Se Mosca piange, Pechino può ridere: mani cinesi sul Bajkal?

Isola di Olkhon sul Bajkal. Credits: Ksushadol

Davvero pochissimi scenari al mondo possono fregiarsi di una bellezza paesaggistica tanto sbalorditiva sensorialmente quanto esistenzialmente appagante come quella della Siberia occidentale in autunno. Verrebbe da dire che, molto più che una semplice regione, questa sia una vera e propria metafora della vita – data dal sublime contrasto tra le asperità climatiche e dal pullulare di fauna e flora che vi si sono abituate nei millenni (tra cui il celebre orso bruno). È noto che la vastità della Russia la renda un globo in miniatura, dove è possibile trovare un'eterogeneità di biomi. Tuttavia, sono l'ingiallita taiga siberiana e le gelide folate di vento sarma a fornire la cornice più mistica per uno specchio d'acqua talmente esteso che agli occhi di qualche neofita potrebbe sembrare un fiume – od addirittura un mare.

Si parla del lago Bajkal, per il quale i record si sprecano: è il lago d'acqua dolce più profondo al mondo, il secondo per lunghezza, nonché quello col maggior volume di acqua. Un quinto dell'acqua potabile terrestre proviene dalle acque del Bajkal – che gli jakuti non a caso chiamavano "lago ricco" (Bay göl), e che oggi è la "perla della Siberia". Una perla riconosciuta tale anche dall'UNESCO, che nel 1996 ha giustamente conferito lo status di Patrimonio dell'Umanità al corso d'acqua percorrente l'Oblast' di Irkutsk.

Le dinamiche del cambiamento climatico passano, dunque – e soprattutto –, dalla Siberia occidentale. Una recente ricerca di un'équipe di geologi e geofisici, nel sottolineare come il Bajkal possa costituire un notevole deposito naturale di idrocarburi qualora venissero effettuati enormi investimenti per la prospezione petrolifera, ha altresì evidenziato come il pericolo di inquinamento del bacino lacustre potrebbe assumere dimensioni esiziali se si modificasse l'ecosistema in questione. Ciò non ha però fermato lo svilupparsi dell'industria nelle immediate vicinanze del lago, ed in particolar modo dell'industria mineraria e di quella del legno. Sino alla fine del 2013, era ivi in funzione la contestata cartiera di Bajkal'sk – la cui presenza sulle sponde del lago fu aspramente opposta dagli ambientalisti per lo scarico di cloro ed altri rifiuti direttamente nel Bajkal. Un gruppo di scienziati ha sottolineato come, ancora oggi, 56 milioni di litri di acque reflue vengano scaricate quotidianamente nel fiume Selenga – principale immissario del Bajkal –, in gran parte provenienti dal polo industriale di Ulan-Ude, in Buriazia: hanno suscitato scalpore le immagini che ritraggono il fiume Modon-Kul' – che si immette nel Selenga – colorato d'arancione a causa della presenza di tungsteno e molibdeno. 

Port-Bajkal. Credits: Artem Svetlov

Se si chiedesse al siberiano medio di identificare la minaccia numero uno, però, la risposta avrebbe un nome ed una bandiera: quelli della Repubblica Popolare Cinese. Mentre Vladimir Putin e Xi Jinping stringono accordi e vengono immortalati ilari in foto di rito a San Pietroburgo, in Siberia monta con insistenza il risentimento – quando non proprio l'odio – contro i cinesi "sfruttatori". La paura è quella che una delle aree più vaste e disabitate del mondo – la Siberia – venga "colonizzata" più o meno subdolamente dal Paese più popolato al mondo. Qualche anziano azzarda paragoni storici tra il fenomeno (attuale) della compera di terreni ed alberghi siberiani da parte di acquirenti cinesi con quello (otto-novecentesco) delle acquisizioni di lotti agricoli da parte degli israeliani nella regione palestinese. Per avere un'idea delle dimensioni del fenomeno, basta recarsi nell'insediamento di Listvjanka – dove la presenza imprenditoriale cinese è ormai sotto gli occhi di tutti. Pechino viene inoltre accusata di volersi impadronire delle pure acque del "sacro lago": si fa ivi riferimento al contratto per la costruzione di un impianto in grado di fornire alla Cina 190 milioni di litri d'acqua (del Bajkal) all'anno. Costo complessivo dell'operazione: circa 23 milioni di dollari. Società incaricata: la AquaSib LLC – impresa russa di proprietà cinese.

La costruzione dell'impianto è stata largamente osteggiata da ambientalisti ed opinione pubblica: circa 1 milione e mezzo di persone hanno indirizzato una petizione al Governo per interromperla (oltre a chiedere l'introduzione di un provvedimento ad hoc per impedire ai cinesi di acquistare altra terra). E così, a marzo, una corte di Irkutsk ha ordinato la sospensione della costruzione dell'impianto – in linea con quanto caldeggiato dal premier Dmitrij Medvedev su spinta popolare. A leggere le motivazioni ufficiali della sospensiva, sono contestati gravi vizi relativi alla "mancata considerazione per la conformazione naturale […] ed assenza di una valutazione complessiva dell'impatto ambientale dell'impianto", anche se è lapalissiano ribadire che il diffuso dissenso della popolazione abbia giocato un ruolo di fondamentale importanza. Vale la pena ricordare, poi, come l'Oblast' di Irkutsk assuma rilevanza politica a causa della sua fama di "regione dissidente": il governatore non è difatti un rappresentante del partito di Governo (rectius, partito dei governanti) Russia Unita, bensì il comunista Sergej Levchenko. 

Listvjanka: insediamento sul lago Bajkal

Tuttavia, il contesto non fa ben sperare i siberiani: il Ministero dell'Ambiente russo ha recentemente proposto una modifica al regolamento (del 2010) che disciplina le soglie di tollerabilità delle immissioni nel Bajkal, e non si può fare a meno di notare che la modifica innalzerebbe il tetto massimo di "inquinabilità" di 16 volte rispetto al limite attuale (più del doppio rispetto agli standards dell'UE). La riforma normativa potrebbe comportare un mutamento di giurisprudenza a favore di un laissez-faire chimico-industriale – anche e(s)terodiretto. Va poi menzionata la proposta di Mikhail Shchapov – deputato alla Duma di Stato – di abolire tout court la valutazione d'impatto ambientale obbligatoria relativamente ai progetti edilizi sulla costa lacustre.

Nonostante a Mosca rassicurino periodicamente sulla strategicità nel lungo termine di una cooperazione intensificata sino-russa (nonché sul complessivo "consenso nazionale" creatosi attorno ad essa), appare sempre più chiaro che la relazione tra Pechino e Mosca si componga anche di elementi estremamente critici, da tenere in conto quando si prefigurano rapporti idilliaci tra i due principali antagonisti dello schieramento euro-atlantico. La Russia ha tutto ciò che servirebbe alla Cina: un territorio immenso e prevalentemente disabitato nonché abbondanza di energia. La Cina ha tutto ciò che la Russia teme: un territorio vasto ma ciononostante densamente abitato nonché relativa scarsità di risorse energetiche. Se sulla terza il do ut des può risultare fruttuoso per entrambi, i primi due punti sono una questione di (al momento solo potenziale) sicurezza nazionale su cui difficilmente il Cremlino rimarrebbe sordo alle bordate cinesi. Una questione che, per assurdo, a lungo andare potrebbe risultare ben più decisiva della "guerra delle influenze" con Bruxelles e Washington.

Russia, fede e Vicino Oriente: the orthodox man's ...
Un ritratto del Cristianesimo in Asia Centrale

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Eco Internazionale Markiv Disarmo autocefalia Anatolij Sobčak Pashinyan Pietro il Grande Ecologia Stalin nazismo TANAP Ilham Aliyev russkaja ulica Libia LGBT Sorge FSB Lettonia Assad Cittadinanza Bielorussia Skripal Armenia Baltico Difesa Brest-Litovsk Cipro Dmitrij Medvedev trattato di pace Egitto RussiaToday Rosatom Lituania Astana Balcani Sanzioni #russia Serbia Krymskij most Cina Asia #commercio nord stream Uzbekistan OPK Caucaso Mondiali Germania URSS Università Kim elezioni presidenzali Romanov nucleare Storia Aleksej Naval'nyj #silkbeltroad San Pietroburgo Proteste Cremlino Panslavismo Demografia opposizione politica elezioni presidenziali Islam età dei torbidi Power of Siberia Paesi Baltici Smolensk anti-liberalismo Riforme Flame Towers Kyrgyzstan Unione Sputnik spie #sanzioni sondaggi elettorali Diplomazia Baku spesa militare minoranza nazionalismo Midterm Guerra fredda Levada Poroshenko lago Bajkal proteste in Russia bitcoin Sondaggi Politica terrorismo #obor SGC ISIS SCO troll Stati Uniti Soft power zar Artico Marina Franco Mosca religione Armi Caspio caso Skripal tossicodipendenza Asia Centrale Russkij Mir Prigožin Afghanistan Akinfeev Saakashvili Cripto Valley Democrazia TAP Italia Pensioni Arabia Saudita Spagna Gazprom Oriente Merkel INF Welfare Rocchelli Crimea rete Kazakistan Giovani S-400 Michele I Guerra Russiagate antiterrorismo Idlib criptovalute 1941 Vostok18 Transnistria Chiesa ortodossa Macedonia Patriarca Kirill FIFA ortodossia energia partiti Trident Juncture 2018 Pubblicazioni Vaticano HIV opposizioni Siberia Kerč’ Costituzione Russa Francia G7 Olocausto PCUS Azerbaijan elezioni Ossezia del Sud El'cin export armi politica estera diritti Gas naturale Macron green energy Russia Unita Russia Ksenija Sobčak Iran WCIOM Tagikistan G8 Unione Europea Moldavia Golunov Nato Cecenia Calcio Vladimir Žirinovskij Conte Gibilterra Corea Giornalismo Partito Comunista stalinismo Mar Baltico Israele Ambiente Mediterraneo Chiesa Ortodossa Russa Curili Krasnodar Turkmenistan estremismo Cherchesov Federazione Russa Usa Zelenskij Ara Sergej Baburin monarchia #economia ISP Cronache di viaggio esercito Lavrov Putin politiche energetiche ingerenze russe Vladimir Putini Georgia LDPR settore estrattivo Giappone boicottaggio Nikita Chruščëv Helsinki rivoluzione di velluto società governo russo Ricostruzione Nigeria Relazioni internazionali Grigorij Javlinskij gay Boris Titov SergeJ Skripal Venezuela Kuznetsov estrema destra crisi #asiacentrale UE Battaglie storiche Grande Gioco Business Russia geopolitica spese militari Eltsin Medio Oriente Kortezh Mare Arkadij Babcenko Protocollo di Minsk Runet scenari politici K-19 Papa Francesco Peredača Estonia Tajikistan Austria Vedemosti via della seta Asia centrale Siria Minchenko Group Consulting Unione sovietica tradizioni Kirghizistan Svezia Europa russofobia Trump Finlandia comunismo Mare del Nord Azerbaigian Turchia Mondiali 2018 Cernenko inchiesta Gennadij Zjuganov Ucraina corruzione imperialismo internet Ungheria cultura Partito del Progresso gas influenza scramble for Africa liberalismo PCFR DNS #cina Jabloko Poltava Vladimir Putin propaganda Casa Bianca soft power migranti Gorbačëv candidati Nagorno-Karabakh WC2018 reportage Rosneft Maxim Surajkin Roma Montenegro Economia gasdotto Sicurezza Regime Change rivoluzioni colorate Theresa May Pavel Grudinin Reagan Naval'nyj eroina Kiev Occidente Donbass Africa Società Zurabishvili lingua Passaporto dazi americani opinione pubblica Corea del Sud Abcasia Salman Diritti umani Sobčak PIL