Dalla Russia con amore. Incondizionato?

financial-times Foto: Financial Times
Solidarietà e soft power non si escludono a vicenda: gli aiuti russi che giungono oggi in Italia testimoniano vicinanza e al tempo stesso lungimiranza strategica. In questo, Mosca non si distanzia molto dagli altri Paesi.

Partiamo da una doverosa premessa: qualsiasi aiuto sanitario, da qualsiasi Paese del mondo, è ben accetto. Anche se proveniente da Stati con cui abbiamo velenosi conti in sospeso, come l'Egitto (fornitore di 1,2 milioni di mascherine per il nostro Paese). Una regola valida sempre, non solo in tempi di coronavirus.

La Russia conserva una lunga tradizione diplomatica di amicizia (o forse sarebbe meglio chiamarla "forte cordialità") con l'Italia. Cementata da scambi umani, attitudini, affinità culturali e in una certa misura convergenze geopolitiche – storicamente però spesso osteggiate dalle alleanze di cui Roma ha fatto parte.

Sulle fiancate dei camion militari imbarcati sui cargo Ilyushin 76 russi, e sbarcati tra ieri sera e stamattina a Pratica di Mare, campeggia la scritta "Dalla Russia con amore" insieme alle bandiere dei due Paesi ritagliate a forma di cuore. Un amore non solo retorico. La storia e i sondaggi raccontano come l'Italia sia il Paese europeo più amato in assoluto dai russi, per tutta una serie di ragioni che è impossibile in questa sede elencare.

Ma oltre i sentimenti c'è la geopolitica, e sarebbe un guaio ignorarla. Non si tratta di fare le pulci, né tantomeno di mettere in dubbio l'utilità degli aiuti provenienti da Mosca, se si sospetta che a muoverli vi siano anche particolari interessi.

Un dubbio lecito, naturalmente, più per la prassi della politica internazionale che per la supposta "malignità" dei russi, tanto cara ai commentatori anglosassoni. In questa fase così critica, ogni attore cerca di "umanizzarsi" e capovolgere la narrazione o i pregiudizi di cui è generalmente vittima. La Cina provando a mostrare l'utilità umanitaria delle sue Vie della Seta (altrimenti quasi inutilizzabili dopo il danno d'immagine della pandemia); Cuba rifiutando fieramente lo stereotipo di Paese sottosviluppato e portatore di un sistema fallimentare; persino l'UE – dopo incertezze quasi fatali – sospendendo il Patto di stabilità e aprendo i rubinetti, anzi il bazooka del quantitative easing, per la bellezza di 750 miliardi di euro. Quindi provando a liberarsi della sua immagine austera e punitrice.

In questa fase così critica, ogni attore cerca di "umanizzarsi" e capovolgere la narrazione o i pregiudizi di cui è generalmente vittima.

Anche la Russia, in questo gioco, fa la sua parte. Obiettivo, quello di smentire l'idea occidentale di un Paese chiuso, aggressivo, calcolatore. Non è un caso che gli aiuti sbarcati a Pratica di Mare siano stati seguiti, subito dopo, dalle distensive dichiarazioni del portavoce del Cremlino Peskov, in risposta ad alcune insinuazioni giornalistiche: "No, non c'è assolutamente alcun legame [con la partita delle sanzioni, ndr]. Non si può parlare di condizioni, di calcoli e neppure di speranze. L'Italia ha bisogno di più aiuti e quello che la Russia sta facendo è fornire concreta assistenza. È assurdo parlare di un qualche tipo di reciproca speranza, le cose non stanno così".

Non è sbagliato ciò che dice Peskov. L'Italia non cambierà le proprie alleanze in base al numero di mascherine ricevute, per quanto lunga e dolorosa possa rivelarsi l'attuale crisi. Ed è improbabile che nella chiamata tra Conte e Putin siano state fatte promesse su un veto italiano alle sanzioni europee (che avrebbero conseguenze diplomatiche molto gravi per il nostro Paese).

Dunque è più che plausibile che gli aiuti russi siano, a conti fatti, incondizionati e privi di un ritorno immediato. Ciò tuttavia non significa che siano anche disinteressati. E non per cattiveria o per chissà quale piano diabolico. Ma semplicemente per interesse nazionale, soft power, operazione simpatia. In altre parole, per l'occasione più unica che rara di allargare il bacino italiano dei russofili in un momento in cui le sensibilità sono molto accese. Senza trascurare una strategia più ampia: quella di tenere il passo con Usa e Cina, fino ad ora protagonisti della contesa politica (ed emotiva) dell'Italia, nel grande gioco degli aiuti.

Nota finale: la Russia è in crescente difficoltà nella sua lotta all'epidemia di Covid-19. I positivi negli ultimi giorni stanno aumentando con un ritmo paragonabile a quello di altri Paesi europei, anche se con parecchi giorni di ritardo e numeri ancora relativamente contenuti. Sul piano sanitario, la Federazione non si trova in condizioni ottimali anche se è avvantaggiata dalla predisposizione di misure eccezionali (come la costruzione di ospedali speciali) intrapresa con un certo anticipo. Il flusso di aiuti all'Italia – attualmente previsto fino al 19 aprile attraverso una sorta di ponte aereo – potrebbe dunque interrompersi per necessità interne.


Il richiamo della taiga
La riforma costituzionale russa e l’ammiraglio Put...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

ISP Assad sanità stalinismo Battaglie storiche Boris Titov Mare del Nord candidati Power of Siberia G7 Tokayev liberalismo Cina Turchia Lavrov Baku Anatolij Sobčak Vaticano HIV Casa Bianca opposizioni #obor Midterm Cripto Valley Naval'nyj migranti bitcoin Saakashvili Kazakistan Jabloko opposizione politica Nagorno-Karabakh Zurabishvili Kortezh Alessandro II Pensioni Sergej Baburin Governo rivoluzioni colorate Ricostruzione Rosatom russofobia minoranza Bielorussia Egitto Rocchelli K-19 Beirut propaganda Gennadij Zjuganov Parigi proteste in Russia monarchia Haftar estrema destra Crimea Mare PIL #commercio Pashinyan Siberia Curdi Sondaggi Diritti umani cultura UE Salman Guerra civile siriana Transnistria sviluppo Business Russia eroina Flame Towers Gazprom Asia 2024 Kirghizistan INF Poroshenko caso Skripal Passaporto Svezia Diplomazia LGBT Finlandia Bruxelles russkaja ulica trattato di pace San Pietroburgo G8 Regime Change età dei torbidi Mar Baltico nazismo Democrazia Helsinki via della seta Giovani Politica estera elezioni presidenzali politica estera petrolio nomadismo Russkij Mir Asia centrale Romanov relazioni internazionali Corea del Sud Azerbaigian internet lingua scenari politici Vladimir Žirinovskij PCUS Transiberiana export armi Rojava Stalin sport Nenets Riforme Africa Informazione SGC Austria Antisemitismo Uzbekistan Grigorij Javlinskij Relazioni internazionali Russia Unita crisi Sorge gas Asia Centrale politiche energetiche Dmitrij Medvedev coronavirus nord stream Krymskij most Kazakhstan Michele I Kyrgyzstan Ungheria corruzione #economia diritto Ilham Aliyev LIbano Russiagate Soft power #silkbeltroad terrorismo WCIOM Vedemosti Golunov Russia Donbass tradizioni Cecenia Runet Istituzioni jihad Trident Juncture 2018 Armi Tripoli Costituzione Russa Spagna doping Ossezia del Sud #russia Demografia inquinamento Aleksej Naval'nyj Maxim Surajkin Caucaso Opposizione Kuznetsov scramble for Africa Smolensk Disarmo Vladivostok Gorbačëv dazi americani Olimpiadi Francia spese militari Idlib Usa Gas naturale visita di Stato Islam criptovalute Kiev Sicurezza Occidente Gibilterra Società Putin Medio Oriente Giappone Estonia Nigeria energia Ksenija Sobčak SCO OPEC inchiesta Mosca Cipro Turkmenistan Pavel Grudinin Welfare influenza Israele antiterrorismo Partito Comunista rete Cremlino Proteste Reagan Lituania 1989 Tagikistan TAP esercito Eltsin tossicodipendenza Stati Uniti Macron cooperazione Clima Papa Francesco OPK Ucrainagate Kim Poltava elezioni presidenziali spesa militare società Kerč’ governo russo Ara Pietro il Grande Conte Ambiente Baltico Chiesa ortodossa TANAP Shoah Ecologia Estremo Oriente Grande Gioco Italia Federazione Russa Vostok18 elezioni Sanzioni Unione RussiaToday Aral Lettonia Sputnik Mondiali summit Nikita Chruščëv Vladimir Putin migrazioni PCFR Patriarca Kirill Sobčak Venezuela ingerenze russe Rosneft reportage Oriente Theresa May Minchenko Group Consulting LDPR sondaggi elettorali rivoluzione di velluto El'cin Eco Internazionale Calcio Armenia URSS soft power Mondiali 2018 Skripal diritti Krasnodar Akinfeev Protocollo di Minsk Azerbaijan nucleare incendio anti-liberalismo green energy Arkadij Babcenko Levada lago Bajkal Germania gay Università Olocausto Chiesa Ortodossa Russa WC2018 Trump Giornalismo Marina Cittadinanza Paesi Baltici Europa Afghanistan Vladimir Putini muro di Berlino troll ISIS Siria Ucraina oligarchi Merkel partiti Prigožin SergeJ Skripal Markiv Guerra Libia Difesa S-400 gasdotto Partito del Progresso Caspio climate change Astana Storia WADA nazionalismo #asiacentrale Arabia Saudita Corea ortodossia Franco Cherchesov Mediterraneo Moldavia autocefalia Macedonia Peredača religione Serbia Brest-Litovsk FIFA estremismo boicottaggio incidente popoli opinione pubblica Cernenko Elezioni Usa 2020 Diritti civili Curili #sanzioni FSB DNS spie Economia Politica Tajikistan Zelenskij Guerra fredda Abcasia geopolitica Pubblicazioni Balcani Artico #cina Panslavismo Roma 1941 Nato Montenegro imperialismo Georgia Nazarbayev Iran Unione sovietica comunismo Cronache di viaggio settore estrattivo zar Unione Europea Costituzione