L'importanza di (non) essere satellite

TU-154-SCHIANTO
Breve excursus delle relazioni tra Russia e Polonia a dieci anni dal disastro aereo di Smolensk del 2010

"La storia arrotonda gli scheletri allo zero.
Mille e uno fa sempre mille"

Così scriveva la poetessa polacca Wislawa Szymborska, e guardando gli eventi salienti della storia polacca contemporanea non si può che darle credito: fu questo infatti il destino dei morti nella foresta di Katyn, ove nel 1940 l'NKVD di Stalin massacrò un numero di ufficiali e militari polacchi non inferiore a 20.000. Ventimila e più scheletri che per anni non hanno potuto avere alcun riconoscimento, dal momento che l'Unione Sovietica quando non poté più accusare i nazisti tedeschi negò strenuamente qualsivoglia coinvolgimento nella vicenda.

Con la nuova Russia – e in questo si trova uno dei pochissimi fili conduttori coerenti tra la politica di El'cin e quella di Putin – il massacro non venne solamente riconosciuto, ma anche commemorato. Ogni anno infatti nei pressi di Katyn leader russi e polacchi si dedicano a celebrazioni di rito da troppo tempo ignorate.

L'ironia del caso – se di ironia si può parlare di fronte ad un eccidio – ha voluto che nel 2010, a 70 anni esatti dai fatti di Katyn, l'aereo incaricato di condurre al luogo della commemorazione quasi tutta l'intelligencija polacca (tra cui il presidente Kaczynski) si schiantasse uccidendo tutte le persone a bordo. Per la Polonia ad una tragedia se ne sommava un'altra.

Lo schianto del TU-154 divenne terreno fertilissimo per speculazioni e teorie complottistiche di ogni sorta: furono i russi a progettarlo? L'ordinante fu il primo ministro polacco Donald Tusk che voleva liberarsi a tutti i costi dei suoi oppositori, in primis lo stesso presidente? Come per ogni grande avvenimento, dipanare questa matassa di dubbi è impossibile. Quello che invece si può fare è tentare di tracciare una linea tra quelle che erano le relazioni tra la Polonia e la Russia prima dell'incidente e la loro evoluzione a esattamente dieci anni di distanza da esso.

Tra i vecchi Paesi del blocco comunista europeo, la Polonia non è solo quello più refrattario a ricostruire una relazione con la Russia, ma paradossalmente è anche quello con il potenziale – finora dormiente – più elevato. Approfittando infatti dell'exclave di Kaliningrad, la Russia definisce la Polonia suo "vicino", bypassando ben due Stati sovrani confinanti (Bielorussia e Ucraina) pur di poter attuare politiche di buon vicinato con Varsavia.

Questo però non significa che tra Russia e Polonia sussista una relazione idilliaca: se nel 1999 El'cin non obiettò sull'entrata della Polonia nella NATO, tale passaggio negli anni divenne sempre più un problema per la Russia preoccupata dall'avanzamento dell'Alleanza Atlantica verso i suoi confini. La Polonia ancora una volta veniva trattata da satellite, orbitante stavolta tra due pianeti, Russia ed Occidente.


La scoperta dei corpi del massacro di Katyn

Dal 1° maggio 2004, data della sua adesione, Varsavia prende molto seriamente il suo ruolo nell'Unione Europea: strenuo difensore delle politiche antirusse che limitino le relazioni con Mosca il più possibile (ad esempio, la contrarietà ad estendere il PCA), il governo polacco convince l'UE a sostenere la rivoluzione arancione in Ucraina (smacco difficile da dimenticare per la Russia). Varsavia si erge così a paladina di quella libertà guadagnata dal 1989, decisa a smettere i panni di Paese satellite per qualsivoglia parte.

Con l'ascesa di Tusk nel 2007 le tensioni con la Russia sembrano allentarsi: la sua politica di "scongelamento" verso Mosca vorrebbe appianare una competizione esistente da secoli. Ma proprio sulla scia di questa contesa Tusk incontra l'opposizione della stragrande maggioranza della classe dirigente polacca, la stessa perita nel 2010. I nobili ideali di Tusk ovviamente vedevano la necessità per la Polonia di rasserenare i rapporti con il Paese che allora – come oggi – forniva quasi il 100% del suo fabbisogno di gas e petrolio. La Polonia tentò di muoversi in maniera indipendente dall'Unione Europea per assicurarsi costi vantaggiosi e diminuire l'impatto delle rappresaglie per le quali è tristemente solita Gazprom.

Nel 2010, alla firma di un nuovo contratto capestro con il gigante russo dei combustibili fossili, si somma la reticenza della Russia a consegnare alla Polonia le scatole nere dell'incidente aereo. La crescita del sospetto verso Mosca è inevitabile. A livello puramente diplomatico i rapporti rimangono tesi ma cordiali, fino a quando nel 2014 con gli avvenimenti di piazza Maidan la Polonia si riconferma sostenitrice della libertà dei popoli dell'ex Unione Sovietica. La scaltra mossa dell'UE di mettere a capo del Consiglio Europeo Tusk vuole definitivamente allontanare un Paese così strategico dalle potenziali mire russe.

Ora a Katyn vengono celebrati due anniversari vicini nella tragicità, ma la realtà delle relazioni russo-polacche toglie quell'alone romanzesco che il caso ha imposto sull'ultima vicenda. Infatti, con dieci anni di senno di poi, questo incidente tragico ma – fino a prova contraria – casuale, può solo indurre ad una serie di riflessioni ed invitare a ripercorrere a ritroso il filo degli eventi.

Nella pratica il dramma ha impattato in maniera relativa su un Paese il cui percorso politico sembrerebbe essere ormai ben definito. L'opinione pubblica polacca – ad oggi estremamente sospettosa delle intenzioni russe – ha un enorme valore che non poteva e non può essere scavalcato dalle intenzioni di alcun governo, soprattutto dopo un disastro dal carico simbolico così importante.

Per questo allo schianto del TU-154 si può attribuire ben poca influenza riguardo un eventuale cambio di rotta nella politica bilaterale russo-polacca. Come menzionato, lo stesso Tusk è tornato ufficialmente sui suoi passi per quanto riguarda l'apertura verso la Russia, e quella che dieci anni fa sembrava una svolta storica ora non è vista come altro che una temporanea deviazione dalla via maestra; una via che vede una Polonia a cui il ruolo da satellite sta stretto, e da valido giocatore quale è, richiede una considerazione diversa da parte di Russia e UE. 


La fine della crisi politica in Abcasia
L'Estremo Oriente russo tra storia, etnie e separa...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

#sanzioni Vladimir Žirinovskij 2024 Merkel minoranza Arabia Saudita Germania Cherchesov spie proteste in Russia Kaczynski Cecenia Lituania Nikita Chruščëv Gibilterra Olimpiadi Africa Idlib Gas naturale Libia energia Riforme Brest-Litovsk Reagan Business Russia Kirghizistan Lavrov Trump doping geopolitica Boris Titov Cripto Valley Polonia Disarmo Gennadij Zjuganov Ossezia del Sud Giovani via della seta Kyrgyzstan Moldavia #cina Poroshenko Roma diritti Tripoli #obor Sobčak Eco Internazionale Tagikistan Kortezh Transnistria Ungheria liberalismo Katyn Zelenskij G8 Corea del Sud LDPR Ucrainagate Opposizione Russiagate oligarchi Regime Change Saakashvili epidemie Azerbaijan trattato di pace Chiesa Ortodossa Russa Asia migrazioni INF #asiacentrale Politica Casa Bianca Politica estera Protocollo di Minsk Israele Costituzione Austria Ecologia incidente Unione Europea summit influenza Ilham Aliyev 1941 tradizioni G7 Abcasia Giappone Pavel Grudinin Sergej Baburin Estremo Oriente sport Asia centrale visita di Stato Haftar Vaticano El'cin anti-liberalismo Pubblicazioni Panslavismo Estonia Nigeria crisi Smolensk URSS Salman Balcani settore estrattivo Nato green energy rete comunismo boicottaggio sanità OPK Zurabishvili Alessandro II Antisemitismo gas PIL Sicurezza stalinismo Rosatom Guerra civile siriana Corea DNS Sondaggi propaganda Caucaso questioni di genere governo russo SCO Markiv incendio nucleare Giornalismo Midterm Aleksej Naval'nyj Patriarca Kirill PCUS Dmitrij Medvedev Flame Towers Armi candidati Power of Siberia 1989 Kerč’ export armi Paesi Baltici Pietro il Grande Baku popoli Università Ambiente SGC Krymskij most Tajikistan Akinfeev Demografia LIbano tossicodipendenza esercito Astana monarchia Bruxelles Nagorno-Karabakh cultura internet Conte soft power Egitto elezioni presidenziali Gazprom Italia Vladimir Putini Cronache di viaggio Siberia Uzbekistan Ksenija Sobčak politiche energetiche climate change Kuznetsov ortodossia Occidente Jabloko Rocchelli Turchia spesa militare Grande Gioco russofobia Islam ISP coronavirus WADA Franco Lettonia Curdi ingerenze russe Putin Pensioni estrema destra Asia Centrale opposizione politica Krasnodar rivoluzione di velluto Mondiali Russkij Mir Georgia zar gasdotto Soft power Romanov elezioni eroina Levada femminismo Shoah Guerra fredda Artico Welfare petrolio Minchenko Group Consulting Papa Francesco LGBT Armenia Ucraina #russia Medio Oriente Economia Svezia Golunov RussiaToday Anatolij Sobčak Passaporto nazismo Poltava Nazarbayev Proteste reportage Partito del Progresso #commercio Cina Democrazia rivoluzioni colorate Oriente Skripal Beirut Ara jihad Unione opposizioni Baltico FSB OPEC Prigožin lingua Cernenko Calcio Mare Sputnik Eltsin PCFR WCIOM criptovalute separatismo politica estera religione Unione sovietica autocefalia dazi americani Michele I Kazakhstan Partito Comunista partiti SergeJ Skripal Guerra Trident Juncture 2018 Russia #silkbeltroad Istituzioni Mediterraneo Sanzioni Peredača Vedemosti Covid-19 Diritti civili Donbass scenari politici bitcoin Diplomazia società Crimea Stalin corruzione Afghanistan Iran Ricostruzione WC2018 Bielorussia ISIS Mar Baltico estremismo TANAP Tokayev nomadismo Macron Parigi Elezioni Usa 2020 Pashinyan Storia elezioni presidenzali Venezuela Vladimir Putin Caspio Costituzione Russa Aral cooperazione San Pietroburgo Curili nazionalismo gay Chiesa ortodossa Cremlino scramble for Africa Maxim Surajkin opinione pubblica Finlandia Marina Mondiali 2018 Federazione Russa TAP sviluppo Turkmenistan Informazione lago Bajkal Siria antiterrorismo Helsinki Macedonia Cipro Kiev Vostok18 Russia Unita Spagna Vladivostok Europa Rojava sondaggi elettorali Azerbaigian Usa Transiberiana Relazioni internazionali HIV Mare del Nord Nenets Governo FIFA K-19 russkaja ulica Difesa Eurasia Stati Uniti Battaglie storiche migranti Società Olocausto Diritti umani relazioni internazionali Assad #economia UE Gorbačëv muro di Berlino Serbia Rosneft Kim Naval'nyj diritto Arkadij Babcenko età dei torbidi Tusk inquinamento inchiesta troll Mosca nord stream Grigorij Javlinskij Kazakistan spese militari Theresa May Clima Runet Montenegro terrorismo Sorge Cittadinanza imperialismo caso Skripal S-400 Francia