Coronavirus, il pugno di ferro (e le paure) della Russia

480728_1000x666_1024_0812051018faa46278daec49a7f93506 Foto di The Moscow Times
Le misure scelte da Mosca per prevenire la diffusione del contagio potrebbero non bastare. L'epidemia arriva in un momento particolarmente delicato per il futuro del Paese. Le differenze con l'Italia.

Se dovessimo scegliere una parola per definire la settimana appena conclusa, sarebbe sicuramente "incertezza". Quella che sembrava una situazione sotto controllo, infatti, si è rivelata lontana, almeno in parte, dai pronostici positivi di fine febbraio.

Sull'ondata della crescita esponenziale dei casi di Covid-19 che hanno interessato l'Italia, la Russia, che fino a questo momento aveva mostrato un atteggiamento abbastanza risoluto ma sereno, ha deciso di intervenire attraverso l'introduzione di misure abbastanza restrittive.

Sarebbe forse più corretto dire che ha scelto di "prevenire" i contagi; al momento, infatti, i casi accertati sarebbero solo 17, di cui 14 cittadini russi rientrati dall'Italia, due cittadini cinesi e un italiano. Le regioni più colpite, invece, sono quelle di Kaliningrad, Belgorod e Mosca.

Già nelle scorse settimane, in realtà, il Paese aveva adottato alcune misure che riguardavano tuttavia più le sue relazioni con l'esterno che i propri cittadini.

Il 20 febbraio, infatti, il primo ministro russo Mikhail Mišustin aveva firmato il divieto di ingresso per tutti i cittadini cinesi, ad esclusione dei possessori di un visto business. Tra le misure adottate anche l'interruzione del traffico ferroviario tra i due Paesi e la riduzione del 50% di tutti i voli diretti in Cina e a Hong Kong. Ma soprattutto è stata predisposta la chiusura dei confini con la Repubblica Popolare. Misura draconiana ma necessaria: basti pensare infatti che la Russia condivide con il vicino asiatico un confine di oltre 4000 km e che già all'inizio dell'emergenza si è trovata a dover gestire diversi sfollati provenienti dalla regione di Wuhan. Sfollati che, tuttora, si trovano in un sanatorio della Siberia occidentale sotto il contro della guardia nazionale russa.

In seguito all'aggravarsi della situazione in Europa occidentale, la scorsa settimana il sindaco di Mosca Sergej Sobjanin ha inoltre promulgato un decreto contenente misure particolarmente rigide riguardanti non solo i cittadini provenienti dalle aree critiche ma anche gli stessi russi.

Secondo quanto prevede il decreto, a partire dal 5 marzo tutti i cittadini provenienti da Italia, Cina, Corea del Sud, Iran, Germania, Francia e Spagna hanno l'obbligo di rispettare l'autoisolamento per 14 giorni, ed è stato chiarito che le misure potranno essere estese anche ai viaggiatori provenienti da altri Paesi. Le autorità hanno dichiarato, tra l'altro, che ulteriori controlli – come la periodica misura della temperatura e il tampone – verranno attuati nei confronti dei visitatori presso le strutture alberghiere in cui sono ospitati. Inoltre in caso di presenza di sintomi influenzali, anche di scarsa entità, i viaggiatori saranno trattenuti all'aeroporto, trasferiti in centri specializzati in malattie infettive e sottoposti ad una quarantena di 14 giorni. Una delle clausole particolarmente stringenti riguarda proprio la quarantena. Il decreto infatti prevede il controllo, da parte delle forze dell'ordine, del mantenimento del domicilio dei soggetti interessati, nonché la pena detentiva per chiunque non osservi l'obbligo dell'autoisolamento.

La Russia condivide con il vicino asiatico un confine di oltre 4000 km e che già all'inizio dell'emergenza si è trovata a dover gestire diversi sfollati provenienti dalla regione di Wuhan.

La decisione arriva probabilmente dopo due episodi, particolarmente gravi, che hanno fatto discutere l'opinione pubblica.

Il primo è stato la fuga di quattro persone, sospettate di aver contratto il virus, dalla quarantena di un ospedale di San Pietroburgo. Il secondo, invece, riguarda un uomo arrestato dopo aver diffuso sui social un video in cui simulava i sintomi del virus fingendo di svenire in metropolitana, e causando ovviamente il panico tra gli altri passeggeri. L'autore del gesto,un cittadino del Tagikistan di nome Karomatullo Džaborov, è indagato e rischia adesso una pena di cinque anni di reclusione.

Per quanto le misure adottate dalla Russia possano apparire particolarmente severe, rispondono forse alle esigenze del momento.

Del resto, basta osservare l'Italia per rendersi conto che il ritardo nell'adozione di misure più rigide può avere pesanti implicazioni sia sociali che economiche. I casi di fuga dall'autoisolamento nel nostro Paese riportati dai media sono numerosi: dal 71enne scappato dall'ospedale di Sant'Anna di Como, dal cittadino di Vò che ha disertato la quarantena per andare a sciare.

Forse potremmo citare anche il caso rimbalzato dai media italiani, lo scorso fine settimana, riguardante le scene avvenute alla stazione ferroviaria di Milano – presa d'assalto da centinaia di persone dopo che era stato reso noto il contenuto del decreto "nuove misure nazionali di contenimento del coronavirus" pubblicato poi sulla Gazzetta ufficiale del 7 marzo. A questo clima critico si aggiunge l'atmosfera di altissima tensione che l'Italia sta vivendo in queste ore a causa delle proteste che stanno infervorando i centri di detenzione di diverse città.

La Russia, dal canto suo, non può permettersi passi falsi. Soprattutto dopo le dimissioni di Medvedev giunte a inizio anno, e l'annuncio della proposta di referendum avanzata dal presidente Putin. Le riforme, che prevedono l'introduzione di una serie di emendamenti, attribuirebbero maggiori poteri al Consiglio di Stato e al Parlamento, tra cui la possibilità di nominare il premier e i ministri. L'obiettivo potrebbe essere quello di preparare il terreno per le elezioni del 2024, anche se non è chiaro se l'intenzione del Presidente sia davvero quella di prolungare la sua permanenza al potere. Tuttavia al momento il Cremlino resta abbastanza vago sulla data della consultazione referendaria che potrebbe slittare di molti mesi, se la diffusione del virus dovesse espandersi.

L'infezione da Covid-19, oltre ad aggravare il contesto di instabilità causato dal calo del prezzo del petrolio, appena sceso del 30% e ai minimi dal 2016, potrebbe mettere a rischio anche il progetto politico russo trascinando il Paese nel vortice dell'incertezza che sta interessando l'intera comunità internazionale.

L'esperienza dell'epidemia ci obbliga ad una riflessione sui doveri dei cittadini, che nel dibattito quotidiano vengono spesso scavalcati nei propri diritti, portandoci a volte a pensare alla relazione con lo Stato come un rapporto unilaterale. La popolazione è parte dell'apparato statale e affinché gli sforzi delle autorità possano avere risultati è necessaria la continua sinergia tra quest'ultima e le istituzioni, oltre al rispetto consapevole delle regole. Rispetto che in una società democratica dovrebbe essere garantito senza l'adozione di mezzi coercitivi.


In morte di uno zar riformatore: l'assassinio di A...
Petrolio & gas: il crollo dei prezzi piomba tra Ru...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Saakashvili Costituzione Gennadij Zjuganov energia S-400 migranti Democrazia gasdotto DNS Kuznetsov Montenegro Poltava monarchia religione Nikita Chruščëv Afghanistan Università estrema destra muro di Berlino sport Arkadij Babcenko scenari politici Artico PCFR Estonia Calcio RussiaToday via della seta Usa Proteste Ricostruzione Unione Europea Egitto ortodossia boicottaggio Asia Centrale tradizioni settore estrattivo G7 nomadismo Eco Internazionale incidente antiterrorismo Gorbačëv Ksenija Sobčak Michele I #silkbeltroad Vostok18 Aral Cremlino troll Guerra fredda cooperazione Smolensk diritto criptovalute Russkij Mir proteste in Russia Unione sovietica internet Turchia Stati Uniti #obor comunismo governo russo ISP Business Russia Kazakhstan Russia minoranza migrazioni Serbia Vladimir Žirinovskij cultura Vladimir Putin LGBT Tokayev Corea Guerra civile siriana soft power Nenets Armenia Mondiali Olocausto LDPR Estremo Oriente Tagikistan Eltsin Salman Società Soft power 1941 spie Panslavismo INF bitcoin Curdi WADA export armi HIV Bielorussia rete Nazarbayev Svezia Pensioni Riforme Antisemitismo Asia centrale Uzbekistan Iran rivoluzione di velluto Siria Islam Kortezh Mosca nord stream Austria PCUS Turkmenistan Rosatom Cipro Maxim Surajkin reportage jihad Russiagate Vedemosti ingerenze russe Mediterraneo Ambiente Grigorij Javlinskij Sputnik opposizioni Krymskij most Caspio Rosneft Kyrgyzstan Runet Cripto Valley politiche energetiche Anatolij Sobčak SergeJ Skripal Romanov El'cin Marina relazioni internazionali Donbass russofobia Rojava Ungheria WC2018 Pubblicazioni Reagan tossicodipendenza caso Skripal Georgia Lituania gas Costituzione Russa Politica estera Idlib Roma Vladivostok spese militari TANAP candidati Tajikistan eroina opinione pubblica Demografia Caucaso diritti Crimea Patriarca Kirill Cronache di viaggio Arabia Saudita Welfare Cina URSS Occidente influenza Boris Titov rivoluzioni colorate sondaggi elettorali Astana Russia Unita inquinamento #economia Curili Beirut Partito Comunista Theresa May #russia K-19 stalinismo Libia elezioni presidenzali summit Elezioni Usa 2020 inchiesta #sanzioni Parigi Cernenko Battaglie storiche #cina #commercio Cecenia Prigožin Stalin Levada Chiesa ortodossa Gas naturale LIbano Mar Baltico Macron Ara nazismo nucleare Akinfeev SCO Minchenko Group Consulting Moldavia Flame Towers Haftar Abcasia russkaja ulica anti-liberalismo Transiberiana TAP popoli Transnistria Kirghizistan Italia Corea del Sud 1989 Power of Siberia Chiesa Ortodossa Russa Alessandro II Spagna Azerbaijan Dmitrij Medvedev Lettonia Rocchelli Conte green energy Unione Paesi Baltici Zelenskij Pietro il Grande estremismo OPK Regime Change Mare del Nord Vaticano Franco Asia Informazione coronavirus UE Economia Ecologia Protocollo di Minsk Helsinki Guerra Poroshenko Sanzioni Midterm autocefalia Baku partiti Lavrov Krasnodar doping Vladimir Putini terrorismo Ossezia del Sud climate change Assad Kazakistan Giornalismo sviluppo Clima Trump imperialismo Zurabishvili Francia zar visita di Stato Tripoli Oriente Azerbaigian G8 Sobčak dazi americani Passaporto lingua trattato di pace età dei torbidi Kim Sondaggi Medio Oriente scramble for Africa Venezuela Aleksej Naval'nyj San Pietroburgo petrolio 2024 Trident Juncture 2018 Armi Kerč’ Opposizione spesa militare esercito Baltico Macedonia Cittadinanza Finlandia Sorge Giappone Gazprom Merkel Germania Jabloko Sicurezza geopolitica Nato Mondiali 2018 Diritti umani Shoah Partito del Progresso incendio elezioni presidenziali Cherchesov Mare WCIOM società Sergej Baburin ISIS Diritti civili Gibilterra Grande Gioco Casa Bianca Balcani crisi FSB Israele lago Bajkal Disarmo Naval'nyj #asiacentrale liberalismo Relazioni internazionali opposizione politica Nigeria propaganda Storia SGC Pashinyan Difesa Skripal Politica Peredača gay Pavel Grudinin nazionalismo Olimpiadi Africa Markiv Istituzioni oligarchi Bruxelles Ucrainagate corruzione politica estera Papa Francesco Ucraina PIL sanità Siberia Governo Kiev Golunov Giovani Putin Brest-Litovsk elezioni OPEC Federazione Russa Ilham Aliyev Europa Diplomazia FIFA Nagorno-Karabakh