Influenza russa vs Panturchismo: in Asia centrale la partita decisiva

Mosca e Ankara cooperano e rivaleggiano anche nelle repubbliche centroasiatiche, dove però inizia ad affacciarsi anche un terzo incomodo, la Cina.

Negli ultimi dieci anni le relazioni tra Russia e Turchia hanno rappresentato un caso intrigante dal punto di vista geopolitico e non, tra cooperazione e tensioni - queste ultime culminate in casi eclatanti come l'abbattimento da parte turca di un bombardiere russo SU-24 nel 2015. Ma osservare tali rapporti solo nei contesti geopolitici più controversi e popolari potrebbe impedire di cogliere le sfumature – o forse addirittura la vera natura – di un simile incontro/scontro. In tal senso, l'Asia Centrale rappresenta l'arena più interessante dove le due potenze vedono un'altra volta i loro interessi intersecarsi e contrapporsi. Proprio qui infatti le retoriche di Russia e Turchia devono dimostrarsi sufficientemente solide da riuscire a conquistare gli "-Stan" post-sovietici.

Nel XIII secolo le orde mongole si espandevano a macchia d'olio tra le vaste distese del continente eurasiatico, conquistando e stabilendosi negli attuali territori dell'Asia centrale, e giungendo fino alle rive del Mediterraneo turco. Circa ottocento anni dopo la Turchia, affidandosi quasi ad un ideale filo di Arianna, ripercorre la rotta a ritroso, tentando di consolidare i rapporti culturali, politici ed economici con quelli che ormai sono Stati sovrani. Ma riallacciare i rapporti sulle note di una comune origine non si sta rivelando una scelta fruttuosa, dal momento che la Russia può vantare un passato ben più vivido nella memoria di questi Paesi. Mosca parte quindi con un'influenza geopolitica decisamente più rilevante della Turchia.

È necessario tenere a mente che comunque, stando alle dichiarazioni ufficiali dei rispettivi governi, in questo complicato gioco di equilibri Russia e Turchia non sono in opposizione l'una all'altra. Per questo motivo la sfida assume toni più distesi, e per riuscire a carpire il livello di vantaggio di Russia o Turchia nella regione è necessario osservare le rispettive relazioni bilaterali con i singoli Stati dell'Asia Centrale, le cui strategie sono estremamente fluide e non sembrano favorire mai completamente né l'una né l'altra potenza. 

Consiglio di cooperazione fra i Paesi di lingua turca (Turkic Council). In verde chiaro i Paesi membri (Turchia, Azerbaijan, Kazakistan, Kirghizistan, Uzbekistan), in scuro i membri osservatori (Turkmenistan, Ungheria)

La regione centroasiatica è caratterizzata da fragili equilibri che assicurano le relazioni tra le singole potenze locali e interlocutori esterni, e più volte nella storia è stato dimostrato come solo chi non manifesta apertamente la volontà di voler minare questo equilibrio riesce in qualche modo ad inserirsi stabilmente in questo confuso concerto di Stati. Russia e Turchia sembrano esserne consapevoli e giocano la loro partita compensando le carenze dell'altra quando possibile.

Ed è in quest'ottica della "compensazione" che si possono interpretare i rapporti nelle varie sfere di cooperazione che Russia e Turchia intrattengono con i Paesi dell'Asia centrale.

Come anticipato, la Russia parte avvantaggiata in moltissimi settori, tra cui quello economico e quello energetico. È noto come Mosca sia riuscita a mantenere un rapporto con il Kazakistan quasi simbiotico (anche grazie alla massiccia percentuale russa nella popolazione del Paese); relazione che nessuna delle due controparti ha finora ufficialmente deciso di ridurre. I rapporti con il Turkmenistan, dopo essere stati congelati per tre anni (il Paese infatti si era rifiutato di vendere gas alla Russia, lasciando così la Cina come unico compratore), si sono sbloccati; mentre l'Uzbekistan del presidente Mirziyoyev non poteva escludere la Russia nella sua rinnovata politica d'apertura ai commerci esteri (come dimostrato dai numerosi accordi per costruire una centrale nucleare in Uzbekistan a spese russe).

Ma se la Russia occupa una posizione di maggiore rilevanza nei settori che da sempre attraggono l'attenzione della zona – economia ed energia – rimane il fatto che la Turchia più silenziosamente attecchisca a livello sociale e culturale. Ed è soprattutto nel grande escluso di sempre, il Kirghizistan, che la presenza turca cresce rigogliosa: scuole, moschee, progetti culturali e linguistici, la costruzione dell'università di Narin: il tutto interamente finanziato dalla Turchia ad uso del popolo kirghiso. Parrebbe che laddove la Russia conduca delle relazioni di carattere puramente diplomatico, piuttosto che di un vantaggio concreto, la Turchia abbia trovato la porta d'accesso alla regione centroasiatica. Ad oggi però, il Paese di Erdoğan non riesce a spingersi più in là dell'uscio, dal momento che i rapporti con i restanti Stati turcofoni non vanno espandendosi ad un ritmo rilevante. Ma alla domanda se sia effettivamente sensato per la Turchia seguitare ad investire nell'area, la risposta è sì, decisamente: la Turchia infatti è il quarto esportatore per l'Uzbekistan, e tra i primi dieci per il Kazakistan. Inoltre, i prodotti di fattura turca in questi Paesi sono generalmente ritenuti molto pregiati e in particolare abiti e cosmetici fanno concorrenza a quelli cinesi. Se a ciò si aggiunge la volontà dei Paesi della regione di trovare nuovi investimenti che vadano ben oltre il loro partner storico – la Russia – la Turchia ha tutte le chances per diventare una solida presenza commerciale in tutti i Paesi centroasiatici. Rimane aperta ovviamente la questione turkmena, che come menzionato non ha lasciato illesa nemmeno la Russia; essendo però un Paese molto peculiare per quanto riguarda le relazioni esterne, si può credere che il Turkmenistan possa non rappresentare l'ago della bilancia nella partita tra questi due Paesi. 

Sebbene l'analisi dei rapporti bilaterali tra le grandi potenze e gli stati dell'Asia centrale sia un terreno che si presta più facilmente a varie speculazioni, sul piano multilaterale la questione è altrettanto interessante: in questo frangente infatti Russia e Turchia sono in parità, non riuscendo entrambe a creare un sistema che permetta agli Stati della regione di interagire in concerto e di svilupparsi in maniera fruttuosa. La Russia ha all'attivo molte più organizzazioni in confronto al solo concilio turco – SCO, CIS, CSTO per menzionarne alcune – ma quantità non significa in questo caso qualità: la leggerezza degli Stati centroasiatici dentro questi gruppi, infatti, sta dimostrando come essi stiano diventando sempre più vuoti e, per certi versi, inutili.

Possiamo dedurre quindi che sebbene la Russia sia un partner ben radicato nel territorio e che la Turchia debba guadagnarsi una fiducia che la sola affiliazione storica sembra non garantirle, la situazione rimane in stallo e nessuna delle due potenze sembra essere riuscita nell'intento – presupponendo che questo sia l'assicurarsi la fetta più grossa di progetti e mercati. 

E quindi… tra i due litiganti il terzo gode? La Cina alle stucchevoli retoriche di legami passati ha preferito allettare le potenze centroasiatiche con del freddo pragmatismo economico, con buona pace di Turchia e Russia, le quali si sono accodate alla scia rivoluzionaria della Belt and Road Initiative. Va inoltre considerato il fattore regionale: Paesi con necessità e storie di sviluppo differenti portate a convivere in uno spazio così ristretto devono trovare un denominatore comune che li spinga ad interagire in un frangente di volontario dialogo reciproco, così da superare diatribe regionali che paralizzano uno sviluppo potenzialmente enorme dell'area. Ed è proprio trovando uno stimolo concreto alla collaborazione comune capace di ammortizzare i problemi regionali che Russia o Turchia potrebbero guadagnarsi un ruolo dominante in Asia Centrale. Ma questa per ora rimane solo un'ipotesi remota. 

Russia e Turchia, unite dall’Occidente
Rete e Potere: Yandex o "Del Controllo Sociale 4.0...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Idlib Haftar #asiacentrale Beirut Grande Gioco Marina Shoah Kuznetsov Markiv russofobia S-400 Astana Dmitrij Medvedev Prigožin Armi Tagikistan Kirghizistan Gazprom spese militari Abcasia Democrazia Occidente Theresa May dazi americani WADA Battaglie storiche Conte PIL gas governo russo INF #russia Zelenskij Sondaggi Levada tossicodipendenza Opposizione Caspio Germania Ambiente popoli Russia Unita candidati Austria Vaticano Jabloko Partito del Progresso Bruxelles scramble for Africa jihad green energy Europa LDPR Azerbaijan Krasnodar Crimea Politica estera propaganda Libia Kazakhstan Helsinki Runet relazioni internazionali Egitto Nenets climate change Vladimir Žirinovskij lago Bajkal LIbano Oriente Patriarca Kirill Maxim Surajkin Mare elezioni nazismo SGC Asia Aleksej Naval'nyj rivoluzione di velluto Russia Boris Titov Costituzione Storia Stalin nord stream OPK incidente ISIS Golunov Armenia Ossezia del Sud società URSS Società G7 Rosatom Corea Donbass Cecenia Arabia Saudita tradizioni Italia Merkel muro di Berlino UE elezioni presidenzali Putin trattato di pace minoranza Peredača Rojava Iran G8 Azerbaigian FSB Salman Gas naturale Pubblicazioni Disarmo Vladimir Putini PCUS Unione sovietica Cittadinanza Ucrainagate gay nazionalismo Mosca Gibilterra Olocausto Ilham Aliyev SCO separatismo sanità ISP Gorbačëv Macedonia Passaporto Chiesa ortodossa Zurabishvili Mediterraneo Relazioni internazionali antiterrorismo Guerra civile siriana comunismo Aral Cina Olimpiadi Cernenko autocefalia #silkbeltroad Transnistria russkaja ulica Kortezh nomadismo #commercio Calcio Usa ingerenze russe sport Nagorno-Karabakh Rosneft Flame Towers internet oligarchi estremismo Nazarbayev Reagan SergeJ Skripal Giovani zar Venezuela summit Governo partiti età dei torbidi Diritti civili Università nucleare Smolensk Tajikistan Cipro terrorismo Unione Europea Francia Midterm Lituania Transiberiana Lavrov Curili migrazioni Costituzione Russa migranti Federazione Russa #economia estrema destra Siria Difesa opposizione politica soft power Papa Francesco Anatolij Sobčak Trump Siberia Turkmenistan Riforme energia Partito Comunista Diplomazia Asia centrale Sergej Baburin Nigeria boicottaggio WCIOM Grigorij Javlinskij Ricostruzione inchiesta Pavel Grudinin Nikita Chruščëv Corea del Sud Franco Rocchelli criptovalute crisi Panslavismo bitcoin Baku FIFA Russiagate Skripal Giappone Pietro il Grande Pensioni PCFR coronavirus Caucaso imperialismo sviluppo Paesi Baltici Kyrgyzstan anti-liberalismo Proteste RussiaToday San Pietroburgo influenza Estremo Oriente religione Akinfeev Istituzioni Medio Oriente Guerra Michele I caso Skripal Business Russia K-19 Uzbekistan Poltava Islam opinione pubblica troll Informazione monarchia Giornalismo Sputnik rivoluzioni colorate Arkadij Babcenko Sobčak #cina incendio Russkij Mir Svezia Mondiali 2018 Sorge Artico Bielorussia #sanzioni elezioni presidenziali Sanzioni settore estrattivo Ungheria Vostok18 Vedemosti Gennadij Zjuganov Estonia Pashinyan Mar Baltico Clima Tokayev Spagna Power of Siberia Alessandro II Sicurezza Ucraina Kim Diritti umani cultura Kerč’ Finlandia Ecologia esercito Antisemitismo Poroshenko sondaggi elettorali Afghanistan visita di Stato stalinismo spie cooperazione Serbia Assad lingua Vladivostok Cherchesov Africa politica estera Mare del Nord Cripto Valley Economia Curdi Eltsin Macron TANAP DNS #obor 2024 WC2018 Georgia Politica Trident Juncture 2018 Naval'nyj ortodossia Mondiali Unione Demografia Tripoli inquinamento Minchenko Group Consulting gasdotto Soft power petrolio scenari politici rete liberalismo Casa Bianca eroina 1989 1941 HIV Regime Change Ara Cremlino Israele Ksenija Sobčak Lettonia Moldavia Parigi Stati Uniti via della seta Cronache di viaggio proteste in Russia diritto reportage Kazakistan Chiesa Ortodossa Russa Krymskij most Eco Internazionale Asia Centrale export armi Welfare Montenegro diritti Nato Protocollo di Minsk Balcani Baltico Brest-Litovsk spesa militare Roma El'cin TAP Guerra fredda LGBT Turchia opposizioni politiche energetiche OPEC Saakashvili Vladimir Putin Romanov Elezioni Usa 2020 Kiev geopolitica corruzione doping