Mosca non è disposta a morire per Step'anakert. Fino a prova contraria

Monumento con un carro armato sovietico T-72 a Step’anakert (foto di Marcin Konsek) Monumento con un carro armato sovietico T-72 a Step’anakert (foto di Marcin Konsek)
Il cessate il fuoco siglato a Mosca sospende, sulla carta, l'ennesimo focolaio di guerra nel Nagorno-Karabakh. Se Ankara si è sbilanciata da subito a fianco dei "fratelli turchi" azeri, il Cremlino ha invece giocato (con successo) la carta della mediazione super partes. Che però ridefinisce i rapporti con Erevan.

1989: il politologo indiano P. L. Dash scrive di "winds of change" che soffiano sull'Unione Sovietica in un articolo sulla rivista accademica Economic and Political Weekly. A svariati chilometri di distanza, Klaus Meine, frontman del gruppo heavy metal tedesco degli Scorpions, gli fa inconsapevole eco dalla sua stanza d'albergo a Mosca. La perestrojka gorbačëviana ispira l'artista nella composizione del brano che sarebbe diventato la colonna sonora della (successiva) riunificazione berlinese, nonché il secondo singolo più venduto di sempre in Germania: Wind of Change, per l'appunto.

Tuttavia, non è esattamente la questione europea-occidentale che Dash ha in mente nella sua analisi – o meglio, non primariamente. L'attenzione è difatti concentrata su di una piccola porzione di territorio caucasico, incastonata tra le Repubbliche socialiste sovietiche di Armenia e Azerbaijan: il Karabakh Montuoso, o Nagorno-Karabakh. Amministrativamente – l'epoca è quella sovietica – il nome ufficiale è Oblast' autonoma del Nagorno Karabakh; una regione montuosa nella RSS Azera dove, a detta di Dash, "la popolazione si occupa prevalentemente di allevamento di bestiame e pecore, nonché di varie forme di attività agricola". Popolazione che però è in gran parte armena, pur facendo parte dell'Azerbaijan – un'intolleranza reciproca, quella tra armeni etnici ed autorità azere, che porta ad un sanguinoso conflitto che quest'anno "celebra" il suo 28° anno di ostilità formale. Soprattutto, porta alla formazione di un auto-proclamato Stato filo-armeno con capitale a Step'anakert, non riconosciuto da alcun Paese membro dell'ONU (bensì dalle sole entità secessioniste filo-russe di Abcasia, Ossezia del Sud e Transnistria).

Ubicazione geografica del Nagorno-Karabakh (NKR)/Artsakh (illustrazione di Մակար Ղազարյան)

De jure, la questione è praticamente la più dibattuta nell'alveo del diritto internazionale dai tempi wilsoniani: se a prevalere debba essere il diritto (armeno) all'autodeterminazione dei popoli, oppure il rispetto del dogma della sovranità nazionale (azera). Dilemma privo di soluzione giuridica esaustiva, che lascia quindi spazio al fattore – questo sì determinante – dei rapporti di forza. Questi ultimi vedono oggi un sostanziale pareggio tra i contendenti. Forse non potrebbe essere altrimenti alla luce degli alleati-sponsor alle spalle di Armenia/Nagorno-Karabakh, da una parte, e Azerbaijan, dall'altra. Forte della comune appartenenza all'Organizzazione del Trattato di Sicurezza Collettiva (OTSC), l'Armenia ha nella Russia il suo principale alleato sin dai primi anni Novanta – anche in ragione di un meccanismo à-la-NATO, tale per cui i componenti dell'Organizzazione "coordinano e armonizzano i loro sforzi nella lotta [...] alle minacce alla sicurezza degli Stati membri". La ratio è molto simile a quella dell'articolo 5 del Patto Atlantico, a meno di giravolte diplomatiche od esegesi neutraliste.

L'Azerbaijan, che dell'OTSC ha fatto parte fino al 1999, ha invece nella Turchia un solido sostenitore politico-militare – come testimoniato dal celere e non proprio casuale (a pensar male si fa peccato…) afflusso di miliziani siriani filo-turchi nel Caucaso nelle scorse settimane. Ankara è stata peraltro l'unico grande attore esterno a non caldeggiare troppo un cessate il fuoco, bensì ad incitare una reconquista azera del Nagorno-Karabakh, facendosi fautrice di una strategia "colpo su colpo" in risposta agli ultimi attacchi armeni per difendere quello che un esponente dell'AKP ha definito "mondo turco". Va inoltre rilevato come il notevole coinvolgimento di Erdoğan abbia quantomeno agevolato l'afflusso nel conflitto di centinaia di miliziani curdi del PKK e dell'YPG in difesa degli armeni – e quindi in offesa dei turco-azeri.

E la Russia? A differenza della controparte anatolica, Mosca si è da subito proposta come parte mediatrice, pur disponendo in ogni evenienza di una base militare a Gyumri – nel nord-ovest dell'Armenia – e di una aerea ad Erebuni – nei pressi della capitale Erevan. Il cessate il fuoco raggiunto nella capitale russa dopo circa 300 morti e 10 ore di negoziati tra le diplomazie azera e armena porta anche il nome del navigato ministro degli esteri Sergej Lavrov. Difatti, l'amministrazione Putin è sembrata avvertire molto più di quella Erdoğan l'improbabile ma presente rischio di un allargamento incontrollato della zona di conflitto, che in un worst-case scenario avrebbe potuto trascinare anche il vicino Iran e, potenzialmente, Israele (da cui gli azeri hanno recentemente acquistato il missile quasi-balistico LORA, inter alia). Senza dimenticare che la Turchia è un membro della NATO, con tutti i semi-apocalittici automatismi del caso in caso di conflitto.

Atteggiamento diplomatico, quello del Cremlino, che è inoltre condizionato dalle tutto sommato cordiali relazioni politiche intrattenute con Baku – che quantomeno cordiali lo sono indubbiamente di più rispetto a quelle tra Ankara e Erevan, su cui pesa invece il macigno della strage-genocidio novecentesca di controversa definizione. Alla luce di ciò, quando il premier armeno Nikol Pashinyan ha affermato di essere sicuro che Mosca interverrà in caso di invasione del territorio armeno, ha ribadito una nozione giuridica assai probabilmente corretta; ma non ha precisato che il Nagorno-Karabakh (o Repubblica di Artsakh, come ri-battezzata nel 2017) non è territorio armeno. Né che Mosca non è probabilmente disposta né ora né in futuro a "morire per Step'anakert", parafrasando le parole del deputato francese Marcel Déat dopo l'invasione nazista della Polonia nel 1939. [A scanso di equivoci, non si intende equiparare le parti del '39 con quelle odierne, NdA.] Diverso sarebbe però il discorso se il perimetro di guerra debordasse stabilmente in territorio sovrano armeno, oppure se fossero seriamente coinvolti obiettivi russi (come peraltro in parte avvenuto pochi giorni fa con il ferimento di alcuni giornalisti russi dopo un attacco aereo azero nei pressi di Şuşa). Da non sottovalutare, peraltro, come il focolaio di guerra sia pericolosamente vicino ad uno dei "ventri molli" della Federazione, oltre al confine sino-russo e a quello occidentale con la NATO: proprio quel Caucaso che più di tutti ha minato l'unità e la stabilità della Russia post-sovietica.

Nikol Pashinyan ha affermato di essere sicuro che Mosca sarebbe intervenuta in caso di invasione del territorio armeno, ma non ha precisato che il Nagorno-Karabakh non è territorio armeno.

Nessuno vuole una guerra su vasta scala: certamente non la Russia, già alle prese con la seconda ondata di COVID-19 in patria e la turbolenta situazione bielorussa (senza dimenticare il Donbass, la Siria e la Libia – dove è indirettamente presente con l'ausilio della compagnia di mercenari Wagner); verosimilmente nemmeno la Turchia, che deve far fronte ad una rapida escalation con la Grecia (oltreché con Francia ed Egitto) nel Mediterraneo orientale e a numerose altre campagne frutto della nuova postura interventista di Ankara – su tutte, l'appoggio al governo libico del dimissionario al-Serraj. E forse è proprio in virtù di tale calcolo – che nessuno vuol fare la guerra – che Ankara è intervenuta in maniera così evidente e spregiudicata, come non aveva fatto nemmeno in occasione dell'ultima rilevante folata bellica nell'Artsakh, risalente al 2016.

Ma proprio come nel 1939 nessuno intendeva morire per Danzica, e a Mosca si faceva di tutto per tenersene fuori, non è detto che l'assunto in questione poggi su basi lungimiranti. Nuove violazioni del cessate il fuoco permettendo, questa volta Mosca pare aver avuto ragione. Appuntamento, purtroppo quasi inevitabilmente, ai prossimi venti di guerra caucasici. 


Nagorno Karabakh, alle radici di un conflitto cong...
Tagikistan al voto, tra immobilismo e geopolitica

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Putin Chiesa ortodossa opinione pubblica ortodossia Svetlana Tikhanovskaja Cittadinanza Cosacchi lingua governo russo Marina separatismo spesa militare Tripoli Elezioni Usa 2020 #commercio Anatolij Sobčak Ambiente Proteste Libia finanza Unione Economica Eurasiatica nazismo El'cin Russia Unita #silkbeltroad Unione sovietica G7 ebraismo migrazioni Corea del Sud Cecenia Michele I oligarchi Poroshenko Francia Sputnik V vaccino incendio Siberia Kiev boicottaggio medicina diritto India Skripal Romania Panslavismo Rosneft partiti Russkij Mir gas Turismo candidati lago Bajkal S-400 hacker militari Pietro il Grande Ucraina Olimpiadi popolazione Svezia Conte Arabia Saudita Poltava Nenets Mondiali 2018 Abcasia Vaticano nucleare Storia Artico 2024 Pashinyan #russia opposizione politica SergeJ Skripal coronavirus Business Russia Crimea sport interviste Finlandia Federazione Russa Sputnik Gorbačëv Spagna elezioni presidenzali Palestina via della seta Rojava Welfare jihadismo Baltico jihad elezioni elezioni presidenziali Cremlino Idrogeopolitica Oriente stalinismo cultura Baltici Kim muro di Berlino Lukashenko Ungheria Theresa May Diplomazia rivoluzioni colorate Ksenija Sobčak Levada Nord Stream 2 Clima Vladimir Žirinovskij società età dei torbidi Giappone Vostok18 spese militari Helsinki Stalin Tusk Referendum Nazarbayev WC2018 Paesi Baltici URSS Cina Pamfilova scramble for Africa Kaczynski Kortezh Ucrainagate sondaggi elettorali trattato di pace Vedemosti Guerra Krymskij most Sicurezza ISP Società WADA #asiacentrale Egitto Caucaso Russiagate frozen conflicts LDPR Transnistria PCUS nord stream HIV russofobia Rublo Afghanistan Mediterraneo Salman eroina Azerbaijan Bessarabia Papa Francesco Diritti civili Gazprom rete tradizioni Mar Baltico Austria Patriarca Kirill politiche energetiche Unione Europea Golunov Armi Venezuela crisi green energy TAP Relazioni internazionali nomadismo Chabarovsk #sanzioni monarchia Tagikistan FIFA Romanov PIL Regime Change reportage doping export armi Polonia WCIOM Disarmo nazionalismo Kuznetsov Astana Brest-Litovsk Kazakistan Turkmenistan troll propaganda Gibilterra Mondiali Smolensk femminismo migranti Aliyev Iran proteste in Russia Partito Comunista Shoah Tokayev DNS Israele russkaja ulica incidente Cripto Valley Politica Runet Rosatom Serbia cooperazione summit politica estera Cernenko Beirut Terre Rare sanità SGC Peredača Power of Siberia Montenegro Balcani Europa Soft power Usa Dmitrij Medvedev Joe Biden K-19 sviluppo Eltsin Olocausto Assad Nagorno Karabakh Haftar Macedonia Armenia Cherchesov G8 Germania Lavrov Asia centrale Vladimir Putin Trident Juncture 2018 LGBT ISIS Guerra civile siriana Kazakhstan Casa Bianca OPEC Flame Towers Antisemitismo Biden droni Nato terrorismo #economia estrema destra Ilham Aliyev 1989 Gennadij Zjuganov Zelenskij bitcoin settore estrattivo Sorge Sergej Baburin criptovalute Governo Demografia soft power Reagan Italia inquinamento Nigeria spionaggio Estremo Oriente Parigi popoli Pavel Grudinin relazioni internazionali Rocchelli Pensioni Cronache di viaggio Pubblicazioni Stati Uniti Giovani questioni di genere Difesa Ara Georgia Naval'nyj Alessandro II Mare Kerč’ Minsk Regno Unito diritti Grigorij Javlinskij Estonia minoranza Ossezia del Sud gasdotto Cipro Islam Vladimir Putini Santa Sofia Zakharova TANAP Asia Sobčak caso Skripal Sudan energia internet ingerenze russe Passaporto Arkadij Babcenko Rivoluzione Cantata Opposizione Covid-19 Russia PCFR L'Orso Polare Ricostruzione comunismo Banca centrale Grande Gioco Bruxelles Politica estera Asia Centrale Minchenko Group Consulting anti-liberalismo Partito del Progresso Franco Aleksej Naval'nyj corruzione MENA Nagorno-Karabakh Riforme liberalismo Turchia Eco Internazionale Idlib Macron #cina Kirghizistan Siria Mar Rosso Curili LIbano inchiesta Aral Lettonia Donbass gay tecnologia politica interna Boris Titov Sondaggi Kyrgyzstan Grande guerra patriottica Baku Battaglie storiche Giornalismo FSB INF Prigožin Trump Ideologia spie opposizioni Maxim Surajkin Protocollo di Minsk Università RussiaToday OPK #obor Mare del Nord Zurabishvili Sanzioni epidemie scenari politici Medio Oriente Mosca Jabloko San Pietroburgo Bielorussia Africa Moldavia Vladivostok Calcio tossicodipendenza zar Costituzione Democrazia Chiesa Ortodossa Russa Tajikistan petrolio Lituania Roma Katyn Merkel imperialismo Corea antiterrorismo Krasnodar Azerbaigian Markiv Unione esercito Saakashvili autocefalia Informazione Gas naturale Transiberiana dazi americani Uzbekistan Akinfeev climate change Diritti umani Costituzione Russa Guerra fredda Seconda Guerra Mondiale Caspio Partenariato orientale Occidente rivoluzione di velluto Midterm Ecologia geopolitica Economia religione estremismo Curdi Eurasia visita di Stato migrazione influenza UE Nikita Chruščëv Istituzioni 1941 SCO