I risultati dell'election day in Russia

Fonte: iz.ru

L'election day di domenica 8 settembre ha coinvolto 56 milioni di cittadini russi, che sono stati chiamati alle urne per votare 19 governatori, 13 assemblee legislative delle unità federate, oltre ai parlamenti cittadini di 22 centri amministrativi e di altre località minori. Contestualmente, si sono tenute le elezioni suppletive di 4 seggi della Duma di Stato, rimasti vacanti nei mesi scorsi. Complessivamente, i nuovi eletti sono circa 5000.

Nonostante questi numeri, le elezioni locali si sono tenute in un clima di complessiva indifferenza, testimoniato da un'affluenza complessivamente bassa in tutto il Paese. Russia Unita mantiene saldamente il controllo della maggior parte degli enti al rinnovo e resta il partito di maggioranza anche dove subisce un forte ridimensionamento. Dopo mesi di proteste, concentrate soprattutto nelle grandi città e nella capitale, non si segnalano forti contestazioni dei risultati, con l'eccezione di San Pietroburgo.

Il dato che però farà più discutere arriva da Mosca, dove le opposizioni hanno conquistano 20 dei 45 seggi del parlamento cittadino, da cui prima erano quasi completamente escluse. Con 13 mandati, è il Partito comunista della Federazione Russa la forza d'opposizione che ha ottenuto il maggior numero di rappresentanti (erano solo 5 nella legislatura precedente). Fanno il loro ingresso nell'assemblea Jabloko (4 eletti), Russia Giusta (3), mentre escono Rodina e LDPR, che avevano un seggio a testa. Il segretario della sezione moscovita di Russia Unita Andrej Metelskij, presentatosi come indipendente, non è stato eletto. Il risultato ha fatto esultare Aleksej Naval'nyj, che nei giorni scorsi aveva proposto un (contestato) metodo di "voto intelligente" per battere i candidati di Russia Unita in ogni collegio uninominale.

Il dato sull'affluenza moscovita, in leggera crescita rispetto alla tornata precedente (21% nel 2014), resta comunque modesto, fermandosi al 21,7%.

Si è votato anche per rinnovare i parlamenti della Repubblica di Crimea e della città di Sebastopoli, "sorvegliate speciali" in quanto al primo rinnovo delle assemblee legislative, elette la prima volta nel 2014, in seguito passaggio della penisola alla Federazione Russa. In entrambe le nuove unità federate si riscontra un marcato assottigliamento del consenso per Russia Unita.

A spoglio ancora in corso, in Crimea superano lo sbarramento quattro formazioni, mentre resta esclusa dalla soglia di sbarramento Russia Giusta.

​Partito       ​2019 (64% dello spoglio) ​2014 (affluenza: 53,6%)
​Russia Unita ​53,9% ​70,1%
​LDPR​ 17,1%​8,4%
KPRF 8,1%​4,4%
​Russia Giusta​4,1% ​1,8%

A Sebastopoli sono cinque le forze che entrano nell'assemblea legislativa

​Partito ​ 2019 (affluenza: 29%) ​ 2014 (affluenza: 48,5%)
​ Russia Unita             ​38,4% ​70,1%
​KPRF ​18,7%​3,7%
​LDPR​18,4%​7,6%
​Russia Giusta​8,8%​1,8%
​Partito dei Pensionati​6,8%​0,3%
Manifesto elettorale a Mosca, settembre 2019. Foto dell'autore, Moreno Stambazzi

Certamente questi risultati rappresentano per le opposizioni un segnale importante, che però non deve essere sopravvalutato. La vittoria di Russia Unita è stata netta in tutte le dieci regioni in cui il partito ha presentato propri candidati al posto di governatore. Con lo spoglio ormai giunto ovunque al 99% delle schede, è possibile ordinare i risultati conseguiti dal partito, dalla Calmucchia all'Altaj (v. tabella sotto).

Hanno invece vinto la competizione elettorale candidati indipendenti, formalmente privi dell'appoggio di un partito, nel territorio della Transbajkalia (89,6%), nell'oblast' di Kurgan (80,8%), nell'oblast' di Astrachan' (75,6%), nell'oblast' di Čeljabinsk (69,3%), a San Pietroburgo (64,5%), e nell'oblast' di Sachalin (56,1%). È importante sottolineare che in queste regioni gli aspiranti al seggio hanno goduto di una "benevola neutralità" di Russia Unita, che non ha fatto correre propri esponenti.

Su 19 posti complessivamente rinnovati, 16 sono stati i governatori scelti mediante suffragio diretto. In tre casi, invece, l'elezione è indiretta ed è avvenuta tramite il rinnovo dei parlamenti regionali. Nelle tabelle che proponiamo, sono presentati i risultati del primo gruppo, affiancati all'esito della tornata precedente (avvenuta, nella maggior parte dei casi, nel 2014).

​Russia Unita ​2019 ​Tornata precedente
​Repubblica di Calmucchia          ​82,8% ​82,8%
​Repubblica di Baschiria​82%​81,7%
​Oblast' di Kursk ​81% ​66,8% 
​Territorio di Stavropol' ​79,6%​84,2%
​Oblast' di Volgograd ​76% ​88,4%
​Oblast' di Lipeck  ​67,2% ​81,3%
​ Oblast' di Orenburg    ​65,9% ​80,2%
​Oblast' di Vologda​60,7% ​62,9%
​Oblast' di Murmansk ​60% ​64,6%
​Repubblica dell'Altaj ​58,8% ​50,6%
​Oblast' di Čeljabinsk         ​- ​86,3%
​ Oblast' di Kurgan    ​- ​84,8%
​San Pietroburgo​-​79,3%
​Oblast' di Astrachan' ​- ​75,2%
​Oblast' di Sachalin ​- ​67,8%
​Territorio della Transbajkalia ​-​-

In tutti i casi, come emerge dai risultati, è esclusa l'eventualità di un secondo turno, che sarebbe scattato solo in caso del mancato raggiungimento da parte di uno dei candidati del 50% + 1 dei voti. I ballottaggi l'anno scorso erano stati particolarmente contestati in alcune oblast' strategiche, come, ad esempio, in quella di Vladivostok.

Nonostante un modesto arretramento del partito di maggioranza a livello regionale, da queste elezioni emerge che nessuno dei partiti di opposizione è riuscito a capitalizzare il malcontento dell'elettorato e ad ergersi come alternativa credibile rispetto a Russia Unita. Lo dimostra lo scarto fra quest'ultima e tutte le formazioni di opposizione, che rimane molto ampio. All'interno dello schieramento di minoranza, non vi sono nemmeno partiti che registrano una crescita più rilevante o più uniforme rispetto agli altri.

​KPRF ​2019 ​Tornata precedente
​Repubblica di Calmucchia          - ​8,2%
​Repubblica di Baschiria6,8%10,3%
​Oblast' di Kursk 5,6% 11,7% 
​Territorio di Stavropol' ​9,2%6,1%
​Oblast' di Volgograd 11,2% ​-
​Oblast' di Lipeck  20,0% -
​ Oblast' di Orenburg    23,7% -
​Oblast' di Vologda- 18%
​Oblast' di Murmansk ​11,3% 11,2%
​Repubblica dell'Altaj 31,6% 7,7%
​Oblast' di Čeljabinsk         12,0% 5,2%
​ Oblast' di Kurgan    9,7% 8,0%
​San Pietroburgo​-​9,3%
​Oblast' di Astrachan' 11,8% ​4,1%
​Oblast' di Sachalin 24,2%20,2%
​Territorio della Transbajkalia ​-11,7%
LDPR ​2019 ​Tornata precedente
​Repubblica di Calmucchia          3,3% 3,1%
​Repubblica di Baschiria4,5%4,8%
​Oblast' di Kursk 5,4% 10,3% 
​Territorio di Stavropol' 3,9%5,3%
​Oblast' di Volgograd 6,2% 2,4%
​Oblast' di Lipeck  -7,4%
​ Oblast' di Orenburg    - -
​Oblast' di Vologda25,1%10,3%
​Oblast' di Murmansk ​18,2% 5,5%
​Repubblica dell'Altaj 6,5% 3,1%
​Oblast' di Čeljabinsk         8,8% 4,1%
​ Oblast' di Kurgan    3,3% 4,3%
​San Pietroburgo​-3,8%
​Oblast' di Astrachan' 5,1% 2,0%
​Oblast' di Sachalin 7,6%2,6%
​Territorio della Transbajkalia ​-10,1%
Indicazioni di voto al seggio n.21 di Mosca - Foto dell'autore, Moreno Stambazzi
Russia Giusta ​2019 ​Tornata precedente
​Repubblica di Calmucchia          8.4% -
​Repubblica di Baschiria1,2%-
​Oblast' di Kursk 3,1% 4,4% 
​Territorio di Stavropol' 2,5%2,2%
​Oblast' di Volgograd 3,3% 4,4%
​Oblast' di Lipeck  4,6%-
​ Oblast' di Orenburg    2,2%-
​Oblast' di Vologda7,8%6,3%
​Oblast' di Murmansk 3,0% 10,7%
​Repubblica dell'Altaj --
​Oblast' di Čeljabinsk         -
​ Oblast' di Kurgan    4,7% -
​San Pietroburgo16,8%-
​Oblast' di Astrachan' -16,7%
​Oblast' di Sachalin -4,4%
​Territorio della Transbajkalia ​--

Assieme alle elezioni locali, domenica si sono svolte anche quattro elezioni suppletive per eleggere deputati alla Duma in 4 collegi uninominali (collegi n. 70, 134, 145, 174). Si tratta delle oblast' di Novgorod, Orël e di Sverdlovsk, e del territorio di Chabarovsk. Nei primi due casi, l'elezione è avvenuta in seguito al decesso degli eletti (entrambi di Russia Unita). Nei due restanti, i deputati si erano dimessi per assumere incarichi politici regionali: il rappresentante di Chabarovsk ha rinunciato al seggio per essere eletto governatore della regione in quota LDPR, mentre quello di Sverdlovsk (Russia Unita) lo ha fatto per svolgere il ruolo di vice governatore della propria oblast'.

A spoglio ormai ultimato, le elezioni suppletive hanno visto una vittoria meno schiacciante dei candidati di Russia Unita rispetto a quella che il partito ha riportato nelle regioni. La formazione ha infatti conquistato la maggioranza assoluta solo nella circoscrizione uninominale di Orël (n.145), dove ha totalizzato il 53%. Nei collegi Novgorod e Sverdlovsk (n. 134 e 174), il partito ha mantenuto la maggioranza relativa, rispettivamente con il 35% e il 41% dei suffragi validamente espressi. In quest'ultimo collegio, ha fatto registrare una buona performance Russia Giusta (24%), mentre i comunisti sono stati il secondo partito a Novgorod (20%).

In questo panorama fa eccezione solo il caso del seggio di Chabarovsk (n. 70), che ha visto al primo posto i "liberal-democratici" di Žirinovskij (39%), il KPRF al secondo (24%), mentre Russia Unita non ha superato il 10%.

I risultati delle elezioni suppletive in quattro collegi non cambiano i rapporti di forza interni al parlamento, dove Russia Unita alla Duma mantiene la maggioranza assoluta conquistata alle elezioni parlamentari del 2016.

Sebbene quindi il voto di domenica rappresenti un avvertimento per il partito di governo, che perde terreno e seggi in alcune competizioni chiave, l'election day di domenica non cambia radicalmente il sistema politico russo. Incapaci di coagularsi e nettamente minoritari in gran parte del Paese, i partiti d'opposizione continuano a non essere competitivi nella maggior parte dei centri in cui si è votato. Se quindi Russia Unita dovrà necessariamente tener conto dei segnali di un malcontento crescente, le minoranze non possono certo cantare vittoria.

Moreno Stambazzi 

Le mezze verità
Quando spegnere gli incendi (non) è conveniente ec...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

finanza Ucraina Vaticano Diplomazia Lukashenko UE sanità 2024 Rosatom Caspio energia boicottaggio Assad troll Caucaso Usa Arabia Saudita Kaczynski lingua Cripto Valley Russia Unita Maxim Surajkin Baltici Ksenija Sobčak PCUS #sanzioni Eltsin Stati Uniti influenza Armi Power of Siberia #cina estrema destra Politica Polonia nord stream #obor Merkel Ara propaganda Midterm INF Idlib rivoluzioni colorate Tusk anti-liberalismo Putin #russia Nazarbayev Astana El'cin trattato di pace russofobia Riforme Svezia Finlandia SGC migrazioni Casa Bianca via della seta Storia Prigožin Mediterraneo Patriarca Kirill Venezuela Cherchesov S-400 Partito del Progresso doping Levada russkaja ulica Abcasia Istituzioni Estremo Oriente Azerbaijan Grande Gioco Rivoluzione Cantata caso Skripal Iran Cittadinanza Curili tossicodipendenza cultura Nenets Eco Internazionale Business Russia Poroshenko Kerč’ Arkadij Babcenko Passaporto eroina Uzbekistan Gas naturale Clima Rocchelli OPK Kazakhstan Ucrainagate Mare Gorbačëv Pubblicazioni Giappone sviluppo Pietro il Grande Cernenko Peredača Russia LGBT Pensioni Grigorij Javlinskij Baku Poltava Transnistria Pavel Grudinin visita di Stato Società Battaglie storiche rete Turchia zar relazioni internazionali autocefalia Guerra fredda Vladivostok antiterrorismo Gennadij Zjuganov migranti crisi Boris Titov Gazprom #commercio oligarchi FIFA questioni di genere Georgia politica interna Chiesa Ortodossa Russa Germania Francia SergeJ Skripal Aleksej Naval'nyj Seconda Guerra Mondiale Diritti umani Diritti civili Bessarabia Baltico HIV scramble for Africa Macron internet gay Terre Rare sondaggi elettorali spese militari diritti Regime Change Zurabishvili Kyrgyzstan Katyn #silkbeltroad Ambiente criptovalute Tagikistan Nigeria Guerra civile siriana OPEC Guerra Paesi Baltici settore estrattivo Aral Nagorno-Karabakh Trump Brest-Litovsk religione Saakashvili Michele I Afghanistan Asia Theresa May G7 Dmitrij Medvedev SCO Vostok18 1941 Ricostruzione climate change Unione Europea Cremlino incidente Krymskij most Olimpiadi Italia epidemie politica estera Santa Sofia Bielorussia Difesa Trident Juncture 2018 Africa Estonia società liberalismo Akinfeev summit Lavrov WCIOM Israele sport Marina Giovani Informazione Haftar Kortezh Azerbaigian Balcani Siria lago Bajkal Runet Minsk Minchenko Group Consulting Macedonia opinione pubblica jihad Chabarovsk femminismo reportage Nikita Chruščëv Markiv politiche energetiche San Pietroburgo Cina Europa Spagna Unione sovietica tradizioni Serbia Russkij Mir incendio Franco gasdotto Giornalismo Vladimir Putini minoranza Elezioni Usa 2020 Democrazia Referendum Calcio Kazakistan DNS Asia centrale estremismo Russiagate Alessandro II Artico inquinamento Corea del Sud Mondiali Vladimir Žirinovskij Sputnik spesa militare Medio Oriente elezioni presidenziali Anatolij Sobčak Soft power TANAP ISIS inchiesta Krasnodar Rosneft WC2018 esercito elezioni presidenzali green energy opposizioni imperialismo Cronache di viaggio FSB Proteste Demografia monarchia Banca centrale Cipro Cecenia Protocollo di Minsk RussiaToday proteste in Russia candidati nucleare Beirut Tripoli separatismo Roma Unione nazionalismo Bruxelles ortodossia TAP Partenariato orientale Tajikistan PIL #asiacentrale Vedemosti Sobčak Lettonia Kim Ecologia partiti Università ingerenze russe spie Sondaggi Politica estera Conte corruzione governo russo Ossezia del Sud Papa Francesco PCFR Sergej Baburin Libia muro di Berlino Kirghizistan Covid-19 Vladimir Putin rivoluzione di velluto Disarmo Mare del Nord terrorismo URSS Occidente Skripal Federazione Russa nomadismo export armi Rojava Turismo Transiberiana Costituzione Welfare elezioni Asia Centrale Corea Mosca Gibilterra Sicurezza WADA scenari politici #economia LDPR Mar Baltico Eurasia Jabloko G8 soft power Sanzioni comunismo Governo Salman Nato coronavirus Romanov 1989 popoli Kuznetsov Zelenskij Svetlana Tikhanovskaja Antisemitismo Parigi età dei torbidi Curdi Austria Romania Stalin Chiesa ortodossa Reagan Egitto Costituzione Russa stalinismo Montenegro Opposizione Turkmenistan Ilham Aliyev Economia Lituania nazismo Panslavismo dazi americani Relazioni internazionali Helsinki gas Tokayev Moldavia Smolensk diritto petrolio opposizione politica Islam Oriente K-19 Donbass Crimea Naval'nyj cooperazione ISP Mondiali 2018 Olocausto Partito Comunista bitcoin Golunov Flame Towers Kiev Pashinyan LIbano Siberia Shoah Ungheria Armenia Sorge geopolitica