I media russi e la corsa alla Casa Bianca

000_HY7Y9

La corsa verso il 3 novembre 2020, giorno delle elezioni presidenziali negli USA, è ancora lunga e passa obbligatoriamente dal banco di prova delle primarie. Se da un lato l'attuale presidente Donald Trump pare l'unico destinato a dominare quelle repubblicane, ben più incerte sembrano quelle democratiche, che in queste primissime battute vedono un testa a testa tra due outsider, Bernie Sanders e Pete Buttigieg. Indietro restano il favorito Joe Biden, l'ex-sindaco di New York Michael Bloomberg e gli altri candidati, ma la dimensione limitata dei voti finora espressi (al 23 febbraio si è votato solamente in tre Stati: Iowa, New Hampshire, Nevada) non consente di escludere alcun possibile esito.

Così come nel resto del mondo, il processo di designazione dello sfidante di Donald Trump desta l'attenzione anche dei media, dell'élite politica e dell'opinione pubblica della Federazione russa, che non restano di certo indifferenti alle dinamiche che porteranno all'elezione (o alla riconferma) della "figura politica più potente del mondo".

Generalmente, gli Stati Uniti e il loro massimo rappresentante non incarnano un'immagine positiva nella mentalità russa, essenzialmente per ragioni e rivalità politiche, storiche ed attuali. Tuttavia, la diffidenza o l'astio nella società russa sono oggi più edulcorati di quanto si possa pensare. Nella più recente delle bimestrali indagini sulle percezioni dei rapporti internazionali da parte dei cittadini russi fatta dal Levada Centr (il più importante centro di analisi e ricerca sociale russo), il 42% dell'opinione pubblica ritiene di approcciarsi agli USA "molto/abbastanza bene", mentre il 46% degli intervistati ha risposto in maniera contraria ("piuttosto/molto male"). Un risultato sostanzialmente equilibrato.

Molto interessante è la copertura data dalle principali testate giornalistiche, alcune delle quali offrono resoconti dettagliati ed interessanti punti di vista sulla campagna elettorale statunitense, in particolare sulla competizione interna al Partito democratico. Il tema sotto la lente d'ingrandimento dei media russi è quello della politica estera, quindi i programmi, le promesse, gli slogan che i candidati avanzano durante questa campagna, con un occhio di riguardo alle strategie e ai rapporti tra Washington e Mosca.

Tra i primi ad occuparsene Rossijskaja Gazeta, che successivamente al dibattito tra i democratici a Des Moines (Iowa) del 14 gennaio (l'ultimo prima del caucus nello Stato) si è concentrata sulle posizioni dei candidati in termini di politica internazionale. Un tema che, come ricorda il quotidiano, non è tradizionalmente tra i principali per l'elettore americano, ma che data la forte escalation della tensione con l'Iran ha occupato una parte significativa della trasmissione. La Russia viene citata tra le numerose critiche rivolte all'agenda internazionale di Trump, il cui ritiro dal trattato START rappresenterebbe un grave rischio per la sicurezza degli USA.

L'agenzia statale TASS ha un'intera sezione del suo sito dedicata alle presidenziali americane del 2020. In un'interessante rassegna dei candidati ("Breve guida ai possibili sfidanti di Trump nel 2020"), la piattaforma d'informazione esamina nel dettaglio proposte e opportunità per i vari contendenti, tanto nel campo democratico quanto in quello, senza sfida, repubblicano. Da notare come l'articolo concentri buona parte della sua analisi sulla candidata democratica Elizabeth Warren e sulla sua offerta politica, vista come potenziale sfidante del favorito Joe Biden insieme a Bernie Sanders. Ampio spazio dedicato anche a Michael Bloomberg, di cui vengono ripercorsi i trascorsi politici e l'esperienza come sindaco di New York. Complessivamente, TASS mantiene un profilo neutrale e privo di retorica, limitandosi ad una completa disamina degli attori in campo.

Sulla stessa linea si mantiene Kommersant. "Le elezioni per distacco" titola l'articolo di Ivan Lebedev, che rimarca la sempre più profonda distanza e polarizzazione dell'elettorato rosso e blu d'America. Il contributo affronta l'alta indecisione che impera nel Partito democratico, nonostante i sondaggi vedano Biden di fronte a Sanders, Warren e Buttigieg di oltre 10/20 punti percentuali. Favori dei pronostici che tuttavia, devono fare i conti con le spese della campagna elettorale, che vedrebbero l'ex vicepresidente in difficoltà rispetto agli avversari, colpa di un avvio troppo "spendaccione" rispetto ai più parsimoniosi avversari. Fuori categoria Bloomberg, il cui sterminato patrimonio gli consente investimenti faraonici. Tuttavia, come ricorda Lebedev, i numerosi cambi di casacca fatti dal magnate in passato non sarebbero molto ben visti dall'elettorato Dem, relegandolo al ruolo di outsider.

Anche qui viene offerto un focus sull'eventuale evoluzione dei rapporti russo-americani. Il giornalista constata con rammarico l'unanimità delle posizioni democratiche, convinte che Mosca sia intervenuta alle elezioni americane, sia aggressiva sulla scena internazionale e meriti una punizione, anche attraverso le sanzioni. Allo stesso tempo, però, uno spiraglio per la cooperazione sembra restare aperto, soprattutto in merito all'estensione del trattato START.

Il 42% dell'opinione pubblica russa ritiene di approcciarsi agli USA "molto/abbastanza bene", mentre il 46% degli intervistati ha risposto in maniera contraria ("piuttosto/molto male"). Un risultato sostanzialmente equilibrato.

Commenti ben più sbilanciati si possono trovare in altre fonti, per loro natura chiaramente orientate e spesso discutibili, come Sputnik, ma anche più autorevoli, come RIA Novosti, dove il columnist Ivan Danilov non esita ad apostrofare Bloomberg come "il miliardario che ha definito la Russia il nemico n. 1". Secondo il giornalista, una vittoria del tycoon democratico prospetterebbe tempi difficilissimi per le relazioni USA-Russia, in confronto alle quali i rapporti durante l'"ultimo Obama" sembrerebbero un disgelo. Bloomberg rappresenterebbe il candidato ideale per i sostenitori dello scontro con Mosca, il cui leader Vladimir Putin viene considerato dal politico statunitense come "un autoritario che ha annesso i territori dei suoi vicini, destabilizzato gli alleati statunitensi nell'Europa orientale, contribuito ai crimini di guerra in Siria e intervenuto nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016". Il giudizio complessivo sulla competizione elettorale è anch'esso piuttosto drastico: il Partito democratico avrebbe candidati troppo deboli, il cui peso risicato spianerebbe la strada al secondo mandato di Trump. Ben più velenoso il ritratto di Biden, il cui scarso appeal e le ricorrenti gaffe sembrano indicare più "l'avanzamento dell'età che l'intelletto acuto".

Dito puntato contro i democratici anche per RT, dove il politologo Dmitrij Drobnickij espone i tre errori del Partito democratico USA. Al primo posto, l'assenza di contenuti nella discussione politica, incentrata esclusivamente sulle strategie per rendere l'assistenza sanitaria gratuita e sulle critiche a 360° a Trump; non una parola sulla politica internazionale, né sull'economia o sulla sicurezza nazionale. Secondo errore: "l'atteggiamento vegetariano" nei confronti di Biden, per cui gli altri candidati non lo avrebbero attaccato pur essendo sommerso da scandali e sfondoni, rispondendo con un silenzio quasi ossequioso. Terzo errore: l'utilizzo strumentale dell'impeachment per tagliare fuori Trump ancora prima del voto, strategia perseguita da tutti i contendenti (ad eccezione di Tulsi Gabbard, come specificato nell'editoriale di Drobnickij), ricca di contraddizioni e portatrice di insuccesso. Insomma, anche in questo caso Donald Trump sembrerebbe avere la strada spianata, sia per assenza di rivali interni, sia per incapacità degli avversari.

Infine, uno sguardo ai centri di ricerca e studi internazionali della Federazione. Tra questi, si segnala un interessante contributo del RIAC, Russian Internatonal Affairs Council, che elenca le linee di politica estera dei candidati presidenziali mantenendo un profilo prettamente accademico e neutrale. Quest'ultimo resoconto, molto dettagliato, spazia dall'intransigenza, se non vero e proprio antagonismo, riconosciuto a Amy Klobuchar (fortemente legata all'Ucraina), Joe Biden, Elizabeth Warren (aspre sanzioni ed indipendenza energetica per gli alleati NATO) alla relativa distensione o cooperazione possibile con Sanders (nonostante riconosca le interferenze russe nelle precedenti elezioni) e, soprattutto, con Tulsi Gabbard, che apertamente dichiara la rivalità con la Russia come dannosa per la stessa America.

Le elezioni presidenziali americane del 2020 e la tappa precedente delle primarie sembrano, quindi, suscitare le stesse impressioni nei media, organi d'informazione e ricerca russi. L'idea è quella di un Partito democratico piuttosto debole, rappresentato da candidati poco carismatici, destinato per ora ad una lotta impari con l'attuale presidente Donald Trump, in cerca della sua riconferma. Inoltre, nei democratici viene vista molta più ostilità nei confronti del Cremlino e prospettive potenzialmente pericolose nei rapporti tra Washington e Mosca. Le ambiguità che circondano alcuni dei Dem (Biden e Bloomberg i più bersagliati) sembrano infine spianare la strada al tycoon repubblicano, che ha dalla sua parte le positive performance economiche e il decisionismo sullo scenario globale, soprattutto contro la Cina. L'unica arma democratica, ormai usurata e sempre meno funzionale, è quella dell'impeachment e delle critiche allo stile presidenziale, ma l'immagine che si proietta all'esterno è quello di contendenti senza vere proposte o idee da contraltare al "Keep America Great".


Russia, Swift, banche e oligarchi: il conto è aper...
Trump sulla Russia: Dr Jekyll and Mr Hyde

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Partito del Progresso Relazioni internazionali Welfare Vostok18 Chiesa ortodossa Stati Uniti Peredača Governo Kirghizistan Vladimir Žirinovskij Aral Assad Dmitrij Medvedev Spagna Azerbaigian nucleare Haftar Nagorno-Karabakh elezioni Akinfeev Politica estera Germania Nikita Chruščëv Informazione Ucrainagate spese militari Giovani Sondaggi governo russo Kyrgyzstan Economia Turkmenistan Mondiali politiche energetiche inquinamento Gazprom Transiberiana INF scramble for Africa OPEC Ricostruzione Soft power Kazakhstan Sorge export armi Svezia #cina Estonia Skripal Opposizione Anatolij Sobčak green energy Vedemosti Cernenko Usa Sanzioni Cittadinanza liberalismo Gennadij Zjuganov religione Patriarca Kirill Caucaso estrema destra Zurabishvili Shoah Parigi Ilham Aliyev UE inchiesta Poroshenko doping Curdi Nigeria Pensioni San Pietroburgo scenari politici Iran Cripto Valley Trump Cina Ara Disarmo Sobčak Business Russia Riforme sanità Vladimir Putini Saakashvili comunismo Eco Internazionale ingerenze russe Russiagate Casa Bianca lingua Italia Russia Società Smolensk Olimpiadi FIFA Panslavismo Astana S-400 Pavel Grudinin Cremlino Unione gasdotto Islam Venezuela Golunov Finlandia Mediterraneo Cipro spesa militare Azerbaijan boicottaggio Franco politica estera Salman candidati gay partiti Stalin Regime Change Crimea Mare muro di Berlino Diplomazia cooperazione trattato di pace Università 1989 Istituzioni Costituzione sviluppo Georgia internet Flame Towers Gorbačëv 1941 opinione pubblica Brest-Litovsk popoli Ossezia del Sud Israele Nenets Trident Juncture 2018 Naval'nyj Rocchelli Africa terrorismo società jihad Merkel Estremo Oriente autocefalia Romanov Baku Serbia Lituania rivoluzione di velluto Kim Austria Putin Pubblicazioni Curili PCUS Roma WADA Elezioni Usa 2020 LIbano russofobia OPK Libia criptovalute summit Corea del Sud Krymskij most Clima Giappone Guerra fredda Beirut Rosneft migranti Pietro il Grande Kerč’ bitcoin rete K-19 Papa Francesco SCO spie Alessandro II cultura eroina migrazioni Kortezh corruzione Idlib oligarchi #russia #economia Asia centrale Ungheria gas Arabia Saudita crisi sondaggi elettorali Sputnik Rojava Armenia SergeJ Skripal minoranza Lettonia elezioni presidenzali Minchenko Group Consulting via della seta Battaglie storiche elezioni presidenziali Giornalismo Unione Europea Power of Siberia Ksenija Sobčak Sergej Baburin Helsinki petrolio Medio Oriente Maxim Surajkin LDPR FSB visita di Stato Ecologia Montenegro Tagikistan RussiaToday Mare del Nord Afghanistan Aleksej Naval'nyj Turchia opposizioni Boris Titov coronavirus Democrazia Diritti umani Sicurezza Proteste imperialismo Russkij Mir influenza Mondiali 2018 nord stream Ambiente Nazarbayev relazioni internazionali Corea Olocausto troll PCFR URSS Jabloko Egitto opposizione politica Gas naturale Kuznetsov Passaporto ISIS Baltico Cronache di viaggio G8 Reagan Pashinyan Lavrov dazi americani Zelenskij Krasnodar Mar Baltico DNS Midterm Vladimir Putin Marina #silkbeltroad Eltsin Moldavia diritti Bielorussia settore estrattivo russkaja ulica El'cin Conte reportage Rosatom ISP #commercio Demografia Siria propaganda Vaticano Siberia Macron Partito Comunista tossicodipendenza Levada Abcasia caso Skripal incidente diritto WC2018 incendio Unione sovietica geopolitica Storia Politica Uzbekistan Donbass nomadismo Prigožin Federazione Russa Grande Gioco Antisemitismo Artico PIL antiterrorismo Cherchesov Ucraina Vladivostok Gibilterra Mosca WCIOM età dei torbidi Asia Michele I Balcani ortodossia esercito estremismo G7 climate change Tokayev Francia Kazakistan Oriente #obor nazismo Macedonia tradizioni Caspio Tajikistan Tripoli Paesi Baltici #asiacentrale anti-liberalismo Theresa May rivoluzioni colorate proteste in Russia monarchia Transnistria Difesa Guerra energia Nato #sanzioni Chiesa Ortodossa Russa stalinismo Asia Centrale 2024 TAP Bruxelles soft power Diritti civili Armi Russia Unita Calcio sport TANAP Poltava lago Bajkal Protocollo di Minsk Grigorij Javlinskij HIV LGBT Arkadij Babcenko Runet Occidente SGC Costituzione Russa Guerra civile siriana Markiv nazionalismo Kiev Cecenia zar Europa