L’economia russa nella tempesta perfetta

0
 Advanced issue found
 

Gli effetti del COVID-19 e dello shock energetico

"Può, un pangolino ammalato a Wuhan, provocare una crisi economica mondiale di dimensioni epocali?" Mutuando il titolo di una celebre conferenza tenuta nel 1979 dal matematico Edward Lorenz – pioniere della teoria del caos – la risposta è evidentemente positiva.

Quella del raro mammifero è difatti la specie maggiormente indiziata di aver consentito il "salto" necessario al nuovo coronavirus (ribattezzato COVID-19) per contagiare l'uomo. La risposta globale ha seguito una direttrice pressoché inalterata nei suoi elementi fondamentali: a fronte di una iniziale sottovalutazione del rischio, si è quindi cercato di inclinare l'impennata dei contagi con un confinamento internazionale simultaneo di proporzioni inedite nella storia dell'umanità (quantomeno in quella conosciuta); infine, complici alcune dibattute teorie sull'indebolimento del virus nonché l'esigenza di far ripartire i motori economici nazionali, si è provveduto ad allentare il regime di lockdown all'insegna della necessità di "convivere con il coronavirus".

La Russia si inserisce a pieno titolo nella suddetta narrazione, avendo inoltre evidenziato alcune crepe nel funzionamento del sistema federale – in maniera peraltro meno eclatante rispetto a quanto avvenuto in altri ordinamenti federali, in primis Stati Uniti e Brasile. Pur rimanendo l'aumento dei casi giornalieri su ritmi sostenuti (poco meno di 9.000 al momento in cui si scrive), il peggio sembra passato, e a Mosca epicentro della pandemia nella Federazione – il sindaco Sobjanin ha annunciato una consistente rimozione delle misure restrittive, mentre il Cremlino ha programmato per il 1° luglio l'atteso referendum​-day in cui si voterà sul pacchetto di emendamenti costituzionali.

Nell'acme della pandemia, nelle sale dei bottoni moscovite ad essere osservata con apprensione non era però solo la curva dell'andamento pandemico, ma anche quella relativa ai prezzi del petrolio – scivolato ai minimi storici a fine aprile (addirittura in territorio negativo i futures di maggio a causa della sovrapproduzione e della carenza di siti di stoccaggio), con le immaginabili ripercussioni per un Paese che dal settore energetico dipende per circa un quarto del PIL e per più della metà quanto all'export complessivo. Dopo essere sprofondato a poco più di 10 $ al barile, il benchmark WTI (grossomodo indicativo dell'andamento degli altri prezzi, tra cui il benchmark russo Urals) ha intrapreso una lenta risalita che lo ha portato ad essere scambiato sopra i 37 $ a metà giugno.

La "tempesta perfetta" provocata dallo shock pandemico e dal crollo dei prezzi del greggio – oltreché, per induzione, di quelli del gas naturale – ha messo a dura prova l'economia russa. Ad aprile, il PIL è calato del 28% nominale rispetto allo scorso anno, e nel secondo quadrimestre la decrescita è stimata intorno al 10%. D'altra parte, la disoccupazione è aumentata di un sonoro 30% dall'inizio della pandemia, equivalenti a 1,7 milioni di russi rimasti senza lavoro. Il dato ufficiale, beninteso, non tiene conto di quanti sono occupati a vario titolo nella vasta economia informale (che si stima equivalga al 30-40% nel PIL nazionale). Il Governo federale ha predisposto fondi per erogare prestiti a tasso zero alle imprese, così da garantire che almeno una parte del salario mensile possa essere corrisposta agli impiegati inoperosi. La misura, tuttavia, ha un campo di applicazione meno vasto di quanto ci si potrebbe aspettare: a potervi accedere sono difatti solo le imprese operanti in una "categoria fortemente colpita" (principalmente un flusso di cassa verso imprese statali, non di rado monopoliste), e la somma massima erogabile per capita ammonta a circa 12.000 rubli al mese (poco più di 150 euro al cambio attuale, ossia il salario minimo).

L'andamento percentuale del PIL russo dal 1990 al 2018. Fonte: World Bank Data

A ciò si aggiungono le previsioni non esattamente rosee della Banca Centrale. Secondo l'istituto guidato da Ėl'vira Nabiullina, si prefigura una preoccupante erosione del 20% del reddito medio disponibile nel secondo semestre rispetto all'anno scorso. Per far fronte alla situazione di eccezionalità, la massima authority monetaria russa ha indicato di poter ridurre il tasso di riferimento (ossia il tasso d'interesse applicato sui prestiti alle banche nazionali) di 100 punti base (1%) – un'entità inedita dai tempi della caduta dell'URSS. Differentemente dalla BCE o dalla FED, i cui tassi sono a zero, la Banca centrale russa ha difatti una "potenza di stimolo" maggiore, dovuta ad un tasso attualmente fermo al 5,5%. Ciononostante, secondo alcuni osservatori – tra cui Vladimir Tichomirov, capo economista della principale società-broker moscovita (BCS Global Markets) – il taglio avrà effetti "assai marginali", dal momento che "non ci sono valide possibilità che la popolazione assuma maggior debito, in ragione della crescita limitata del reddito reale", che si ripercuote inevitabilmente su una bassa domanda interna – laddove la domanda estera rimane condizionata dalle sanzioni occidentali.

A destare preoccupazione sono anche le finanze regionali, che necessiteranno verosimilmente dell'intervento dello Stato centrale per far almeno temporaneamente fronte ad un deficit impennatosi vertiginosamente nelle ultime settimane.

La Russia ha finora adottato una politica dissimile da quella degli Stati dell'Unione Europea e degli USA – che da subito hanno stimolato artificialmente l'economia tramite un'iniezione di liquidità sotto forma di sussidi a lavoratori ed imprese – mantenendosi piuttosto su una linea prudentemente conservatrice. Questa sembra aver pagato, almeno sinora, dato che il rublo è rimasto sostanzialmente stabile (dopo una svalutazione del 10% in concomitanza con lo shock petrolifero). Tale atteggiamento conservatore si palesa nella stretta oculatezza con cui si è attinto al Fondo Nazionale del Welfare – dotato di 140 miliardi € ed istituito per compensare periodi di "magra" caratterizzati da prezzi bassi di greggio a medio-lungo termine.

Sede della Banca Centrale russa.

Se l'avvenire è più che mai oscuro, c'è però una certezza: la ripresa non sarà a forma di "V"

A sostenerlo è Aleksandr Morozov, capo dell'ufficio studi della Banca centrale moscovita, che prevede "un processo lungo e pesante" per tornare all'economia pre-crisi – nonché una delle sfide più impegnative per Putin.

Di statue e di città - I Paesi Baltici e le minora...
Cipro-Russia: un rapporto speciale che lega Mosca ...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Arabia Saudita Caspio Kerč’ Kazakhstan Partito del Progresso Balcani Macedonia autocefalia incendio Elezioni Usa 2020 Banca centrale rivoluzioni colorate candidati Curdi Oriente Gazprom incidente sport Ossezia del Sud Caucaso SGC Paesi Baltici Katyn Ksenija Sobčak Markiv Golunov Istituzioni governo russo LDPR Reagan Macron antiterrorismo 1989 gay Brest-Litovsk settore estrattivo imperialismo Asia centrale Lettonia Asia Centrale HIV estremismo Aleksej Naval'nyj Usa spie Giappone nord stream Azerbaijan Vladimir Žirinovskij Pubblicazioni Chiesa ortodossa Eltsin Occidente età dei torbidi Venezuela russofobia Pensioni UE WCIOM Serbia Mare del Nord rivoluzione di velluto Sorge Vladivostok Baku Vladimir Putin Mediterraneo Olocausto Artico Haftar Ucrainagate TAP Libia Democrazia Uzbekistan Tagikistan jihad Costituzione LIbano Rojava Chiesa Ortodossa Russa Kyrgyzstan Levada terrorismo Krymskij most Montenegro Akinfeev migranti Battaglie storiche Beirut INF Salman Aral rete Politica Sicurezza Stati Uniti scramble for Africa #obor Papa Francesco Sputnik #sanzioni zar Turkmenistan Bielorussia Antisemitismo politica interna Azerbaigian Merkel soft power Gennadij Zjuganov Ilham Aliyev Corea Poroshenko Moldavia Austria Smolensk Difesa partiti questioni di genere summit Cernenko G8 Islam Tusk Società gas Kazakistan Pashinyan coronavirus Astana lago Bajkal Estonia San Pietroburgo Dmitrij Medvedev propaganda Mondiali Vedemosti Relazioni internazionali Sobčak Parigi proteste in Russia Marina Tajikistan boicottaggio Rosatom inchiesta S-400 Riforme cultura Politica estera Asia spesa militare diritto WADA Helsinki #silkbeltroad Diritti umani Grande Gioco Nagorno-Karabakh TANAP Ricostruzione visita di Stato Proteste Naval'nyj Medio Oriente Romanov nomadismo Power of Siberia inquinamento Partenariato orientale monarchia Opposizione #asiacentrale Runet K-19 finanza Skripal Afghanistan Kim Kirghizistan migrazioni popoli Poltava Università opinione pubblica Pietro il Grande Covid-19 Eurasia Transiberiana corruzione Europa Ecologia scenari politici green energy Baltici SCO esercito Disarmo Eco Internazionale Putin Protocollo di Minsk Iran DNS export armi doping Krasnodar 2024 Rosneft separatismo Cherchesov comunismo Vaticano Siria geopolitica Demografia Sanzioni società nazionalismo Informazione sanità Referendum Donbass eroina Guerra fredda epidemie energia tossicodipendenza criptovalute Egitto PCFR Governo Nikita Chruščëv Nato Unione Europea Kuznetsov dazi americani PCUS Maxim Surajkin Italia sondaggi elettorali Russia Spagna Calcio Finlandia Grigorij Javlinskij oligarchi Mar Baltico tradizioni Kortezh ortodossia minoranza Nazarbayev Russkij Mir Crimea via della seta Clima trattato di pace Turchia Kaczynski RussiaToday LGBT Mondiali 2018 Partito Comunista Sondaggi Roma sviluppo Giovani Patriarca Kirill ISIS Stalin Franco bitcoin politica estera Trump Federazione Russa Idlib Polonia Zurabishvili Guerra civile siriana Nigeria lingua #commercio Seconda Guerra Mondiale Gorbačëv FIFA Economia OPK Ucraina Cittadinanza Unione sovietica Minchenko Group Consulting Pavel Grudinin Business Russia Armenia Mare Nenets Corea del Sud Assad spese militari Shoah Diritti civili Germania Ambiente Baltico Vostok18 URSS nazismo G7 religione Siberia gasdotto influenza Tripoli Transnistria Giornalismo WC2018 #economia opposizioni Costituzione Russa #cina Alessandro II russkaja ulica Panslavismo Lavrov reportage Curili anti-liberalismo Midterm Unione Prigožin stalinismo PIL Guerra femminismo caso Skripal Olimpiadi Gas naturale Arkadij Babcenko politiche energetiche Armi Israele Cecenia Theresa May elezioni relazioni internazionali Boris Titov Kiev Ara Rocchelli Lituania internet estrema destra Conte Storia ISP Anatolij Sobčak Sergej Baburin Russia Unita Welfare Cina cooperazione muro di Berlino SergeJ Skripal climate change Mosca Peredača Casa Bianca elezioni presidenziali opposizione politica Jabloko Africa ingerenze russe Regime Change Trident Juncture 2018 petrolio Cripto Valley Soft power crisi Turismo Cronache di viaggio FSB Vladimir Putini Cremlino El'cin Georgia troll Francia Abcasia Saakashvili Bruxelles Russiagate Estremo Oriente Svezia Diplomazia Gibilterra Passaporto Flame Towers diritti 1941 #russia nucleare Ungheria OPEC elezioni presidenzali Zelenskij liberalismo Michele I Tokayev Cipro