Russia, Swift, banche e oligarchi: il conto è aperto

1518765359_swift

Diversificazione dei circuiti finanziari esteri e ristrutturazione bancaria: la ricetta russa per non dipendere né dalle strutture monetarie occidentali né dall'incombente peso economico cinese.

Cominciamo da alcune date.

1° settembre 2014. Il Regno Unito di James Cameron avanza istanza presso l'UE per estromettere la Russia dallo SWIFT, il maggiore sistema globale di transazioni finanziarie, in risposta all'occupazione russa della Crimea.

11 novembre 2014. Ramilya Kanafina, vicedirettore del dipartimento nazionale dei sistemi di pagamento presso la Banca Centrale di Russia (d'ora in poi BCR), dichiara che "la Russia sta creando il proprio sistema per la trasmissione di messaggi finanziari".

26 dicembre 2014. La BCR comunica che ha "fornito alle organizzazioni creditizie un nuovo servizio per il trasferimento di messaggi finanziari in formato SWIFT per le operazioni nazionali in Russia".

Febbraio 2015: anche Obama, appoggiato da Cameron, paventa lo spettro dello scollegamento del circuito bancario russo dallo SWIFT.

22 marzo 2017: Elvira Nabiullina, governatore della BCR, comunica a Putin che "Abbiamo aggiornato il nostro sistema di pagamenti e, nel caso in cui dovesse accadere qualcosa nel paese, tutte le operazioni nel formato SWIFT procederanno normalmente. Abbiamo creato un analogo SWIFT".

La Federazione ha così varato un'alternativa allo SWIFT, lo SPFS (acronimo cirillico che sta per "Service for transfer of financial service messages") e un relativo circuito di carte bancarie, il MIR. Ma ciò vale solo nel territorio russo, nell'Unione Economica Euroasiatica (Bielorussia, Kazakistan e Armenia) e in Iran.

Nel 2019 la Russia, insieme a Cina e India, ha iniziato a lavorare ad un sistema di pagamento interbancario transfrontaliero alternativo allo SWIFT. Da una parte Pechino intende portare avanti il suo progetto di internazionalizzazione dello Yuan e dall'altra Delhi vuole proteggere i dati interni tramite un proprio sistema di pagamenti, il Rupay.

In vista di una maggiore integrazione tra i circuiti finanziari russo e cinese, già nel marzo 2018, all'VIII Forum Internazionale Russia-Cina, Vladimir Shapovalov, dirigente capo dell'ufficio relazioni con i regolatori esteri della BCR, comunicava che alcune banche russe avevano aderito al sistema di pagamento interbancario transfrontaliero cinese CIPS (China International Payments System).

Sebbene l'India non abbia ancora un sistema di messaggistica finanziaria nazionale, prevede di combinare la piattaforma della Banca centrale russa con un servizio domestico in fase di sviluppo.

Aldilà dei progetti di cooperazione finanziaria alternativa ai circuiti dominanti (SWIFT, CHIPS, FEDWIRE, RIPLE, di cui gli ultimi tre con sede negli USA), è interessante conoscere la struttura e la recente evoluzione del sistema bancario russo, soprattutto in un mondo ove anche questo settore è ormai connesso alla Rete.

Nel 2019 la Russia, insieme a Cina e India, ha iniziato a lavorare a un sistema di pagamento interbancario transfrontaliero alternativo allo SWIFT.

Dal giugno 2013 al timone della Banca centrale russa c'è una delle donne più discrete e potenti del mondo, Elvira Nabiullina, che, dopo un inizio nel mondo delle organizzazioni industriali, è da ben venticinque anni un tecnico al servizio del Paese in vari ministeri, fino a divenire ministro dello Sviluppo economico dal 2007 al 2012.

Le principali banche sono tutte pubbliche: Sberbank (BCR maggiore azionista), VTB, (quasi interamente di Rosimushchestvo – Agenzia federale per la gestione delle proprietà di Stato – il Ministero delle Finanze e la State Corporation Deposit Insurance Agency), Gazprombank e Rosselkozhbank (direttamente e indirettamente controllate dalla già citata Rosimushchestvo).

Da notare i rami in cui si sono specializzate: Sberbank come banca universale (importante azionista di Yandex, il Google russo), VTB in difesa e armamenti, Gazprombank in petrolio e gas (ma è anche proprietaria dell'unica TV non ufficialmente statale, NTV), Rosselkozhbank nel comparto agricolo (letteralmente, significa, infatti, "Banca Agricola Russa").


Altro dato saliente è che sotto la presidenza Nabiullina si è registrata un'importante contrazione degli operatori bancari, da 800 a 400. I maggiori beneficiari sono stati proprio i "magnifici quattro" di cui sopra, i quali, ad oggi, rappresentano il 60% del totale del patrimonio netto e il 65% dell'ammontare sia dei crediti che dei depositi.

A ciò si aggiunge la particolarità che la BCR opera anche nel settore non bancario, come quello assicurativo, oltre ad essere responsabile della politica monetaria e della regolamentazione e vigilanza bancaria interna. Una caratteristica dell'economia russa è che le più grandi banche fanno parte di gruppi che includono compagnie assicurative e fondi pensione privati, e i rischi sono mescolati. Per Nabiullina "per vedere il quadro completo è difficile guardare il settore bancario da solo. È […] necessario esaminare le relazioni tra banche e altri membri di un gruppo finanziario".

Nel colloquio del 2017 con Putin, il governatore della BCR denuncia i mali sistemici bancari che hanno portato alla revoca della licenza a centinaia di istituti e società finanziarie, che "stavano prendendo parte all'economia sommersa ed erano coinvolte in operazioni dubbie". Ancora nel 2016, tra deflusso di capitali illegali e tentativi di trasformazione dei fondi in contante, Nabiullina calcolava il danno in 10 miliardi di dollari l'anno, rispetto ai 60 di inizio mandato.

In uno studio del 2018, i tre economisti Piketty, Zucman e Novokmet hanno rilevato la discrepanza tra l'attivo della bilancia commerciale russa e gli investimenti netti all'estero degli ultimi vent'anni: sarebbero dovuti essere oggi circa il 300% del Pil, compresi interessi e rendimenti maturati, e non appena il 26% delle cifre ufficiali.

Qualcosa sta, dunque, cambiando nella gestione del rapporto tra Stato e oligarchi. La dirigenza russa sa che non può più permettere, con un occhio chiuso, il depredamento dei capitali interni. La ristrutturazione bancaria e la concentrazione verso pochi grandi attori pubblici mostrano l'intenzione di controllare i flussi monetari e indirizzarli verso specifiche aree di sviluppo. La Russia ha bisogno di investire in modo proficuo le risorse, perché il crescente divario economico con Pechino prima o poi si farà sentire sul piano geopolitico a proprio svantaggio.

Ironia della sorte, la Russia, per non dipendere in futuro dalla Cina, ne deve adottare il modello bancario e creditizio "State driven".


Marco Leone


Petrolio & gas: il crollo dei prezzi piomba tra Ru...
I media russi e la corsa alla Casa Bianca
 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Economia Ksenija Sobčak ISIS rivoluzioni colorate Krymskij most Difesa summit reportage Stalin tradizioni SergeJ Skripal Gas naturale caso Skripal Sondaggi Kirghizistan diritto Kerč’ Casa Bianca #asiacentrale Sorge Usa Kyrgyzstan Battaglie storiche russkaja ulica Zurabishvili Welfare Helsinki Serbia Nazarbayev Zelenskij Giovani opposizione politica Vladimir Žirinovskij K-19 Austria INF Cronache di viaggio Transiberiana Markiv FSB WCIOM San Pietroburgo PCUS Haftar HIV Minchenko Group Consulting Vostok18 lingua estremismo Mondiali 2018 Georgia Pubblicazioni Nigeria #obor Proteste governo russo criptovalute SGC oligarchi estrema destra lago Bajkal Asia Centrale politica estera Finlandia Olocausto Ossezia del Sud sport Nikita Chruščëv sondaggi elettorali Rosneft Storia elezioni presidenziali autocefalia Vedemosti dazi americani cultura elezioni presidenzali Azerbaijan Transnistria TAP zar Società nazismo Passaporto DNS Baltico ingerenze russe scenari politici ortodossia #economia Mare del Nord Lavrov Cipro scramble for Africa Opposizione Alessandro II Michele I Stati Uniti popoli Kim opinione pubblica Sanzioni stalinismo Guerra Ara Informazione Pietro il Grande Vaticano Abcasia Kortezh via della seta Turchia Gorbačëv PCFR bitcoin Papa Francesco Siria Nenets Asia centrale Diplomazia Cittadinanza 1989 Diritti civili Pensioni Tokayev TANAP Guerra civile siriana LGBT Akinfeev opposizioni Antisemitismo Costituzione Russa Mare Idlib #sanzioni Moldavia Power of Siberia Soft power Ilham Aliyev nucleare Russia Vladimir Putini Afghanistan Egitto Africa Lettonia Runet tossicodipendenza UE politiche energetiche Giappone Peredača Sputnik 2024 elezioni Uzbekistan Bielorussia Curili Calcio WC2018 Corea Francia Smolensk minoranza Cherchesov Iran Guerra fredda ISP Russkij Mir monarchia Democrazia comunismo cooperazione russofobia Nagorno-Karabakh Franco Politica PIL Asia Mosca Trump Krasnodar #commercio Armi Kazakhstan Svezia energia Partito del Progresso Paesi Baltici Costituzione terrorismo Midterm Caspio Protocollo di Minsk Chiesa Ortodossa Russa Ricostruzione spese militari Demografia Gibilterra Cernenko Olimpiadi Turkmenistan spesa militare Kuznetsov Ungheria crisi geopolitica Ambiente Sicurezza RussiaToday LIbano sanità Conte Mar Baltico Tagikistan Cina LDPR eroina Grigorij Javlinskij Eco Internazionale #cina G7 #russia green energy Estremo Oriente Naval'nyj internet Lituania relazioni internazionali SCO esercito Arkadij Babcenko Governo antiterrorismo Donbass export armi OPEC Germania Ucrainagate Chiesa ortodossa Libia Levada Università Macron imperialismo nazionalismo Astana URSS Tajikistan Baku Rocchelli migranti Ecologia Venezuela Anatolij Sobčak G8 Disarmo Unione Golunov coronavirus proteste in Russia Macedonia religione climate change doping Clima Rosatom Trident Juncture 2018 Gennadij Zjuganov società Salman migrazioni WADA muro di Berlino inchiesta Poltava Mediterraneo età dei torbidi Cripto Valley Israele Unione sovietica Siberia Prigožin Sobčak Regime Change Aral Patriarca Kirill Mondiali Balcani Reagan Arabia Saudita influenza Armenia Federazione Russa Marina Grande Gioco Roma boicottaggio Brest-Litovsk Unione Europea diritti FIFA rivoluzione di velluto corruzione Elezioni Usa 2020 Russiagate Islam Europa Merkel Russia Unita Kazakistan gay incendio Boris Titov Tripoli Giornalismo Corea del Sud Rojava Parigi Gazprom Nato Maxim Surajkin sviluppo El'cin Montenegro inquinamento spie 1941 Business Russia troll Caucaso Relazioni internazionali Vladivostok petrolio Jabloko Cremlino OPK nord stream Romanov Oriente Istituzioni Flame Towers Assad Azerbaigian Spagna Beirut Shoah Estonia gasdotto trattato di pace Dmitrij Medvedev soft power rete visita di Stato anti-liberalismo Kiev liberalismo Crimea Pavel Grudinin Cecenia Poroshenko settore estrattivo Artico Politica estera Ucraina Eltsin Riforme Putin Skripal Medio Oriente S-400 partiti propaganda incidente Aleksej Naval'nyj gas Italia Curdi nomadismo candidati Panslavismo Sergej Baburin jihad Occidente Partito Comunista #silkbeltroad Saakashvili Theresa May Bruxelles Vladimir Putin Diritti umani Pashinyan