Biden e la Russia: un legame scritto nel destino

Joe Biden, in compagnia della moglie Jill e della nipote Finnegan, partecipa a una cerimonia di benvenuto al Ritz Carlton di Mosca, nel 2011. Joe Biden, in compagnia della moglie Jill e della nipote Finnegan, partecipa a una cerimonia di benvenuto al Ritz Carlton di Mosca, nel 2011.

20 novembre 1942: da poche ore l'Armata rossa ha lanciato la cosiddetta Operazione Urano per accerchiare i reparti della Wehrmacht, che dall'estate precedente stanno assediando Stalingrado (Volgograd) con l'aiuto di contingenti italiani fascisti, rumeni e ungheresi. Dopo appena una settimana di aspri combattimenti, i sovietici ottengono una vittoria tattica straordinaria, capace di capovolgere le sorti del fronte bellico orientale e – di conseguenza – dell'intera seconda guerra mondiale. Un oceano (e un'Europa) più in là, a circa 8.410 chilometri di distanza, al St. Mary's Hospital di Scranton, città sede di una delle più floride industrie mineraria e tessile-serica della Pennsylvania, nasce Joe Biden – al secolo Joseph Robinette Biden Jr.

Non sono solo gli astri a connettere la Russia con l'attuale presidente (eletto) degli Stati Uniti. Il settantottenne successore di Donald J. Trump può difatti vantare una pluridecennale e autorevolissima esperienza politico-diplomatica, principalmente maturata nei delicati anni della Guerra fredda tra Mosca e Washington. Nel corso di questa, Biden è stato spesso in prima linea in alcuni dei processi che hanno definito i contorni delle relazioni tra gli Stati Uniti, da una parte, e l'Unione Sovietica e la Federazione Russa, dall'altra[1].

Risale al 1973 la prima visita di Biden oltre la cortina di ferro, un anno dopo la sua nomina a senatore per il Delaware – vero e proprio Stato di adozione del democratico, che si era ivi trasferito con la famiglia nel 1953 e laureato in giurisprudenza nel 1965. A partire da pochi mesi dopo, Biden si distinse come uno dei più attivi componenti dell'équipe bipartisan del Congresso sul controllo degli armamenti. Va rammentato come quelli fossero gli anni della grande distensione di Richard Nixon e Henry Kissinger – che da un lato promuovevano l'"equilibrio di potenza", e dall'altro attuavano un "linkage" strategico con la Repubblica popolare cinese di Mao funzionale ad accerchiare il regime guidato da Leonid Brežnev.

In seguito alle dimissioni di Nixon e alla scadenza del mandato di Gerald Ford, l'arrivo alla Casa Bianca del democratico Jimmy Carter coincise con un ulteriore salto di qualità per Biden. Nell'agosto 1979, dopo la firma del trattato conseguente alle SALT II nel summit di Vienna (18 giugno) e in attesa della ratifica da parte del Senato, Biden si recò per una seconda volta nell'Unione Sovietica, a Leningrado (San Pietroburgo). Ad accoglierlo fu un autentico parterre de rois della dirigenza sovietica: anzitutto, Brežnev in persona (che, nelle parole di Biden, apparve "più ammalato di quanto pensassimo"[2]); quindi il premier Aleksej Kosygin, e infine il ministro degli Esteri Andrej Gromyko. Il senatore del Delaware, convinto sostenitore dell'efficacia del diritto internazionale per la risoluzione delle controversie, voleva con la sua spedizione convincere i colleghi di Washington ad appoggiare il trattato internazionale – la cui ratifica (naturalmente propedeutica all'entrata in vigore) era, e rimane, prerogativa costituzionale della camera alta di Capitol Hill. Nonostante la buona volontà di Biden, tuttavia, la luce verde senatoria non arrivò, non da ultimo per la decisione sovietica di invadere l'Afghanistan alla vigilia di Natale del 1979 e per la conseguente richiesta di Carter che il Senato posponesse ad libitum l'approvazione della convenzione.

Incontro bilaterale tra Putin e Biden a Mosca nel marzo 2011

Biden avrebbe incontrato di nuovo Gromyko – nelle ultime settimane da capo di Stato sovietico[3] di quest'ultimo –a Mosca, nel 1988, in qualità di membro della Commissione per le relazioni estere del Senato statunitense. Bisognerà quindi aspettare fino al 2011 per assistere alla quarta venuta di un (ben più attempato) Biden sul suolo russo, stavolta non più da senatore bensì da vice-presidente di Barack Obama. Il clima, ça va sans dire, fu ben diverso rispetto all'ultimo viaggio pietroburghese: Mosca non era più la capitale dell'impero sovietico ma della Federazione Russa, e l'interlocutore non più un infermo Brežnev quanto il presidente Dmitri Medvedev – e, soprattutto, l'allora capo del governo Vladimir Putin. Appena un anno prima, nel 2010, era stato sottoscritto il cosiddetto New START, con il quale Washington e Mosca avevano concordato una riduzione complessiva delle rispettive testate atomiche (del 74% rispetto allo START del 1991, e di un ulteriore 30% rispetto al SORT del 2002). In un discusso articolo[4] scritto per Gazeta da Fëdor Luk'janov, si rivela che il vice-presidente sarebbe in quell'occasione arrivato a proporre a Putin il ruolo di segretario generale della NATO in caso di appoggio militare russo alla coalizione occidentale in Libia. Com'è noto, però, Putin condannò fortemente l'intervento atlantico in Libia, definendolo addirittura "reminiscenza delle chiamate alle crociate medievali" – toni bruschi che valsero all'ex capo del KGB un rimprovero istituzionale da parte del presidente Medvedev.

Da allora, la postura di Biden e dell'amministrazione Obama nei confronti del Cremlino e di Putin (dal 2012 nuovamente presidente) è andata irrigidendosi, fino ad entrare in una fase di acuta crisi all'indomani dell'annessione russa della Crimea nel 2014. Per di più, Biden in persona ha sovrinteso la politica di sostegno statunitense nei confronti dell'Ucraina[5], visitando il Paese post-rivoluzionario per ben sei volte. È forse anche in virtù di quest'ultima esperienza che il neo-eletto 46° presidente consideri oggi la Russia come la "principale minaccia" alla sicurezza nazionale statunitense.

Da inquilino della Casa Bianca, spetterà da gennaio a Biden dare forma alle relazioni bilaterali russo-statunitensi. Uno dei primi dossier sulla sua scrivania sarà verosimilmente relativo al rinnovo del New START, in scadenza il 5 febbraio 2021, del quale Putin ha proposto un'estensione fino al 2026[6]. I tempi sono stretti e Washington ha più volte chiesto che gli accordi sulla riduzione delle armi strategiche coinvolgano anche Pechino.

Chissà, però, che la pluridecennale esperienza russa di Biden non possa fare miracoli.


Note:

[1] "Biden and Russia," The Bell, 24 ottobre 2020, https://thebell.io/en/biden-and-russia/; "U.S. President-Elect Joe Biden's Visits to Russia, in Photos," Moscow Times,9 novembre 2020, https://www.themoscowtimes.com/2020/11/09/joe-bidens-visits-to-russia-in-photos-a71992; NikolajŠevčenko, "Joe Biden's Long History with Moscow," Russia Beyond the Headlines, 9 novembre 2020, https://www.rbth.com/history/332978-joe-biden-russia-us-soviet-union.

[2] Il segretario generale sovietico soffriva infatti di malattie cardiovascolari ed era stato colpito da un grave infarto nel 1974.

[3] Ossia di presidente del Presidium del Sovet Supremo dell'URSS, carica che avrebbe ricoperto fino alla fine del settembre 1988.

[4] Fëdor Luk'janov, "Pooščchritel'nyjPrizdljaPrem'era [Premio di Incentivazione per il Premier]", Gazeta.ru, 10 marzo 2011, https://www.gazeta.ru/column/lukyanov/3549769.shtml.

[5] Peter Dickinson, "What Can Ukraine Expect from a Biden Presidency?" Atlantic Council, 14 novembre 2020, https://www.atlanticcouncil.org/blogs/ukrainealert/what-can-ukraine-expect-from-a-biden-presidency/.

[6] Andrew Higgins, "U.S. Rebuffs Putin Bid to Extend Nuclear Arms Pact for a Year,"New York Times, 16 ottobre 2020, https://www.nytimes.com/2020/10/16/world/europe/putin-nuclear-new-start-treaty.html


L'era Biden sul fianco orientale della NATO
L’Uzbekistan di Mirziyoyev tra istituzioni, riform...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

petrolio WCIOM Stati Uniti spesa militare Kyrgyzstan Ucrainagate climate change Krymskij most Armi via della seta estremismo comunismo candidati Shoah migrazione Protocollo di Minsk esercito settore estrattivo Turkmenistan OPK Transiberiana Covid-19 Egitto rivoluzione di velluto autocefalia Cremlino minoranza Kerč’ trattato di pace Chabarovsk Francia Rosneft Vladimir Žirinovskij LIbano Corea Kuznetsov Golunov Giappone URSS Assad Corea del Sud Libia Nenets summit Democrazia Aleksej Naval'nyj sondaggi elettorali crisi Medio Oriente ISP cultura Tagikistan Idlib Minsk Regime Change Occidente Vladivostok opposizioni Prigožin Proteste Sorge Beirut Asia Lituania Joe Biden Giovani Boris Titov rete Sanzioni Elezioni Usa 2020 Siberia politiche energetiche Iran Chiesa ortodossa tecnologia Kortezh Guerra Levada Minchenko Group Consulting Sicurezza Ilham Aliyev Mondiali Gas naturale droni inchiesta Conte incendio migranti Demografia Russia Papa Francesco PCUS lingua Kazakistan opinione pubblica Welfare Zurabishvili Vaticano Runet Uzbekistan #asiacentrale Pensioni Gazprom FSB internet Nagorno-Karabakh Azerbaigian Poroshenko muro di Berlino Ricostruzione Svezia Kiev Santa Sofia Theresa May tossicodipendenza Crimea Paesi Baltici Nato Costituzione Russa Naval'nyj popoli Rocchelli Power of Siberia green energy Zelenskij Politica estera S-400 Aral bitcoin Lukashenko governo russo Politica Parigi Saakashvili epidemie India diritti Austria Baltico Italia troll antiterrorismo società propaganda ingerenze russe Banca centrale Trump Romanov Montenegro estrema destra Gennadij Zjuganov Biden LDPR ebraismo Serbia TAP partiti religione Peredača Flame Towers Bessarabia Disarmo Cripto Valley Terre Rare Giornalismo Akinfeev politica interna Brest-Litovsk imperialismo gas Battaglie storiche Rosatom 2024 Regno Unito Sudan cooperazione Siria Franco San Pietroburgo Sondaggi Ideologia Katyn Krasnodar Sobčak eroina russkaja ulica Nagorno Karabakh Israele Opposizione Panslavismo SCO stalinismo Nord Stream 2 Russkij Mir DNS Estremo Oriente Macedonia Germania Baltici Curili finanza #russia Cosacchi frozen conflicts INF Spagna OPEC scenari politici caso Skripal questioni di genere inquinamento Rublo Società G8 Ossezia del Sud Cipro popolazione Ucraina Olimpiadi sviluppo Usa criptovalute migrazioni Baku Russia Unita Cecenia scramble for Africa Turchia Ecologia Anatolij Sobčak Grigorij Javlinskij Passaporto interviste export armi #cina età dei torbidi Mare Tokayev Islam Ambiente Mare del Nord Mar Baltico SGC elezioni presidenziali Ara Gibilterra elezioni presidenzali Cina TANAP soft power Putin Chiesa Ortodossa Russa Federazione Russa Business Russia Lavrov Jabloko visita di Stato Arkadij Babcenko Smolensk Mosca Vostok18 Rojava Michele I dazi americani nazionalismo Università PIL Mediterraneo Cernenko ISIS 1989 L'Orso Polare Marina jihad Skripal Diritti umani monarchia LGBT Nazarbayev Sergej Baburin Lettonia Olocausto Nikita Chruščëv Vladimir Putin Haftar incidente Ungheria Kazakhstan corruzione #silkbeltroad Ksenija Sobčak Stalin Reagan WC2018 HIV Artico Antisemitismo Riforme hacker Merkel Eurasia terrorismo zar oligarchi Eco Internazionale Tusk #obor lago Bajkal Mondiali 2018 Mar Rosso nazismo Nigeria Cittadinanza coronavirus Bruxelles Georgia Difesa Caucaso #economia Macron Pavel Grudinin Rivoluzione Cantata ortodossia Africa Unione sovietica gay Governo Tripoli Referendum Partito del Progresso Informazione Midterm Guerra civile siriana Pietro il Grande spie energia Palestina Polonia Balcani Diplomazia liberalismo femminismo sanità Dmitrij Medvedev Romania Vladimir Putini Grande Gioco nucleare Estonia Pubblicazioni WADA Pamfilova Svetlana Tikhanovskaja FIFA SergeJ Skripal Kaczynski gasdotto Kirghizistan Helsinki Guerra fredda Istituzioni Donbass proteste in Russia anti-liberalismo Tajikistan El'cin Astana Curdi Patriarca Kirill Unione Europea Seconda Guerra Mondiale Vedemosti geopolitica Partenariato orientale Asia centrale Azerbaijan Aliyev Asia Centrale UE Calcio Armenia Maxim Surajkin separatismo diritto Eltsin influenza Russiagate relazioni internazionali Markiv Relazioni internazionali RussiaToday Costituzione Poltava Salman Trident Juncture 2018 Unione G7 Sputnik PCFR Afghanistan Moldavia reportage Abcasia russofobia Diritti civili #commercio Storia Arabia Saudita spese militari opposizione politica nord stream nomadismo Turismo Transnistria Cherchesov elezioni militari Oriente 1941 Caspio Gorbačëv Alessandro II Venezuela Finlandia Bielorussia Roma Europa politica estera doping spionaggio Kim sport boicottaggio K-19 Clima #sanzioni rivoluzioni colorate Pashinyan Casa Bianca Cronache di viaggio Zakharova Partito Comunista tradizioni Economia Soft power