Cipro-Russia: un rapporto speciale che lega Mosca al Mediterraneo orientale

 
Le relazioni tra la Federazione Russa e Cipro si diramano tra interessi diplomatici, militari e soprattutto economici. I capitali russi finanziano molti settori dell'economia cipriota mentre le scoperte di idrocarburi al largo dell'isola hanno attirato interessi esterni tra cui quelli degli Stati Uniti mettendo così sotto pressione il rapporto speciale tra Mosca e Nicosia.
Dal 1974 l'isola di Cipro è suddivisa tra la Repubblica di Cipro (Roc) e l'autoproclamata Repubblica Turca di Cipro del Nord (Kktc) nata dall'intervento e successiva occupazione delle forze turche nel nord dell'isola, a seguito del tentativo di colpo di stato ispirato dal Regime dei Colonnelli al potere in Grecia ai danni dell'allora Governo della Roc. Situata nel centro del Mediterraneo, la Repubblica di Cipro è considerata un attore alla periferia della geografia delle relazioni internazionali, tuttavia l'Isola costituisce un importante snodo degli interessi diplomatici, economici e militari della Russia nella regione del Mediterraneo orientale.

La naturale alleanza tra Cipro e Russia 

Tra le tante analisi dedicate alle relazioni tra Cipro e Russia spicca quella di Costas Melakopides, Professore di Relazioni Internazionali presso l'Università di Cipro, che definisce il rapporto tra i due Paesi come un tipo di idealismo pragmatico. L'approccio sostenuto da Melakopides si propone di fotografare i rapporti tra i due Paesi analizzando le dinamiche non solamente diplomatiche, ma anche economiche e culturali.

L'approccio dunque evidenzia i profondi legami storico/culturali tra Cipro e Russia, partendo da fattori quali le radici religiose fino a una serie di principi generali condivisi e valori comuni fino ad arrivare alla "mutual sypmapthy" vigente tra i due popoli, evidenziata anche dal Ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov in più occasioni. Queste dinamiche hanno prodotto nel tempo connessioni tra le due popolazioni che si sono tradotte – ad esempio – in un flusso di turisti russi verso l'isola mediterranea in costante aumento.

Venendo al lato pragmatico di questa dinamica, a Cipro è presente una comunità russa molto numerosa – stagionale, attorno alle 250.000 unità annue, e residente, sui 10.000 membri – concentrata in prevalenza nelle città di Limassol. L'arrivo di russi a Cipro ha alimentato il settore del turismo di lusso e favorito la nascita di una serie di attività e servizi collegati all'intrattenimento di una clientela di fascia alta.

Se le vicinanze culturali e le offerte dell'Isola avvicinano il cuore dei russi a Cipro, il suo sistema fiscale e le possibilità di investimento ne attraggono i rubli. Il regime fiscale vantaggioso dell'Isola ha attirato investimenti da parte di molte società russe con sede a Cipro che operano a livello internazionale.

Veduta di Limassol, che ospita la maggioranza della comunita' russa residente a Cipro.

Sulla base di questi forti legami tra i due Paesi, Mosca è intervenuta con un prestito di 2,8 miliardi di Euro a favore di Cipro a seguito della crisi economica del 2011. Nel 2012, il Governo cipriota, nel tentativo di risanare le proprie finanze, ha permesso l'acquisto della cittadinanza, di conseguenza anche europea, dietro pagamento di 2 milioni $ sotto forma di investimenti immobiliari nell'isola. La misura, associata a un regime fiscale estremamente favorevole rispetto a quello degli altri Paesi europei e della regione, ha alimentato un flusso di investimenti russi verso l'Isola; nel 2013 i depositi russi nelle banche dell'Isola ammontavano a 31 miliardi $, un terzo del totale di tutti i depositi nelle banche cipriote.

Tra il 2013 e il 2014 il settore bancario cipriota ha attraversato un periodo di profonda crisi, data la sua elevata esposizione verso i titoli greci. Nel 2014 la Banca di Cipro è stata costretta a ricorrere al cosiddetto bail in – un'operazione nella quale parte dei depositi oltre i 100.000 sono stati convertiti forzosamente in azioni bancarie permettendo una ricapitalizzazione - andando a colpire in particolare i correntisti russi, ma al tempo stesso permettendo a questi ultimi di diventare azionisti di riferimento all'interno del capitale delle principali banche russe.

Un sistema complesso dunque che ha coinvolto anche la creazione di società di comodo volte a coprire azioni di riciclaggio dei proventi da fonti illecite. Nel contesto dell'inchiesta Troika Laundromat – condotta dal consorzio di giornalisti investigativi "Organized Crime and Corruption Reporting Project" OCCPR, che ha collaborato ad altre importati inchieste compresa quella de The Panama Papers - che ha seguito e tracciato uno schema di riciclaggio di denaro da circa 9 miliardi $ dalla Russia, che sono stati poi riciclati per mezzo di una serie di società di facciata, molte delle quali con sede a Cipro. Nel contesto dell'inchiesta, è stato svelato anche un collegamento tra uno studio legale che conta tra i suoi soci alcuni membri della famiglia dell'attuale presidente Nicos Anastasiades e che avrebbe offerto servizi di consulenza a uomini d'affari russi connessi ad attività illegali di riciclaggio del valore di miliardi di euro.

Il sistema bancario cipriota ha attuato una serie di riforme interne che hanno portato un irrigidimento delle procedure per gli investimenti esteri. A fronte di queste misure l'afflusso di capitali stranieri, compresi quelli russi, si è raffreddato ma il modello cipriota resta ancora oggi vantaggioso per questo tipo di operazioni finanziarie.

La relazione Russia Cipro alla prova delle crescenti pressioni esterne

Vladimir Putin con il presidente cipriota Nicos Anastasiades, 2015

Cipro e Russia possono vantare un solido legame, anche dal punto di vista diplomatico. Nel contesto della crisi cipriota, Mosca non ha mai fatto mancare il suo sostegno a Nicosia attraverso dichiarazioni e con azioni all'interno dei forum multilaterali. Difatti, oltre all'aspetto culturale ed economico, il Cremlino guarda all'isola come un importante punto strategico della sua proiezione nella regione. Nel 2015 il Governo cipriota ha stipulato un accordo per l'utilizzo delle proprie infrastrutture portuali alla Marina russa: in particolare quest'intesa è diventata fondamentale per Mosca nel contesto del supporto all'azione militare in Siria. Bisogna far notare che sull'isola era già presente una base aerea della RAF britannica e i porti ciprioti sono stati visitati sempre più di frequente negli ultimi anni da unità navali delle marine di altri Paesi della NATO.

L'intensificarsi della presenza militare e diplomatica dei Paesi occidentali ha sollevato critiche da parte russa, mentre il Presidente cipriota Nicos Anastasiades, impegnato a perseguire l'interesse del Paese senza rimanere schiacciato tra le due potenze, ha cercato di coltivare un approccio simmetrico nelle relazioni con la Russia e gli Stati Uniti. Il crescente interesse esterno verso l'Isola si può spiegare in gran parte in chiave energetica.

Nel corso dell'ultimo decennio la regione del Mediterraneo orientale è stata interessata da una serie di scoperte di giacimenti di idrocarburi, una parte considerevole dei quali situata nella Zona Economica Esclusiva di Cipro e oggetto delle contestazioni da parte turca. Attualmente il Governo di Cipro ha concesso licenze di esplorazione a società tra le quali Eni, Total, le statunitensi Exxon e Noble Energy, mentre la Turchia è attiva con la controllata TPAO, alimentando così le tensioni nella regione.

Sullo sfondo di queste tensioni si sono inseriti gli Stati Uniti, che hanno tentato di recuperare il rapporto con Cipro, anche in chiave antirussa. Attraverso un intenso sforzo diplomatico Washington ha portato allo stesso tavolo i Governi di Grecia, Israele e Cipro allo scopo di creare un asse trilaterale per lo sfruttamento in chiave economica dei giacimenti di gas del Mediterraneo orientale. Una maggiore cooperazione tra gli attori locali potrebbe costituire un saldo contrappeso alla crescente influenza russa nella regione del Mediterraneo orientale e, al tempo stesso, essere alla base della creazione di una nuova rotta di approvvigionamento del gas naturale verso l'Europa in alternativa alle direttrici continentali provenienti dalla Russia, andando così a erodere l'efficacia della diplomazia del gas del Cremlino.


La strategia degli Stati Uniti è stata delineata nell'Eastern Mediterranean Security and Energy Act (EastMed Act), firmato dal presidente Donald Trump lo scorso dicembre, che punta a supportare l'azione del Dipartimento di Stato nella regione mettendo a disposizione maggiori risorse economiche e politiche a supporto dei Governi di Grecia, Israele e Cipro.

Nodo cruciale del provvedimento USA è la possibilità di sospendere l'embargo statunitense alla vendita di armi a Cipro, istituito nel 1987 per facilitare una distensione dei rapporti con la parte nord dell'Isola, in cambio del ritiro del sostegno logistico navale alle unità russe nei porti di Cipro. Nei mesi precedenti all'adozione dell'EastMed Act, rappresentanti politici ciprioti e statunitensi hanno fatto la spola tra le due capitali per definire i reciproci interessi.

Nonostante le premesse, e il chiaro intento antirusso, il presidente Nicos Anastasiades ha dichiarato che non intende stracciare gli accordi con Mosca, mentre lo scorso maggio il Parlamento cipriota ha approvato il progetto del gasdotto Eastmed che, se realizzato, aprirà una nuova rotta del gas attraverso il Mediterraneo.

Impegnata duramente sul fronte interno dalle difficoltà economiche e sanitarie, Mosca non ha ancora intrapreso un'azione di risposta ai recenti sviluppi in tema energetico nella regione. I legami di tipo economico, soprattutto finanziario, con Cipro rimangono solidi e la Russia in questo momento non sembra avere risorse sufficienti da dedicare, o nulla da offrire, per puntare a un riavvicinamento con Nicosia.

L’economia russa nella tempesta perfetta
Tra Mosca e Washington il multilateralismo non è m...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Giornalismo Trident Juncture 2018 nazionalismo Clima Governo Shoah Vaticano Corea coronavirus WADA cooperazione PIL Kaczynski Eurasia criptovalute Siria Passaporto corruzione Pavel Grudinin Calcio Cittadinanza Vladivostok Cernenko Cecenia Dmitrij Medvedev LIbano LDPR Tokayev Arkadij Babcenko Transiberiana Uzbekistan DNS Franco Gazprom caso Skripal boicottaggio Russkij Mir Cremlino autocefalia Gorbačëv G8 nazismo Michele I Artico opposizione politica Occidente Markiv Crimea Helsinki inchiesta Austria Russiagate Protocollo di Minsk Medio Oriente Arabia Saudita Ambiente soft power Guerra Lettonia popoli Polonia Diplomazia Chiesa ortodossa nucleare Tajikistan Macron rivoluzione di velluto Runet separatismo Regime Change Lituania Vladimir Putin Skripal Baku migranti Armi internet Unione Eco Internazionale Federazione Russa nomadismo Baltico 1941 Turkmenistan religione Katyn estrema destra Curili epidemie Turchia Macedonia petrolio Giappone imperialismo incidente Vedemosti energia ortodossia Covid-19 Parigi Prigožin Cina Paesi Baltici Svezia Cronache di viaggio PCFR sport Astana Ucraina Politica estera Estremo Oriente Putin incendio Pietro il Grande Power of Siberia tossicodipendenza climate change Gennadij Zjuganov Asia centrale liberalismo Kazakhstan Africa elezioni presidenzali Finlandia Pubblicazioni Cripto Valley questioni di genere Nato Partito Comunista #cina sviluppo Russia Unita Sanzioni settore estrattivo #asiacentrale sanità Sergej Baburin troll Azerbaigian jihad Italia K-19 Papa Francesco Golunov Reagan WC2018 Conte Caucaso estremismo Smolensk Balcani Europa Theresa May #commercio comunismo #russia Università Sobčak Olimpiadi Nagorno-Karabakh Società Peredača Cherchesov Demografia Difesa Curdi Flame Towers Usa Venezuela Rojava rete Donbass esercito OPEC Aleksej Naval'nyj elezioni presidenziali Kim G7 propaganda Armenia Costituzione Russa Seconda Guerra Mondiale Banca centrale Cipro Pashinyan Krasnodar Idlib Jabloko diritto Patriarca Kirill RussiaToday TANAP opposizioni crisi femminismo Kyrgyzstan Relazioni internazionali russofobia Ksenija Sobčak dazi americani Diritti umani Ossezia del Sud Afghanistan Bruxelles Spagna Mosca politica interna Francia Akinfeev Mare Pensioni Proteste sondaggi elettorali Oriente Tusk monarchia Zurabishvili Serbia Iran Trump terrorismo Chiesa Ortodossa Russa WCIOM Midterm Partenariato orientale Kazakistan Kiev Mondiali Alessandro II età dei torbidi finanza influenza politiche energetiche scramble for Africa Poroshenko visita di Stato Mondiali 2018 Disarmo doping Roma Marina zar S-400 proteste in Russia spie Opposizione OPK partiti Stalin Economia Lavrov Kirghizistan cultura via della seta ingerenze russe Bielorussia ISIS Ucrainagate Unione sovietica russkaja ulica Baltici LGBT summit SCO Vladimir Putini El'cin Germania oligarchi Guerra fredda Sondaggi Brest-Litovsk PCUS anti-liberalismo Gas naturale Asia Riforme #obor Ecologia Eltsin Krymskij most Kuznetsov lago Bajkal Anatolij Sobčak Nikita Chruščëv #economia Panslavismo diritti Maxim Surajkin stalinismo Nenets governo russo TAP Rosneft SGC URSS Welfare HIV Business Russia Caspio Rosatom Rocchelli 1989 Transnistria Assad migrazioni Ara Giovani Tagikistan Soft power Mar Baltico Sputnik rivoluzioni colorate Romanov Stati Uniti Georgia INF Gibilterra Battaglie storiche Referendum spesa militare Montenegro Saakashvili Ricostruzione Vostok18 Mare del Nord UE Vladimir Žirinovskij società Siberia Sicurezza Diritti civili Israele opinione pubblica elezioni Storia trattato di pace Turismo Olocausto Abcasia FIFA Salman relazioni internazionali bitcoin #silkbeltroad politica estera San Pietroburgo ISP geopolitica Casa Bianca Beirut Haftar Partito del Progresso Azerbaijan gasdotto lingua Naval'nyj Kortezh Guerra civile siriana 2024 tradizioni FSB Aral Estonia reportage Poltava Democrazia eroina Elezioni Usa 2020 Nazarbayev green energy Istituzioni Zelenskij #sanzioni antiterrorismo Russia Merkel Antisemitismo Grande Gioco Moldavia Corea del Sud Unione Europea SergeJ Skripal gas Boris Titov Sorge scenari politici Ungheria Kerč’ Grigorij Javlinskij gay Informazione minoranza Minchenko Group Consulting nord stream Islam Costituzione Mediterraneo export armi inquinamento muro di Berlino Libia Asia Centrale Egitto Tripoli Politica Ilham Aliyev Levada Nigeria spese militari candidati