Nord Stream 2, dove eravamo rimasti?

Operazioni di costruzione di un microtunnel nella sezione tedesca nella baia di Greiswald, Germania. Foto: Nord-stream2.com
Con l'elezione di Joe Biden alla Casa Bianca, Russia e Germania guardano al futuro del progetto Nord Stream 2. Il gasdotto è da sempre stato osteggiato dalle amministrazioni USA, interessate a limitare l'influenza del Cremlino sull'Europa per mezzo delle esportazioni di gas. Mentre a Washington Joe Biden prepara la sua squadra di governo, Berlino e Mosca cercano di posizionarsi al meglio in vista delle nuove sanzioni appena approvate dal Congresso degli Stati Uniti.

Al termine del 2020 torna a salire la tensione attorno al progetto del Nord Stream 2 – il gasdotto che permetterà il raddoppio – da 55 a 110 bcm/anno – della capacità di esportazione di gas dalla Russia direttamente alla Germania.

Dopo un anno di pausa sono ricominciate le operazione di completamento della posa dei tubi. I lavori sono iniziati nel 2018 e attualmente mancano circa 150 km sui 1234 km complessivi, per ultimare il percorso tra le acque danesi e quelle tedesche. I lavori di completamento sono proseguiti a singhiozzo nel corso dell'ultimo anno e mezzo a causa delle sanzioni USA che, man mano che precedeva la realizzazione, hanno coinvolto vari soggetti tra industrie e privati responsabili della costruzione delle infrastrutture.

L'intesa tra Germania e Russia ha alimentato non solo la reazione degli Stati Uniti, che vedono nella pipeline un'ulteriore leva di influenza di Mosca negli affari europei sfruttando la dipendenza energetica del continente, ma anche lo scetticismo europeo. La realizzazione del progetto permetterebbe e Berlino di realizzare gli obiettivi della strategia energetica Energiewende nazionale e di ritagliarsi maggiori vantaggi economici alimentando il proprio sistema produttivo con il gas russo, a scapito anche dei competitors europei e della realizzazione di una politica energetica comune.

Cosa è successo nel dicembre 2020?

La nave posatubi Fortuna – Foto: vesselfinder.com

A dicembre il Congresso degli Stati Uniti ha varato la legge di bilancio per la difesa, che contiene il Protecting Europe's Energy Security Clarification Act of 2020 (Peesa), ossia lo strumento per mezzo del quale è possibile applicare sanzioni extraterritoriali a quei soggetti coinvolti nella realizzazione del Nord Stream 2. L'ultimo aggiornamento dell'atto prevede la possibilità di sanzionare società assicurative e di certificazione che prenderanno parte a valutazioni sulle opere e materiali necessari al completamento del progetto tra Russia e Germania. In seguito all'approvazione della legge la società norvegese Det Norske Veritas-Germanischer Lloyd (DNV-GL), la principale società di classificazioni di navi al mondo, si è ritirata dal progetto dichiarando in un comunicato che "le attività di gestione del rischio per le navi attrezzate che servono il progetto Nord Stream 2 sono soggette a sanzioni statunitensi".

Contestualmente all'iter di approvazione della legge per la difesa statunitense, nel Mar Baltico Gazprom ha accelerato le operazioni per completare l'ultima sezione del gasdotto. Dopo il ritiro a causa delle sanzioni approvate lo scorso dicembre della società svizzera Allseas, che era impegnata con una speciale nave posatubi, Gazprom ha fatto ricorso all'unità battente bandiera russa Fortuna. Il 29 dicembre la nave ha completato la posa del tratto di 2.6km di tubazioni entro la Zona Economica Esclusiva tedesca; la società Nord Stream 2 ha fatto sapere in un comunicato che i lavori nelle acque danesi riprenderanno regolarmente a gennaio 2021. Sempre la società ha inoltre dichiarato che non é possibile fare previsioni circa le tempistiche di completamento dei lavori.

Nel frattempo, sulla costa tedesca, le autorità locali si sono mobilitate per prevenire ulteriori possibili contraccolpi collegati all'applicazione di nuove sanzioni USA. I rappresentanti del Land Meclemburgo-Pomerania Anteriore, punto di arrivo della pipeline sulla costa tedesca, hanno presentato la possibilità di creare una fondazione ad hoc per la gestione degli asset facenti capo al progetto Nord Stream 2. Secondo la legge tedesca, le fondazioni possono essere create a scopo filantropico e permettere il trasferimento di asset a soggetti terzi regolati diversamente dalla legge tedesca.

Cosa succederà a gennaio?

Mentre da questa parte dell'Atlantico gli attori coinvolti realizzazione della pipeline cercano di posizionarsi nel miglior modo in attesa dell'insediamento della nuova Presidenza USA, in molti si interrogano su come cambierà, se cambierà, la posizione degli Stati Uniti verso il Nord Stream 2. Molti analisti sostengono che non si prevede un'evoluzione dell'atteggiamento di Washington sul Nord Stream 2.

L'inasprimento delle sanzioni verso il progetto russo ha potuto godere fin da subito di un supporto bipartisan in seno al Congresso degli Stati Uniti. E' probabile quindi che l'amministrazione Biden proseguirà lungo il tracciato impostato dal coinquilino precedente della Casa Bianca, d'altronde sarebbe difficile immaginare un cambio repentino negli atteggiamenti verso il Cremlino e una giustificazione, in tale senso, presso l'opinione pubblica interna.

Come già riportato da Osservatorio Russia, Joe Biden ha avuto una lunga esperienza di confronto e negoziazione con i vertici politici sovietici, prima, e russi poi. A partire dal suo insediamento il presidente degli Stati Uniti, giocando sulla maggiore libertà di manovra che ha il Governo rispetto al Congresso, potrà aprire un dialogo con i partner europei allo scopo di continuare la pressione sul dossier Nord Stream 2 e, contestualmente, cercare di ottenere dei vantaggi circa le relazioni energetiche tra Stati Uniti ed Unione Europea.

Gli Stati Uniti hanno rafforzato da anni le proprie esportazioni di gas naturale liquefatto verso i terminali europei, rivolti in particolare verso i Paesi europei centro-orientali offrendo loro un'alternativa al gas russo. Polonia e Lituania in primis sono tra i principali beneficiari – a caro prezzo – del gas statunitense che il Dipartimento per l'Energia USA ha definito nei documenti ufficiali "molecules of freedom" proprio in riferimento al ruolo giocato dal gas USA per ridurre la dipendenza di questi paesi dalle importazioni di gas russo.

Da parte tedesca, l'interesse a completare il gasdotto è stato riconfermato anche di recente dalla cancelliera Angela Merkel. Nonostante le sanzioni, e casi come l'avvelenamento di Naval'nyj ed il conseguente raffreddamento delle relazioni russo-tedesche, i vantaggi economici per Berlino restano superiori alle considerazioni circa uno stop al progetto ormai quasi completato.


Nikos Belomor

Il caso Naval'nyj tra operazioni segrete e lotte d...
L'era Biden sul fianco orientale della NATO

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Reagan migrazioni gasdotto Turismo Akinfeev #economia DNS Rocchelli 2024 S-400 Eco Internazionale sondaggi elettorali Sorge politica interna #russia Naval'nyj Lavrov Macedonia Francia Usa Baku Balcani G8 Terre Rare Diritti umani Corea del Sud Partito Comunista politiche energetiche Gibilterra Rublo cultura zar Panslavismo Asia Centrale Giappone Cittadinanza Protocollo di Minsk LDPR scenari politici Bruxelles FSB Nord Stream 2 Battaglie storiche Estonia Ara spionaggio candidati muro di Berlino Power of Siberia Franco LGBT Katyn Lituania Palestina Putin Mar Rosso Costituzione Chiesa ortodossa sport Riforme propaganda Costituzione Russa età dei torbidi WCIOM L'Orso Polare Ucraina Cronache di viaggio Disarmo Turchia Relazioni internazionali Cripto Valley Africa Stalin #silkbeltroad Proteste Ungheria Partenariato orientale Baltico Zurabishvili #obor Oriente Rojava Pamfilova Mare Beirut liberalismo Aliyev Markiv #asiacentrale Germania Krasnodar proteste in Russia diritti cooperazione Haftar Estremo Oriente Maxim Surajkin Afghanistan Minchenko Group Consulting sviluppo Bielorussia droni Vladimir Žirinovskij Trump Conte sanità Eurasia opposizioni Curdi Chabarovsk Rivoluzione Cantata Nenets Gazprom Cecenia Vaticano estremismo reportage Pietro il Grande Clima ortodossia Antisemitismo Peredača inquinamento stalinismo Transnistria Sobčak opposizione politica HIV Prigožin Azerbaigian Alessandro II Caspio russkaja ulica dazi americani Armi export armi Mare del Nord Asia centrale Politica estera Guerra civile siriana Moldavia estrema destra Polonia Business Russia comunismo Austria Kiev russofobia OPK Partito del Progresso Paesi Baltici TANAP lago Bajkal separatismo Opposizione Biden Aral Gorbačëv Gas naturale criptovalute Crimea caso Skripal soft power Anatolij Sobčak Montenegro Kazakhstan Nazarbayev via della seta Mar Baltico Tusk Stati Uniti Istituzioni LIbano Lettonia Europa Transiberiana Mosca Skripal #cina Banca centrale settore estrattivo spie influenza Israele Guerra fredda Grigorij Javlinskij ingerenze russe Serbia Assad politica estera diritto Nato Mondiali 2018 Regno Unito autocefalia Università Tajikistan Turkmenistan popoli #sanzioni rivoluzioni colorate opinione pubblica India lingua SGC Egitto ISIS oligarchi Azerbaijan spesa militare nazismo rivoluzione di velluto Olocausto Kortezh Pensioni Governo hacker Diplomazia Kerč’ Grande Gioco Ilham Aliyev militari Brest-Litovsk Tagikistan rete Chiesa Ortodossa Russa bitcoin Unione migranti PCFR Sondaggi elezioni presidenzali Cina boicottaggio green energy Smolensk Sanzioni Krymskij most Lukashenko doping Svetlana Tikhanovskaja minoranza trattato di pace Baltici nord stream governo russo Ideologia Jabloko Sicurezza tecnologia Kazakistan Federazione Russa troll Medio Oriente Ucrainagate OPEC Ossezia del Sud San Pietroburgo Svezia interviste geopolitica Olimpiadi gay Pubblicazioni Dmitrij Medvedev Russkij Mir Gennadij Zjuganov società Russiagate Politica Soft power Guerra Siria frozen conflicts Cipro elezioni Merkel SCO summit Georgia eroina Venezuela Cernenko Saakashvili visita di Stato K-19 Tripoli Storia climate change Kaczynski Covid-19 antiterrorismo SergeJ Skripal imperialismo jihad Kirghizistan Vladivostok Poltava Elezioni Usa 2020 esercito Papa Francesco energia questioni di genere Marina terrorismo Parigi ebraismo Armenia Astana Rosneft internet Nagorno-Karabakh Russia Nikita Chruščëv El'cin monarchia Minsk tossicodipendenza nomadismo incidente Casa Bianca Kim Donbass 1941 Bessarabia WADA URSS Siberia Italia Zelenskij Golunov Idlib scramble for Africa Ambiente Nigeria Curili femminismo Trident Juncture 2018 Levada Uzbekistan Ecologia Corea Patriarca Kirill Joe Biden Midterm migrazione Arabia Saudita Finlandia INF Difesa #commercio Abcasia Democrazia 1989 Poroshenko relazioni internazionali UE Sergej Baburin Libia Unione Europea G7 partiti Russia Unita Artico petrolio Nagorno Karabakh Cosacchi coronavirus Cherchesov Asia incendio Aleksej Naval'nyj Romania ISP Pavel Grudinin Vostok18 PCUS Shoah Occidente Santa Sofia Passaporto Flame Towers Spagna FIFA Vedemosti Vladimir Putini Società Pashinyan religione Salman nazionalismo Diritti civili Giovani Referendum Giornalismo TAP Economia Helsinki Regime Change Rosatom Michele I Romanov PIL Boris Titov Welfare Runet spese militari Mediterraneo Roma Kyrgyzstan inchiesta popolazione elezioni presidenziali Seconda Guerra Mondiale Ksenija Sobčak Cremlino Ricostruzione finanza anti-liberalismo Informazione crisi Sudan WC2018 Calcio Unione sovietica Islam Sputnik nucleare Vladimir Putin Tokayev gas Macron Kuznetsov Eltsin epidemie RussiaToday Arkadij Babcenko tradizioni Mondiali Theresa May Iran corruzione Caucaso Demografia Zakharova