30 лет спустя – Il crollo del Muro visto da Mosca

9 novembre 2019 – 30 anni dalla caduta del muro di Berlino, la riproduzione fedele del mondo diviso in blocchi, la Guerra fredda fatta cemento armato in una sola, simbolica città. Con il suo abbattimento si sgretola lentamente il sistema bipolare, il blocco socialista collassa e con esso crolla definitivamente, nel 1991, l'Unione Sovietica, già mancante di molte sue ex-repubbliche ormai indipendenti. Quel 9 novembre 1989 viene unanimemente celebrato nel mondo occidentale come trionfo della libertà, della democrazia, come liberazione dell'Europa orientale dalla tirannia e, in generale e spesso molto superficialmente, come vittoria definitiva del mondo libero e del modello capitalista sul comunismo. Comunismo che, allora come spesso oggi per stereotipo, veniva identificato con l'URSS o con la Russia, sua maggiore erede.

Così, Mosca si ritrova dal lato "perdente" della storia, subendone il duro processo di condanna e demonizzazione attuato già dai primi anni Novanta. Ovviamente, l'idea che il 1989 e, in generale, la fine della Guerra fredda abbiano rappresentato la vittoria degli USA e la superiorità del sistema economico-sociale dell'Occidente è difficile da accettare pienamente in Russia. Nonostante oggi la Federazione russa sia uno Stato largamente sovrapponibile a questo modello, la percezione più diffusa all'ombra del Cremlino è che la fine della Guerra fredda sia stata una decisione unilaterale, ispirata da una volontà di riconciliazione che ora molti ritengono fosse ingenua ed affrettata. Il sentimento più diffuso, soprattutto a livello governativo, non è di essere stati sconfitti dal proprio avversario, quanto piuttosto quello di essere stati ingannati nell'abbassare le armi. Inoltre, il monopolio geopolitico statunitense degli anni Novanta e le disastrose conseguenze economiche della brutale introduzione del capitalismo nello spazio post-sovietico hanno reso ancora più difficile un'accettazione degli eventi così entusiastica come nel resto del mondo.

La diversa concezione della storia si rispecchia anche in molte delle dichiarazioni ufficiali dei politici e dei diplomatici russi nell'ultimo quindicennio, una volta archiviato il periodo El'cin (considerata dai più come esperienza di totale "servilismo pro-Occidente") e riscoperto il potenziale ruolo di una Russia forte in un mondo multipolare.

Già nella famosa Conferenza sulla politica di sicurezza di Monaco del 2007, summa dell'evoluzione della politica estera russa delle prime due presidenze Putin, il presidente russo ha citato la caduta del muro, evidenziandone l'importanza e il ruolo costruttivo portato avanti dagli stessi russi. 

 

Le pietre e i blocchi di cemento del muro di Berlino sono da tempo ricercati come souvenir. Ma non dobbiamo dimenticare che il suo declino è stato reso possibile anche grazie ad una scelta storica, inclusa quella del nostro popolo - il popolo russo: la scelta a favore della democrazia e della libertà, dell'apertura e della sincera collaborazione con tutti i membri della grande famiglia europea.

Vladimir Putin,  Conferenza sulla politica di sicurezza di Monaco 2007
Vladimir Putin alla Conferenza sulla politica di sicurezza di Monaco del 2007

Il riconoscimento positivo dell'evento, tuttavia, serve a controbilanciare l'aspra denuncia dell'allargamento Nato ad Est, il cui risultato porta alla costruzione di nuovi muri, reali o "virtuali",  che tuttavia continuano a dividere il continente europeo.


Sulla stessa linea si muove il ministro degli Esteri, Sergej Lavrov, che durante una lectio magistralis nel 2009 ha definito la fine della Guerra fredda e la caduta del muro come cambiamenti epocali, "come verdetti della storia, ideologicamente imparziale" equiparandoli all'attuale nascita di un nuovo ordine multipolare nelle relazioni internazionali, definitivo superamento del monopolio occidentale ed eurocentrico del ventennio precedente. Nello stesso anno, nell'ottica della "grande casa europea da Lisbona a Vladivostok", sempre Lavrov ha ribadito la portata storica del 1989, lamentando però l'incapacità degli attori politici di coglierne al massimo le potenzialità.

 

La caduta del muro di Berlino ha avviato il processo di emancipazione delle relazioni internazionali dai precedenti schemi di confronto ideologico. E devo ammettere che ciò non ha ancora trovato una risposta adeguata a livello politico. La cooperazione politica paneuropea non ha ancora acquisito una qualità tale da poter rispondere a nuove sfide e minacce.

​Sergej Lavrov, 9 novembre 2009
Il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov

L'evoluzione degli eventi post-1989 offrono ancora un'opportunità per denunciare la "grande occasione persa" nei primi anni Novanta di costruire un'Europa unita, sotto l'egida dell'OSCE, considerata vera alternativa sia al Patto di Varsavia ormai disciolto, sia all'ingombrante Nato, la cui sopravvivenza alla Guerra fredda rimane ingiustificabile per il Cremlino.

La retorica entusiasta della caduta del muro di Berlino offre a Mosca il fianco per ulteriori critiche, riguardanti ancora il paradosso tra la celebrazione di quella libertà ritrovata e l'attualità di nuove fratture e barriere. Nel 2015 la questione è stata così posta dal Ministro degli Esteri russo

Ora [2015, n.d.a.] l'argomento preferito dell'UE è criticare l'Ungheria e il suo primo ministro. "Solo il pigro non prende a calci Orban": tutti si vergognano di lui per il filo spinato al confine, ricordando il 1989, la caduta del muro di Berlino e sostenendo che i muri in Europa sono una pessima soluzione.

Allo stesso tempo, coloro che criticano hanno già costruito quattro barriere di filo spinato intorno all'ingresso del tunnel di Calais. E questo è normale. E un paio di anni fa, i Greci nel mezzo della crisi economica hanno costruito un muro al confine con la Turchia - nonostante le casse vuote, hanno trovato 200 milioni € per questo progetto.

Sergej Lavrov, 11 settembre 2015

Come si può evincere, la caduta del muro di Berlino è vista dall'élite politica russa come è un evento estremamente complesso, che supera la fragile retorica occidentale ed anzi ne evidenzia ambiguità e fallacia. Accettato il corso degli eventi, la leadership di Mosca non assimila appieno la concezione univocamente positiva delle conseguenze del 1989. Quanto accaduto è innegabile e ha posto condizioni sostanzialmente favorevoli alla costruzione di un nuovo mondo di pace e cooperazione, ma le modalità con cui questo è stato tentato allora e i risultati che si possono riscontrare a decenni di distanza sono largamente insoddisfacenti, rendendo impossibile risparmiare critiche ed obiezioni ad una visione eurocentrica eccessivamente semplicistica e carica di buone intenzioni.


Dando uno sguardo all'opinione pubblica russa, il Levada-Centr ha recentemente [8 novembre 2019, n.d.a.] pubblicato un'indagine sulla percezione della caduta del muro di Berlino da parte dei cittadini russi. Il risultato riflette l'entusiasmo molto moderato ostentato anche dalle istituzioni russe. Solamente il 43% degli intervistati ritiene questo evento storico come "sostanzialmente positivo", mentre il restante 53% o "non è interessato" [35%] o ha un giudizio "essenzialmente negativo" [18%]. 

Guardando la composizione del campione, è interessante vedere come la maggioranza dei giovani 18-24 anni [54%] ricade nella categoria dei "non interessati", indice dello scarso attecchimento della retorica e della percezione occidentale nella generazione post-sovietica. Non desta sorprese invece il fatto che siano le coorti over 40/over 55 quelle in cui la percezione positiva [46-47%] e negativa [20-23%] presentano percentuali piuttosto uniformi.

"COME CONSIDERATE COMPLESSIVAMENTE QUESTO EVENTO? [LA CADUTA DEL MURO DI BERLINO, n.d.a.]" Sostanzialmente positivamente - 43 // Sostanzialmente negativamente - 18 // Non mi interessa - 35 // Difficile da dire - 4. Fonte - Levada Centr, 8 novembre 2019

​La tendenza dell'opinione pubblica, come visto, è leggermente sbilanciata all'accoglienza positiva delle conseguenze del 1989, pur mantenendo una forte moderazione e neutralità. Le generazioni adulte ed anziane sono quelle che maggiormente si sbilanciano su questo argomento, sia perché testimoni dell'epoca sovietica, sia perché colpiti direttamente dalla fortissima crisi economica e sociale degli anni Novanta, con la quale la transizione al capitalismo e alla democrazia liberale vengono tuttora largamente identificate. Per i giovani, la caduta del muro di Berlino rimane un evento storico, studiato nei libri di scuola, ma che non ha stravolto le loro esistenze così come per i loro nonni e genitori. È dunque comprensibile un sostanziale distacco dal giudizio su questo cambiamento epocale.

Le donne di Armenia, Azerbaijan e Russia combatton...
Gli arresti dei civili a Baku: quello che ancora n...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Donbass elezioni Democrazia Lituania Finlandia religione propaganda Theresa May Eco Internazionale Panslavismo Stalin Eltsin Seconda Guerra Mondiale Runet Oriente Kirghizistan Clima Turkmenistan Montenegro influenza Chiesa Ortodossa Russa UE #sanzioni Nigeria opinione pubblica spie caso Skripal Elezioni Usa 2020 ortodossia scenari politici Transiberiana Pietro il Grande Transnistria petrolio Sobčak Guerra fredda Poroshenko criptovalute Markiv Shoah Patriarca Kirill Diritti civili Arkadij Babcenko relazioni internazionali Tripoli Trident Juncture 2018 Tajikistan Peredača Macron Business Russia Putin sviluppo società Bessarabia corruzione Eurasia Gibilterra politica estera Pashinyan Maxim Surajkin Assad SergeJ Skripal Europa WC2018 rivoluzioni colorate Partito Comunista Saakashvili Diritti umani Abcasia diritto trattato di pace incendio Cipro Mare DNS Parigi Azerbaigian Krymskij most Sorge Astana Mondiali 2018 Salman Giappone G7 energia Casa Bianca Caspio Ucraina Franco Armenia Afghanistan Costituzione internet #russia età dei torbidi SCO Gazprom Unione Europea ISIS tradizioni Referendum monarchia Olocausto San Pietroburgo Macedonia Rosneft politiche energetiche autocefalia Vladimir Putin Corea del Sud Giovani Sondaggi Akinfeev governo russo Russiagate 1989 gas Banca centrale Opposizione Aleksej Naval'nyj El'cin Nazarbayev liberalismo Vladimir Putini Naval'nyj Pensioni femminismo Medio Oriente Flame Towers candidati tossicodipendenza migrazioni lingua Sputnik OPEC Pavel Grudinin Paesi Baltici Turismo gasdotto OPK Cina Storia Russia Haftar Italia Midterm Rocchelli Unione sovietica Estonia Istituzioni minoranza nord stream diritti Minchenko Group Consulting jihad Moldavia Kyrgyzstan K-19 Francia Chiesa ortodossa Ecologia Ricostruzione Nagorno-Karabakh 1941 Poltava proteste in Russia HIV Georgia Asia Nikita Chruščëv URSS G8 geopolitica Gennadij Zjuganov Skripal Università #commercio S-400 Ilham Aliyev Kim Relazioni internazionali Libia #economia Beirut Ucrainagate INF Asia Centrale PCFR Politica Stati Uniti Costituzione Russa opposizioni Caucaso Politica estera Nato troll Conte Levada Romania Partito del Progresso separatismo Golunov cooperazione Uzbekistan Kerč’ Mare del Nord spese militari Nenets Dmitrij Medvedev Reagan Pubblicazioni estrema destra Sicurezza Vladimir Žirinovskij Michele I Corea PCUS Idlib Trump elezioni presidenzali Kortezh 2024 opposizione politica Venezuela Brest-Litovsk gay russkaja ulica Gorbačëv Cecenia Covid-19 questioni di genere Antisemitismo Difesa Economia Baku Informazione Germania Smolensk nazionalismo Austria nomadismo Vedemosti Boris Titov #asiacentrale Serbia rete #cina Aral antiterrorismo cultura Tokayev comunismo Baltici boicottaggio Kazakhstan rivoluzione di velluto popoli Calcio coronavirus Grande Gioco settore estrattivo Prigožin Cremlino Tagikistan climate change Arabia Saudita Russia Unita bitcoin spesa militare summit Cherchesov #silkbeltroad Vladivostok FSB zar green energy Usa Vostok18 politica interna Cernenko Soft power Estremo Oriente Guerra civile siriana Proteste Disarmo Helsinki Kuznetsov incidente sondaggi elettorali muro di Berlino Demografia Rosatom Egitto Artico Baltico Ksenija Sobčak FIFA Giornalismo visita di Stato Siberia inchiesta terrorismo Roma finanza Zurabishvili Regime Change Curili Alessandro II Islam via della seta Sergej Baburin Africa Kazakistan Protocollo di Minsk ingerenze russe Partenariato orientale Svezia Gas naturale Occidente Ossezia del Sud esercito export armi Asia centrale Bruxelles Guerra epidemie Ara lago Bajkal Governo LDPR Siria SGC Polonia sanità LIbano Sanzioni Kaczynski scramble for Africa Marina Vaticano Olimpiadi Passaporto Lavrov Turchia russofobia Krasnodar Mosca Battaglie storiche Mondiali migranti Mar Baltico Mediterraneo TAP Jabloko elezioni presidenziali Crimea Welfare stalinismo estremismo Unione reportage Federazione Russa eroina Lettonia Zelenskij Ambiente Cittadinanza Merkel Papa Francesco Israele Romanov WADA Diplomazia soft power nazismo Azerbaijan doping crisi RussiaToday Balcani WCIOM Iran Kiev anti-liberalismo Power of Siberia #obor Rojava ISP Società Russkij Mir dazi americani Anatolij Sobčak partiti PIL Katyn Grigorij Javlinskij Spagna Riforme Ungheria inquinamento oligarchi sport Cronache di viaggio Bielorussia Tusk imperialismo Curdi LGBT nucleare Cripto Valley TANAP Armi