La vera lotta per la successione di Putin comincia adesso

xqgiDrcJbuJ2P4YMhrAhY0o4ELIOWggt
Il referendum dello scorso 1° luglio non esaurisce la questione della successione del presidente russo, ma ne chiude i battenti alla curiosità e alle interferenze di media e attori esterni. A guidare il Cremlino è il solito mantra: la stabilità. Che va perseguita a discapito di tutto il resto.

Un fiume carsico. Così potremmo immaginare il processo di individuazione, selezione e affermazione del presidente della Federazione Russa. Un processo gestito rigorosamente dall'alto. Anzi "dal basso", nelle viscere del Cremlino, nel sottobosco dei poteri. A un certo punto del suo corso, infatti, il fiume scompare alla vista di tutti – soprattutto dei media, che oggi considerano erroneamente archiviata la pratica della successione di Putin. Ma non smette certo di scorrere. Quando il momento sarà maturo, il fiume tornerà a manifestarsi alla luce del sole. Ma accadrà a pochi metri (mesi?) dalla sua foce, ovvero dall'investitura formale del Cremlino.

Fuor di metafora, occorre subito chiarire un punto. Il referendum costituzionale conclusosi l'1 luglio scorso chiude l'iter "giuridico" della successione al potere di Putin. Non certo il suo percorso politico. Che da oggi continua sottotraccia e anzi, semmai, si rinvigorisce.

Lontano dai riflettori mediatici può infatti andare in scena la vera, aspra lotta per il potere – che in Russia non si è mai giocata nelle urne, né tantomeno tra maggioranza di governo e opposizione. Uno scontro invisibile ma non per questo meno duro. In campo i fedelissimi dello zar, i siloviki, i militari, gli oligarchi, persino le nuove leve di giovani amministratori che rivendicano qualcosa in funzione più generazionale che politica. Tutti gli altri non solo non possono partecipare, ma nemmeno assistere. La gara si gioca a porte chiuse, come si conviene in tempi di Covid-19.

Il referendum costituzionale conclusosi l'1 luglio scorso chiude l'iter "giuridico" della successione al potere di Putin. Non certo il suo percorso politico.

Le domande ora sono due: chi e quando.

Tutti i segnali sembrano indicare che la scelta del "delfino" non sia ancora avvenuta. A meno di vedere in quel Mišustin, primo ministro succeduto a Medvedev lo scorso gennaio, l'improbabile erede del quarto di secolo putiniano. Lo stesso Medvedev sembra ormai fuori dai giochi: la sua chance se l'è giocata nel quadriennio 2008-2012, non fortunatissimo a dire il vero. Poi c'è Šojgu: il ministro della Difesa potrebbe guidare l'ala più reazionaria dell'establishment, i falchi poco inclini a concessioni verso l'Occidente. E da ultimo potrebbe essersi inserito Sobjanin, il sindaco di Mosca che ha gestito con un certo successo le prime fasi dell'attuale pandemia.

Le voci si rincorrono e continueranno a farlo fino all'investitura ufficiale. Che con ogni probabilità avverrà ben prima del fatidico 2036, l'ultimo anno in cui Putin potrà restare legalmente al potere (a meno di ulteriori emendamenti costituzionali). Sono tanti infatti i segnali di deterioramento del consenso per il presidente, che per due decenni si è tenuto in piedi in modo quasi granitico ma sta vedendo scivolar via i presupposti favorevoli al suo mantenimento. Difficile pensare che l'attuale inquilino del Cremlino possa riconfermarsi altre due volte e senza ostacoli.

Di fronte a tante incertezze, è lecito dunque chiedersi a cosa sia servito il referendum del 1° luglio. La "votazione nazionale eccezionale" (così l'ha chiamata Ella Pamfilova, presidente della Commissione elettorale centrale, per rimarcarne le differenze procedurali rispetto alle tornate più "ufficiali" e meno soggette a distorsioni e brogli) ha infatti confermato con il 78% delle preferenze gli emendamenti costituzionali già approvati dalla Duma lo scorso inverno (nella tabella qui sotto, le modifiche degli assetti istituzionali previste dalla riforma).


Gli emendamenti alla Costituzione russa. Tabella a cura di Gennaro Mansi.


Nelle parole dello stesso Putin, che non ha ancora espresso ufficialmente la volontà di ricandidarsi, la riforma è il presupposto per la stabilità del sistema politico russo, al di là di chi vi detiene temporaneamente il potere. Su questo punto occorre infatti sgombrare ulteriormente il campo da supposizioni e letture deviate dalla prospettiva occidentale degli eventi: il prolungamento del potere presidenziale di Putin non deriva tanto dalle brame di dominio di quest'ultimo, bensì dalla paura dell'instabilità, il peggior nemico del mondo post sovietico. Questa potrebbe manifestarsi con una transizione "non ordinata" (dall'alto, si intende) del potere, ovvero con una competizione elettorale soggetta a interferenze mediatiche o peggio ancora esterne. La Russia non è ancora pronta per la democrazia, almeno intesa nel suo senso europeo.

Il referendum è stato al contempo uno sfoggio di legittimazione popolare, forse l'ultimo – necessario per scacciare i demoni di un consenso realmente in caduta – e una rassicurazione per i poteri di uno Stato non ancora pronto ad assumersi i rischi di un'incerta leadership. Se le cose dovessero andare male – in altre parole, se il sistema dovesse dimostrarsi davvero incapace di rinnovarsi, anche coi propri stessi uomini – resterà sempre in campo l'opzione Putin. Ancora di salvezza per qualcuno, ricatto per qualcun altro, il presidente in carica sembra ormai il jolly di una matassa di interessi contrastanti e inestricabili. Ma dal 2024 in poi, sarà una carta sempre più difficile da giocare. E dal sapore sempre più simile a quello di un'extrema ratio.


Bessarabia e Bucovina settentrionale, un destino t...
Paesi baltici e Partenariato orientale: un ponte t...

Related Posts

 

Comments (0)

There are no comments posted here yet

Leave your comments

  1. Posting comment as a guest. Sign up or login to your account.
Attachments (0 / 3)
Share Your Location

Iscriviti alla nostra Newsletter

Tag Cloud

Crimea gas opinione pubblica Estonia Vostok18 hacker #sanzioni petrolio opposizione politica internet diritto Stalin Baltico zar Franco Armi Referendum Pashinyan Roma Vladimir Putin Salman inchiesta Ideologia Balcani Patriarca Kirill Macedonia eroina Italia autocefalia Austria Assad Politica Mediterraneo elezioni presidenzali Lituania Mare Battaglie storiche Marina Nato Moldavia #economia WCIOM Grigorij Javlinskij Pietro il Grande Aral migrazione politiche energetiche Sanzioni Conte Ilham Aliyev Soft power Eco Internazionale ingerenze russe Giovani Chiesa ortodossa Turchia sport Cina Kyrgyzstan San Pietroburgo esercito Baltici 1941 Asia Centrale Guerra Baku inquinamento rete separatismo Lavrov Helsinki URSS Asia politica interna Corea del Sud Zurabishvili Rivoluzione Cantata elezioni presidenziali Minsk Israele Poltava OPEC Proteste monarchia Federazione Russa Kazakistan Costituzione Islam Mondiali 2018 Putin LGBT criptovalute Gazprom Trump #commercio Nagorno-Karabakh migranti Covid-19 Vladivostok influenza cultura OPK boicottaggio Haftar caso Skripal Gorbačëv Diplomazia droni Ucraina Kiev incidente Finlandia Romania rivoluzione di velluto Olimpiadi nord stream Giornalismo Storia Eurasia Papa Francesco diritti Olocausto relazioni internazionali Bielorussia anti-liberalismo Flame Towers Partito Comunista Rublo PIL UE Rojava Lettonia Protocollo di Minsk WC2018 TAP Aleksej Naval'nyj politica estera Russkij Mir Rosneft Politica estera Iran Markiv Nenets Bruxelles nazionalismo Pensioni doping Gibilterra Cripto Valley scramble for Africa Panslavismo RussiaToday femminismo Mare del Nord Katyn Minchenko Group Consulting G7 Transnistria corruzione Runet Kortezh Saakashvili Rosatom muro di Berlino candidati tradizioni Afghanistan Antisemitismo Mosca SergeJ Skripal green energy Smolensk Caucaso Medio Oriente Mondiali frozen conflicts Riforme Sergej Baburin energia Arkadij Babcenko FSB Cronache di viaggio SCO Aliyev Europa Guerra fredda Bessarabia Grande Gioco Pamfilova spese militari Shoah Diritti civili Casa Bianca spie L'Orso Polare Ossezia del Sud Pavel Grudinin Jabloko Svezia Occidente scenari politici Partenariato orientale Venezuela Unione sovietica #asiacentrale Ksenija Sobčak Tripoli lingua Tusk terrorismo sondaggi elettorali Naval'nyj INF migrazioni gay Sondaggi Eltsin Ara età dei torbidi cooperazione Istituzioni geopolitica Kirghizistan estrema destra PCUS DNS LDPR settore estrattivo Midterm Clima Mar Baltico FIFA spionaggio Boris Titov spesa militare Beirut militari HIV WADA Spagna Arabia Saudita climate change trattato di pace Kim Stati Uniti via della seta Romanov Brest-Litovsk Tajikistan società Ricostruzione questioni di genere Golunov nazismo Seconda Guerra Mondiale Mar Rosso Vladimir Putini S-400 sanità Unione popolazione lago Bajkal Palestina ISIS Skripal finanza russofobia Astana Banca centrale Ungheria G8 Paesi Baltici Montenegro troll Francia religione Siberia tossicodipendenza proteste in Russia Corea Partito del Progresso Biden Uzbekistan Asia centrale Polonia Gennadij Zjuganov oligarchi russkaja ulica 2024 Nikita Chruščëv summit Cremlino Welfare reportage Santa Sofia Trident Juncture 2018 Armenia tecnologia Transiberiana Maxim Surajkin Sorge Abcasia Demografia soft power Ecologia crisi Turismo Lukashenko Disarmo estremismo Georgia Kazakhstan Sudan Russiagate Società Serbia Merkel Elezioni Usa 2020 K-19 Terre Rare Cherchesov Passaporto Democrazia Regime Change LIbano PCFR Tagikistan Usa Calcio Cipro Informazione Estremo Oriente minoranza #cina Vladimir Žirinovskij Sobčak Costituzione Russa Curili SGC gasdotto elezioni Gas naturale El'cin Kaczynski liberalismo Nagorno Karabakh propaganda #russia Giappone Relazioni internazionali Levada Diritti umani sviluppo Kuznetsov Power of Siberia Libia Germania Difesa Africa Oriente ISP Governo Nigeria Azerbaijan Idlib Parigi Caspio Joe Biden India incendio Poroshenko ortodossia Artico Michele I Turkmenistan export armi #obor ebraismo Ucrainagate Guerra civile siriana Sputnik rivoluzioni colorate Krasnodar Prigožin Alessandro II Unione Europea Vaticano Reagan Akinfeev Anatolij Sobčak Sicurezza epidemie nucleare Svetlana Tikhanovskaja Cittadinanza nomadismo Siria Cernenko comunismo stalinismo Egitto visita di Stato jihad imperialismo Economia Donbass Pubblicazioni Curdi opposizioni Cecenia Ambiente bitcoin antiterrorismo partiti Nazarbayev 1989 Dmitrij Medvedev Krymskij most Theresa May Peredača Chabarovsk interviste popoli Chiesa Ortodossa Russa Business Russia Tokayev Russia Unita Università Regno Unito Rocchelli Vedemosti Nord Stream 2 Azerbaigian coronavirus Opposizione #silkbeltroad dazi americani TANAP Kerč’ Russia Zelenskij Zakharova governo russo Macron