Mosca punta sul suo Estremo Oriente. La periferia torna al centro

Il porto di Vladivostok (Fonte - Port.today)
0
 Advanced issue found
 

La regione più orientale della Federazione si appresta a diventare un'economia stabile. Dal tunnel della marginalità si esce grazie al Ministero per lo Sviluppo dell'Estremo Oriente e dell'Artico. Dalle zone economiche speciali agli appezzamenti gratuiti.

Un budget di 58,9 miliardi di rubli per il 2020, più di 1700 progetti di investimento avviati, 237 nuove imprese, 42 leggi federali e 191 decreti sono solo alcuni dei dati che confermano l'operato di un ente particolare. Istituito nel 2012, il Ministero per lo Sviluppo dell'Estremo Oriente e dell'Artico rappresenta oggi un organo esecutivo federale di fondamentale importanza per le grandi sfide e le prospettive future della regione in ambito economico.

La regione dell'Estremo Oriente, infatti, necessitava da tempo di un'autorità che potesse agevolare una crescita economica a causa delle tante piaghe che la affliggono. Tra gli ostacoli maggiori vi è la dislocazione rispetto alla parte europea, la questione demografica, lo scarso avanzamento tecnologico, gli elevati prezzi dei beni di consumo e dei trasporti e molto altro ancora. Tuttavia, il potenziale di sviluppo della regione è notevole e coinvolge i settori più disparati: dal gas naturale al legname, dall'itticoltura all'industria navale, dai centri di ricerca al turismo.

Ma quali sono gli ingredienti per una nuova e solida economia regionale?

Tra le agenzie che sono state istituite come primo passo a livello organizzativo troviamo quella per lo Sviluppo del Capitale Umano[1], che si occupa di attrarre forza lavoro e favorire i processi migratori, e l'Agenzia per l'Export e gli Investimenti dell'Estremo Oriente[2]. Se una delle priorità sta proprio dell'aumento dell'attrattività degli investimenti, allora gli ultimi numeri sono abbastanza confortanti. L'ultimo bilancio regionale, infatti, vede l'Oblast' di Amur al primo posto per crescita di investimenti locali ed una crescita economica annua di tutta la regione dell'Estremo Oriente russo del 4%.


[1] Agentsvo po razvitiju čelovečeskogo kapitala na Dal'nem Vostoke

[2] Agenstvo Dal'nego Vostoka po privlečeniju investitsij i podderžke eksporta

L’attuale Ministro per lo Sviluppo dell’Estremo Oriente e dell’Artico Alexander Koslov a colloquio con il Presidente Vladimir Putin (Fonte: Kremlin.ru)

Di pari passo all'istituzione di nuove agenzie vi è la creazione di zone economiche speciali (ZES[3]). Secondo l'ultimo bollettino del Ministero del dicembre 2019, le ZES ammontano a ben 20 nella regione e beneficiano di particolari agevolazioni fiscali ed amministrative con lo scopo di aumentare gli investimenti privati, accelerare lo sviluppo e migliorare le condizioni di vita della popolazione locale. Proprio lo scorso 11 marzo si è tenuto un congresso per il piano delle prospettive di sviluppo della ZES di Nikolaevsk nel territorio di Chabarovsk. Il piano, mirato in particolare a sfruttare le risorse idriche sia del fiume Amur che del vicino Mar di Ochotsk, vede in prima linea un nuovo sistema di rete elettrica da realizzare entro ottobre 2020.​

Un'ulteriore chiave di sviluppo riguarda il porto di Vladivostok, che rappresenta il maggior porto per estensione e traffico di merci russo sull'Oceano Pacifico e che dal luglio 2015 gode di un regime speciale per quanto riguarda esenzioni doganali, fiscali e di altro genere, tra le quali una diminuzione dei tempi previsti per effettuare ispezioni sulle merci. La zona economica libera del porto comprendeva inizialmente 15 centri abitati, per poi essere estesa oggi ad altri territori come Primorskij, Kamchatskij, Chabarovskij, all'Oblast' di Sachalin e alla Čukotka. Questo regime ha inoltre permesso un'opera di modernizzazione della cantieristica navale per 3,1 miliardi di rubli, che inizierà quest'anno e che si prevede possa dare i suoi frutti entro il 2025. Un enorme ruolo qui viene svolto da Zvezda, rimanenza della vecchia impresa sovietica, riorganizzata ed espansa dal 2009 per volere di Putin.

Non è solo il trasporto marittimo ad essere decisivo in questo senso, bensì anche le reti di trasporto via terra che attraversano i diversi territori per giungere fino al porto di Vladivostok. Corridoi merci di questo tipo sono rappresentate nella regione da Primorye-1 e da Primorye-2, che oltre ad avere un impatto a livello di export, restano cruciali per lo sviluppo socioeconomico della regione e per la costruzione di infrastrutture sempre più all'avanguardia. Anche lo sviluppo dei collegamenti aerei tra la regione e la parte più occidentale e più popolata della Federazione rientra tra le priorità. Su iniziativa dell'ex primo ministro Dmitrij Medvedev, ormai dal 2013 la nuova compagnia aerea Avrora opera in diverse tratte che riescono a raggiungere la regione in meno di 9 ore. Proprio in questi giorni si è discusso del progetto riguardante la ricostruzione dell'aeroporto di Čara all'interno del territorio veramente poco popolato della Transbajkalia.

[3] L'acronimo russo di riferimento è TOR e sta per territorii operežaiuschego razvitija

Cartina delle zone economiche speciali (ZES) (Fonte: Traduzione della cartina del Bollettino economico del Minvostokrazvitija di dicembre 2019

Come se non bastasse, nel 2016 il Ministero per lo Sviluppo dell'Estremo Oriente e dell'Artico ha varato un'iniziativa[4], secondo la quale sarebbe possibile ottenere un ettaro di terreno agricolo in maniera totalmente gratuita nella regione. La legge, con lo scopo di neutralizzare i cali demografici e ripopolare la regione, sarebbe stata accolta con entusiasmo, tanto che nel febbraio 2017 in pochi giorni arrivarono quasi 50.000 richieste da parte di cittadini russi e non. Secondo questa iniziativa, le terre potrebbero essere utilizzate per qualsiasi scopo con una clausola ben precisa, che riguarda l'impossibilità di affittare o vendere il bene per cinque anni dall'acquisizione. A quattro anni di distanza, secondo i dati risalenti alla fine di dicembre 2019, in oltre 75.000 hanno già ricevuto i loro ettari. Dei terreni donati finora il 54% è stato destinato alla costruzione di nuove abitazioni anche grazie al programma Dalnevostočnaja Ipoteka, creato poco più di tre mesi fa appositamente per le giovani famiglie sotto i 35 anni. Il programma, disponibile in varie banche da fine febbraio, favorisce agevolazioni sui mutui per costruire o comprare immobili con un tasso d'interesse molto ridotto, ovvero sotto il 2%. Quest'ultime cifre potrebbero dunque far pensare ad un inizio di ripopolamento e maggiore stabilizzazione demografica della regione.

Il Ministero sarà in grado di livellare lo sviluppo socioeconomico dell'Estremo Oriente russo al pari di quello del resto del paese? 

La ricetta giusta per il decollo economico della regione vede tante nuove proposte in ballo. Nonostante i risultati stiano sicuramente tardando ad arrivare, anche a causa di conflitti interni e competizione tra i diversi ministeri coinvolti, dagli indicatori demografici ed economici arrivano i primi segnali positivi. Il resoconto sulla salute economica delle regioni russe, risalente a febbraio 2020, ha infatti evidenziato trend rincuoranti  specialmente per l'Oblast' di Sachalin. Trattandosi tuttavia di un enorme progetto a lungo termine e su vari fronti, non sarebbe giusto adesso trarre conclusioni affrettate. Nel mese di settembre a Vladivostok si terrà l'annuale Forum economico orientale e, in quanto quinta edizione, quest'anno sarà tempo di bilanci, ma dovremo sicuramente aspettare almeno un'altra decina di anni per determinare la riuscita di questo programma in continua evoluzione.


[4] Zakon o dal'nevostočnom gektare

Camilla Gironi 

In Kazakhstan l'era di Nazarbayev non è mai finita
In morte di uno zar riformatore: l'assassinio di A...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Eltsin Saakashvili 2024 Università Tokayev Macedonia zar Donbass Proteste Clima russkaja ulica LGBT dazi americani Unione Democrazia Iran Economia Anatolij Sobčak Chiesa Ortodossa Russa Astana Mosca Helsinki sviluppo candidati Unione Europea Cherchesov scenari politici ortodossia WC2018 Casa Bianca gas jihad Grande Gioco comunismo antiterrorismo Mondiali 2018 Afghanistan Arabia Saudita Nenets Cremlino Paesi Baltici propaganda Conte Rojava Stati Uniti summit PCFR diritti Papa Francesco Kyrgyzstan migrazioni UE visita di Stato Gas naturale elezioni Finlandia Turchia Azerbaijan Sergej Baburin Guerra Caucaso opposizioni Peredača Salman Germania Minchenko Group Consulting Markiv doping Vladimir Putin Egitto gasdotto diritto società Panslavismo inchiesta Mediterraneo Italia Michele I Serbia Maxim Surajkin Eco Internazionale PCUS Mondiali Armenia Baku religione Mare #cina Ambiente #silkbeltroad Zurabishvili minoranza russofobia stalinismo Antisemitismo Gorbačëv #economia sport Oriente Macron #obor Tajikistan Power of Siberia Lituania Cripto Valley lago Bajkal popoli Bielorussia Estonia OPEC 1989 Crimea Assad Medio Oriente Smolensk Russia relazioni internazionali Sicurezza Lavrov muro di Berlino ingerenze russe Ucraina Siberia Asia criptovalute lingua Sanzioni Grigorij Javlinskij Nato politica estera Rosatom Costituzione Occidente Vladimir Žirinovskij Siria influenza estremismo rete Ricostruzione elezioni presidenzali Krasnodar OPK Trump energia Kortezh opposizione politica Artico Golunov Nazarbayev Ara Corea HIV Guerra civile siriana Giovani Pubblicazioni Informazione estrema destra tradizioni Unione sovietica Uzbekistan Difesa Rocchelli Ossezia del Sud Cernenko climate change WCIOM TAP Opposizione Ksenija Sobčak Welfare export armi Sondaggi settore estrattivo Tagikistan Francia Storia Battaglie storiche Curdi Curili Aleksej Naval'nyj Kerč’ nord stream elezioni presidenziali Giappone Pietro il Grande Caspio internet Poltava Passaporto Partito del Progresso Transiberiana Mare del Nord Gibilterra nucleare Vostok18 Partito Comunista Beirut Costituzione Russa spie Boris Titov FIFA spese militari Cipro Azerbaigian tossicodipendenza Pashinyan crisi Kazakhstan Georgia Cittadinanza Kiev Asia centrale incidente politiche energetiche partiti Calcio incendio Baltico trattato di pace opinione pubblica Flame Towers corruzione Poroshenko Società Russiagate Akinfeev cooperazione Lettonia Estremo Oriente oligarchi Governo Elezioni Usa 2020 SCO ISP spesa militare autocefalia ISIS Olimpiadi nazismo nazionalismo rivoluzione di velluto Istituzioni Armi Africa Politica boicottaggio eroina #asiacentrale Diplomazia Cronache di viaggio Cina FSB Kuznetsov Chiesa ortodossa K-19 Jabloko Sorge Putin coronavirus gay S-400 Europa liberalismo Usa #russia Prigožin #sanzioni Haftar Marina Pensioni Dmitrij Medvedev migranti Ecologia Merkel Riforme Sputnik Arkadij Babcenko Vaticano Sobčak Turkmenistan Moldavia TANAP Business Russia Mar Baltico reportage Rosneft sanità rivoluzioni colorate San Pietroburgo Runet via della seta DNS SGC Stalin Austria Theresa May anti-liberalismo Vladivostok geopolitica Brest-Litovsk cultura Ungheria Politica estera Protocollo di Minsk Krymskij most caso Skripal URSS Shoah G8 Russia Unita Nigeria Vedemosti scramble for Africa Alessandro II Regime Change Olocausto Gazprom Midterm Romanov Kirghizistan Balcani Skripal Giornalismo Abcasia Svezia petrolio Spagna Diritti umani Parigi Zelenskij Kazakistan Franco Roma G7 Transnistria Vladimir Putini esercito Israele età dei torbidi Cecenia Tripoli WADA governo russo Trident Juncture 2018 Bruxelles nomadismo Gennadij Zjuganov Soft power Aral inquinamento SergeJ Skripal Patriarca Kirill bitcoin monarchia soft power RussiaToday Ilham Aliyev LIbano 1941 Demografia Kim Relazioni internazionali troll imperialismo Nagorno-Karabakh El'cin Disarmo Ucrainagate terrorismo Venezuela Diritti civili Islam Guerra fredda Nikita Chruščëv Federazione Russa sondaggi elettorali Levada green energy Naval'nyj Asia Centrale Montenegro Russkij Mir Reagan PIL #commercio Libia LDPR proteste in Russia Idlib Corea del Sud INF Pavel Grudinin