L'era Biden sul fianco orientale della NATO

A meno di un mese dall'insediamento ufficiale del 46esimo presidente statunitense alla Casa Bianca, si parla ormai quotidianamente dell'America che verrà con Biden. I risvolti per la Polonia e per i Baltici riguarderanno principalmente la loro sicurezza, ma non solo.

Biden non è ancora approdato formalmente a Washington, eppure è come se ci fossimo già lasciati alle spalle l'era Trump per parlare di quello che avverrà con l'imminente cambio della guardia. Sebbene la campagna elettorale del nuovo eletto si sia fortemente concentrata sul fronte interno a causa della pandemia e delle divisioni socioeconomiche, gli aspetti da considerare in politica estera non sono pochi o irrilevanti.

All'interno della strategia estera della futura amministrazione sembra ormai assodato il desiderio di ricucire i rapporti ormai sfilacciati con gli alleati europei. Sui media italiani si parla spesso del fianco europeo occidentale, trascurando l'interesse statunitense per l'Europa centro-orientale. In quest'area, infatti, si trovano due avamposti della strategia statunitense per il ventunesimo secolo: la Polonia e i Baltici

​Esultano i Baltici

L'area baltica già fremeva mentre dagli States arrivavano i primi risultati del vantaggio di Biden su Trump. La notizia è stata infatti accolta in maniera generalmente positiva, anche se non sono mancati episodi sporadici di malcontento. È il caso del Ministro degli Interni estone, Mart Helme, le cui dimissioni sono arrivate in concomitanza con la vittoria di Biden.

Al contrario, il presidente lituano Nauséda non ci ha pensato due volte prima di congratularsi con il nuovo presidente. La reazione lituana era praticamente scontata. È risaputo: la particolare relazione statunitense con i Baltici va vista nella prospettiva più ampia dei rapporti con il grande orso russo che incombe proprio alle loro porte di casa. Dal suo canto, Biden non confonderà sicuramente i Baltici con i Balcani. A differenza di qualche suo predecessore sbadato, il futuro inquilino della Casa Bianca ne conosce bene la collocazione sia geografica che strategica. Non a caso, già nel 2003, Biden era stato uno dei più convinti sostenitori dell'allargamento ad Est della NATO.[1]

Dando poi un'occhiata alle ultime due amministrazioni statunitensi, notiamo un crescente interesse nei confronti di quest'area spesso bistrattata. Durante il secondo mandato di Obama, i Baltici avevano assunto un'importanza vitale per il fianco orientale della NATO. Questo era dovuto in particolare alla percezione di un clima di insicurezza a seguito dell'annessione della Crimea da parte della Russia.

Il 16 marzo 2014 si teneva, infatti, il referendum sull'autodeterminazione della Crimea. Solo tre giorni più tardi, in occasione del decimo anniversario dell'accesso alla NATO, Biden volava a Vilnius per un viaggio cruciale.[2] Nella capitale lituana l'allora vicepresidente statunitense usava toni rassicuranti, promettendo di difendere gli alleati da un qualsiasi attacco russo. Due anni più tardi, mentre il candidato alla presidenza Donald Trump iniziava a scavare la frattura interna alla NATO, Biden aveva intrapreso un tour dell'area baltica, durante il quale veniva riaffermato il famoso Articolo V del Trattato nordatlantico.[3]

L'entrata in scena di Trump aveva invece posto l'accento su un possibile riavvicinamento con la Russia, proposta non troppo gradita ai Baltici. Nonostante ciò, Trump non ha mai criticato l'operato di questi Paesi, i quali si sono dimostrati fedeli sia a livello di burden sharing interno alla NATO, ma anche nei rapporti bilaterali con gli Stati Uniti. Basti pensare che l'Estonia nel 2017 era uno dei soli cinque Paesi NATO a superare la soglia del 2% di spesa militare rispetto al proprio Pil.[4]

Dalya Gribauskaité e Joe Biden nel 2014 a Vilnius. Foto - Associated Press

Ma non è tutto qui, soprattutto se guardiamo al di là dell'ambito della sicurezza. Ultimamente i Baltici si sono fatti promotori di tutta una serie di valori occidentali, come quello di democrazia o diritti umani. Lo abbiamo, ad esempio, visto negli ultimi mesi con il supporto al popolo bielorusso. In fin dei conti questo sono gli stessi valori che Biden si è prefissato di mettere in alto nella propria agenda.[5] Dunque, anche per questo motivo un riavvicinamento tra Stati Uniti ed Europa sotto il nuovo presidente può solo essere di gradimento a queste latitudini.

Un altro punto fondamentale riguarderà inevitabilmente la linea statunitense nei confronti del progetto del Nord Stream 2. Progetto che i Baltici (e la Polonia) non hanno mai visto di buon occhio. Sebbene la posa dei tubi per il raddoppiamento del controverso gasdotto sia praticamente ultimata, Biden probabilmente non cambierà rotta nei confronti della Russia.

Polonia al bivio: sicurezza versus diritti umani

Varsavia, storica alleata degli Stati Uniti, è stata menzionata più volte da Trump durante la propria campagna elettorale. Durante gli ultimi quattro anni, mentre i rapporti con la Merkel si inasprivano, lo stesso non avveniva con il fedele Duda. L'era alla quale stiamo per mettere un punto è stata caratterizzata da un'evidente attrazione di Trump per tutta una serie di leader dalle derive illiberali o autoritarie, tra i quali figura anche il presidente polacco.

Sicuramente per Duda mandar giù il boccone amaro della sconfitta di Trump non è stato facile, tanto che le congratulazioni per il nuovo eletto sono arrivate solo pochi giorni fa. In realtà, però, gli Stati Uniti di Biden vedranno una maggiore attenzione alla sicurezza transatlantica, della quale la Polonia continuerà a beneficiare. Proprio lo scorso novembre è stato ratificato da Varsavia l'ultimo accordo di difesa (Enhanced Cooperation Defense Agreement), grazie al quale sarà aumentato il numero di truppe statunitensi nel Paese.

La Polonia vede gli USA e la NATO come fattori imprescindibili per la propria sicurezza per due motivi principali: la memoria storica e la vicinanza stretta con la Russia. Infatti, la parte nord-orientale del Paese confina direttamente con l'exclave russo di Kaliningrad, dove la Federazione ha tra l'altro dispiegato i propri missili Iskander-M.

Il secondo appunto da fare riguarda anche qui la questione energetica e il supporto di Trump alla Three Seas Initiative. Probabilmente questo approccio sarà adottato anche da Biden con lo scopo di ridurre la dipendenza energetica europea da Mosca e scalzare la Russia anche in questo senso.

Donald Trump e il presidente polacco Duda

La reazione della Polonia nei confronti di Biden è però bifronte. Se a livello di sicurezza la Polonia godrà del supporto statunitense, lo stesso non sarà vero su altri fronti. Pensiamo, ad esempio, alla questione dei diritti umani. Negli ultimi mesi le piazze polacche sono state travolte da ondate di proteste dopo la stretta sui diritti LGBTQ+ o sul diritto all'interruzione volontaria di gravidanza.

Il giorno prima delle presidenziali Joe Biden tweetava questa frase: "penso che i diritti LGBTQ+ siano diritti umani e domani questi diritti andranno al voto".[6] Qualche mese prima lo stesso si era detto contrario all'istituzione delle cosiddette "LGBT free-zones" all'interno dell'UE e nel mondo, alludendo chiaramente ai recenti avvenimenti in Polonia.[7] Se in questo caso Biden aveva denunciato il Paese in maniera cauta, non si può dire lo stesso di quando osò definire la Polonia come "un regime totalitario" al pari di Bielorussia ed Ungheria.[8]

"Il trionfo della democrazia e del liberalismo sul fascismo e l'autocrazia ha dato vita al mondo libero", dichiarava la scorsa primavera Biden in un'intervista per Foreign Affairs.[9] Così mentre il fascino della democrazia perde campo in Polonia, il nuovo eletto tenterà di riportare in auge quei valori occidentali che sembrano dissolversi in diverse parti del mondo.

Nord Stream 2, dove eravamo rimasti?
Biden e la Russia: un legame scritto nel destino

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

interviste Flame Towers Relazioni internazionali Ricostruzione troll Lukashenko migranti Pietro il Grande Biden incendio popoli trattato di pace Ambiente Costituzione Regno Unito Asia Aral femminismo Sorge zar Conte boicottaggio Macron Olocausto stalinismo via della seta Maxim Surajkin Nord Stream 2 Montenegro Spagna Austria Eltsin SergeJ Skripal #silkbeltroad Sputnik Zelenskij Baltico Referendum opposizioni Ungheria Paesi Baltici G7 soft power OPK Runet LDPR Rojava Ara Mondiali 2018 Caspio governo russo bitcoin Michele I Diritti umani Mare del Nord frozen conflicts Alessandro II rivoluzioni colorate Chiesa ortodossa politica estera Crimea PCFR candidati Business Russia 1941 Baku proteste in Russia Baltici Battaglie storiche politica interna Stati Uniti Rocchelli Lavrov #commercio Armenia Covid-19 Partito del Progresso Vladimir Putini internet estrema destra Pamfilova Mare RussiaToday Bessarabia #cina Zakharova Turchia Siberia Rivoluzione Cantata Economia autocefalia elezioni presidenzali nazionalismo Marina diritti 1989 K-19 Bielorussia Armi Governo imperialismo ISIS esercito questioni di genere hacker Demografia sport Soft power Terre Rare spionaggio Helsinki Estonia Corea Svetlana Tikhanovskaja visita di Stato Proteste Elezioni Usa 2020 Germania SGC Casa Bianca export armi Cecenia Europa Haftar Russia green energy Lettonia Poltava Svezia Tokayev Sicurezza propaganda Tajikistan Mar Rosso Peredača sviluppo jihad Nenets cooperazione Nikita Chruščëv Boris Titov Lituania Theresa May Ideologia Rublo Serbia ISP droni Caucaso rivoluzione di velluto coronavirus migrazione Nagorno Karabakh Cipro Storia nazismo Abcasia Rosneft Università diritto WC2018 politiche energetiche Protocollo di Minsk sanità Costituzione Russa Unione Europea Shoah liberalismo Seconda Guerra Mondiale Vladimir Putin Mosca Estremo Oriente ebraismo SCO nomadismo Azerbaijan scramble for Africa Gazprom Politica estera migrazioni Power of Siberia WCIOM Oriente Curdi Palestina Reagan Vladivostok Calcio Akinfeev Beirut Guerra civile siriana eroina UE Minchenko Group Consulting Kirghizistan Smolensk Russkij Mir Ksenija Sobčak cultura Cina Pensioni Islam Welfare Uzbekistan Minsk Asia Centrale PCUS Artico Merkel Kazakhstan anti-liberalismo Grande Gioco Guerra TANAP Usa Cremlino Vaticano nord stream Russiagate #russia dazi americani Partenariato orientale Opposizione Polonia partiti Kazakistan Antisemitismo inchiesta lago Bajkal Giappone Egitto Istituzioni comunismo FIFA gasdotto Occidente relazioni internazionali Azerbaigian OPEC Romanov monarchia Aleksej Naval'nyj caso Skripal Olimpiadi Brest-Litovsk URSS Joe Biden Kerč’ Transnistria Giovani petrolio tecnologia Naval'nyj Transiberiana Russia Unita Stalin Venezuela reportage Francia PIL Iran Santa Sofia Salman elezioni Gibilterra Sobčak Jabloko criptovalute minoranza Guerra fredda Regime Change Balcani Banca centrale Markiv San Pietroburgo Rosatom elezioni presidenziali Corea del Sud HIV Arabia Saudita Pavel Grudinin Nigeria Astana Chiesa Ortodossa Russa 2024 WADA Sudan Cosacchi Kim gas Federazione Russa spese militari Medio Oriente INF #obor Difesa Unione russofobia Kyrgyzstan Krasnodar Tusk Mondiali Siria energia Asia centrale Sondaggi oligarchi doping DNS sondaggi elettorali crisi Dmitrij Medvedev Turkmenistan G8 Vladimir Žirinovskij settore estrattivo TAP Georgia Cherchesov #sanzioni Levada Moldavia corruzione Unione sovietica El'cin Ucraina Turismo Trident Juncture 2018 Roma Pubblicazioni Passaporto Sanzioni Società incidente geopolitica Papa Francesco Italia S-400 LIbano Tagikistan #asiacentrale Eco Internazionale Pashinyan Patriarca Kirill rete Giornalismo estremismo opposizione politica summit Skripal Ossezia del Sud militari Kiev Macedonia Franco Informazione FSB L'Orso Polare Sergej Baburin Zurabishvili Romania Saakashvili Aliyev ingerenze russe Poroshenko Israele climate change Kuznetsov Nato Nazarbayev età dei torbidi Anatolij Sobčak Eurasia Nagorno-Karabakh società Clima Bruxelles lingua Midterm terrorismo Africa religione Politica Gas naturale influenza Gennadij Zjuganov opinione pubblica Cernenko spesa militare Diritti civili epidemie Idlib India muro di Berlino Donbass tradizioni Assad nucleare Vostok18 gay Ilham Aliyev Mar Baltico Parigi Riforme Prigožin russkaja ulica Ecologia Afghanistan Kortezh Putin Tripoli Grigorij Javlinskij Diplomazia Libia Curili Disarmo antiterrorismo Arkadij Babcenko Cronache di viaggio finanza Cittadinanza Cripto Valley Golunov Vedemosti Mediterraneo LGBT Partito Comunista Trump Katyn Ucrainagate tossicodipendenza Krymskij most popolazione Kaczynski Gorbačëv Finlandia Chabarovsk spie inquinamento scenari politici Panslavismo Democrazia #economia ortodossia separatismo