Perché Putin non si congratula (ancora) con Biden

091f1bff-078d-4f30-aa9e-ec748c5d0b03

Fedele non a Trump, ma alla narrazione di un'America nel caos, il presidente russo vuole allungare il più possibile l'incertezza post-elettorale di Washington. Ma la transizione volge al termine, e una nuova era grigia incombe su Mosca.


Se avesse potuto determinare l'esito delle elezioni statunitensi, Vladimir Putin avrebbe scelto esattamente ciò che si è verificato nelle ultime settimane. Anzi, a dire il vero solo nei giorni immediatamente successivi all'election day del 3 novembre. Ovvero non la vittoria di Trump, né tantomeno quella di Biden, ma il trionfo dell'incertezza. Condizione esistenziale esattamente inversa – e avversa – alla stabilità sposata da Mosca nell'ultimo ventennio.

Un'elezione contestata, il fallimento della transizione, persino la possibilità di brogli sono infatti musica per le orecchie di chi è sempre stato accusato di scarsa trasparenza e adesso può ribaltare il tavolo senza batter ciglio. Nella malcelata soddisfazione delle parole di Maria Zakharova, portavoce del ministero degli Esteri, il sistema elettorale Usa sarebbe "arcaico", privo di "meccanismi regolatori". Il riferimento implicito è (anche) all'assenza di un ministero degli Interni che dichiari il vincitore, sostituito in tale ruolo dai media – dettaglio che, immaginiamo, inorridisce e al tempo stesso diverte Putin.

Per questo non c'è da stupirsi se le congratulazioni del Cremlino per Biden tardano molto ad arrivare. In un certo senso, Putin sembra avvolto in un sogno da cui non vuole ancora svegliarsi: quello di un'America profondamente divisa, sull'orlo di un'insanabile guerra civile tra le sue due anime. Spettro che davvero si è aggirato a Washington nell'immediato post-voto, ma che oggi appare lontanissimo da una realtà in via di normalizzazione.

Nel riconoscere la vittoria di Biden, il presidente russo potrebbe essere preceduto persino da Trump, che nelle ultime 24 ore ha compiuto i primi veri passi verso la transizione dei poteri. E se è vero che il tycoon newyorchese era ancora preferito da Putin rispetto all'ex vice di Obama, nonostante sotto la sua presidenza i rapporti con Mosca siano precipitati ancora più in basso che nei precedenti otto anni, è anche vero che non tutto l'establishment del Cremlino la pensava allo stesso modo.

A conti fatti, la differenza tra i due candidati sul tema dei rapporti con la Russia non era poi così marcata, e ha posto in essere dilemmi inestricabili: meglio un "amico" inaffidabile o un nemico sicuro? Risposta non scontata. Mosca vuole (voleva) ricucire con l'Occidente ma anche certezze geopolitiche: le giravolte trumpiane – pur facilmente interpretabili come effetti di una guerra intestina tra apparati – la irritavano facilmente, perché la esponevano a una passività strategica pressoché ridicola per una superpotenza.

La migliore risposta al dilemma l'avevano data i cittadini russi, che interpellati dal Levada Center sulla tornata elettorale oltreoceano avevano ostentato una certa indifferenza verso i suoi risultati: per il 65% di essi "не имеет значения", qualunque esito sarebbe stato irrilevante per la Russia, mentre solo il 25% si era espresso a favore di un candidato (il 16% per Trump e il 9% per Biden). Vox populi tra le più sagge al mondo, nonostante un buon terzo dei rispondenti non avesse "mai sentito parlar prima" della campagna presidenziale Usa.

L'establishment politico, che non poteva permettersi tale lusso, si è mantenuto su posizioni comunque non dissimili tifando "asteroide", ovvero l'implosione del proprio massimo antagonista. Obiettivo apparentemente sfiorato senza dover sparare un colpo della propria artiglieria. Né la famigerata disinformazione made in Russia, né qualche eventuale hacker incaricato di frugare tra le email della Clinton di turno è riuscito a monopolizzare l'attenzione mediatica a stelle e strisce. Stavolta, più di Gerasimov, a venire in soccorso di Mosca poteva essere Sun Tzu.

Ma la speranza di un conflitto interno permanente è andata dissolvendosi col passare delle settimane. La retorica sull'instabilità strutturale del sistema politico di Washington, fomentata dalle ultime parole di Putin[1] e dalle opinioni della Pamfilova[2], ha sempre più il sapore di wishful thinking. Lo spettacolo dunque è finito, e la Russia deve tornare a fare i conti con la realtà. Che si preannuncia molto dura: nonostante una certa conoscenza di Mosca (Biden l'ha visitata ufficialmente più volte, fin dal 1973) un vero feeling non è mai nato. Il nuovo inquilino della Casa Bianca non ha scorto un'anima negli occhi di Putin. E difficilmente avrà la voglia, o la forza, di convincere i suoi apparati della necessità di riconciliarsi in via definitiva con la Russia.



[1] "Lavoreremo con chiunque abbia la fiducia del popolo americano. Ma quella fiducia può essere data solo a un candidato la cui vittoria è stata riconosciuta dal partito avversario, o dopo che i risultati sono stati confermati in modo legittimo e legale".

[2] Secondo Ella Pamfilova, presidente della Commissione elettorale centrale russa, il voto per corrispondenza apre "un immenso spazio per possibili falsificazioni" e per tale scopo ne avrebbe vietato la pratica in Russia, nonostante le leggi federali teoricamente lo consentano.


La diaspora russa negli USA, tra diffidenza e cont...
L'esodo dalla steppa. Storia e declino dei russi i...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Saakashvili diritti Mondiali reportage Ideologia Paesi Baltici #economia Tagikistan rete Akinfeev Aleksej Naval'nyj bitcoin Turchia Trump #commercio Germania Vedemosti nord stream Nazarbayev Olimpiadi zar medicina russofobia Skripal Vladimir Putin Usa Marina Spagna Costituzione OPK Vladimir Žirinovskij Cherchesov Venezuela cooperazione Pubblicazioni Regime Change antiterrorismo Maxim Surajkin Ucrainagate nomadismo corruzione 2024 anti-liberalismo Curili Russiagate ingerenze russe nazionalismo Kortezh Nenets Pavel Grudinin politiche energetiche Covid-19 Storia Ilham Aliyev Bessarabia partiti Abcasia jihad #cina Anatolij Sobčak Curdi Helsinki esercito Alessandro II Business Russia Katyn Cripto Valley Macedonia religione rivoluzione di velluto Putin Salman Zakharova Cronache di viaggio Nikita Chruščëv WADA visita di Stato spesa militare Unione Europea monarchia Referendum Nagorno-Karabakh green energy Sanzioni Runet Peredača vaccino INF Kim Ambiente Clima Austria boicottaggio Polonia nazismo Armenia Chabarovsk Krasnodar Chiesa Ortodossa Russa Kyrgyzstan nucleare Mar Rosso Golunov Aral Gibilterra G7 Power of Siberia proteste in Russia Tripoli #sanzioni S-400 migrazioni Mar Baltico Pashinyan coronavirus Palestina dazi americani Siberia Montenegro Arkadij Babcenko Midterm Flame Towers #russia Ossezia del Sud Parigi Chiesa ortodossa questioni di genere incidente MENA Biden Cernenko FSB Oriente UE Diplomazia Svetlana Tikhanovskaja separatismo Diritti civili spese militari Serbia Astana Krymskij most #silkbeltroad Uzbekistan #asiacentrale Artico Shoah Partito del Progresso Guerra droni Santa Sofia Moldavia società Egitto Istituzioni liberalismo jihadismo Russkij Mir Eco Internazionale Casa Bianca frozen conflicts Corea Società PCUS criptovalute Europa Riforme Vaticano Nord Stream 2 Gorbačëv governo russo TAP Guerra civile siriana Rosneft settore estrattivo eroina Rivoluzione Cantata Crimea Georgia Brest-Litovsk finanza LGBT Stati Uniti spie sviluppo Turkmenistan Bielorussia muro di Berlino comunismo SGC Sorge Assad Ksenija Sobčak opposizione politica Ricostruzione FIFA Ecologia elezioni presidenzali Grande Gioco Poroshenko Politica estera Vladimir Putini Ungheria inchiesta Arabia Saudita export armi Eltsin Banca centrale Iran militari Macron L'Orso Polare Rublo Regno Unito SCO URSS inquinamento geopolitica Cecenia epidemie russkaja ulica Welfare Bruxelles sondaggi elettorali terrorismo Papa Francesco Sergej Baburin Aliyev Panslavismo RussiaToday politica interna Occidente Levada Elezioni Usa 2020 Kiev Seconda Guerra Mondiale LIbano Antisemitismo Italia Pamfilova Gazprom Cina Haftar internet LDPR Tusk spionaggio Cosacchi Idlib troll climate change Turismo Kuznetsov Sicurezza Calcio Conte Tajikistan Jabloko WCIOM gas Caucaso Donbass Finlandia Zurabishvili stalinismo Gennadij Zjuganov Baku Vladivostok Markiv Azerbaijan Lukashenko Sobčak Smolensk PIL Nigeria politica estera Naval'nyj migranti Relazioni internazionali Asia Centrale Trident Juncture 2018 Economia lingua ISP Opposizione ISIS Michele I Baltico Prigožin Poltava Informazione Joe Biden Romania Nato Theresa May #obor Unione sovietica Lavrov Kaczynski Franco Kazakhstan elezioni presidenziali Patriarca Kirill Zelenskij Rosatom Pietro il Grande Giovani Sondaggi Beirut candidati PCFR Sputnik trattato di pace 1941 Vostok18 Olocausto energia Transiberiana Mosca elezioni Kirghizistan HIV Gas naturale Africa tradizioni Terre Rare Governo Romanov WC2018 diritto doping popoli hacker sanità Grande guerra patriottica Mondiali 2018 Ara Roma Medio Oriente Merkel Armi scenari politici lago Bajkal Lituania Libia Reagan sport autocefalia Estremo Oriente Sudan summit G8 Sputnik V popolazione India rivoluzioni colorate Minchenko Group Consulting propaganda cultura crisi Russia Kazakistan gasdotto Costituzione Russa Ucraina oligarchi Mare scramble for Africa Siria estrema destra Nagorno Karabakh San Pietroburgo Partenariato orientale Corea del Sud Minsk OPEC Transnistria Tokayev petrolio soft power estremismo Kerč’ Estonia Balcani interviste Proteste Democrazia Islam Francia Russia Unita incendio Dmitrij Medvedev caso Skripal Unione Economica Eurasiatica gay Lettonia imperialismo Diritti umani Asia centrale relazioni internazionali migrazione Federazione Russa Giappone via della seta Caspio età dei torbidi tossicodipendenza ebraismo Mediterraneo Politica 1989 TANAP Battaglie storiche Idrogeopolitica Giornalismo Afghanistan Baltici Partito Comunista opposizioni Disarmo Azerbaigian Guerra fredda tecnologia Passaporto Grigorij Javlinskij Boris Titov Stalin femminismo DNS El'cin influenza Rojava ortodossia Svezia minoranza opinione pubblica Università Demografia Israele Cipro Soft power Cremlino Asia K-19 Eurasia Pensioni Protocollo di Minsk Unione Difesa Mare del Nord SergeJ Skripal Cittadinanza Rocchelli