Russia, Arabia Saudita e Stati Uniti - La pace del petrolio

In un momento critico per i mercati internazionali e il settore petrolifero, l'OPEC+ e il G20 hanno raggiunto uno storico accordo per il taglio della produzione di petrolio. L'intesa è stata raggiunta anche grazie all'intenso scambio diplomatico e ai colloqui tra i leader di Stati Uniti, Arabia Saudita e Russia.

 

Domenica 12 aprile è stato finalizzato l'accordo in seno all'OPEC+ che porterà a una riduzione della produzione pari a 9,7 milioni di barili di petrolio al giorno per i mesi di maggio e giugno. La decisione è stata presa nel momento più critico per l'industria petrolifera globale, che ha visto scendere i prezzi del greggio fino a 20 $ al barile nelle ultime settimane (rispetto ai 70 registrati lo scorso gennaio).

All'accordo è seguito un vertice straordinario del G20 dell'energia, nel quale le intese raggiunte in seno all'OPEC+ sono state rilanciate. Il livello dei tagli alla produzione sarà ulteriormente rafforzato grazie al contributo di Stati Uniti, Canada, Norvegia e Brasile con ulteriori 3,7 barili al giorno prodotti in meno nel corso del 2020. Una quantità ulteriore di greggio sarà tolta dal mercato per essere dirottati per rifornire le riserve strategiche dei Paesi del G20 fino ad arrivare – considerando i tagli della produzione – a un calo dell'offerta di circa 19,5 milioni di barili al giorno. Si tratta della più grande riduzione volontaria dell'output nella storia, pari a un quinto della produzione complessiva attuale.

L'accordo ricompone in parte lo strappo avvenuto tra Russia e Arabia Saudita in seguito allo scorso 6 marzo, quando i due Paesi avevano iniziato una guerra dei prezzi del greggio al ribasso con l'obiettivo di imporre la ciascuno la propria linea all'interno dell'OPEC+. Sullo sfondo di queste tensioni, la Russia aveva sfruttato l'occasione per attaccare anche le quote di mercato occupate dai produttori di greggio shale statunintensi.

Un'industria questa molto particolare, dagli elevati costi di produzione, ma che aveva permesso agli Stati Uniti di diventare a fine del 2019 i primi produttori di petrolio al mondo. Un risultato ottenuto anche grazie a politiche aggressive e slegate dalle decisioni adottato in seno all'OPEC+, che puntano a concertare l'output di petrolio per mantenere un livello stabile dei prezzi. Da qui il tentativo della Russia di mettere in difficoltà il comparto estrattivo statunitense, aumentando la produzione e facendo calare il prezzo.

Tuttavia, la diffusione del virus Covid19 e il progressivo blocco delle linee di produzione globali ha causato un crollo della domanda di energia in un momento di eccesso di offerta di petrolio dovuto alle dinamiche descritte in precedenza. I tre attori principali, Russia, Stati Uniti e Arabia Saudita, si sono trovati a che fare con difficoltà interne che li hanno spinti a cercare un accordo.

Il quartier generale del'OPEC a Vienna.

Uno dei pilastri del nuovo corso della leadership del principe ereditario saudita Mohammad bin Salman è la quotazione in borsa della società petrolifera nazionale Saudi Aramco, un'operazione da 2000 miliardi $ avviata lo scorso dicembre e che richiede la stabilità dei mercati petroliferi

Negli Stati Uniti i risultati dell'industria estrattiva shale ha portato con sé un forte indebitamento delle aziende del settore e molte nelle scorse settimane hanno già avviato procedure per dichiarare il fallimento, incapaci di ripagare i debiti contratti in precedenza con questo livello di prezzi. Il rischio dello scoppio di una bolla finanziaria, seppur limitata e contenuta al comparto estrattivo, ha convinto il Presidente Trump a intervenire direttamente.

Infine la Russia. Nonostante le contromisure prese, il Paese sta faticando a resistere alla diffusione del virus Covid19. Mosca ha puntato a chiudere il fronte della guerra dei prezzi del petrolio il più in fretta possibile arrivando dunque a un'intesa. Restando sulle metafore belliche, il Vice Presidente di Lukoil Leonid Fedun, la più grande società privata russa del settore petrolifero, ha comparato l'accordo che la Russia ha ottenuto in seno all'OPEC+ alla Pace di Brest Litovsk del 1918: un accordo umiliante per la Repubblica Sovietica, ma necessario. Su posizioni diverse Igor Sechin, Amministratore Delegato della compagnia petrolifera statale Rosfnet, che nel 2019 ha prodotto il 41% del greggio russo, che ha criticato invece i negoziati dell'OPEC+ sottolineando il progressivo arretramento dell'Organizzazione nell' influenzare concretamente il mercato del petrolio internazionale.

Il Ministero dell'energia russo, per mezzo del suo Vice Pavel Sorokin, ha confermato che i bilanci statali e le compagnie private sono abbastanza solidi da resistere a un periodo relativamente breve di bassi prezzi del mercato. La strategia russa, continua Sorokin, ha dovuto adattarsi all'evolversi della situazione. Rispetto alle resistenze mostrate a inizio marzo sull'abbassare la produzione, la Russia ha preferito agire ora e di concerto con gli altri Paesi sfruttando la sua posizione di vantaggio e potendo avere una maggiore influenza sulla decisione finale.

Infine, ridurre la produzione ora permetterà di limitare lo stress a livello tecnico sugli impianti ed evitare danni operativi più gravi. Chiudere la produzione di un pozzo in piena funzione non è un'azione semplice e comporta un certo livello di rischio che gli impianti possano danneggiarsi. Chiudere ora in modo graduale è più semplice che essere costretti a chiudere una maggiore quantità di pozzi in un secondo momento a causa del protrarsi della crisi della domanda.

Al di là delle questioni tecniche, resta un certo scetticismo sulla possibilità che gli accordi presi in seno all'OPEC+ e G20 vengano rispettati. Di fronte alla possibilità di aumentare i propri margini di profitto attraverso una maggiore produzione, analisti del settore commentano l'accordo con: "non appena i prezzi saliranno, sarà come cercare di radunare un gruppo di gatti".

Sullo sfondo della crisi in corso, e in attesa di valutare l'efficacia degli accordi raggiunti, l'OPEC+ si riconferma un attore importante, ma non fondamentale del panorama energetico mondiale. Specularmente, il G20 non ha saputo garantire un adeguato supporto ai risultati raggiunti. Spicca l'assenza dei Paesi europei, che non hanno garantito l'acquisto del greggio sul mercato per sostenerne il prezzo. Sono emersi invece i contatti diretti tra i leader di Russia, Arabia Saudita e Stati Uniti - per motivi interni diversi – che hanno garantito il superamento dell'impasse dei negoziati. Un dialogo limitato nel tempo e relativo al settore del petrolio, ma che non esclude ulteriori sviluppi in altri campi, ad esempio un cambio della retorica statunitense verso la politica energetica e le sanzioni imposte alla Russia.

Bielorussia, il Paese che voleva negare il Covid-1...
Covid-19 in Asia centrale - Anche la verità è cont...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Gas naturale incendio influenza Power of Siberia estrema destra Parigi Tajikistan elezioni presidenziali Katyn gasdotto Sanzioni Rojava Costituzione Biden Siberia Midterm cooperazione Afghanistan El'cin Costituzione Russa Mondiali PCFR Arabia Saudita SCO Rosatom Eltsin hacker russofobia Ossezia del Sud rete Armi Cina FSB Krymskij most Svetlana Tikhanovskaja Società tossicodipendenza Seconda Guerra Mondiale rivoluzione di velluto Conte Kirghizistan spie gay Aliyev Theresa May ISP Flame Towers Guerra fredda Spagna UE popolazione Aleksej Naval'nyj Olocausto inchiesta cultura Covid-19 SergeJ Skripal società opinione pubblica geopolitica Peredača WCIOM Ecologia russkaja ulica Jabloko partiti Corea Trident Juncture 2018 spionaggio età dei torbidi Estremo Oriente rivoluzioni colorate Chiesa Ortodossa Russa Nenets Germania Russia Islam criptovalute Finlandia monarchia SGC finanza liberalismo Grande Gioco doping reportage muro di Berlino Golunov Vladimir Putin climate change Federazione Russa politica interna coronavirus Welfare Sicurezza Shoah Mare del Nord Naval'nyj DNS via della seta zar Mediterraneo autocefalia Ambiente governo russo Bielorussia Rivoluzione Cantata Economia Vladimir Žirinovskij Relazioni internazionali Markiv Curdi L'Orso Polare OPEC Turkmenistan PIL diritti Prigožin Chabarovsk gas vaccino Alessandro II INF Azerbaijan Stalin Vostok18 Mare Pubblicazioni Stati Uniti G7 Kaczynski religione trattato di pace Saakashvili ISIS nucleare Transnistria Akinfeev migrazioni Gorbačëv Giornalismo Mar Rosso Unione sovietica Vaticano K-19 Difesa Michele I soft power Libia migranti Politica estera jihadismo Tusk Regno Unito Vladimir Putini nazionalismo WADA Politica OPK tecnologia Kiev Terre Rare Tokayev Caucaso Ideologia Salman Sputnik V Astana Rocchelli Opposizione Diritti civili MENA Romanov minoranza frozen conflicts Chiesa ortodossa Paesi Baltici Cosacchi Nato Tagikistan summit Panslavismo Italia Balcani FIFA Siria relazioni internazionali San Pietroburgo Proteste nazismo ebraismo Kerč’ Uzbekistan elezioni Zakharova Giappone estremismo Casa Bianca Diplomazia TAP Pashinyan crisi Mosca lago Bajkal Sergej Baburin sanità lingua politiche energetiche Sondaggi 1989 PCUS Beirut medicina Oriente Lettonia politica estera Europa Partito del Progresso Mar Baltico HIV Russkij Mir militari Storia migrazione Patriarca Kirill oligarchi Eurasia Venezuela petrolio ortodossia inquinamento Ara Ucrainagate Nikita Chruščëv export armi #economia sport Skripal Passaporto LDPR Moldavia proteste in Russia Palestina Estonia Francia Merkel Medio Oriente Macedonia tradizioni Ricostruzione Poltava imperialismo Battaglie storiche Africa Pavel Grudinin Kazakhstan #silkbeltroad scramble for Africa Curili Protocollo di Minsk Guerra civile siriana Baku #commercio Maxim Surajkin Austria Unione Vladivostok Ksenija Sobčak Corea del Sud Cherchesov S-400 Unione Economica Eurasiatica Azerbaigian Elezioni Usa 2020 Democrazia Zurabishvili Poroshenko Georgia diritto candidati Istituzioni 2024 Kuznetsov Ucraina Cecenia droni caso Skripal Trump #asiacentrale dazi americani spese militari Cripto Valley LGBT Asia Papa Francesco visita di Stato Lukashenko Israele nord stream Idlib India opposizione politica Governo sondaggi elettorali Nagorno-Karabakh Università Transiberiana epidemie Occidente 1941 Sobčak Rosneft Sudan Marina Tripoli ingerenze russe Unione Europea Clima Disarmo Diritti umani antiterrorismo Levada Giovani energia Ungheria G8 Cittadinanza TANAP Caspio WC2018 Macron Donbass Grande guerra patriottica Assad comunismo Nord Stream 2 Vedemosti settore estrattivo Reagan Crimea Aral Demografia separatismo Idrogeopolitica Boris Titov elezioni presidenzali Grigorij Javlinskij Brest-Litovsk Guerra Haftar #sanzioni troll Mondiali 2018 Russiagate Putin URSS propaganda Franco Bruxelles Nazarbayev Kim Joe Biden Svezia Krasnodar Artico interviste Regime Change Riforme scenari politici Runet #cina Cernenko Abcasia Sputnik Lavrov Roma popoli Olimpiadi Soft power Nagorno Karabakh Minchenko Group Consulting Montenegro Asia Centrale Baltico Anatolij Sobčak Cronache di viaggio eroina spesa militare Gazprom stalinismo Partito Comunista jihad opposizioni Rublo Iran Business Russia Antisemitismo Santa Sofia Usa Nigeria Banca centrale Referendum sviluppo Pamfilova Pensioni Gibilterra Ilham Aliyev Zelenskij RussiaToday Helsinki Pietro il Grande femminismo corruzione Lituania Romania Informazione Minsk Bessarabia Eco Internazionale Egitto Russia Unita Arkadij Babcenko LIbano Turismo anti-liberalismo Dmitrij Medvedev esercito Gennadij Zjuganov Turchia Calcio Armenia #obor nomadismo bitcoin boicottaggio Cremlino Baltici Kyrgyzstan Serbia green energy Asia centrale terrorismo Cipro Partenariato orientale internet Smolensk #russia incidente Kortezh Sorge Polonia questioni di genere Kazakistan