in Siria. Qui la presenza russa sul campo si è rivelata fondamentale per la sopravvivenza del regime alleato di Bashar al-Assad e per la lotta al terrorismo jihadista dell'ISIS, ma anche a livello diplomatico per aver consegnato a Mosca un ruolo intermediario centrale per i destini del Medio Oriente. Il realismo e il multilateralismo del Cremlino lo hanno così reso un interlocutore di primaria importanza nella regione. Infine, il massiccio export di armi ed expertise, nonché il recente ricorso a compagnie militari private, segnalano un tipo d'intervento indiretto, ma comunque efficace nel diffondere l'influenza russa oltre i propri confini, in Africa in primis.
  • Diplomazie – Il crescente coinvolgimento internazionale comporta la gestione di molte sfide su numerosi fronti, non solo quello politico. Anche in questo caso, Vladimir Putin persegue la politica della cooperazione multilaterale ed inclusiva, a patto che non metta a repentaglio gli interessi nazionali russi. Vediamo dunque come, nell'ultimo decennio, Mosca abbia avuto una notevole espansione in molti settori, da quelli storicamente di sua competenza, come quello energetico (ad es. i gasdotti attivati con la Turchia o il progettato North Stream-2), alle nuove frontiere del XXI secolo, come l'Artico. Di sicuro la collaborazione più ampia e massiccia è quella instaurata con la Cina, come visto con la maxi-esercitazione Vostok-18 e, soprattutto, nel formato della nuova Via della Seta tra Pechino e Mosca. L'Asia centrale, così come l'Estremo Oriente russo, il Caspio ed il Caucaso, diventano terra di progetti, infrastrutture e investimenti ingenti, in cui Mosca riveste un ruolo generalmente attivo e decisivo. Oltre alle forme di collaborazione più tradizionali, il Cremlino dispiega anche una notevole soft power, che sia essa di carattere religioso-culturale o sportivo, con le Olimpiadi invernali di Soči e i Mondiali di calcio 2018 come punta di diamante della vetrina internazionale russa, trionfi d'immagine per il Paese e per il presidente.

​Per quanto accorta e calcolata, la politica estera russa in questi 20 anni di Putin non ha mai rinunciato ad affermare e difendere le priorità e gli obiettivi di Mosca. Forte della crescita dei primi Duemila e del mutamento del sistema delle relazioni internazionali nel nuovo millennio, il Cremlino ha saputo rapidamente ritagliarsi un ruolo di primaria importanza nello scenario globale. Restano, tuttavia, numerosi interrogativi.​

Innanzitutto, dovrà essere valutata la tenuta e la sostenibilità di questi progressi. Quanto la Russia sarà in grado di conciliare un impegno internazionale crescente e, per questo, anche più dispendioso, considerando le necessità di modernizzazione di un sistema economico domestico ancora scricchiolante, troppo incentrato sulle materie prime e su strutture talvolta ancorate al vecchio sistema sovietico. I traguardi raggiunti da Putin sono indubbi, ma sono sostenibili per il "modello Russia"? Sapranno i suoi successori cogliere le responsabilità e le sfide di questo ritrovato ruolo da protagonista?

In secondo luogo, non meno importante, consideriamo le ambiguità di alcuni rapporti, su tutti quello con la Cina, data la situazione delicata descritta poco sopra per Mosca e, al contrario, il forte espansionismo di Pechino, dotata di mezzi e strumenti. Riuscirà il Cremlino a proseguire una cooperazione win-win, o si troverà a sua volta costretta a cedere gradualmente al Dragone, rischiando di venire fagocitata dall'avanzata cinese? Alcuni di questi segnali possono essere già colti nell'Estremo Oriente russo e nella regione del Bajkal, così come in Asia centrale e nel Caucaso, dove la Cina sta rivestendo un ruolo sempre più predominante, una volta spettante a Mosca, e non disdegna il sostegno a progetti che non collimano pienamente con i disegni russi.


Una metafora che può efficacemente descrivere la linea evolutiva della politica estera putiniana è stata data già nel 2006 da Dmitri Trenin:

Finora [2006] la Russia ha considerato sé stessa come fosse Plutone nel "sistema solare" occidentale, tanto lontana dal centro quanto ancora una sua componente fondamentale. Adesso ha lasciato completamente la sua orbita: le autorità russe hanno rinunciato a diventare parte dell'Occidente e hanno iniziato a creare un proprio sistema "Mosca-centrico".

Dmitri Trenin
Asia Centrale - Prove tecniche di cooperazione
Dal caos al multipolarismo: 20 anni di Putin nella...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Antisemitismo Merkel tradizioni Trump doping URSS ISP 1989 Golunov spie rete caso Skripal Mare Zelenskij Mediterraneo Cernenko ISIS Levada Spagna HIV gas Turchia Smolensk Nato Sondaggi Chiesa Ortodossa Russa Romanov Vladimir Putini cultura spesa militare Beirut Krasnodar rivoluzione di velluto Asia Centrale Marina Egitto Federazione Russa Riforme G7 Mondiali 2018 reportage Vostok18 Kerč’ Ksenija Sobčak Nigeria Skripal trattato di pace Russiagate Pensioni Zurabishvili Curdi opinione pubblica Artico governo russo Nagorno-Karabakh spese militari Azerbaigian Pubblicazioni Società lago Bajkal SGC Svezia geopolitica Cronache di viaggio tossicodipendenza Ucrainagate Unione russkaja ulica Sanzioni RussiaToday Finlandia Tajikistan TANAP Clima internet partiti Ambiente Unione Europea corruzione Rosatom Paesi Baltici nazismo #silkbeltroad Kortezh Rosneft zar Macron PCUS FIFA Difesa Aral export armi Ilham Aliyev Costituzione Cremlino Haftar Caspio Giornalismo WCIOM Guerra Gas naturale G8 Armenia Sergej Baburin Regime Change Soft power Usa crisi Panslavismo imperialismo Runet Italia Israele Battaglie storiche 2024 #cina muro di Berlino Lettonia nomadismo nucleare lingua TAP monarchia Africa Baltico Balcani Mar Baltico Bruxelles Dmitrij Medvedev Democrazia scenari politici Mondiali criptovalute Disarmo Sorge SCO estrema destra #commercio Storia Power of Siberia Università sport Ucraina energia bitcoin Diritti umani Business Russia Occidente Jabloko Kiev Serbia Siberia Putin Lavrov Flame Towers Demografia Medio Oriente Prigožin #obor Arabia Saudita Kyrgyzstan Governo Armi Estonia Naval'nyj Reagan opposizione politica LDPR Casa Bianca Gorbačëv Libia Economia LIbano Nikita Chruščëv Tripoli Pietro il Grande visita di Stato Giappone Rocchelli WADA Salman Michele I Diritti civili climate change Chiesa ortodossa età dei torbidi Poltava Rojava PIL autocefalia inchiesta OPK Boris Titov Austria eroina El'cin Proteste sondaggi elettorali Mare del Nord antiterrorismo minoranza influenza #sanzioni Eco Internazionale Kuznetsov Roma Shoah incendio inquinamento Eltsin Theresa May Akinfeev comunismo Macedonia Patriarca Kirill settore estrattivo Siria soft power Mosca Lituania Gibilterra Ricostruzione Sputnik Caucaso Saakashvili INF LGBT via della seta PCFR società Oriente Opposizione nazionalismo Nenets estremismo ortodossia Asia Arkadij Babcenko Guerra fredda Curili Ungheria Cripto Valley Trident Juncture 2018 Politica estera Astana S-400 Conte Islam Markiv Stalin Bielorussia Donbass Russia Unita Ara Vedemosti Krymskij most candidati Papa Francesco Poroshenko Moldavia green energy Kazakhstan Sobčak Cittadinanza Unione sovietica Pavel Grudinin elezioni presidenzali jihad Vladimir Žirinovskij K-19 scramble for Africa cooperazione Costituzione Russa Cina oligarchi Giovani Idlib Parigi Crimea Corea Grande Gioco liberalismo relazioni internazionali Corea del Sud Helsinki migrazioni Minchenko Group Consulting Peredača #russia Vladimir Putin proteste in Russia SergeJ Skripal Germania rivoluzioni colorate diritti anti-liberalismo nord stream stalinismo Vaticano Protocollo di Minsk Kazakistan Asia centrale Maxim Surajkin popoli Uzbekistan Olocausto Sicurezza Istituzioni elezioni presidenziali Kim Abcasia esercito Tagikistan Partito del Progresso incidente Azerbaijan #economia Guerra civile siriana Ossezia del Sud Calcio DNS Diplomazia Passaporto WC2018 propaganda gasdotto Cipro Cecenia Olimpiadi boicottaggio Partito Comunista dazi americani Midterm religione Assad troll Francia San Pietroburgo Ecologia migranti gay Welfare Gazprom Grigorij Javlinskij Relazioni internazionali russofobia Franco politica estera Russia Baku Anatolij Sobčak UE Pashinyan Georgia Russkij Mir Europa ingerenze russe Venezuela Cherchesov Stati Uniti Kirghizistan Aleksej Naval'nyj Montenegro FSB 1941 Afghanistan Brest-Litovsk opposizioni Iran Turkmenistan politiche energetiche Transnistria Politica summit elezioni terrorismo #asiacentrale Gennadij Zjuganov