Nagorno-Karabakh: Putin ha ottenuto la pace, ma ha perso gli armeni

Nagorno-Karabakh: Putin ha ottenuto la pace, ma ha perso gli armeni

I termini del cessate il fuoco siglato il 9 novembre parlano chiaro: l'Azerbaigian ha vinto il conflitto e si riprende cinque province perdute nel 1994; la Russia dispiega duemila peacekeepers e ristabilisce la sua influenza nel Caucaso meridionale. Ma in Armenia monta la rabbia contro il governo e il "tradimento" di Mosca.

Sei settimane di guerra vera, tra due Stati sovrani, secondo modalità "tradizionali" che sembravano appartenere ormai al Novecento. Un fronte vicino, di immediata pertinenza geografica e diretto interesse strategico. Non poteva esistere test più adatto a verificare i piani e la prontezza di riflessi del Cremlino nei riguardi del suo fianco meridionale, il perennemente instabile Caucaso. E nella fattispecie, il Nagorno-Karabakh, oggetto di una contesa irriducibile tra Armenia e Azerbaigian.

Certo, nessuno a Mosca sperava in una simile evoluzione degli eventi: il congelamento del conflitto e la promozione del dialogo erano davvero visti come l'unica via per provare a risolvere uno dei più intricati nodi dell'eredità sovietica. Per di più, la guerra è (ri)esplosa in un momento non certo opportuno per la Russia: con la Bielorussia in fiamme, il Nord Stream 2 in bilico e il Kirghizistan in subbuglio post elettorale, Putin avrà percepito ancora una volta il ben noto senso di accerchiamento, ormai atavico per i russi. Ma dopo un certo periodo di osservazione degli eventi, ha provato a riprendere in mano i giochi, e in qualche modo c'è riuscito. Limitando gli inevitabili danni.

Le premesse erano tutt'altro che ottimali. L'Armenia, uno dei pochi alleati rimasti a Mosca tra le ex repubbliche sovietiche – e formalmente legata ad essa tramite il Trattato del CSTO – si trovava fin dagli esordi del nuovo conflitto in una posizione debole e difensiva. A gravare su di essa, soprattutto tre fattori: l'isolamento internazionale, l'inferiorità di uomini e mezzi e la difficoltà dei rifornimenti (acuita in seguito dal cambio di atteggiamento dell'Iran, unico confinante assieme alla Georgia relativamente amico).

Dall'altra parte della barricata l'Azerbaigian vantava un momento favorevole, per ragioni economiche e geopolitiche che abbiamo spiegato dettagliatamente in altra sede. La sproporzione di risorse si è palesata ben presto sul campo, accorciando i tempi di un conflitto violento sì, ma sostanzialmente a senso unico. Grazie in particolare al supporto della Turchia, gli azeri hanno sopraffatto le difese armene e riconquistato le più importanti province dell'autoproclamata Repubblica di Artsakh, ovvero il Nagorno-Karabakh propriamente detto.

In simili condizioni, una difesa a spada tratta dell'Armenia sarebbe stata impraticabile per la Russia. Teoricamente fattibile, ma col rischio concreto di una guerra generalizzata. Mosca avrebbe perso i suoi legami economici con l'Azerbaigian, e in cambio avrebbe potuto ottenere al massimo lo status quo. Per questo, i suoi strateghi hanno preferito valutare su altre basi gli eventi. In attesa dell'inevitabile, il Cremlino ha dato un supporto pressoché simbolico a Erevan (lo stabilimento di un piccolo avamposto militare al suo confine, giusto per mostrare agli azeri e ai turchi una linea rossa da non valicare, e poco più), puntando piuttosto su una sistemazione complessiva della regione.

I risultati si sono visti nella tarda serata del 9 novembre. A poche ore dal fortuito abbattimento di un elicottero Mi-24 russo da parte azera – evento che ha prodotto immediate scuse di Baku e blande reazioni russe, a dimostrazione della concretezza degli accordi in corso – si è raggiunto un patto per il cessate il fuoco tra le due parti in conflitto. O meglio, una resa quasi incondizionata dell'Armenia. Il premier Pashinyan, artefice per sua stessa ammissione di una "decisione estremamente dolorosa", ha infatti dovuto cedere su tutti i fronti: ritirandosi dai territori finora controllati (Aghdam, Gazakh, Kelbajar e Laçın) entro il 1° dicembre, e ristabilendo dunque il Nagorno-Karabakh come un'enclave in territorio azero, ma anche assicurando a Baku il diritto di far transitare beni e persone verso la propria exclave del Naxçıvan.

L'accordo è stato raggiunto grazie alla decisiva mediazione di Mosca, che "in cambio" ha ottenuto il dispiegamento di 2000 propri peacekeepers per una durata minima di cinque anni (rinnovabili), allo scopo formale di tutelare il corridoio di Laçın. Obiettivo di vecchia data del Cremlino, già tentato alla conclusione della guerra del 1994. E consacrato dalla contemporanea esclusione di forze di interposizione turca, prospettiva che avrebbe costituito uno smacco non piccolo per le ambizioni regionali russe.

A sorpresa dunque, la Russia è riuscita a rientrare nei giochi dopo una gestione apparentemente passiva degli eventi, ottenendo il massimo che poteva sperare (e forse qualcosa di più) e soprattutto scongiurando una completa vittoria di Ankara e soci nel suo cortile di casa. Anzi, riaffermando la propria influenza persino a Baku, dove d'ora in poi si dovranno fare i conti con gli interessi russi (anche per la contestuale presenza della flotta russa del Caspio nei dintorni delle fonti energetiche e delle infrastrutture strategiche azere).

Il successo diplomatico di Putin ha tuttavia un prezzo non piccolo da pagare. In Armenia, il coinvolgimento russo (tanto scarso nella difesa dell'Artsakh, quanto attivo nelle trattative che hanno sancito la vittoria azera) è stato visto da molti come un tradimento, né più né meno. Basti leggere i messaggi lasciati sui social o lanciati nelle piazze dai moltissimi manifestanti infuriati per la resa. Per inciso, l'infausto epilogo della guerra ha appeso a un filo le sorti dell'esecutivo di Pashinyan, apertamente osteggiato dalla maggioranza delle forze politiche (e della popolazione, c'è da credere) che ne chiede le dimissioni. E se è vero che non è mai corso buon sangue tra il leader della rivoluzione di velluto del 2018 e Putin, diffidente verso modi e contenuti della sua ascesa politica, è anche vero che chiunque gli succederà non potrà ignorare la crescente ostilità del suo popolo verso la Russia, alleata solo sulla carta. Continuerà a farvi ricorso per palese assenza di alternative, specie di rango comparabile, ma senza alcun moto di fiducia.


In Russia il passato è "imprevedibile"
Strategia energetica 2035: una visione per restare...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Nigeria Costituzione 1941 Peredača green energy Svezia nazismo settore estrattivo Mar Rosso gas FSB Lituania sport minoranza Conte Krymskij most Haftar femminismo soft power Naval'nyj Politica Baltico El'cin monarchia propaganda governo russo export armi estremismo Asia centrale Alessandro II San Pietroburgo finanza Chabarovsk Corea Sputnik V stalinismo Storia opposizioni Nato nomadismo #russia India Arkadij Babcenko RussiaToday Mondiali Diritti civili WADA geopolitica Stati Uniti Paesi Baltici separatismo muro di Berlino Kortezh SGC Egitto internet Afghanistan tossicodipendenza Marina Zakharova spese militari Partenariato orientale elezioni presidenziali Vladimir Putin Romania WC2018 Opposizione Caucaso candidati partiti 2024 Flame Towers Corea del Sud Russia Unita Federazione Russa Sicurezza influenza Spagna Armenia Poroshenko Midterm Curdi doping Aliyev Elezioni Usa 2020 visita di Stato Crimea Business Russia Kyrgyzstan Costituzione Russa vaccino autocefalia Welfare relazioni internazionali politica interna Artico PIL spesa militare Ucrainagate scramble for Africa religione età dei torbidi Eltsin Saakashvili Pensioni INF Prigožin rivoluzioni colorate ISP Gennadij Zjuganov Sorge interviste migrazione Uzbekistan Pietro il Grande Zurabishvili Clima opposizione politica Cripto Valley Aral trattato di pace Smolensk Gibilterra Stalin Terre Rare Astana Azerbaijan tecnologia comunismo Eurasia Germania Rosatom UE #asiacentrale Armi corruzione Riforme Balcani Mediterraneo liberalismo Russia MENA TANAP Zelenskij Cipro Asia Centrale epidemie OPK Runet summit medicina Economia Macron Mare del Nord Baltici Markiv Unione sovietica Power of Siberia Iran Diplomazia Sondaggi Rojava zar anti-liberalismo URSS diritti Curili Nikita Chruščëv Seconda Guerra Mondiale nord stream Francia cultura Olimpiadi Estonia Donbass jihadismo coronavirus Lavrov Democrazia K-19 Transiberiana scenari politici migranti Sputnik Cecenia Chiesa ortodossa Banca centrale Vedemosti politiche energetiche ortodossia L'Orso Polare Moldavia Ambiente Siria Turchia Usa Grande guerra patriottica Turkmenistan Nazarbayev Governo Finlandia Kuznetsov società ingerenze russe Papa Francesco hacker Estremo Oriente #cina Nord Stream 2 popoli Bessarabia Serbia Mondiali 2018 migrazioni FIFA Referendum Golunov Mosca Vladivostok Brest-Litovsk #obor lingua Informazione popolazione petrolio Battaglie storiche troll Tagikistan Rocchelli Minchenko Group Consulting politica estera Unione Economica Eurasiatica Mare DNS Calcio Nagorno Karabakh gasdotto LGBT Kiev militari Antisemitismo Passaporto Franco Anatolij Sobčak nucleare jihad Skripal Regime Change SCO G7 WCIOM PCUS Ricostruzione #silkbeltroad Levada Lettonia G8 Krasnodar elezioni Michele I Partito Comunista Proteste rivoluzione di velluto Cosacchi LIbano Trump Sudan Tusk opinione pubblica Transnistria elezioni presidenzali Merkel Russiagate Rosneft esercito Patriarca Kirill Cina Islam Venezuela boicottaggio oligarchi Giovani LDPR lago Bajkal Georgia Ilham Aliyev frozen conflicts Gorbačëv Giornalismo Mar Baltico Azerbaigian Partito del Progresso Difesa tradizioni Vladimir Putini Gazprom Palestina Montenegro Olocausto Biden Kazakistan Covid-19 Relazioni internazionali energia Minsk Kaczynski Israele Katyn Medio Oriente Oriente Casa Bianca TAP Romanov Panslavismo questioni di genere russkaja ulica diritto Africa Jabloko Tajikistan Grigorij Javlinskij Kazakhstan sanità Cremlino Assad OPEC sviluppo Unione Europea Pubblicazioni Italia #commercio Baku Idrogeopolitica spie Austria Protocollo di Minsk via della seta Helsinki Abcasia Tokayev Kim Cherchesov Joe Biden Ideologia Politica estera Chiesa Ortodossa Russa Nagorno-Karabakh #sanzioni Santa Sofia climate change Akinfeev Trident Juncture 2018 Theresa May Regno Unito sondaggi elettorali S-400 Asia Aleksej Naval'nyj Grande Gioco Shoah incendio Sanzioni Kerč’ Roma inquinamento 1989 Lukashenko nazionalismo ebraismo Occidente Polonia cooperazione Parigi incidente HIV Sergej Baburin Cronache di viaggio Putin PCFR Gas naturale Guerra civile siriana Disarmo Kirghizistan Rivoluzione Cantata Rublo Boris Titov Eco Internazionale criptovalute Reagan Vostok18 Guerra Vaticano Pamfilova Idlib proteste in Russia spionaggio Istituzioni Cittadinanza Vladimir Žirinovskij terrorismo Bruxelles Pavel Grudinin Pashinyan Giappone estrema destra caso Skripal Siberia SergeJ Skripal Ossezia del Sud antiterrorismo Nenets reportage Poltava Bielorussia Guerra fredda ISIS Tripoli Unione Caspio gay eroina crisi Società Diritti umani Beirut Sobčak Libia Russkij Mir Ara Soft power Cernenko Dmitrij Medvedev droni #economia Ecologia Macedonia Maxim Surajkin Ksenija Sobčak Università russofobia inchiesta dazi americani imperialismo Ucraina Demografia Svetlana Tikhanovskaja Turismo Arabia Saudita Salman rete Europa Ungheria bitcoin