Russia, la dottrina per l’Artico che cambia

Foto - Semjon Majsterman (ITAR-TASS)
Pubblicato su Osservatorio Artico il 4 giugno 2020 

Non è solamente (purtroppo) il clima a cambiare nell'Artico. Con il surriscaldamento globale e lo scioglimento dei ghiacci, nuove rotte sembrano aprirsi ai commerci, così come immense risorse, dapprima scarsamente sfruttabili, aumentano l'interesse attorno alla calotta polare, che si prospetta come nuovo campo cruciale per le sfide geopolitiche del secolo.

In un contesto di mutamento generale, cambia dunque l'approccio al Polo Nord, alle opportunità che potrà offrire e alle ricchezze che se ne potranno ricavare. A questo proposito, il 5 marzo scorso è stato approvato il documento strategico "Sui fondamenti della politica nazionale della Federazione Russa nell'Artico fino al 2035", Decreto 164 firmato dal presidente Vladimir Putin (Об основах государственной политики Российской Федерации в Арктике на период до 2035 года). Il testo contiene i principi base che le istituzioni russe dovranno considerare nel perseguire obiettivi ed interessi strategici a nord del Circolo Polare, sconfinata riserva di ricchezze su cui la Russia ha l'affaccio più vasto. Si stima che il 40% delle riserve combustibili fossili del mondo sia nell'area dell'Artico. Per la Russia, una miniera d'oro: non solo lo sfruttamento economico esclusivo entro le proprie 200 miglia nautiche, come previsto dal diritto del mare, ma anche il controllo dell'80% delle riserve fossili artiche, inglobando un'area di 1,2 milioni di km2 in più.

In merito agli interessi nazionali russi, esistono molte somiglianze tra questo documento e il suo predecessore (approvato nel 2008 e contenente le linee guida fino al 2020). Restano cruciali la preservazione dell'Artico come scenario pacifico e di collaborazione, la tutela dell'ambiente, degli ecosistemi e delle tradizioni delle regioni artiche russe, lo sviluppo della Northern Sea Route (NSR) come corridoio logistico internazionale. La centralità dell'Artico si corona con la definizione del suo sviluppo, in quanto "base delle risorse strategiche", e del suo sfruttamento razionale, volto a "incrementare la crescita economica della Russia" (Art.5). Ciò non sorprende, dato che il 10% del PIL e il 20% delle esportazioni della Federazione sono attualmente prodotti nell'Artico.

Al vertice dell'elenco figura l'introduzione del "mantenimento della sovranità e dell'integrità territoriale della Federazione". Per la proiezione internazionale di Mosca, questi cardini restano immutabili da oltre venti anni. Qualsiasi sia l'ambito o lo scenario, la Russia continuerà indubbiamente a garantire la sua sovranità sui territori e sulle acque dell'Artico. Già nel 2019 si è discussa l'intenzione di inasprire la regolamentazione delle navi militari straniere che attraversano il NSR. L'aumento delle esercitazioni militari e della presenza di pattuglie aeree di sorveglianza, spesso sfoderate come vere e proprie "dimostrazioni di forza", confermano i decisi progetti sovrani del Cremlino. La dimensione militare della sicurezza nell'Artico viene ribadita con gli obiettivi di sviluppare ulteriormente le forze della guardia costiera e di frontiera esistenti, nonché di creare un corpo apposito in seno alle Forze Armate che "garantisca la sicurezza in varie condizioni politico-militari" (Art. 6, lett. e; Art. 19). è evidente come questa deterrenza miri principalmente a scoraggiare l'aggressione contro la Russia nell'Artico.

Molte sono, infatti, le sfide che la Russia dovrà sostenere nella regione artica e che sono state riportate nel documento strategico. Alle preoccupazioni straniere sull'escalation militare russa nell'Artico, Mosca risponde criticando la presenza militare altrui e il potenziale di conflitto in aumento nell'Artico, causato essenzialmente dalle crescenti attività della NATO, nonché degli Stati Uniti, nell'Artico e nell'Atlantico settentrionale. Tra le minacce alla sicurezza, vengono inoltre riportati i tentativi di "alcuni paesi di rivedere deliberatamente le disposizioni dei trattati internazionali che regolano le attività economiche e di altro tipo nell'Artico e di istituire sistemi di regolamentazione nazionali, senza tener conto dei formati regionali e internazionali di cooperazione", alle volontà di "ostruzione alle attività economiche" e al "discredito" gettato sulla Russia nell'Artico (Art. 8 lett. a, v, d).

Tra questi soggetti figura certamente la Norvegia, esplicitamente citata in merito al disaccordo tra Mosca e Oslo sull'interpretazione del Trattato di Spitzbergen del 1920. In particolare, il Cremlino si oppone all'istituzione di una zona di protezione della pesca da parte norvegese e "all'espansione artificiale delle zone di protezione della natura, al fine limitare l'attività economica nell'arcipelago". Nel febbraio 2020, in occasione del centenario del trattato, il Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha così criticato le intenzioni norvegesi, tramite una lettera inviata all'omologo ministero.

Definendo l'Artico come "regione di pace", la Russia vuole tuttavia sottolineare la centralità della cooperazione internazionale (Art.16) su una serie di questioni, tra cui la delimitazione della piattaforma artica, le attività di ricerca e salvataggio, la prevenzione e la gestione delle conseguenze di eventuali catastrofi. Come elencato, Mosca mira a rafforzare le relazioni a livello bilaterale e in diversi formati di cooperazione multilaterale, ma distingue in modo specifico il Quintetto artico (арктическое пятёрка, i cinque Paesi costieri del Mar Glaciale Artico), il Barents Euro-Artic Council e il Consiglio artico. Quest'ultimo viene indicato come "istituzione regionale chiave, che coordina la cooperazione internazionale nell'Artico" (Art. 16, lett. b). Considerando la prossima presidenza di turno russa per il Consiglio artico del 2021, non è insolito che il rafforzamento dell'organizzazione sia una priorità. 

Vladimir Putin presenzia il V Forum Artico a San Pietroburgo, 9-10 aprile 2019.

Tuttavia, facendo fede a un ventennale di politica estera multivettoriale, Mosca vuole promuovere un "partenariato economico reciprocamente vantaggioso" inclusivo degli Stati non artici (Art. 16, lett. e). Non mancherà dunque la ricerca di investimenti esterni nell'economia artica e lo sviluppo della cooperazione con Paesi extra-regionali, ma molto interessati, come la Cina. Certamente gli interessi di Pechino nella regione differiscono ampiamente da quelli della Russia e sono piuttosto recenti. La narrativa ufficiale cinese presenta i suoi interessi nell'Artico come principalmente legati a questioni ambientali, ricerca scientifica, navigazione, rilevamento e sviluppo delle risorse naturali. L'attività geopolitica cinese in quest'area risale alla metà degli anni 2000 ed è accelerata successivamente sotto Xi Jinping, al cui progetto di One Belt, One Road si assocerebbe l'iniziativa di una Via della Seta sul ghiaccio. In generale, le differenze tra le due si esplicano sia per portata, che per natura. Come sostiene Dmitri Trenin, "la Russia è, in una parola, una potenza da status quo, mentre la Cina sta cercando di capitalizzare ogni sua apertura".

Complessivamente, i nuovi elementi contenuti nel Documento strategico artico 2035 non sono portatori di cambiamenti drastici nella politica estera russa rispetto alle strategie precedenti. La Russia persevera alla ricerca di cooperazioni pragmatiche su questioni di reciproco interesse nell'Artico allo scopo di far avanzare la sua leadership regionale e la propria agenda economica. Tuttavia, l'inserimento di chiari passaggi indicanti sfide e posizioni critiche sembra rafforzare l'inflessibile retorica sulle minacce alla sicurezza nella regione artica, accompagnate dal parallelo e previsto rafforzamento delle sue capacità militari. Una strategia che si muove cautamente tra status quo, cooperazione multilaterale e deterrenza.

Il caso Privatbank: un Presidente ed il suo oligar...
Ucraina, il cessate il fuoco del gas

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Relazioni internazionali Romanov Libia autocefalia Haftar Israele tradizioni Skripal gay Kazakhstan separatismo Banca centrale Helsinki Runet tossicodipendenza Austria Stati Uniti Clima Krasnodar Idlib Rocchelli Curili S-400 Merkel relazioni internazionali Economia Chabarovsk Nazarbayev Mediterraneo Diritti civili via della seta Demografia nazionalismo ortodossia Parigi Unione Europea Chiesa ortodossa dazi americani gasdotto Siberia Tagikistan Giovani Difesa Democrazia crisi Franco Ucraina femminismo Soft power Unione Chiesa Ortodossa Russa OPK Trump export armi Diritti umani opposizioni Aral spesa militare società TANAP #commercio Nato FIFA popoli Bruxelles Italia Mondiali finanza esercito Montenegro Occidente Corea del Sud lago Bajkal Moldavia Eurasia Azerbaijan Sanzioni El'cin LGBT Lettonia Anatolij Sobčak Partito Comunista Reagan Svezia Russia reportage PCUS UE partiti LIbano Business Russia Federazione Russa Turkmenistan Cernenko inchiesta WCIOM Gas naturale Saakashvili Opposizione Ilham Aliyev Aleksej Naval'nyj Cronache di viaggio Akinfeev Gibilterra elezioni presidenzali rivoluzione di velluto Regime Change Vedemosti Markiv rivoluzioni colorate Ara Kyrgyzstan 2024 Brest-Litovsk Asia Centrale Governo rete Elezioni Usa 2020 climate change Panslavismo Katyn Bessarabia Golunov Arabia Saudita 1989 energia Estremo Oriente Mosca Armi settore estrattivo Seconda Guerra Mondiale Vladivostok URSS Minchenko Group Consulting Ambiente Disarmo Kuznetsov Kaczynski Proteste Spagna Assad imperialismo Midterm Sicurezza monarchia Mare del Nord Medio Oriente OPEC Macedonia Patriarca Kirill Sergej Baburin Welfare Afghanistan Terre Rare TAP Turchia Vladimir Putini HIV Olocausto Università Rosneft Francia Polonia corruzione Estonia Antisemitismo Cipro epidemie sviluppo Azerbaigian Zelenskij Conte Cremlino Guerra Paesi Baltici internet politica interna Rojava Vostok18 Gennadij Zjuganov Curdi Marina Sobčak geopolitica Mondiali 2018 Naval'nyj Transiberiana Passaporto Baltici Georgia FSB Kiev Sorge PCFR Europa religione migranti RussiaToday incidente Eltsin Sputnik Casa Bianca K-19 sondaggi elettorali Levada Gazprom Finlandia Iran Power of Siberia Russkij Mir Pavel Grudinin summit Serbia WC2018 Arkadij Babcenko elezioni presidenziali età dei torbidi Riforme scramble for Africa Guerra civile siriana candidati Istituzioni Storia Crimea Africa #obor Cecenia Kirghizistan San Pietroburgo comunismo troll nord stream cultura Prigožin stalinismo nazismo Michele I Maxim Surajkin Grigorij Javlinskij Poroshenko Baltico Sondaggi Theresa May Eco Internazionale Krymskij most Tokayev Putin Caspio Germania russkaja ulica Astana PIL Caucaso Kerč’ Santa Sofia gas Cripto Valley Usa governo russo Vaticano Lituania boicottaggio Mare estremismo caso Skripal Artico #economia Asia Pubblicazioni Cina Stalin Covid-19 Alessandro II Donbass Papa Francesco Turismo Roma SCO Cherchesov #silkbeltroad G8 Battaglie storiche Vladimir Žirinovskij Corea eroina Venezuela visita di Stato Macron WADA proteste in Russia Calcio russofobia SGC criptovalute Ksenija Sobčak opposizione politica Ecologia Shoah Giappone Società Diplomazia Nenets Tripoli politica estera Romania Referendum terrorismo jihad zar Siria 1941 Vladimir Putin questioni di genere Abcasia #russia incendio minoranza #cina Flame Towers spese militari Asia centrale diritto sport Politica estera Russiagate Uzbekistan antiterrorismo Jabloko nucleare scenari politici LDPR Tajikistan muro di Berlino nomadismo Balcani petrolio Dmitrij Medvedev Beirut Nagorno-Karabakh Informazione Russia Unita green energy ISIS INF Partenariato orientale Tusk diritti soft power Ucrainagate anti-liberalismo G7 influenza Armenia Lavrov bitcoin SergeJ Skripal trattato di pace Poltava Zurabishvili politiche energetiche Boris Titov Kim Partito del Progresso Politica Mar Baltico Pensioni Kortezh Nikita Chruščëv Bielorussia Gorbačëv estrema destra doping Pashinyan Islam Ungheria ingerenze russe Grande Gioco inquinamento spie Giornalismo Ossezia del Sud Peredača Costituzione Guerra fredda migrazioni Protocollo di Minsk propaganda Egitto Trident Juncture 2018 coronavirus cooperazione lingua Nigeria Unione sovietica #sanzioni Rosatom Transnistria Costituzione Russa Salman opinione pubblica ISP Ricostruzione elezioni Baku Cittadinanza Kazakistan Olimpiadi Pietro il Grande Oriente liberalismo Smolensk DNS sanità oligarchi #asiacentrale