Perché la Russia aprirà una base navale in Sudan

Putin-e-Abdel-Fattah-Burahni-Wikimedia-Commons Il presidente russo Putin e il suo omologo sudanese Burhan

Con l'accordo reso noto l'11 novembre la Federazione Russa aumenterà significativamente la propria presenza a livello globale, ma i vantaggi derivanti dall'intesa con il Sudan potrebbero essere addirittura maggiori.


Il ritorno della Russia ai vertici della comunità internazionale è reso particolarmente evidente dai numerosi scenari nei quali il Paese è impegnato al di fuori delle proprie frontiere. Se i conflitti in Ucraina e Georgia possono essere letti come un tentativo di arrestare l'allargamento della NATO in quella che il Cremlino considera la propria esclusiva zona d'influenza, per gli interventi in Libia ed in Siria vale un discorso diverso. Al giorno d'oggi, Mosca possiede le capacità di proiezione offensiva che le consentono di intervenire nei principali focolai di instabilità a livello mondiale. Anche in territori piuttosto lontani dai propri confini. Questo accade poiché, come tutte le grandi potenze in epoca moderna, gli interessi della Federazione Russa sono di natura globale.

Eppure non tutte le manovre del Cremlino per allargare il proprio raggio d'azione sono eclatanti come l'intervento, in molti casi risolutivo, in un conflitto armato. Mosca persegue una strategia di penetrazione multivettoriale che tende a sfruttare tutti gli strumenti che il paese ha a propria disposizione, dalle esportazioni di gas naturale alla Chiesa Ortodossa, dalla diaspora alla tecnologia nucleare. Anche la possibilità di costruire basi militari all'estero rientra pienamente nella strategia russa volta alla difesa dei propri interessi globali. Senza contare che il Paese non è nuovo a questo genere di attività, considerando che in epoca sovietica era ben nota la tendenza del Cremlino a stabilire la propria presenza militare negli Stati ad esso allineati. Si pensi alla base sull'isola di Cuba oppure alle installazioni militari in Somalia. Con la dissoluzione dell'URSS, però, Mosca ha dovuto rinunciare a questo genere di infrastrutture al di fuori dei confini di quella che oggi è la Federazione Russa, dovendo accontentarsi di mantenerne alcune nei Paesi sorti proprio dal processo dissolutivo dell'Unione Sovietica. Ad eccezione della base di Tartus, ovviamente, la quale si trova in Siria e consente alla Russia di avere uno sbocco sul Mediterraneo, dal quale evidentemente sarebbe esclusa per motivi geografici.

È dell'11 novembre la notizia che il primo ministro russo Michail Mišustin ha firmato un accordo per la costruzione di una base navale lungo le coste del Sudan. La struttura, che a pieno carico potrebbe arrivare ad ospitare 300 uomini e quattro vascelli (compresi quelli a propulsione nucleare), dovrebbe essere una base di tipo logistico che consentirebbe agli equipaggi delle navi ormeggiate di riposare e fare rifornimento prima di ripartire per la navigazione. In base a quanto riporta l'agenzia di stampa russa TASS, l'avamposto militare avrebbe lo scopo formale di aiutare a garantire il mantenimento della pace e della stabilità nella regione e sarebbe costruito dunque a fini puramente difensivi. L'accordo tra le parti è stato approvato dal Ministero degli Esteri, dalla Corte Suprema, dall'Ufficio del Procuratore Generale e dal Comitato Investigativo della Russia prima di essere sancito da un ordine esecutivo del presidente Putin il 16 novembre.

Secondo quanto stabilito dalle parti, il Sudan dovrebbe fornire alla Federazione Russa le necessarie infrastrutture oltre ad un appezzamento di terreno sul quale il Paese eurasiatico deterrebbe la sovranità. Mosca avrebbe il diritto di trasferire all'interno della base qualsiasi tipo di arma e munizione e potrebbe stabilire posti di blocco temporanei anche al di fuori della struttura per garantirne la sicurezza in condizioni particolari. Sicurezza che, almeno per quanto riguarda il perimetro esterno del porto, nella parte che si affaccia sull'entroterra, dovrebbe essere di competenza delle forze armate sudanesi. Invece, il mantenimento della stessa nello spazio aereo ed in quello marittimo ricadono sotto la responsabilità dei militari russi, così come le questioni di ordine pubblico nel perimetro interno della base. L'accordo ha una durata di 25 anni ed è estendibile per ulteriori 10 anni. Il costo dell'operazione non è stato reso noto ma si stima che non sarà troppo diverso rispetto a quello della base di Tartus, ove la Russia investe 3,2 miliardi di rubli ogni anno, una cifra equivalente a 41,5 milioni di dollari.


La struttura a pieno carico potrebbe arrivare ad ospitare 300 uomini e quattro vascelli

Il Sudan vanta un rapporto privilegiato con il Cremlino, considerando che sul territorio sono già presenti istruttori militari russi ed è stato aperto un ufficio di rappresentanza militare. In aggiunta, le navi russe godono già di un trattamento agevolato per l'accesso alle acque territoriali del Paese e non bisogna dimenticare che nell'agosto scorso le parti avevano raggiunto un accordo per l'acquisto di armi prodotte dalla Russia. Tutto ciò nonostante l'improvviso cambio di regime avvenuto in Sudan nell'aprile del 2019, quando l'ex presidente al-Bashir è stato esautorato a seguito di un colpo di stato. Il suo posto è stato occupato da Abdel Fattah Abdelrahman Burhan, il quale si è posto a capo di un governo di transizione che si è affrettato a rassicurare Mosca sulla propria volontà di mantenere relazioni amichevoli.

L'instabilità sudanese rappresenta una delle principali criticità per il progetto di implementazione della base navale, in quanto nel Paese sono presenti forze politiche allineate sulle posizioni dell'Occidente o su quelle della Turchia. Chi si è schierato contro la costruzione della struttura ha anche fatto presente la pericolosità del Sudan per le forze armate russe e l'eventuale impennata dei costi per garantirne la sicurezza. Il Cremlino ha giudicato tali problemi meno rilevanti dei vantaggi che deriverebbero dalla costruzione della base navale. La posizione è altamente strategica, considerando il fatto che consente a Mosca di mantenere una presenza militare nel Mar Rosso, vicino allo Stretto di Aden, laddove si snodano le principali rotte commerciali sull'asse Europa-Asia-Nord America. Non a caso, in questa regione, e più precisamente a Gibuti, sono presenti basi militari statunitensi, cinesi e ve n'è persino una dell'esercito italiano.

Inoltre, la costruzione della struttura da parte della Russia viene letta anche come una risposta alle probabili sanzioni imposte da Washington nei confronti dei costruttori del gasdotto Nord Stream-2, in quanto consentirebbe al Cremlino di controllare il traffico marittimo. Non è chiaro, però, come potrebbero le navi russe fermare le grandi petroliere statunitensi senza incorrere nel rischio di creare una grossa crisi internazionale. Non bisogna poi dimenticare che il ritiro dei ghiacci artici determinerà l'apertura di quella che è nota con il nome di Northern Sea Route, ovvero una nuova rotta commerciale che dovrebbe costeggiare tutte le regioni settentrionali della Federazione Russa, per migliaia di chilometri. Tale rotta assumerebbe subito un'importanza elevatissima consentendo un notevole abbassamento dei tempi di percorrenza lungo l'asse Asia-Europa-Nord America, per non parlare poi del fatto che nella regione artica non esistono focolai di crisi quali quelli mediorientali ed il fenomeno della pirateria è totalmente assente. Con la costruzione della base in Sudan, Mosca si troverebbe ben presto ad essere presente lungo tutte le principali tratte commerciali a livello globale.

Di non secondaria importanza è poi il fatto che l'implementazione della base navale si inserisce nel progetto di penetrazione russa del continente africano. Il Cremlino sta, infatti, da tempo aumentando la propria presenza in Africa, grazie agli accordi sulla vendita di armi, agli investimenti diretti, ed all'acquisto di concessioni minerarie, dall'Algeria alla Nigeria, passando per la Repubblica Centrafricana, l'Angola, la Guinea, l'Egitto ed il Sudafrica. Da ultimo, la costruzione di una base navale in Sudan costituirebbe un nuovo capitolo della crescente rivalità tra Russia e Turchia visto che quest'ultima ha da tempo avviato un processo di avvicinamento allo Stato sudanese, avendo investito in esso la strabiliante cifra di 650 milioni di dollari. Appare difficile che Mosca possa arrivare ad eguagliare l'investimento turco, ma è chiaro il tentativo del Cremlino di contenere l'influenza turca a Khartoum.

In conclusione, qualora l'accordo tra Federazione Russa e Sudan dovesse essere effettivamente rispettato, entrambe le parti otterrebbero cospicui vantaggi. Mosca aumenterebbe la propria influenza a livello globale grazie alla strategica posizione del Paese africano e quest'ultimo, attanagliato da una crisi economica che sembra non avere fine, vedrebbe aumentare gli introiti in arrivo dalla Russia. Soltanto gli sviluppi politici interni al Sudan potrebbero far saltare quello che per Mosca potrebbe rivelarsi l'accordo dell'anno.


Riccardo Allegri


L'esodo dalla steppa. Storia e declino dei russi i...
“Abbiamo vinto! E ora?” I possibili prossimi passi...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

esercito influenza Mediterraneo reportage relazioni internazionali Lettonia Rublo Curdi Eurasia nord stream Idlib #economia Asia Centrale finanza Uzbekistan spese militari Partito del Progresso Kerč’ Moldavia troll sanità Sorge liberalismo Antisemitismo Donbass migrazione WCIOM Kirghizistan Astana Asia centrale Cina Egitto Nagorno Karabakh Occidente Santa Sofia antiterrorismo boicottaggio Papa Francesco FSB Helsinki Clima Relazioni internazionali Shoah Ucraina elezioni presidenziali russkaja ulica Gazprom Costituzione Russa geopolitica LIbano Demografia Vladimir Putini Poroshenko medicina Gorbačëv Trump Parigi propaganda nazionalismo Soft power Vaticano Kaczynski Golunov politica interna incendio Mare Corea del Sud migrazioni Michele I Caspio WC2018 Pubblicazioni Tusk Politica Arabia Saudita imperialismo Gennadij Zjuganov PIL green energy Conte L'Orso Polare Pensioni Welfare Cecenia crisi Cosacchi Transiberiana Ksenija Sobčak Tajikistan Haftar Cronache di viaggio Israele Bielorussia Russkij Mir terrorismo 2024 Katyn Democrazia Saakashvili SGC Russiagate lingua #obor Estonia Artico Terre Rare Prigožin Rocchelli Nato Stalin 1941 rivoluzione di velluto proteste in Russia opposizioni Marina separatismo Opposizione Disarmo Partenariato orientale Ricostruzione Pavel Grudinin popoli Grigorij Javlinskij #commercio Chiesa Ortodossa Russa Regime Change Costituzione spesa militare TANAP Unione Europea Rosneft inchiesta elezioni Politica estera Baltico Eco Internazionale Guerra civile siriana export armi Alessandro II Oriente trattato di pace Bruxelles Patriarca Kirill HIV Caucaso Proteste SergeJ Skripal Italia Trident Juncture 2018 PCUS Regno Unito Minsk OPEC elezioni presidenzali gas migranti #russia Ungheria Cherchesov Balcani epidemie Midterm Sputnik TAP Austria governo russo Sudan Mosca Dmitrij Medvedev Ilham Aliyev Unione Economica Eurasiatica Sobčak Sergej Baburin OPK visita di Stato Banca centrale petrolio doping Seconda Guerra Mondiale Diritti civili Kortezh Sicurezza Crimea Europa Cipro Turkmenistan Macron Africa Cripto Valley Unione sovietica Nord Stream 2 Tagikistan San Pietroburgo energia Tokayev Estremo Oriente El'cin femminismo opinione pubblica Minchenko Group Consulting bitcoin Macedonia Vostok18 vaccino Vedemosti Kiev Flame Towers Lukashenko Mondiali 2018 ebraismo Medio Oriente Skripal Biden PCFR G8 comunismo Russia Unita Lavrov ortodossia Jabloko soft power RussiaToday Kazakistan Venezuela Cernenko Vladimir Žirinovskij Kim Chabarovsk estrema destra Istituzioni Passaporto WADA Chiesa ortodossa Zelenskij Polonia hacker Giovani Finlandia Kuznetsov Peredača ISP Spagna via della seta Eltsin sport Baku dazi americani LDPR Casa Bianca popolazione Reagan Francia ingerenze russe Levada Ara religione Salman zar summit gasdotto Akinfeev Krymskij most Poltava anti-liberalismo Iran Calcio Guerra Società stalinismo Sanzioni UE Joe Biden SCO frozen conflicts Markiv URSS incidente Smolensk Roma Nigeria Corea sondaggi elettorali Guerra fredda nucleare Krasnodar Boris Titov Paesi Baltici muro di Berlino monarchia FIFA Riforme Diritti umani opposizione politica Runet Aleksej Naval'nyj spionaggio Olocausto Romania Mar Baltico settore estrattivo Nenets società Protocollo di Minsk criptovalute #asiacentrale Aral Germania eroina Lituania Kazakhstan Svezia Nagorno-Karabakh droni Putin ISIS LGBT Economia Transnistria Tripoli internet Maxim Surajkin nazismo Informazione inquinamento Franco gay autocefalia Russia Siberia jihadismo Olimpiadi diritto Ucrainagate Pietro il Grande G7 Baltici tossicodipendenza politiche energetiche Azerbaigian coronavirus tecnologia nomadismo Mare del Nord K-19 scramble for Africa Referendum estremismo #sanzioni Serbia minoranza Nikita Chruščëv Cittadinanza sviluppo Armenia MENA Storia partiti Afghanistan spie Covid-19 candidati Diplomazia Business Russia Difesa Zakharova Giornalismo Sondaggi Georgia Mar Rosso Vladivostok Elezioni Usa 2020 India Rivoluzione Cantata Grande guerra patriottica Federazione Russa Rosatom climate change Gas naturale #silkbeltroad Turismo Merkel Stati Uniti Ossezia del Sud Azerbaijan età dei torbidi oligarchi Università Rojava Ecologia Battaglie storiche Assad Ambiente Mondiali Nazarbayev Siria politica estera Usa Theresa May Cremlino Curili Anatolij Sobčak Brest-Litovsk Romanov Arkadij Babcenko Pashinyan Power of Siberia Bessarabia 1989 Kyrgyzstan interviste Zurabishvili Governo rete Grande Gioco Pamfilova questioni di genere Sputnik V cultura russofobia S-400 Giappone Abcasia Unione cooperazione Gibilterra Ideologia diritti caso Skripal Aliyev Palestina Armi #cina Svetlana Tikhanovskaja Asia lago Bajkal tradizioni jihad militari Islam Libia Idrogeopolitica DNS Montenegro INF scenari politici Vladimir Putin corruzione rivoluzioni colorate Naval'nyj Panslavismo Partito Comunista Turchia Beirut