Joe Biden, il Medio Oriente e la Russia

118318866_10223321296571512_8247444627420478267_n

Archiviato definitivamente il fallito tentativo dell'amministrazione uscente di sovvertire l'esito del voto, tra pochi giorni Washington vedrà l'inaugurazione della presidenza Biden. Il successore di Trump erediterà la guida di un popolo profondamente colpito dalla pandemia, sia a livello psicologico che economico, e lacerato dalle crescenti tensioni sociali. Puntualmente, ad ogni cambio della guardia, a Washington analisti e policy makers si interrogano sulla possibile strategia di politica estera che verrà adottata dalla presidenza nei diversi quadranti geopolitici, tra cui il Medio Oriente.

Nei prossimi quattro anni la Casa Bianca adotterà un approccio differente nelle relazioni con gli altri Stati, puntando su uno stile di comunicazione più tradizionale e maggiormente improntato al dialogo. Verrà inoltre accantonata la retorica isolazionista, grazie alla quale Trump ha conquistato la Casa Bianca, ma che ha dovuto ben presto abbandonare, anche per gli eventi occorsi nello stesso Medio Oriente. Pur distinguendosi da quella del suo predecessore, la politica estera di Biden manterrà comunque un carattere assertivo.

Qualsiasi forma adotterà la dottrina Biden in Medio Oriente, questi dovrà fare i conti con l'impegno della Russia nell'area. Mosca, negli ultimi anni, ha infatti suggellato il ritorno sul palcoscenico della propria potenza inaugurando una politica mediorientale di successo. Il Cremlino ha riallacciato i rapporti con numerosi Paesi della regione, mettendo alla prova il ruolo predominante degli Stati Uniti. Resta dunque da domandarsi come si evolverà il confronto tra le due potenze nell'area.


Israele e Palestina

Il superamento della presidenza Trump metterà un freno alla "bonanza" che Israele ha conosciuto negli ultimi quattro anni. Il supporto incondizionato maturato in anni di costanti contatti diplomatici, i riconoscimenti dall'immensa portata pratica e simbolica, come il trasferimento dell'ambasciata a Gerusalemme e la legittimità degli insediamenti, ma sopratutto la sponsorizzazione di una campagna di normalizzazione delle relazioni tra il mondo arabo e lo stato ebraico hanno sancito su carta un processo già ampiamente in atto nella regione.

Nonostante l'allontanamento dal massimalismo trumpiano e una possibile uscita di scena di Netanyahu, l'amministrazione Biden perpetuerà lo status quo avallando le iniziative repubblicane. L'unica reale differenza consisterà nel rilancio pragmatico e cauto di una diplomazia multilaterale con la probabile offerta di una stampella all'isolata leadership palestinese. In tale contesto, potrebbe dunque emergere uno spazio di manovra per la Russia, che può vantare cordiali relazioni sia con Israele che con Ramallah, grazie al suo approccio pragmatico e multivettoriale di politica estera.

La vicinanza del Cremlino a entrambe le fazioni è il frutto di una ben precisa strategia, che da un lato ne plasma l'identità di partner politico imparziale e gli permette di perseguire obiettivi a lungo termine, dall'altro invece prova a indebolire la credibilità degli Stati Uniti e dei suoi alleati. La Russia potrebbe dunque porsi alla guida di iniziative di pace alternative e sfruttare la sua influenza in Siria per aumentare la pressione su Israele, nel momento in cui quest'ultimo decidesse di procedere con annessioni unilaterali o violazioni del diritto internazionale.


Siria

Nel conflitto che dal 2011 interessa la Siria, l'amministrazione Trump ha adottato un approccio contraddittorio che ha conseguentemente rafforzato l'iniziativa di Russia e Iran intervenute a puntellare la declinante autocrazia. Proprio in Siria, tramite l'intervento militare diretto, Mosca ha inaugurato un ritorno assertivo nella regione, assicurando non solo la sopravvivenza di un alleato ma anche la sussistenza della base mediterranea a Tartus, storicamente in mano al Cremlino.

L'amministrazione Biden presumibilmente agirà dedicando maggiori energie alla ricerca di una soluzione politica, e respingendo un eventuale normalizzazione dei rapporti con il regime. Da candidato, Biden si è dichiarato contrario al ritiro del contingente statunitense dalla Siria ed ha attaccato il presidente uscente per aver abbandonato gli alleati curdi. Anthony Blinken, il principale consigliere di politica estera di Biden e prossimo Segretario di Stato ha inoltre dichiarato nel corso di un'intervista che, con la nuova presidenza, gli Stati Uniti manterrebbero una presenza militare nel nord-est della Siria. E molto probabilmente anche la continuazione di uno status quo che contenga le iniziative russo-turco-iraniane nel rebus siriano.


Turchia

Nell'ultimo periodo le relazioni tra Turchia e Stati Uniti hanno visto un rapido peggioramento, accelerato dalla decisione americana di imporre nuove sanzioni per l'acquisto da parte di Ankara del sistema missilistico russo S-400. Il vero oggetto del contendere è pero l'assertività della Turchia, impegnata in una politica estera proattiva dal sentore imperiale. Dal Caucaso alla Libia, Erdogan ha rilanciato la nazione nel palcoscenico globale conseguendo importanti risultati e allarmando Washington. La personale empatia fra Trump e il rais turco ha permesso al secondo una certa libertà di manovra che potrebbe tuttavia venir meno con l'uscita di scena del tycoon.

Dall'abbattimento nel novembre 2015 di un caccia russo da parte della contraerea turca al recente appeasement in Caucaso, tra Turchia e Russia si sono succedute crisi e riappacificazioni sfociate in un matrimonio di convenienza che ha permesso la risoluzione di controversie apparentemente inestricabili. I due Paesi, storicamente agli antipodi, sono riusciti a "compartimentale" le loro differenze per evitare qualsiasi ricaduta diplomatica. La relazione difficilmente potrà evolversi verso una vera e propria alleanza. Allo stesso tempo però, Mosca e Ankara, sfruttando l'assenza dell'Europa, continueranno a spartirsi sfere di influenza in ogni conflitto in cui si troveranno contrapposte.

Che tra Biden e il rais turco non corra buon sangue non è affatto un mistero. In quanto alleati nella Nato, gli Stati Uniti continueranno a sostenere la Turchia, ma il futuro presidente USA cercherà anche di aumentare la pressione per imporre il rispetto dei diritti umani. Non mancheranno occasioni per far tornare in superficie i nodi che hanno macchiato la relazione. Ciononostante, vi saranno altrettante spinte istituzionali in favore del mantenimento di rapporti saldi con un importante alleato che potrebbe avvicinarsi sempre di più all'orbita russa.


Libia

In seguito al coinvolgimento della Nato nel rovesciamento di Muhammar Gheddafi, gli Stati Unitihanno intrapreso la strada di un progressivo sganciamento dalla Libia, tentando disostenere gli sforzi per risolvere la crisi senza rivendicare un ruolo primario. La presidenza Trump tuttavia si è posta in netta contraddizione rispetto alle intenzioni di un'Europa frammentata nel supportare il governo di Tripoli. Trump ha mostrato una certa compiacenza nei confronti del generale Khalifa Haftar, che ha potuto disporre di una luce verde per provare a chiudere il conflitto conquistando la Tripolitania.

L'assenteismo occidentale ha permesso alla Russia di impiantare una formidabile rete militare nel Mediterraneo. Rete che trova un importante perno nella Libia travolta dalla guerra civile. Putin ha scommesso sull'Esercito Nazionale Libico (LNA) di Haftar che ha ricevuto pari sostegno dall'Egitto, dagli Emirati Arabi Uniti e, più discretamente, anche dalla Francia.Se Mosca riuscisse a rafforzare la sua posizione in Libia nel lungo termine, otterrebbe una leva significativa sull'Europa e un ulteriore accesso al Medio Oriente e all'Africa.

Il neoeletto presidente americano potrebbe intraprendere un approccio più coerente, mirando alla riduzione dell'influenza russa in Libia. Ciò sarebbe possibile attraverso l'imposizione di sanzioni che andrebbero a fare pressione sugli alleati di Haftar, i quali hanno favorito l'ingresso di Mosca in Libia. In aggiunta, l'amministrazione democratica continuerà a sostenere il processo politico volto a portare stabilità e sicurezza nel Paese e a perseguire i responsabili di crimini, tra cui lo stesso Haftar.


Iran

Uno dei temi su cui Trump ha preso maggiormente le distanze da Obama è l'Iran. Il tycoon ha ribaltato l'approccio del predecessore che aveva portato alla firma di uno storico accordo sul nucleare. Al posto di cercare il dialogo con la parte più moderata del regime iraniano, Trump ha preferito implementare una strategia di "massima pressione". Secondo il nuovo piano, le ulteriori sanzioni imposte sull'economia del Paese e il suo conseguente isolamento avrebbero spinto il regime iraniano al collasso, oppure ad un accordo in cui avrebbero prevalso le condizioni americane. Eppure, Il regime ha mostrato notevole resilienza attraverso il rafforzamento della componente conservatrice della Repubblica Islamica e un maggiore impegno nella realizzazione del progetto.

Grazie al nuovo consolidamento dell'establishment iraniano, nel caso in cui Teheran decidesse di tornare al tavolo della trattative si troverebbe in una posizione di forza rispetto all'amministrazione entrante. In continuità con la strategia di Obama, Biden ha costantemente sostenuto l'accordo sul nucleare e si è sempre detto contrario all'approccio di Trump. Tuttavia, attualmente i rapporti tra Iran e Stati Uniti sono pessimi, e non sarà così facile riallacciarli. Come se non bastasse, la vittoria dei conservatori alle elezioni presidenziali iraniane di giugno potrebbe inoltre cambiare l'identità dei negoziatori irrigidendo ulteriormente un clima già molto teso. Gli Stati Uniti dovranno dunque proseguire il percorso verso l'interruzione del programma nucleare e missilistico, favorendo la riapertura degli scambi economici e il riconoscimento del ruolo di potenza regionale dell'Iran.

Il Cremlino potrebbe porsi alla guida di nuovi negoziati sul programma nucleare di Teheran. I due Paesi hanno infatti numerosi obiettivi comuni nella regione, tra cui la sopravvivenza del governo Assad, lo sviluppo di sfere di influenza in Eurasia e l'approfondimento della cooperazione in ambito commerciale. Condividendo un sentimento di ostilità verso Washington, Russia e Iran hanno visto una notevole convergenza strategica che difficilmente si evolverà in un'alleanza vera e propria, ma che di per certo ha incrementato il dialogo bilaterale. Da parte sua, Mosca vorrebbe che Teheran riacquistasse legittimità internazionale e tornasse ad essere un attore geopolitico "spendibile". L'Iran, a sua volta, gioverebbe dalla possibilità di poter contare sul Cremlino in caso di lunghe trattative verso un nuovo accordo, diminuendo il rischio di decisioni sfavorevoli in seno al Consiglio di Sicurezza e lenendo la crisi dovuta all'isolamento internazionale.


Gazprom, un difficile rinnovamento per rimanere ri...
Dal carcere alla vittoria: Sadyr Japarov è il nuov...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Armi lingua separatismo troll Nato WCIOM Ara Diritti umani Turchia propaganda spesa militare Passaporto migrazioni incidente Russiagate Romania popolazione Vedemosti reportage FIFA Kirghizistan Donbass climate change PCUS sviluppo Federazione Russa Referendum Israele Salman Unione sovietica Reagan S-400 tradizioni Cipro Corea Business Russia K-19 #asiacentrale Tajikistan Islam FSB Lavrov nucleare Usa Paesi Baltici Serbia Tokayev Pashinyan Dmitrij Medvedev DNS sondaggi elettorali ingerenze russe Russkij Mir Turkmenistan Mosca Grigorij Javlinskij Kiev Vladivostok Egitto terrorismo Roma Tusk Guerra fredda Theresa May Nagorno-Karabakh Patriarca Kirill Baltico Ecologia Sanzioni criptovalute Elezioni Usa 2020 Svetlana Tikhanovskaja Kuznetsov Stati Uniti Corea del Sud Zelenskij Helsinki Costituzione Russa militari Relazioni internazionali Kaczynski bitcoin Unione Bielorussia elezioni presidenziali Ilham Aliyev elezioni Golunov Vostok18 Demografia via della seta #sanzioni Giovani Cecenia Lukashenko Papa Francesco Michele I #economia Crimea Baltici Minsk Armenia nomadismo Diritti civili Russia Unita dazi americani gay esercito PCFR Assad WC2018 Artico Sergej Baburin Cripto Valley Africa Medio Oriente lago Bajkal URSS Krasnodar gas Olocausto Lettonia Chiesa ortodossa LDPR Biden Sudan Shoah Spagna femminismo Ungheria OPK Ossezia del Sud Vladimir Žirinovskij ISP Kyrgyzstan jihad Welfare Democrazia Joe Biden coronavirus Guerra civile siriana Difesa RussiaToday Pavel Grudinin G7 Società Austria Conte inquinamento Sobčak Istituzioni Anatolij Sobčak rivoluzione di velluto crisi Mar Baltico migrazione Levada Sputnik Palestina Balcani Guerra trattato di pace soft power INF Caspio autocefalia Prigožin tecnologia Governo Unione Europea Nikita Chruščëv Italia monarchia Runet Astana Franco Parigi governo russo Libia zar Vladimir Putini comunismo scramble for Africa Europa politiche energetiche Gennadij Zjuganov influenza Eurasia estrema destra Cronache di viaggio cooperazione Russia Ambiente export armi Disarmo Gazprom Lituania Cherchesov Cernenko Vladimir Putin #silkbeltroad Partito Comunista nord stream India Casa Bianca Partenariato orientale Curili Afghanistan liberalismo OPEC Covid-19 finanza Venezuela Bruxelles TANAP Svezia Merkel Aral candidati Regno Unito Boris Titov SCO diritti energia WADA El'cin Nigeria Marina relazioni internazionali opinione pubblica PIL Cina diritto ISIS Protocollo di Minsk 2024 Siria Clima Battaglie storiche Gas naturale Katyn Riforme LIbano gasdotto opposizione politica Maxim Surajkin muro di Berlino Abcasia Panslavismo green energy Asia Centrale Vaticano Aleksej Naval'nyj frozen conflicts Trident Juncture 2018 Jabloko imperialismo Putin Bessarabia Midterm sanità sport Macron Rojava ortodossia Ricostruzione Flame Towers ebraismo San Pietroburgo Macedonia Giappone scenari politici opposizioni SergeJ Skripal elezioni presidenzali incendio Rivoluzione Cantata spionaggio caso Skripal Alessandro II Cittadinanza SGC Saakashvili Eco Internazionale Uzbekistan Rosatom Beirut Gorbačëv Akinfeev minoranza Montenegro Nagorno Karabakh Nenets hacker Rocchelli spese militari Informazione #russia TAP Partito del Progresso Ucraina Haftar Naval'nyj Siberia Economia Smolensk Gibilterra Estonia Politica Mondiali 2018 Baku società Zurabishvili Mar Rosso geopolitica Politica estera G8 Polonia migranti Seconda Guerra Mondiale L'Orso Polare inchiesta Diplomazia Iran Proteste summit Moldavia rete Calcio Tripoli Arabia Saudita età dei torbidi Azerbaijan settore estrattivo eroina Kim Olimpiadi Rublo Banca centrale Oriente Sondaggi questioni di genere Kerč’ Peredača Estremo Oriente internet Romanov Power of Siberia politica interna russofobia Chiesa Ortodossa Russa Nazarbayev Soft power Ksenija Sobčak Sorge Mondiali Giornalismo Pubblicazioni antiterrorismo oligarchi Arkadij Babcenko #commercio Asia centrale Nord Stream 2 Ucrainagate Kazakistan Asia Aliyev Santa Sofia Mare Mare del Nord Caucaso Costituzione Georgia politica estera Pensioni epidemie estremismo 1941 Pamfilova Cosacchi Azerbaigian Sicurezza Poroshenko Germania Mediterraneo Stalin Trump LGBT doping proteste in Russia interviste Markiv corruzione Transiberiana Skripal petrolio Krymskij most droni Eltsin partiti religione Kortezh tossicodipendenza Ideologia Finlandia Regime Change Opposizione spie Cremlino nazionalismo Turismo Curdi Transnistria russkaja ulica popoli nazismo Università cultura Minchenko Group Consulting Idlib Zakharova #cina boicottaggio Grande Gioco 1989 Francia Pietro il Grande Poltava Kazakhstan stalinismo Brest-Litovsk Antisemitismo Storia Occidente Terre Rare anti-liberalismo Tagikistan Rosneft UE #obor Chabarovsk HIV rivoluzioni colorate visita di Stato